• Dicembre 2, 2022

Milioni di persone in tutto il mondo soffrono di disfunzioni del gusto e dell’ olfatto post Covid. Cosa fare?

L’olfatto è una percezione antica e vitale nei mammiferi, tuttavia, le persone si rendono conto dell’importanza dell’olfatto solo quando questo viene perso. 

La pandemia di covid-19 ha messo sotto i riflettori sia i disturbi dell’olfatto che del gusto a causa dell’impatto funzionale e del grave disagio causato dalla perdita di questi sensi, il loro valore diagnostico fondamentale, e, più recentemente, l’alto tasso di disfunzioni a lungo termine. 

Circa il 5% delle persone riferisce disfunzioni dell’olfatto e del gusto sei mesi dopo il covid-19 secondo una nuova analisi pubblicata mercoledì (27 luglio) nella rivista medica peer-reviewed del BMJ.

Più di altri sensi, l’olfatto e il gusto includono elementi emotivi e affettivi dell’esperienza. La perdita dell’olfatto e del gusto influisce negativamente sulla qualità della vita privando le persone colpite di numerosi piaceri quotidiani e legami sociali.

I soggetti colpiti possono arrivare anche a sperimentare anoressia, avversioni alimentari, malnutrizione, ansia e depressione.

Tutti questi disturbi possono essere notevolmente amplificati dall’insorgenza di alterazioni qualitative, in particolare dalla parosmia.

La parosmia, una percezione distorta dell’olfatto fluttuante, è una sequela comune della disfunzione olfattiva associata al covid-19, che si manifesta in media tre mesi dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

Per la stragrande maggioranza, la parosmia trasforma un odore gradevole in uno sgradevole e le attività quotidiane come annusare il caffè e percepire il sapore del cibo possono diventare disgustose ed emotivamente dolorose.

Il trattamento dei disturbi chemiosensoriali è ancora frustrante, poiché sono disponibili poche opzioni basate sull’evidenza. Conoscere i meccanismi patogenetici della perdita olfattiva indotta da SARS-CoV-2 può fornire una base più solida per lo sviluppo di nuove strategie di trattamento. Sebbene il coinvolgimento del bulbo olfattivo e delle vie olfattive centrali non possa essere escluso, la maggior parte delle prove indica che il virus prende di mira le cellule di supporto del neuroepitelio olfattivo. Queste cellule, non i neuroni olfattivi, esprimono la composizione molecolare necessaria per l’ingresso del virus.

Uno studio recente di alta qualità suggerisce che i componenti virali o cellulari rilasciati dalle cellule di supporto infette causano una diffusa sottoregolazione dei recettori olfattivi e dei loro componenti di segnalazione nelle cellule sensoriali olfattive.  Pertanto, l’obiettivo primario del trattamento per l’anosmia post-covid-19 dovrebbe essere il neuroepitelio olfattivo.

Il training olfattivo, iniziato il prima possibile dopo l’insorgenza dei sintomi, è l’unico intervento specifico per la malattia con evidenza di efficacia per il trattamento della disfunzione olfattiva post-infettiva. Proposto per la prima volta da Thomas Hummel nel 2009, l’allenamento olfattivo sfrutta le capacità rigenerative uniche del neuroepitelio olfattivo. Si consiglia ai pazienti di annusare e cercare di identificare una sequenza di quattro profumi dall’odore forte – di solito rosa, eucalipto, limone e chiodi di garofano – per 15 secondi due volte al giorno nel corso di diversi mesi.

Oltre all’uso di steroidi nasali, che mirano a risolvere l’infiammazione indotta da SARS-CoV-2, altri trattamenti che hanno mostrato alcuni, seppur marginali, benefici in piccoli studi clinici includono vitamina A intranasale e integratori di acido alfa lipoico e grassi Omega-3 acidi.

Ci sono infatti alcune prove emergenti che suggeriscono che gli integratori di acidi grassi Omega-3 potrebbero essere utili per chi ha disfunzioni dell’olfatto. 

Uno studio pubblicato su PubMed intitolato: “Effect of Omega-3 Supplementation in Patients With Smell Dysfunction Following Endoscopic Sellar and Parasellar Tumor Resection: A Multicenter Prospective Randomized Controlled Trial”, dimostra che l’ integrazione di Omega-3 può essere un’opzione terapeutica con i suoi effetti sulla guarigione delle ferite e sulla rigenerazione dei nervi.

Poiché il neuroepitelio olfattivo si trova nel tetto posteriore nascosto della cavità nasale, specifici sistemi di rilascio in grado di distribuire i farmaci nella regione olfattiva potrebbero migliorare l’efficacia delle opzioni di trattamento intranasale.

Source

eVenti Avversi

Read Previous

Troppi danni da vaccino. La Federazione Ospedaliera Tedesca (DKG) fa dietrofront e chiede lo stop immediato dell’obbligo per i sanitari

Read Next

Feroce il bilancio delle MORTI IMPROVVISE nelle ultime ore. Sono 14 le vittime, il più giovane un ventenne trovato senza vita in casa