• Giugno 17, 2024

Nella guerra dell’antivirale covid tra Pfizer e Merck interviene il governo francese e dice che la pillola Merck non è buona

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I colossi della farmaceutica americana Pfizer e Merck sono competitors nel nuovo business delle pillole antivirali covid: da una parte il farmaco Paxlovid di Pfizer, dall’altra il Molnupiravir di Merck.

Il 18 novembre, l’Amministrazione Biden aveva annunciato l’investimento di 5 miliardi di dollari per 10 milioni di trattamenti con la pillola Paxlovid di Pfizer e, nella giornata di oggi, mercoledì 22 dicembre, è arrivato il via libera della FDA alla commercializzazione di Paxlovid negli USA.

Nel Regno Unito già ad ottobre sono state acquistate 480.000 dosi del farmaco Molnupivar di Merck autorizzato il 4 novembre. Nelle scorse ore il Governo inglese ha autorizzato l’acquisto di ulteriori 1,75 milioni di dosi delle pillole Merck, oltre a 2,5 milioni di dosi di un vecchio antivirale di Pfizer, il ritonavir.

In Italia, il 18 novembre scorso, il generale Figliuolo ha dichiarato di aver avuto un mandato dal Governo per l’acquisto di 100.000 trattamenti, 50.000 di Merck e 50.000 di Pfizer.

Entrambe le case farmaceutiche sembravano, quindi, ben posizionate nell’ottenere ampi margini di mercato anche in Europa.

Ma nella giornata di oggi, mercoledì 22 dicembre, il colpo di scena.

Il Governo francese in autonomia, senza attendere in merito l’Agenzia europea del Farmaco, dice la sua, cancella gli ordini già fatti di 50.000 dosi della pillola Merck e per voce del Ministro alla Salute Olivier Veran annuncia: “Cancelliamo gli ordini perchè gli ultimi studi Merck non sono buoni”.

La dichiarazione del Governo francese va, quindi, in netto contrasto con il parere dell’Agenzia europea del Farmaco (EMA) del 19 novembre, secondo cui, seppur non autorizzata, la pillola Molnupiravir di Merck (nome commerciale Lagevrio) può essere utilizzata

“per il trattamento di adulti con COVID-19 che non necessitano di ossigenoterapia supplementare e che sono ad alto rischio di sviluppare la forma grave della malattia. Lagevrio deve essere somministrato il prima possibile dopo una diagnosi di COVID-19 ed entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Il medicinale, disponibile in capsule, deve essere assunto due volte al giorno per 5 giorni.

L’EMA ha formulato il suddetto parere per supportare le autorità nazionali che potrebbero decidere di approvare l’uso precoce del medicinale prima dell’autorizzazione all’immissione in commercio, ad esempio in situazioni di uso di emergenza, alla luce dell’aumento dei tassi di infezione e decessi a causa di COVID-19 in tutta l’UE”.

Il riferimento del Ministro francese sugli “studi non buoni” è ai risultati degli ultimi studi di Merck di fine novembre con una riduzione dell’efficacia al 30%, minore rispetto alle previsioni del 50%.

Ma come mai il Governo francese interviene solo ora con i risultati di questo studio pubblicati il 26 novembre?

E’ evidente che questa mossa dell’esecutivo transalpino potrebbe lasciare il segno nella gara tra Pfizer e Merck, dando il via libera ad approvvigionamenti maggiori della pillola di Pfizer.

E, a differenza della pillola di Merck, proprio in relazione a Pfizer in questi mesi nessuno ha, invece, obiettato per la continua e rilevante diminuzione di efficacia del vaccino covid.

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La prima morte da Omicron in Israele era in realtà Delta

Read Next

I principali ospedali di New York hanno smesso di curare perchè i monoclonali sono esauriti, ma i vaccini abbondano

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock