• Gennaio 23, 2022

Messaggio urgente dai medici del Florida COVID Summit: “Non vaccinate i bambini”!

Il 6 novembre 2021, i principali medici di tutto il mondo si sono riuniti per parlare del loro recente aggiornamento della Dichiarazione dei medici, che include il loro impegno a combattere le misure autoritarie e ingiustificate di salute pubblica.

Ospitati dal medico della Florida Dr. John Littell, tra i relatori : il Dr. Pierre Kory, il Dr. Robert Malone, il Dr. Heather Gessling, il Dr. Ryan Cole, il Dr. Brian Tyson, il Dr. Richard Urso, il Dr. Li-Meng Yan, il Dr. Mollie James, il Dr. Paul E. Alexander e il Dr. Peter McCullough.

Il rischio reale per i bambini sani è di circa zero – sembra essere inferiore all’influenza“, ha dichiarato il dottor Robert Malone, inventore della tecnologia mRNA su cui si basa il vaccino. Inoculare 28 milioni di bambini dai 5 agli 11 anni, ha detto Malone ai partecipanti al vertice della Florida sul Covid, potrebbe portare a “mille o più morti in eccesso“.

Sono un migliaio di bambini”, ha detto al pubblico tra cui 800 medici, infermieri e avvocati. “Sono un migliaio di bambini di troppo.

Oltre ad altre questioni urgenti relative al COVID, il vertice ha affrontato tre questioni centrali sulla vaccinazione infantile.

  • I bambini piccoli hanno bisogno di vaccinazione contro il COVID?
  • Le vaccinazioni sono sicure?
  • I bambini non vaccinati sono una minaccia per gli adulti?

Su ciascun punto, hanno evidenziato che le sfrenate politiche di vaccinazioni a tappeto dei governi,siano irragionevoli e insensate.

“I bambini non si ammalano gravemente. I bambini non muoiono a causa di questa infezione”, ha dichiarato il dottor Paul Alexander, epidemiologo clinico ed ex consulente senior sulla politica pandemica nel Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. “Siamo stati bombardati da molte informazioni fuorvianti“.

Anche se duramente criticata per aver tenuto aperte le scuole, “la Svezia non ha riportato una sola morte di bambino per COVID“, ha dichiarato il dottor Richard Urso, un oftalmologo del Texas citando i dati pubblicati.

I Centri statunitensi per il controllo delle malattie contano 576 bambini sotto i 18 anni che hanno ceduto al COVID dal 1 ° gennaio 2020 al 3 novembre 2021, tra 60.811 morti in quel periodo. Ma le cifre del CDC non offrono alcuna prospettiva sul fatto che un’altra malattia o il COVID abbia causato i decessi. In uno studio su 48.000 bambini con infezione da COVID sotto i 18 anni, non sono stati segnalati decessi tra quelli senza comorbidità come leucemia o obesità. In altre parole, i bambini sani non sono deceduti, suggerendo che i vaccini non siano necessari per loro.

“Cecità volontaria”

Con il basso rischio di malattia grave, i relatori hanno affermato che il potenziale bilancio della vaccinazione sia inaccettabilmente alto, indicando migliaia di effetti collaterali e decessi ufficialmente minimizzati ma reali. I rischi per i bambini includono – ma non sono limitati a – grave infiammazione del cuore chiamata miocardite, che è stata riportata da tre a sei volte il tasso previsto negli adolescenti vaccinati. Uno studio del CDC ha riportato 14 decessi correlati al vaccino e 849 reazioni gravi nei bambini di età da 12 a 17 anni.

Ci saranno decessi tra i bambini a causa dei vaccini – molti di più che per COVID“, ha dichiarato il dottor Peter McCullough, un cardiologo ampiamente pubblicato e voce di spicco su una risposta razionale alla pandemia. I medici sono colpevoli di “cecità volontaria” ai rischi del vaccino, ha sostenuto.

Il vertice si è riunito subito dopo che il vaccino Pfizer è stato raccomandato dal CDC e quando sono iniziate le somministrazioni nelle farmacie e nelle cliniche.

In Florida, dove il dibattito sugli obblighi vaccinali è vigoroso, gli organizzatori del vertice vedono la vaccinazione infantile come una linea da non oltrepassare, in uno stato che potrebbe essere un esempio per la nazione. Sperano di poter fermare la campagna vaccinale grazie a un ordine esecutivo del governatore Ron DeSantis o una legislazione in una prossima sessione di emergenza chiamata ad affrontare gli obblighi vaccinali.

Dobbiamo tirare fuori tutte le armi“, ha dichiarato il dottor John Littell, un medico di Ocala. “Abbiamo solo iniziato a lottare per i nostri figli”.

Con il supporto dei media all’unisono, la pressione è intensa. 

Su Twitter, il personaggio dei Muppet Big Bird, beniamino dei bambini americani, ha chiesto ai piccoli spettatori di fare il loro dovere per il bene pubblico. “Ho ricevuto il vaccino COVID-19 oggi!” ha twittato il giorno del vertice. “La mia ala è un po’ dolorante, ma darà al mio corpo una spinta protettiva in più che manterrà me e gli altri sani”.

Un video di Pfizer, nel frattempo, ampiamente condiviso sui social media, mostra bambini e bambine come “supereroi” con mantelli, maschere e ali, che celebrano la vaccinazione. Recitando un copione scritto da un gigante farmaceutico, hanno elogiato altri bambini che hanno avuto il coraggio di affrontare “l’ago”, “provare cose nuove” e “aiutare il mondo intero”. Allo stesso tempo un altro video, della 13enne Madeline De Garay danneggiata dopo la vaccinazione, racconta una storia molto diversa, ma purtroppo è stato respinto per la messa in onda come spot televisivo.

‘Ci si ammala una volta sola’

I medici al Florida Covid Summit, hanno sollevato altre due preoccupazioni urgenti:

  • La soppressione della libertà del medico di trattare il COVID precocemente con ivermectina, idrossiclorochina, fluvoxamina e altri farmaci che potrebbero evitare ospedalizzazioni e salvare vite umane.
  • Il valore protettivo dell’ immunità naturale acquisita dopo la guarigione dal COVID.

L’immunità naturale è robusta, completa è durevole“, ha dichiarato il dottor McCullough al gruppo. “Se fosse stato possibile reinfettarsi di Covid, sarebbe successo centinaia di milioni di volte. Ci si ammala una volta sola.” Solo 100 casi circa di probabile reinfezione sono stati riportati in letteratura, ha riferito, ma ci sono molti dubbi sul fatto che fossero effettivamente seconde infezioni.

Dopo la guarigione da COVID, si sviluppa immunità a circa 50 proteine” che stimolano la produzione di anticorpi, ha dichiarato il dottor Malone nel suo discorso. “Con il vaccino, si sviluppa l’immunità a una proteina strutturale“, vale a dire la proteina spike. “È un’enorme differenza.”

Non lasciare che vi dicano che il recupero dal COVID non porta a un’immunità duratura“, ha dichiarato il dottor Ryan Cole, un patologo dell’Idaho, citando un report di 106 articoli scientifici a favore dell’immunità acquisita dall’infezione contro un singolo finto documento” del CDC che afferma che i vaccini offrano maggiore protezione.

Le implicazioni dell’immunità naturale sono enormi. Il CDC stima che 120 milioni di americani – un terzo della popolazione – abbiano già avuto il COVID. Se la loro immunità fosse riconosciuta, ciò ridurrebbe drasticamente il redditizio mercato dei vaccini e dei richiami – ciò che molti relatori ritengono motivi la sfrenata corsa al vaccino. Più di 200 milioni di americani saranno stati infettati dopo l’ondata Delta, stima McCullough, ampliando notevolmente quella popolazione.

I medici al summit hanno invece contemplato la vaccinazione per i soggetti a rischio. Malone sostiene la vaccinazione per i gruppi ad alto rischio, anche se ha specificato: “Questa indicazione potrebbe cambiare man mano che saranno disponibili ulteriori dati”.

Allo stato attuale, tuttavia, la stragrande maggioranza degli individui è vaccinata in base alle raccomandazioni dei governi che, impongono il vaccino sui luoghi di lavoro, scuole e aziende municipali, lasciando poche eccezioni.

“Corruzione assoluta”

Mentre l’urgenza delle vaccinazioni è stata al centro della scena, la mancanza di linee guida per il trattamento di COVID – e le sue immense conseguenze – è stata individuata come il prodotto di un sistema e di un governo corrotti e controllati dalle case farmaceutiche.

In un discorso commovente, Pierre Kory, presidente di Frontline Covid-19 Critical Care Alliance e attivista per il trattamento precoce, ha illustrato tutti i metodi che riviste scientifiche, media e governo hanno usato per negare le cure con farmaci efficaci e a basso costo come l’ivermectina.

Tra questi: il rifiuto di pubblicare articoli scientifici pro-trattamento e la ritrattazione, sotto pressione, di altri. Insistenza su costose prove di controllo randomizzate senza finanziarle. Un doppio standard che vede privilegiare il costoso Molnupiravir di Merck pronto a diventare un farmaco ambulatoriale primario, mentre mette da parte dozzine di studi che favoriscono l’ivermectina, l’idrossiclorochina e altri potenziali economici quanto efficaci trattamenti. Oscuramento dell’esperienza clinica di centinaia di medici che hanno visto i farmaci per il trattamento precoce tenere le persone fuori dagli ospedali… e dalle bare.

In breve, le agenzie – NIH, CDC, FDA – non stanno prendendo le decisioni giuste.

È ben documentato che tutte queste agenzie sono letteralmente gestite dalle case farmaceutiche“, ha aggiunto.  Se vuoi mantenere il tuo posto di lavoro, devi lasciare che i leader facciano quello che fanno“. Ciò ha portato, ha detto, a “atti di corruzione gravi e ripetuti, che stanno danneggiando la salute pubblica”.

‘Ammalarsi’

Kory ha fortemente sostenuto l’ivermectina – e diversi medici tra il pubblico hanno detto di aver avuto un grande successo grazie ad essa – ma ci sono almeno altre due dozzine di composti che potrebbero aiutare ad affrontare la malattia con successo. Tuttavia, i leader della sanità pubblica evitano di raccomandare qualsiasi tra questi: aspirina, budesonide, colchicina, curcumina, melatonina, nitazoxanide, quercetina, zinco e vitamine C e D. Nemmeno una nutrita documentazione sull’efficacia della fluvoxamina, è riuscita a guadagnare l’approvazione del governo.

Vi dicono di andare a casa per continuare a peggiorare e tornare a trovarli quando siete davvero malati e il vostro corpo è danneggiato“, ha tuonato Malone. “Chiedetevi: ‘ha senso?'”

Allo stesso tempo, i medici hanno respinto la tesi non supportata scientificamente, secondo cui i bambini non vaccinati rappresentino una minaccia per gli adulti, gli stessi adulti che anche quando vaccinati possono ugualmente infettarsi e diffondere  il COVID.

I bambini non sono superdiffusori“, ha chiarito il dottor Urso. Inoltre, ha aggiunto Malone, “Non è responsabilità dei bambini proteggere gli anziani“.

E’ invece responsabilità delle agenzie di sanità pubblica garantire la protezione della popolazione, ha affermato il dottor Bruce Boros, proprietario di tre centri di assistenza urgente nelle Florida Keys.

Dopo aver raccontato di alcune strazianti esperienze nelle unità di terapia intensiva di New York all’inizio della pandemia, un medico di terapia intensiva, la dottoressa Mollie James, ha concluso così:

Ai medici non deve essere impedito di prescrivere farmaci salvavita in ospedale. Ai medici non deve essere impedito di dare cure salvavita ambulatoriali“.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

UK- Indagata nota azienda fornitrice di tamponi Covid, conserva e rivende alle farmaceutiche il DNA raccolto

Read Next

Studio pubblicato: autopsia su giovane 22enne in salute morto 5 giorni dopo il vaccino Pfizer. Necrosi diffuse in tutto il miocardio