• Agosto 18, 2022

Moderna sapeva che le persone vaccinate non acquisiranno mai un’immunità adeguata. Il peccato originale antigenico ci è stato nascosto fino al 19 aprile 2022

di Igor Chudov

“Vi siete mai chiesti perché alcune persone vaccinate si reinfettano continuamente di Covid?

È uscito uno studio molto interessante.

Questo studio ha esaminato i gruppi dello studio sul vaccino moderna di fase 3: il gruppo vaccinato e il gruppo di controllo. Hanno esaminato le persone non vaccinate che hanno contratto il covid, rispetto alle persone vaccinate che hanno le cosiddette “infezioni da Covid break-through” ( infezioni nonstante il vaccino).

La domanda che si sono posti è stata: i vaccinati acquisiscono la stessa immunità a spettro completo dei non vaccinati?

La risposta è stata NO.

Le persone vaccinate avevano molte MENO probabilità di sviluppare un’ampia immunità naturale, rispetto alle persone non vaccinate.

Ampia immunità naturale e anticorpi nucleocapsidi

Cosa sono questi anticorpi N e perché ne parliamo? Cosa c’è di così importante?

Il coronavirus Covid presenta numerosi “epitopi” al nostro sistema immunitario. Questi sono i “connotati” del virus.  Sono la parte di un antigene che viene riconosciuta dal sistema immunitario.

Dopo aver sconfitto un’infezione, il nostro sistema immunitario impara a riconoscere questi “epitopi” e reagisce in seguito quando l’agente patogeno viene reintrodotto, combattendolo più facilmente della prima volta. Questo è il fulcro dell’immunità.

Saltando alcuni dettagli, la nostra immunità naturale ( non da vaccino) impara a riconoscere le “spike” (proteina S), il “nucleocapside” (N-proteina) e altri pezzi del virus, e sviluppa anticorpi e memoria immunitaria che reagiscono ad essi.

Questa memoria sfaccettata fornisce anche una protezione più ampia contro le “varianti”.

Al contrario, la vaccinazione con qualsiasi vaccino Covid esistente, inonda le nostre cellule con solo la proteina S (la “proteina spike”) da un virus che esisteva solo intorno a gennaio 2020. Per inciso, questa proteina spike è estremamente tossica, provoca numerosi effetti collaterali di cui abbiamo parlato. I suoi effetti dipendono da molti fattori, anche da quanto vaccino è entrato nel flusso sanguigno. La proteina S può anche penetrare nei nuclei cellulari e interferire con la riparazione del DNA.

Il punto del “vaccino Covid” è che la nostra immunità impara a riconoscere questa proteina S e sviluppa anticorpi. Ciò consente ai vaccinati di combattere l’infezione da Covid-19 nei primi mesi dopo la vaccinazione. Poi questi anticorpi S diminuiscono, l’immunità diminuisce fino a svanire nei vaccinati.

Ciò che è importante è che l’immunità vaccinale crea SOLO anticorpi per la proteina S, ma non per altre proteine del virus reale, come la proteina N. Questo è ciò di cui tratta il test Roche N: rileva la presenza di N-anticorpi, che possono apparire solo nei guariti dal Covid-19 reale, che ha la proteina N, che manca al vaccino Covid.

Pertanto, i guariti non vaccinati al Covid19 sviluppano una varietà di anticorpi, inclusi anticorpi S .

Il processo Moderna

Durante lo studio originale di fase 3 moderna, anche prima di Delta e Omicron, gli scienziati hanno rilevato lo stesso effetto: i vaccinati hanno molte meno probabilità di “sieroconvertire” e sviluppare gli anticorpi N sopra descritti. La differenza su questo punto tra vaccinati e non vaccinati è di CINQUE VOLTE, il che è tantissimo. I non vaccinati hanno cinque volte più probabilità dei vaccinati di sviluppare un’ampia immunità, compresi gli anticorpi N.

Peggiora ulteriormente: per quelle persone vaccinate che hanno contratto il Covid dopo la seconda dose ,(malattia rilevata il giorno 29), la loro capacità di sviluppare anticorpi N era 13 VOLTE inferiore rispetto a quella dei non vaccinati:

Questa incapacità di ottenere un’immunità naturale più ampia è il motivo di questo COVID SENZA FINE: un’infezione da covid nei vaccinati non si traduce in un’immunità duratura e agisce in modo simile a una dose di richiamo quasi inutile. Una “infezione rivoluzionaria” aggiunge solo un gran numero di inutili anticorpi S temporanei all’obsoleto virus di Wuhan.

Di contro i non vaccinati, ottengono numerosi anticorpi per tutti i tipi di sfaccettature (epitopi) del virus che li ha infettati.

Gli autori riconoscono l’importanza di questa scoperta e menzionano altri studi che mostrano lo stesso effetto:

La prevalenza di N-anticorpi è stata utilizzata per affermazioni discutibili sull'”efficacia del vaccino”

Si scopre che alcuni studi, forse intenzionalmente fuorvianti, hanno usato la bassa prevalenza di N-anticorpi tra i vaccinati, per “dimostrare” falsamente l’efficacia del vaccino. Hanno osservato: “guardate quanto è bassa la prevalenza di anticorpi N tra i vaccinati!” come prova che non si ammalano. Ma, come mostra quanto sopra, non è la prova che non si ammalino! Malati o no, i vaccinati NON svilupperebbero comunque anticorpi N.

Quali sono questi studi potenzialmente fuorvianti?

Gli autori menzionano gli studi 29-31. Eccoli:

Implicazioni

Le implicazioni del fallimento delle persone vaccinate nell’acquisire la piena immunità sono enormi. Come risultato di vaccini testati a casaccio, i vaccinati non possono diventare naturalmente immuni dopo la prima, la seconda o qualsiasi ulteriore infezione.

Pertanto, qualsiasi tipo di immunità di gregge, raggiunta con successo dai paesi a bassa vaccinazione, è impossibile nei paesi altamente vaccinati.

Le infezioni da Covid senza fine NON sono innocue, perché Sars-Cov-2 infetta le cellule immunitarie e agisce come un ariete contro il nostro sistema immunitario. I ripetuti colpi di questo “ariete” sono estremamente deleteri per il sistema immunitario dei vaccinati.

LEGGI QUI

Il Regno Unito è un po ‘più avanti di altri paesi altamente vaccinati e ha statistiche che espongono la profondità del problema.

LEGGI QUI

Tempistica degli eventi

La tempistica degli eventi suggerisce che Moderna ha avuto accesso ai dati degli anticorpi N molto tempo fa. A rigor di logica, un ben intenzionato che avesse avuto questi dati, concluderebbe rapidamente che il pubblico in generale merita di essere informato sulle preoccupazioni riguardo al “peccato originale antigenico”. Tuttavia, questo non è stato fatto.

I dati erano disponibili intorno a marzo 2021:

Tuttavia, tale studio è stato pubblicato solo ora. Moderna non ha avvisato il pubblico di questo problema prima. E il pubblico doveva saperlo.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Luigi muore a 32 anni, ennesima vittima di malore improvviso

Read Next

Studente 15enne si suicida dopo essere stato vittima di bullismo a causa del suo stato di vaccinazione COVID-19