• Febbraio 9, 2023

NUOVO STUDIO – In Israele i dati inquietanti del “Rechallenge” , eventi avversi che si ripresentano e peggiorano con le dosi aggiuntive

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Sono stati resi noti in un articolo pubblicato ieri 23 settembre da “The Epoch Times” i risultati di un nuovo studio sugli eventi avversi dei vaccini covid.

Il Ministero della Salute israeliano aveva incaricato alcuni ricercatori di analizzare le segnalazioni di eventi avversi presentate da cittadini israeliani e i ricercatori hanno presentato i risultati del nuovo sistema di sorveglianza in una riunione interna del giugno 2022, il cui video è stato ottenuto da un giornalista israeliano.

I ricercatori hanno affermato che il fenomeno del rechallenge, che si verifica quando gli eventi avversi si ripresentano o peggiorano a seguito di dosi di vaccino aggiuntive, ha dimostrato che alcuni degli eventi sono stati causati dal vaccino.

Un rechallenge positivo è stato segnalato nel 10% delle donne che si sono lamentate di problemi mestruali e, secondo i ricercatori, che hanno anche identificato casi di rechallenge per altri eventi avversi.

il rechallenge cambia un nesso causale “da possibile a definitivo”, ha affermato durante l’incontro la dott.ssa Mati Berkovitch, capo del team di ricerca e specialista pediatrico.

Il rechallenge “ci aiuta a stabilire la relazione causale”, ha aggiunto Sasha Zhurat, il principale presentatore del progetto nell’incontro. Il vantaggio del sistema di sorveglianza e dell’analisi “non è solo quello di identificare i sintomi, ma anche di collegarli al vaccino”, ha affermato.

Il filmato dell’incontro è stato visionato da Yaffa Shir-Raz, giornalista sanitario e ricercatore di comunicazione del rischio. The Epoch Times ha avuto l’opportunità di esaminare il filmato dell’intero incontro.

Circa due mesi dopo l’incontro, il Ministero della Salute ha pubblicato un rapporto pubblico sui risultati dell’analisi dei dati. Il linguaggio nella relazione sul nesso di causalità differiva da quello utilizzato durante la riunione.

“Il rapporto presenta tutti i casi che sono stati segnalati in stretta prossimità dalla somministrazione del vaccino contro il coronavirus e non indica necessariamente una relazione causale tra la ricezione del vaccino e il fenomeno segnalato”, ha affermato il Ministero nel rapporto.

Il portavoce del Ministero della Salute si è rifiutato di rispondere alle domande sulla discrepanza tra la comunicazione ufficiale e quanto detto nella riunione del mese di giugno. Invece, un portavoce ha inviato un comunicato stampa datato che annunciava “l’istituzione di una sede informativa dedicata alla lotta contro il coronavirus”.

Il ricercatore Sasha ha rifiutato di commentare.

“Non faccio più parte del progetto. Purtroppo non posso rispondere alle vostre domande. Per favore rivolgete queste domande al Ministero”, ha detto a The Epoch Times tramite un messaggio di Facebook.

Una richiesta di commento alla dott.ssa Emilia Anis, direttrice della Divisione di Epidemiologia del Ministero della Salute e partecipante alla riunione, è stata restituita dal Ministero della Salute, che ha rifiutato di rispondere alle domande poste ad Anis.

Berkowitz non ha risposto a una richiesta di commento.

Il rechallenge in farmacovigilanza è uno dei fattori per determinare la causalità e si riferisce alla risomministrazione dello stesso vaccino o farmaco dopo che un evento avverso temporaneo è scomparso per esaminare se lo stesso evento si ripresenta.

Il dottor Robert Malone, che ha contribuito a sviluppare la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA) su cui è costruito il vaccino di Pfizer, ha detto a The Epoch Times che il rechallenge è una “pratica standard di sperimentazione clinica farmaceutica” che può fornire una prova definitiva di causalità.

“I rapporti di rechallenge nello studio israeliano non provano la causalità”, secondo Malone. Solo un processo di rechallenge formale lo sarebbe, ha detto. L’analisi, tuttavia, “suggerisce e supporta fortemente la causalità”, ha affermato.

Il dottor Harvey Risch, professore emerito di epidemiologia presso la Yale School of Public Health, ha dichiarato a The Epoch Times via e-mail che i ricercatori “hanno sostanzialmente ragione” nelle loro conclusioni secondo cui i vaccini hanno causato gli eventi avversi.

I ricercatori di altri paesi hanno già affermato che esistono nessi causali tra determinati vaccini e determinati effetti collaterali.

“Le prove attuali supportano un’associazione causale tra la vaccinazione con mRNA COVID-19 e la miocardite e la pericardite”, ha affermato il dottor Tom Shimabukuro, ricercatore sanitario presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), durante un incontro estivo.

Anche il vaccino COVID-19 di Moderna utilizza la tecnologia mRNA. La miocardite e la pericardite sono due forme di infiammazione del cuore che possono portare alla morte.

L’Ufficio per la sicurezza delle vaccinazioni del CDC ha rifiutato di commentare i risultati israeliani. “CDC continua a monitorare la sicurezza dei vaccini COVID-19 e rende le informazioni disponibili al pubblico in modo tempestivo e trasparente”, ha detto a The Epoch Times via e-mail.

Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento.

Israele ha somministrato principalmente il vaccino Pfizer, stipulando un accordo unico con l’azienda farmaceutica con sede negli Stati Uniti. Israele ha ricevuto rapidamente dosi di Pfizer. In cambio, il Paese ha consentito ai dirigenti della Pfizer di accedere ad alcuni dati sanitari nazionali.

Il sistema di sorveglianza israeliano è stato rinnovato nel dicembre 2021.

I dati presentati a giugno 2022 sono stati raccolti da dicembre 2021 a maggio.

Il sistema di sorveglianza ha ricevuto un totale di 8.000 segnalazioni, di cui 1.741 sono state rimosse per aver fornito informazioni incomplete o duplicate.

Delle 6.259 relazioni presentate, 599 riguardavano bambini dai 5 agli 11 anni; 299 per gli adolescenti dai 12 ai 17 anni; e 5.411 per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni. Più donne che uomini hanno completato il questionario.

Sono state identificate in totale 29 categorie di eventi avversi. Tuttavia, sono stati analizzati solo i dati per le prime cinque categorie con il maggior numero di segnalazioni: neurologico (395 segnalazioni), effetti collaterali generali (295), disturbi mestruali (282), disturbi muscoloscheletrici (279) e apparato digerente, renale e urinario (192).

Molti degli eventi avversi segnalati sono risultati di lunga durata, dato che i ricercatori hanno ritenuto durante l’incontro sorprendente poiché l’opuscolo consegnato ai destinatari del vaccino dice il contrario. Hanno anche detto che i funzionari della Pfizer hanno riferito loro che la Pfizer non era a conoscenza di alcun sintomo di lunga durata.

I ricercatori hanno anche affermato di aver identificato nuovi eventi avversi non elencati nella brochure, incluso il mal di schiena.

Nel rapporto ufficiale successivamente rilasciato al pubblico, il Ministero della Salute non ha spiegato in dettaglio come i ricercatori siano stati colti alla sprovvista dalla durata degli eventi e dagli effetti collaterali. L’agenzia sanitaria ha anche affermato che non sono stati identificati nuovi eventi.

“In conclusione, i fenomeni segnalati sono fenomeni noti nella letteratura professionale e sono stati riscontrati anche nei precedenti rapporti del Ministero della Salute, e non si è osservato un aumento di un nuovo fenomeno (nuovo segnale)”, ha scritto il Ministero della Salute.

Shir-Raz, la giornalista che ha svelato la storia della riunione interna, ha affermato che il ritardo nel riportare i risultati includeva la mancata condivisione dei dati con il gruppo di esperti del Ministero della Salute che si è riunito verso la fine di giugno per decidere se raccomandare il vaccino Pfizer per i bambini da 6 mesi a 5 anni.

“Abbiamo il protocollo di questo incontro, quindi sappiamo che specifica quali documenti sono stati presentati loro quando hanno preso la loro decisione, e non c’era alcuna menzione di questo studio nel protocollo”, ha detto Shir-Raz a The Epoch Times, citando un documento ministeriale che ha ottenuto. “Quindi l’hanno nascosto anche ai loro stessi esperti.”

Shir-Raz, che è stata licenziata dal suo lavoro l’anno scorso per aver scritto articoli critici sulla gestione da parte del Ministero della Salute sulle statistiche dei decessi per COVID-19, ha affermato che far uscire questa la storia significava “pubblicare la verità”.

“Negli ultimi due mesi, mi sono dedicata quasi interamente solo a questa storia… Non è solo un altro problema per me, non è un altro articolo”, ha detto Shir-Raz. “Per me, è scoprire la verità. Perché non è solo locale… ha implicazioni internazionali”.

Israele è stato spesso il primo paese a riferire sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini. I suoi dati sono stati regolarmente citati dalle agenzie statunitensi, incluso il CDC.

La dottoressa Sharon Alroy-Preis, un funzionario israeliano che ha affermato di essere responsabile del monitoraggio della sicurezza dei vaccini, ha presentato i dati quattro volte al CDC e alla Food and Drug Administration statunitense da settembre 2021, l’ultima nell’aprile 2022.

Retsef Levi, professore di gestione delle operazioni presso il Massachusetts Institute of Technology, ha affermato durante uno degli incontri che il sistema di sorveglianza del Ministero della Salute era “veramente disfunzionale” e “non affronta in modo appropriato i principali segnali di sicurezza”.

Alroy-Preis ha risposto esprimendo sorpresa. “Sono i nostri dati, ne sono responsabile, quindi so esattamente cosa ci viene segnalato”, ha detto ai funzionari statunitensi.

Ma il sistema in vigore per la maggior parte del 2021 è stato successivamente sostituito, con i funzionari israeliani che hanno riconosciuto che non era adeguato.

Con il vecchio sistema, le segnalazioni potevano essere inviate in forma anonima al sito web del ministero. Non è stato possibile verificare i report, rendendo impossibile condurre analisi affidabili dei dati, secondo il Ministero della Salute.

“Con il passare del tempo è diventato chiaro che le modalità di segnalazione sul sito web del ministero, che è una segnalazione anonima in testo libero, rendeva difficile la verifica dell’affidabilità dei dati e del loro significato, la loro analisi professionale e trarre conclusioni”, ha scritto il Ministero nel suo report di agosto.

È stato solo nell’ottobre 2021, tuttavia, che il Ministero ha iniziato a creare “un questionario identificato” con condizioni predefinite e un campo per aggiungere maggiori dettagli sulle reazioni avverse, comprese altre condizioni non elencate nel questionario che sarebbero state utilizzate nell’analisi di Berkowitz e del suo team.

Il nuovo sistema richiede ora alle persone di inserire le proprie identità e altre informazioni insieme ai dettagli dell’evento avverso.

“C’è l’identificazione del paziente. Questo non è un report anonimo”, ha detto Zhurat durante l’incontro.

La scelta di omettere alcuni dei risultati cruciali discussi durante l’incontro dal rapporto pubblico è “una ricetta per distruggere” l’intero programma di vaccinazione, secondo Levi, nativo israeliano ed esperto di gestione del rischio.

“Più sei a favore del vaccino, più devi essere disturbato da qualcosa del genere”, ha detto Levi a The Epoch Times. “E il motivo è che i due fattori più importanti per i programmi di vaccinazione … per avere successo è la fiducia e la trasparenza, che in realtà comunichi alle persone i reali rischi-benefici e consenti loro di fare scelte su ciò che vogliono fare. La seconda cosa è che ti prendi cura delle persone che sono state danneggiate dal vaccino perché nessun vaccino ha una sicurezza del 100 percento”.

“Penso che abbiamo in questo esempio… in cui violiamo questi due principi molto importanti”, ha aggiunto. “Questa è una ricetta per distruggere praticamente tutti i programmi di vaccinazione, quindi più sei per i vaccini, dovresti essere più disturbato da questo”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il Dr. Bridle rivendica la confessione del Direttore scientifico di Moderna: “la proteina Spike genera un danno diretto al cuore”

Read Next

Dati ufficiali EuroStat. Ecco i Paesi con maggiore eccesso di mortalità. Coincidono con i Paesi con più dosi

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock