• Dicembre 6, 2022

Manifestazioni oculari dopo il vaccino COVID-19:  “palpebra, cornea e superficie oculare, retina, uvea, nervo, trombosi vascolare e altri in base alle diverse parti dell’occhio e dei tessuti adiacenti”- STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


“In questo studio, abbiamo mirato a rivedere tutti gli effetti collaterali oculari segnalati dei vaccini COVID-19 disponibili”

Astratto

[…]”Sebbene i vaccini contro COVID-19 siano stati sviluppati e approvati con l’autorizzazione all’uso di emergenza, sono stati segnalati anche vari eventi avversi dopo la vaccinazione COVID-19. Questa revisione è stata intrapresa per aiutare i medici a riconoscere le possibili manifestazioni e la patogenesi sistemica, in particolare quelle relative all’occhio, dopo aver ricevuto la vaccinazione COVID-19. Una ricerca sistemica è stata eseguita il 22 agosto 2021 attraverso Embase, Medline e Cochrane Library per pubblicazioni sulle manifestazioni oculari dopo la vaccinazione COVID-19… Le manifestazioni oculari dopo aver ricevuto i vaccini COVID-19 possono comparire sulla palpebra, sulla cornea e sulla superficie oculare, sulla retina, sull’uvea, sul nervo e sul vaso. Le manifestazioni oculari si sono verificate fino a quarantadue giorni dopo la vaccinazione e le risposte immunologiche indotte dal vaccino possono essere responsabili…i medici dovrebbero essere consapevoli delle possibili associazioni tra vaccini COVID-19 e sintomi oculari per la diagnosi precoce e il trattamento di problemi di vista o complicanze potenzialmente letali[…]

Risultati

In totale, 31 studi sono stati inclusi nella nostra revisione sistemica e classificati in palpebra, cornea e superficie oculare, retina, uvea, nervo, trombosi vascolare e altri in base alle diverse parti dell’occhio e dei tessuti adiacenti.

1. Palpebra

Nella nostra revisione della letteratura, c’erano sei pazienti con manifestazioni palpebrali. L’età media di questi pazienti era di 57,5 (range 44-67) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi oculari è stata di 10,0 (intervallo 1-21) giorni. Le caratteristiche del paziente sono state esaminate in tre articoli.

  • Gonfiore delle palpebre

In uno studio che indaga i sintomi dopo la somministrazione di tre tipi di vaccini COVID-19 (Pfizer, AstraZeneca e Sinopharm), Al Khames Aga et al. hanno riferito che due dei 1736 partecipanti avevano gonfiore alle palpebre e grave reazione allergica il giorno della vaccinazione con vaccino BNT162b2 COVID-19 .

  • Lesioni purpuriche palpebrali

In uno studio di serie di casi, Mazzatenta et al. hanno riferito che una femmina di 44 anni e un maschio di 63 anni avevano lesioni purpuriche sulle palpebre superiori che si verificavano 21-25 giorni dopo la vaccinazione con la seconda dose di vaccino BNT162b2 COVID-19. L’altro caso era una donna di 67 anni che ha sviluppato ecchimosi sulle palpebre superiori 10 giorni dopo la prima dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. Le lesioni palpebrali purpuriche di tutti e tre i pazienti erano asintomatiche e si sono risolte spontaneamente dopo 10-15 giorni .

  • Herpes Zoster Ophthalmicus (HZO)

Furer et al. hanno condotto una serie di casi sull’herpes zoster a seguito della vaccinazione BNT162b2 COVID-19 in pazienti con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni. Uno dei sei pazienti aveva l’herpes zoster oftalmico senza coinvolgimento corneale. Una donna di 56 anni con una storia di artrite reumatoide sieropositiva ha sviluppato un forte dolore all’occhio sinistro e alla fronte quattro giorni dopo la prima dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. I sintomi di accompagnamento erano congiuntivite iperemica dell’occhio sinistro e un’eruzione vescicolare sulla fronte sinistra [12].

2. Cornea e superficie oculare

Sei pazienti hanno sviluppato manifestazioni corneali e della superficie oculare dopo la vaccinazione COVID-19. L’età media di questi pazienti era di 68,5 (range 56-83) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi oculari è stata di 14,0 (intervallo 7-21) giorni. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate in quattro articoli.

  • Rigetto dell’innesto corneale dopo cheratoplastica penetrante (PKP)

Ravichandran et al. hanno riportato un maschio di 62 anni con una storia di PKP per una cicatrice corneale nell’occhio destro per due anni. Aveva congestione oculare destra e visione offuscata tre settimane dopo la prima dose del vaccino ChAdO×1 COVID-19. È stata notata la linea di rigetto di Khodadoust al centro dell’endotelio con edema dell’innesto e reazione della camera anteriore (AC). È stato diagnosticato il rigetto dell’innesto corneale dell’occhio destro [13]. Wasser et al. hanno riportato due casi di rigetto del trapianto corneale dopo la prima dose del vaccino BNT162b2 COVID-19 [14]. Un maschio di 73 anni con una storia di PKP nell’occhio sinistro a causa del cheratocono e ha subito il reinnesto a causa di insufficienza endoteliale tardiva due anni prima. Ha avuto disagio all’occhio sinistro 13 giorni dopo la vaccinazione. Sono stati notati iniezione ciliare dell’occhio sinistro, edema corneale, pieghe di Descemet e precipitati cheratici (KP) ed è stato diagnosticato il rigetto dell’innesto corneale. L’altro paziente era un maschio di 56 anni con una storia di cheratocono bilaterale che ha subito PKP 25 e sette anni fa rispettivamente negli occhi destro e sinistro. Il reinnesto dell’occhio destro è stato eseguito a causa di insufficienza endoteliale tardiva 10 mesi prima. Ha sviluppato una visione offuscata nell’occhio destro 14 giorni dopo la vaccinazione. Sono stati notati edema corneale dell’occhio destro, KPs e cellule AC ed è stato diagnosticato il rigetto dell’innesto corneale.

  • Rigetto dell’innesto corneale dopo cheratoplastica endoteliale della membrana descemet (DMEK)

Crnej et al. hanno riportato un maschio di 71 anni con una storia di scompenso endoteliale dopo facoemulsificazione e che è stato sottoposto a DMEK dell’occhio destro per cinque mesi [15]. Ha sviluppato una diminuzione della vista sette giorni dopo la prima dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. Sono stati notati un’iniezione congiuntivale dell’occhio destro e un edema corneale. Lo spessore corneale centrale era di 714 μm ed è stato diagnosticato il rigetto dell’innesto endoteliale corneale. Phylactou et al. hanno riportato due casi con una storia di distrofia corneale endoteliale di Fuchs sottoposti a DMEK con rigetto acuto dell’innesto endoteliale corneale dopo somministrazione del vaccino BNT162b2 COVID-19 [16]. Una donna di 66 anni sottoposta a DMEK dell’occhio destro 21 giorni prima ha sviluppato una visione offuscata sette giorni dopo la prima dose del vaccino. Sono stati notati iniezione congiuntivale dell’occhio destro, edema corneale diffuso e KPs fini ed è stato diagnosticato il rigetto dell’innesto endoteliale corneale dell’occhio destro. Un’altra donna di 83 anni è stata sottoposta a DMEK sei e tre anni prima rispettivamente agli occhi destro e sinistro. Aveva offuscamento bilaterale della vista, dolore, fotofobia e arrossamento tre settimane dopo la seconda dose del vaccino. Sono state notate anche iniezioni circumcorneali bilaterali, KP e infiammazione AC. Lo spessore corneale centrale era di 660 μm e 622 μm rispettivamente negli occhi destro e sinistro. È stata fatta una diagnosi di rigetto bilaterale simultaneo dell’innesto endoteliale acuto.

3. Retina

Nella nostra revisione della letteratura, c’erano sette pazienti che avevano manifestazioni retiniche. L’età media di questi pazienti era di 24,7 (range 20-33) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi della retina è stata di 4,0 (intervallo 1-15) giorni. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate in cinque articoli.

  • Neuroretinopatia Maculare Acuta (AMN)

Bøhler et al. hanno riportato una donna di 27 anni che ha assunto contraccettivi orali e ha sviluppato uno scotoma paracentrale acuto dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChAdO×1 COVID-19. La fundoscopia dell’occhio sinistro ha rivelato una delicata lesione maculare a forma di lacrima situata nasalmente rispetto alla fovea. La tomografia a coerenza oculare (OCT) ha dimostrato una leggera iperriflessività degli strati nucleari e plessiformi esterni e la rottura della zona ellissoide. Pertanto, è stata diagnosticata l’AMN dell’occhio sinistro. Gabkak et al. hanno riportato una donna di 20 anni con una storia di contraccettivi orali e con scotoma bilaterale tremolante dopo la somministrazione del vaccino ChAdO×1 COVID-19 . La fundoscopia ha rivelato un sottile schiarimento intorno alla fovea. OCT ha mostrato placche iperriflettenti e interruzione della giunzione ellissoide. Pertanto, è stata diagnosticata l’AMN bilaterale. Book et al. hanno riportato una donna di 21 anni precedentemente sana con scotomi paracentrali bilaterali tre giorni dopo aver ricevuto il primo vaccino ChAdO×1 COVID-19 . L’imaging a riflettanza infrarossa ha mostrato lesioni scure paracentrali circoscritte bilaterali che corrispondevano all’ispessimento dello strato plessiforme esterno e alla discontinuità della banda ellissoide su OCT. È stata fatta una diagnosi di AMN bilaterale. Mambretti et al. hanno riferito che una donna di 22 anni e una femmina di 28 anni che erano su contraccettivi orali a lungo termine hanno sviluppato insorgenza acuta di scotoma paracentrale due giorni dopo aver ricevuto il vaccino ChAdO×1 COVID-19. L’imaging retinico multimodale è risultato coerente con l’AMN in entrambi i casi .

  • Retinopatia sierosa centrale

Fowler et al. hanno riportato un maschio di 33 anni che non ha assunto alcun farmaco. Ha sviluppato visione offuscata e metamorfopsia nell’occhio destro 69 ore dopo aver ricevuto il vaccino BNT162b2 COVID-19. L’OCT dell’occhio destro ha mostrato un distacco maculare sieroso della retina neurosensoriale. Sull’angiografia con fluoresceina (FA), è stato notato un singolo punto di perdita seguendo il modello di macchie d’inchiostro. Gli è stata diagnosticata una retinopatia sierosa centrale all’occhio destro.

  • Distacco di retina

Subramony et al. hanno riportato una donna di 22 anni con miopia ma non ha avuto traumi oculari o una storia medica passata importante. Ha sviluppato perdita della vista nell’occhio destro 15 giorni dopo la seconda dose del vaccino mRNA-1273 COVID-19. La fundoscopia ha rivelato un distacco bilaterale della retina (macula-off a destra, macula-on a sinistra) nonostante non avesse perdita della vista nell’occhio sinistro.

4. Uvea

Nella nostra revisione della letteratura, c’erano sette pazienti con manifestazioni uveali. L’età media dei pazienti era di 35,2 (range 23-43) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi dell’uveite è stata di 15,2 (intervallo 3-42) giorni. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate in sei articoli.

  • Uveite anteriore acuta

Renisi et al. hanno riferito che un maschio di 23 anni che non aveva una storia medica significativa ha sviluppato sintomi oculari dopo aver ricevuto il vaccino BNT162b2. Ha sviluppato eritema perioculare unilaterale, con coinvolgimento della palpebra sinistra 5 ore dopo la prima dose del vaccino. I sintomi si sono risolti 72 ore dopo la somministrazione topica di glucocorticoidi. Tuttavia, ha sviluppato visione offuscata, occhi rossi e iperemia congiuntivale dell’occhio sinistro 14 giorni dopo la seconda dose del vaccino. Sono state notate sinechie posteriori dell’occhio sinistro, cellule AC e KP. L’esame funduscopico e lo screening di laboratorio autoimmune o infezione non hanno rivelato alcuna alterazione. È stata fatta una diagnosi di uveite anteriore acuta dell’occhio sinistro.

  • Panuveite

Mudie et al. hanno riportato una donna di 43 anni che ha sviluppato una diminuzione della vista tre giorni dopo la seconda dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. All’esame, sono state notate la camera anteriore e l’infiammazione vitrea. Tuttavia, le è stato anche diagnosticato un COVID-19 asintomatico poco dopo l’insorgenza dei sintomi oculari.

  • Coroidite multifocale

Goyal et al. hanno riferito che un uomo di 34 anni ha avuto la perdita della vista una settimana dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19. All’esame, sono stati notati distacco sieroso della macula nell’occhio destro e grave ispessimento coroidale notato sull’ecografia in entrambi gli occhi. È stata diagnosticata una coroidite multifocale bilaterale .

  • Retinopatia esterna occulta zonale acuta (AZOOR)

In un caso clinico sugli effetti collaterali infiammatori oculari dopo la somministrazione del vaccino COVID-19, Maleki et al. hanno riportato una donna di 33 anni precedentemente sana che ha sviluppato un difetto progressivo del campo nasale nell’occhio sinistro e lampi in entrambi gli occhi. I suoi sintomi si sono verificati 10 giorni dopo aver ricevuto il secondo vaccino mRNA-1273 COVID-19. Le indagini di laboratorio hanno dimostrato un alto tasso di eritrosedimentazione e livelli di proteina C-reattiva. All’esame, non c’era infiammazione nelle cavità anteriore o vitrea. L’OCT su entrambi gli occhi ha mostrato una zona ellissoide segmentata e interrotta nell’occhio destro e una zona ellissoide molto sottile nell’occhio sinistro. L’elettroretinogramma multiluminanza-flicker ha rivelato aree difettose nella macula inferotemporale e nella macula temporale rispettivamente negli occhi destro e sinistro. È stato diagnosticato un AZOOR bilaterale.

  • Riattivazione della malattia di Vogt-Koyanagi-Harada (VKH)

Papasavvas et al. hanno riferito che una donna di 40 anni che assumeva infliximab per la malattia VKH per sei anni ha avuto riattivazione sei settimane dopo la seconda dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. All’esame, sono stati notati infiammazione AC, KPs di grasso di montone, pieghe retiniche, liquido subretinico e aumento dello spessore coroidale.

  • Uveite

Furer et al. hanno condotto uno studio osservazionale multicentrico sull’immunogenicità e la sicurezza del vaccino BNT162b2 in pazienti adulti con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni. I risultati hanno mostrato che, su 686 casi, un caso ha sviluppato uveite diverse settimane dopo la prima dose del vaccino e due casi hanno sviluppato uveite dopo la seconda dose del vaccino [28].

5. Nervi

Nella nostra revisione della letteratura, ci sono stati tre pazienti che hanno sviluppato manifestazioni neurali. L’età media dei pazienti era di 59,3 (range 40-79) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi neurali è stata di sei (intervallo 2-14) giorni. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate in tre articoli.

  • Neurite ottica

Helmchen et al. hanno riportato una donna di 40 anni con una storia di sclerosi multipla recidivante-remittent (SM) e ha sviluppato offuscamento bilaterale della vista che è rapidamente progredito verso la cecità due settimane dopo la prima dose del vaccino ChAdO×1 COVID-19. Altri sintomi includono paraparesi che si è deteriorata in paraplegia, con riflessi tendinei assenti nelle gambe, incontinenza e un deficit sensoriale per tutte le modalità al di sotto di Th5 (colonna vertebrale toracica). La risonanza magnetica cerebrale (MRI) ha rivelato numerose vecchie lesioni della sostanza bianca compatibili con la SM e una maggiore intensità del segnale nel chiasma e in parte dei nervi e dei tratti ottici adiacenti. La risonanza magnetica spinale ha rivelato mielite a Th7-10, mentre l’acquaporina-4 (AQP4) era negativa nel siero e nel liquido cerebrospinale. È stata diagnosticata la neurite ottica con neuromielite ottica negativa agli anticorpi AQP4-sindrome simile ai disturbi dello spettro ottico.

  • Neuropatia ottica ischemica arteritica anteriore (AAION)

Maleki et al. hanno riportato una donna di 79 anni precedentemente sana che ha avuto un’improvvisa perdita bilaterale della vista due giorni dopo la seconda dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. L’esame di laboratorio ha rivelato un tasso di eritrosedimentazione molto elevato e un livello di proteina C-reattiva. C’era un difetto pupillare afferente 3+ nell’occhio destro. La fundoscopia ha rivelato un pallore completo della testa del nervo ottico nell’occhio destro e del pallore segmentale nell’occhio sinistro. L’OCT ha mostrato un assottigliamento del complesso di cellule gangliari e lo strato di fibre nervose retiniche è apparso normale in entrambi gli occhi. Il campo visivo nell’occhio destro mostrava una grave depressione generalizzata e l’occhio sinistro raffigurava un difetto altitudinale superiore. Una biopsia dell’arteria temporale destra era compatibile con AAION ed è stata diagnosticata una AAION bilaterale.

  • Abduce la paralisi nervosa

Reyes-Capo et al. hanno riferito che una donna di 59 anni precedentemente sana aveva una diplopia orizzontale acuta due giorni dopo aver ricevuto il vaccino BNT162b2 COVID-19. All’esame, sono stati notati esotropia destra di 25 diottrie nello sguardo primario, 30 diottrie nello sguardo destro, 10 diottrie nello sguardo sinistro e una grave limitazione dell’abduzione dell’occhio destro. La risonanza magnetica del cervello e dell’orbita era insignificante. Al paziente è stata diagnosticata una paralisi del nervo destro abducente.

6. Trombosi vascolare

Nella nostra revisione della letteratura, c’erano otto pazienti con trombosi vascolare e manifestazioni oculari correlate. L’età media dei pazienti era di 42,9 (range 18-60) anni. La durata media tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi oculari è stata di 8,1 (intervallo 2-13) giorni. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate da otto articoli.

  • Trombosi della vena oftalmica superiore (SOV)

Panovska-Stavridis et al. hanno riportato una donna di 29 anni precedentemente sana con offuscamento della vista dell’occhio sinistro nove giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChAdO×1 COVID-19. I sintomi di accompagnamento erano forte mal di testa, gonfiore dell’occhio sinistro con proptosi, motilità oculare limitata e diplopia allo sguardo verticale. Le indagini di laboratorio hanno rivelato trombocitopenia e alti livelli di D-dimero. Il saggio immunoassorbinte enzimatico legato all’IgG (ELISA) per gli anticorpi del complesso del fattore piastrinico 4 (PF4)-eparina è risultato positivo. La risonanza magnetica ha dimostrato trombosi SOV sinistra con soV di allargamento e difetti di riempimento. D’altra parte, Bayas et al. hanno riportato una donna di 55 anni precedentemente sana che ha sviluppato congestione congiuntivale, dolore retro-orbitale e diplopia 10 giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino ChAdO×1 COVID-19. Le indagini di laboratorio hanno rivelato trombocitopenia. IgG-ELISA per gli anticorpi complessi PF4-eparina è risultato negativo. La risonanza magnetica ha mostrato trombosi SOV senza riempimento di contrasto.

  • Trombosi del seno venoso cerebrale (CVST)

Castelli et al. hanno riferito che un maschio di 50 anni precedentemente sano ha sviluppato una leggera disabilità visiva 11 giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChAdO×1 COVID-19. Aveva anche un forte mal di testa, una leggera deviazione del bordo buccale destro, perdita di forza nell’arto inferiore destro e una camminata instabile. Le indagini di laboratorio hanno rivelato una diminuzione della conta piastrinica e la mancanza di fibrinogeno. L’angiografia con tomografia computerizzata (TC) ha mostrato emorragia parenchimale multipla e trombosi dei seni trasversali sinistri e sigmoidi. Wolf et al. hanno riferito di una donna di 46 anni precedentemente sana che ha sviluppato mal di testa, emianopia a destra e afasia 13 giorni dopo aver ricevuto il vaccino ChAdO×1 COVID-19. L’esame di laboratorio ha rivelato trombocitopenia. IgG-ELISA per l’anticorpo complesso PF4-eparina è risultato positivo. La risonanza magnetica ha mostrato occlusione trombotica del seno sagittale superiore e del seno trasversale sinistro e del seno sigmoideo. È stata osservata anche un’emorragia intracerebrale occipitale sinistra. Suresh et al. hanno riportato un maschio di 27 anni che ha sviluppato mal di testa associato a galleggianti oculari e vomito 48 ore dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChADO×1 COVID-19. Le indagini di laboratorio hanno rivelato elevati livelli di D-dimero, bassa conta piastrinica e livelli di fibrinogeno. IgG-ELISA per l’anticorpo complesso PF4-eparina è risultato positivo, mentre il venogramma CT ha mostrato CVST. Tuttavia, il mal di testa peggiorò e la nuova emianopia omonima si verificò il giorno seguente. La TC ripetuta ha mostrato un’emorragia del lobo parietale destro. Dias et al. hanno riportato una donna di 47 anni con una storia di anemia da carenza di ferro dovuta ad adenomiosi e contraccettivi orali. Ha sviluppato mal di testa persistente, nausea e fotofobia sei giorni dopo la prima dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. Tre giorni dopo il consulto, ha avuto un’improvvisa emiparesi sinistra. Sono stati notati Papilledema, estinzione visiva sinistra e deviazione dello sguardo destro. Le indagini di laboratorio hanno rivelato una normale conta piastrinica. La risonanza magnetica cerebrale con venografia ha rivelato CVST con emorragia subaracnoidea frontale destra e infarto venoso corticale. Le IgG-ELISA per gli anticorpi complessi PF4-eparina, misurate due mesi dopo l’evento, sono risultate negative. See et al. ha condotto una serie di casi di sei pazienti con CVST con trombocitopenia dopo aver ricevuto il vaccino Ad26.COV2.S. Una paziente di sesso femminile ha avuto mal di testa e cambiamenti visivi sei giorni dopo la vaccinazione. Dopo 10 giorni, ha sviluppato ecchimosi, petecchie periorbitali e degli arti inferiori e mancanza intermittente di respiro. Diciassette giorni dopo la vaccinazione, ha improvvisamente perso conoscenza e si è notata trombocitopenia. La risonanza magnetica cerebrale (MRI) ha rivelato CVST e trombosi della vena giugulare interna destra.

  • Trombocitopenia con ictus ischemico acuto e sanguinamento

Blauenfeldt et al. hanno riferito che una donna di 60 anni con una storia di tiroidite e ipertensione di Hashimoto ha sviluppato dolore addominale sette giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChADO×1 COVID-19. Le indagini di laboratorio hanno mostrato trombocitopenia, sollevato D-dimero ed era positiva per gli anticorpi PF4. La tomografia computerizzata addominale (TC) ha rivelato emorragie surrenali bilaterali e un ematoma renale sottocapsulare. Il giorno seguente, ha sviluppato debolezza sul lato sinistro e deviazione dell’occhio a destra. La risonanza magnetica ha rivelato un infarto completo in tutta l’area fornita dall’arteria cerebrale media destra. Il paziente è morto il sesto giorno di ricovero.

7. Altre segnalazioni con solo sintomi oculari menzionati

Nella nostra revisione della letteratura, c’erano 12 pazienti con manifestazioni oculari. La durata tra la vaccinazione COVID-19 e l’insorgenza dei sintomi oculari variava da tre giorni a sei settimane. Le caratteristiche dei pazienti sono state esaminate da due articoli.Kadali et al. hanno condotto uno studio randomizzato e trasversale per studiare gli effetti collaterali del vaccino BNT162b2 COVID-19 in 803 operatori sanitari. Tra questi, quattro (0,5%) partecipanti hanno avuto offuscamento della vista e sette (0,87%) partecipanti hanno avuto dolore agli occhi entro sei settimane dalla ricezione del vaccino. Santovito et al. hanno riferito che un maschio di mezza età, precedentemente sano, ha sviluppato un improvviso inizio di oscuramento del campo visivo tre giorni dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino BNT162b2 COVID-19. Sviluppò anche confusione leggera, astenia e nausea profonda […]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO: Vaccines | Free Full-Text | Ocular Manifestations after Receiving COVID-19 Vaccine: A Systematic Review | HTML (mdpi.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La scomoda vittoria della Svezia sul Covid

Read Next

Magrini (AIFA) nega il danno dei frequenti richiami sul sistema immunitario e spinge per la QUINTA dose in autunno

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock