• Maggio 17, 2022

Otto casi di infiammazione cardiaca segnalati tra i bambini 5-11 dopo il vaccino Pfizer COVID-19: CDC

Otto casi di miocardite, un tipo di infiammazione cardiaca, sono stati segnalati in bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 di Pfizer e BioNTech, hanno comunicato i funzionari dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) il 16 dicembre.

Il CDC Vaccine Advisory Panel tramite una riunione online giovedì , ha discusso del vaccino Johnson & Johnson a seguito della correlazione rilevata con coaguli di sangue rari, ma pericolosi per la vita.

Durante la discussione, i funzionari hanno osservato che l’agenzia aveva ricevuto segnalazioni di otto casi di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, in bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 Pfizer e BioNTech.

I casi sono stati segnalati nel Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti e presentati dal CDC a un gruppo di consulenti esperti.

I funzionari hanno dichiarato che a partire dal 12 dicembre, c’erano 41.232 partecipanti VAERS di età compresa tra 5 e 11 anni, tutti i quali hanno ricevuto una dose di vaccino, mentre 23.583 partecipanti hanno avuto due dosi del vaccino Pfizer. I partecipanti sono composti approssimativamente dal 49,7% di femmine e dal 50% di maschi, mentre lo 0,4% è “sconosciuto”.

In totale, sono stati segnalati 14 casi di miocardite e otto di questi hanno soddisfatto la definizione ufficiale dell’agenzia per la malattia infiammatoria. Quattro degli otto casi si sno verificati nelle femmine e quattro nei maschi.

Due casi sono stati segnalati dopo la prima dose del vaccino e sei sono stati segnalati dopo la seconda dose, hanno riferito i funzionari. Uno dei rapporti di miocardite è attualmente in fase di revisione da parte del CDC.

Il CDC ha dichiarato a novembre che gli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni sono a più alto rischio di miocardite rispetto ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, ma ha osservato che il rischio di sviluppare la malattia o pericardite – un’infiammazione del tessuto che circonda il cuore – dopo aver ricevuto i vaccini COVID-19 è inferiore al rischio di miocardite associata all’infezione da COVID-19 negli adolescenti e negli adulti.

L’agenzia ha affermato il mese scorso, che nessun caso di miocardite o pericardite era stato segnalato negli studi clinici per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, ma ha osservato che lo studio non era stato progettato per valutare il rischio di miocardite.

Secondo un nuovo studio, il rischio di sviluppare miocardite è più alto per le persone di età inferiore ai 40 anni dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 Moderna, rispetto all’infezione da COVID-19,

I ricercatori hanno trovato 15 casi in eccesso per 1 milione di persone che hanno ricevuto una seconda dose del vaccino rispetto a 10 casi extra di miocardite a seguito di malattia COVID-19.

Durante l’incontro di giovedì, i funzionari del CDC hanno dichiarato che dei 41.232 partecipanti VAERS di età compresa tra 5 e 11 anni, nella prima settimana dopo la prima vaccinazione, circa il 55% dei partecipanti ha riportato dolore al sito di iniezione, mentre circa il 35% ha riportato reazioni sistematiche come febbre, mal di testa, dolori muscolari e affaticamento.

Circa il 5% ha dichiarato che il vaccino li ha lasciati incapaci di svolgere attività quotidiane e quasi il 10% ha affermato che la reazione al vaccino li ha resi incapaci di frequentare la scuola.

Nella prima settimana dopo la seconda dose della vaccinazione, queste cifre sono state notevolmente più alte, con quasi il 50% dei partecipanti che riportavano dolore al sito di iniezione, il 40% che riportava reazioni sistematiche, quasi il 10% notava che il vaccino li rendeva incapaci di svolgere attività quotidiane ed esattamente il 10% affermava che il colpo li rendeva incapaci di frequentare la scuola.

Dopo sia la prima che la seconda dose, un piccolo numero di partecipanti ha riferito di aver bisogno di cure mediche, hanno dichiarato i funzionari.

Negli Stati Uniti, oltre 7,1 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech sono state somministrate a bambini di queste età, a partire dal 9 dicembre 2021.

Finora, ci sono stati due decessi segnalati nei bambini che hanno ricevuto il vaccino: una ragazza di 5 anni con una “storia medica complicata” di sindrome da trasfusione da gemello a gemello, paralisi cerebrale e disturbo convulsivo, tra gli altri; e una ragazza di 6 anni che aveva una storia sanitaria complessa.

Entrambe le morti sono ancora in fase di revisione.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Lockdown: la peggiore catastrofe per la salute pubblica nella storia umana

Read Next

Si ritira il calciatore 22enne spagnolo Monas a causa di un’improvvisa grave pericardite