• Dicembre 10, 2022

Lockdown: la peggiore catastrofe per la salute pubblica nella storia umana

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


  • C’è una grande quantità di dati che dimostrano che i lockdown hanno ucciso più persone del COVID.
  • Ci sono centinaia di studi che mostrano anche il fallimento di questi interventi per fermare la diffusione del COVID.

Chiamare i lockdown la peggiore catastrofe per la salute pubblica nella storia umana non è irragionevole, e molti di coloro che hanno studiato le implicazioni dei lockdown sulla salute umana e sull’economia globale fanno eco a questo sentimento.

La frase sembra essere stata coniata dal Dr. Jay Bhattacharya, MD, PhD., professore di medicina ed economia alla Stanford University. Ha fatto questo commento abbastanza presto nella pandemia quando sono stati imposti i blocchi e continua a sostenerlo man mano che emergono ulteriori prove su quanto siano stati catastrofici i blocchi. In effetti, ha dichiarato di nuovo la sua posizione in un recente tweet riguardante un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature.

Diversi accademici durante la pandemia hanno dimostrato quanto siano e siano stati catastrofici i lockdown, ma non c’è stato riscontro sui media mainstream. I media mainstream hanno etichettato coloro che si oppongono ai lockdown come “anti-lockdown” invece di cercare una discussione aperta sulle prove che mettono in discussione queste misure.

All’inizio, il famoso professore clinico svedese in malattie infettive e professore di epidemiologia presso l’Istituto Karolinska, Anna-Mia Elkström, insieme al professor Stefan Swartling Peterson, medico di sanità pubblica e professore di salute globale anche del Karolinska Institutet, ha scoperto che a quasi un anno dall’inizio della pandemia, i blocchi potrebbero aver ucciso più persone del COVID. Lo hanno fatto esaminando i dati raccolti dall’UNICEF e dall’UNAIDS. Sono stati intervistati su questi risultati più volte in Svezia.

A soli nove mesi dall’inizio della pandemia, su scala internazionale, i lockdown hanno posto 130 milioni di persone sull’orlo della fame, 80 milioni di bambini a rischio di difterite, morbillo e poliomielite e 1,8 milioni di pazienti a rischio di morte per tubercolosi. I lockdown nei paesi sviluppati hanno devastato molti nei paesi più poveri. Il World Economic Forum ha stimato che i blocchi causeranno la morte di altri 150 milioni di persone in condizioni di estrema povertà, 125 volte più persone di quante ne siano morte di COVID.

A soli sette mesi dall’inizio della pandemia, il ministro tedesco della cooperazione e dello sviluppo economico, Gerd Muller,ha avvertito che le misure di blocco globale avrebbero comportato l’uccisione di più persone rispetto allo stesso COVID.

A soli cinque mesi dall’inizio della pandemia, uno studio di Lancet ha riferito che le strategie governative per affrontare COVID come i blocchi, il distanziamento fisico e la chiusura delle scuole stavano peggiorando la malnutrizione infantile a livello globale, affermavano: “i sistemi sanitari tesi e le interruzioni nella risposta umanitaria stanno erodendo l’accesso a servizi nutrizionali essenziali e spesso salvavita”.

Nel loro insieme, i dati sono chiari sia che i lockdown nazionali non sono una condizione necessaria per la diminuzione delle infezioni da Covid-19 sia che il Primo Ministro ha sbagliato a suggerire ai parlamentari che le infezioni stavano aumentando rapidamente in Inghilterra prima del lockdown e che senza misure nazionali, il NHS sarebbe sopraffatto … I blocchi non sono mai stati utilizzati in precedenza in risposta a una pandemia. Hanno conseguenze significative e gravi per la salute (compresa la salute mentale), i mezzi di sussistenza e l’economia. Circa 21.000 decessi in eccesso durante il primo blocco del Regno Unito non erano morti per Covid-19. Queste sono persone che avrebbero vissuto se non ci fosse stato un blocco.

Professor David Paton, professore di economia presso l’Università di Nottingham e professor Ellen Townsend, professore di psicologia presso la University of Nottingham School of Medicine

Forse un’alternativa migliore sarebbe stata un piano di protezione più mirato, come la Dichiarazione di The Great Barrington ha suggerito all’inizio della pandemia.

Quindi, non è che queste informazioni non siano state completamente riconosciute. Era ben noto. L’argomento principale dei sostenitori pro-lockdown è stata l’idea che abbia contribuito a limitare la diffusione del COVID, portando a una diminuzione della pressione sui sistemi sanitari di tutto il mondo, nonché a una diminuzione del bilancio delle vittime.

Sono emersi studi che affermano che i lockdown hanno avuto successo nel limitare la diffusione del COVID. Questi sono stati diffusi su più media mainstream, mentre gli studi che sostenevano che i lockdown non hanno fatto nulla per fermare la diffusione del COVID sono stati completamente ignorati e non riconosciuti all’interno del mainstream. Non si è tenuta una discussione adeguata su questo argomento. In effetti, il numero di studi che affermano che i blocchi non hanno avuto alcun effetto sulla diffusione del virus supera di gran lunga quello che afferma che lo abbia fatto.

Nel gennaio di quest’anno, Bendavid, insieme ad altri professori della Stanford School of Medicine ha riferito:

“Nel quadro di questa analisi, non ci sono prove che interventi non farmaceutici più restrittivi (‘lockdown’) abbiano contribuito in modo sostanziale a piegare la curva dei nuovi casi in Inghilterra, Francia, Germania, Iran, Italia, Paesi Bassi, Spagna o Stati Uniti all’inizio del 2020”.

Un documento pubblicato dal National Bureau of Economic Research nel giugno 2021 ha rilevato che le morti in eccesso sono aumentate poco dopo l’attuazione di queste misure.

Un documento pubblicato da SSRN, una nota E-Library globale che fornisce 1.063.815 documenti di ricerca di 693.848 ricercatori in più di 65 discipline spiega:

L’entità della perdita di vite umane a causa dei lockdown stessi non è mai stata presa in considerazione nel processo decisionale … Le previsioni scelte per il processo decisionale politico hanno sistematicamente sovrastimato la minaccia, sostenendo misure eccessive. Le prove pro-lockdown sono incredibilmente sottili e si basano in gran parte sul confronto dei risultati del mondo reale con le terribili previsioni generate al computer derivate da modelli empiricamente non testati.

 Donald Luskin del Wall Street Journal  spiegava all’inizio di settembre 2020,

“A sei mesi dall’inizio della pandemia di Covid-19, gli Stati Uniti hanno ora condotto due esperimenti su larga scala in materia di salute pubblica: in primo luogo, a marzo e aprile, il blocco dell’economia per arrestare la diffusione del virus e in secondo luogo, da metà aprile, la riapertura dell’economia. Per quanto possa essere controintuitivo, l’analisi statistica mostra che il blocco dell’economia non ha contenuto la diffusione della malattia e la sua riapertura non ha scatenato una seconda ondata di infezioni.

Ora ci sono più di  400 studi sul fallimento delle politiche obbligatorie Covid .

I benefici dei blocchi e delle restrizioni sociali sono stati totalmente esagerati e i danni alle nostre società e ai nostri bambini sono stati gravi: i danni ai bambini, la malattia non diagnosticata che si tradurrà in un eccesso di mortalità negli anni a venire, depressione, ansia, ideazione suicidaria nei nostri giovani, overdose di droga e suicidi a causa delle politiche di blocco, l’isolamento schiacciante a causa dei lockdown, i danni psicologici, gliabusi domestici e sui minori, gliabusi sessuali sui bambini,la perdita di posti di lavoro e di imprese e l’impatto devastante, e l’enorme numero di morti derivanti dai lockdown che avranno un impatto pesante sulle donne e sulle minoranze.

Dr. Paul Elias Alexander, ex consulente di sintesi delle prove della pandemia COVID per WHO-PAHO Washington, DC (2020) ed ex consulente senior per la politica covid pandemica in salute e servizi umani (HHS). Citazione tratta dal suo articolo, “Più di 400 studi sul fallimento degli interventi obbligatori Covid”.

Con tutti questi dati disponibili, i blocchi sono ancora in fase di implementazione in tutto il mondo. Austria e Germania hanno bloccato coloro che non sono vaccinati, nonostante il fatto che i vaccini non contengano adeguatamente la diffusione del virus. Questo è il motivo per cui stiamo assistendo a focolai in popolazioni altamente vaccinate e si verifica da qualche tempo.

Con l’emergere della nuova variante Omicron, si sta nuovamente prendendo in considerazione l’ipotesi di di futuri lockdown. Questo è ciò che accade quando la scienza e i dati dell’altra faccia della medaglia sono completamente ignorati, non riconosciuti e ridicolizzati, e la scienza e i dati su una sola faccia della medaglia sono sotto i riflettori.

I media mainstream e i governi non intratterranno nemmeno una discussione sulle prove che mettono in discussione queste scellerate scelte.

Le persone influenti stanno usando questa crisi per esercitare più potere e controllo sulla cittadinanza. È stato un tema comune in tutta la storia umana. Non solo ottengono più potere e controllo, ma diventano anche più ricchi. Tutto questo viene fatto con il pretesto della buona volontà e del “bene” per gli altri.

Tuttavia, COVID è stato un grande catalizzatore per l’umanità per “svegliarsi” e vedere questi aspetti del nostro mondo che, per alcuni, potrebbero non essere stati così trasparenti prima. Questo da solo è un fattore estremamente positivo e incoraggiante, in quanto queste misure possono arrivare solo fino a quando le persone si conformeranno ad esse. Il “potere” è veramente nelle nostre mani, e più siamo motivati in modo inappropriato, più potremo opporci.

A conclusione una citazione di Edward Snowden, l’informatore della NSA che ha denunciato il massiccio programma di sorveglianza illegale del governo degli Stati Uniti che stava e sta ancora raccogliendo enormi quantità di dati, su tutti i cittadini statunitensi e sui cittadini di tutto il mondo.

Mentre l’autoritarismo si diffonde, mentre le leggi di emergenza proliferano, mentre sacrifichiamo i nostri diritti, sacrifichiamo anche la nostra capacità di arrestare lo scivolamento in un mondo meno liberale e meno libero. Credi davvero che dopo la prima ondata, la seconda ondata, la 16a ondata del coronavirus… queste misure restrittive saranno abbandonate?

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La Svizzera terrà un referendum sulla messa al bando delle vaccinazioni obbligatorie

Read Next

Otto casi di infiammazione cardiaca segnalati tra i bambini 5-11 dopo il vaccino Pfizer COVID-19: CDC

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock