• Aprile 18, 2024

Perché i media mainstream ignorano gli studi delle maggiori università che mostrano i lockdown come un disastro assoluto?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Le notizie mainstream hanno in gran parte ignorato un nuovo studio che dimostra che i lockdown non hanno praticamente avuto alcun effetto sull’arresto del COVID-19 .

Una revisione di tre stimati economisti della Johns Hopkins University, della Lund University in Svezia e del think-tank danese Center for Political Studies, ha rilevato che le restrizioni imposte nella primavera del 2020 – tra cui ordini di rimanere a casa, obblighi di mascherine e distanziamento sociale – hanno ridotto solo la mortalità COVID dello 0,2%.

Lo studio, pubblicato nell’edizione di gennaio 2022 di Studies in Applied Economics, ha affermato che i lockdown hanno causato “enormi costi economici e sociali” e ha concluso che sono “infondati e dovrebbero essere respinti come strumento di politica pandemica” in futuro.

Ma lo studio è stato in gran parte ignorato dai principali media americani e globali, con solo DailyMail.com, il Wall Street Journal, Fortune e il Washington Times che lo citano.

Lo studio non si trova sui siti web del New York Times, del Washington Post e della ABC News, e mentre alcuni affiliati regionali della NBC e della CBS hanno riferito della storia, le reti nazionali non lo hanno fatto.

Mercoledì sera, un professore universitario della Johns Hopkins, ha criticato le istituzioni e i media per aver minimizzato lo studio.

Il dottor Martin Makary, professore di chirurgia presso l’università privata di Baltimora, ha affermato che “la narrativa sull’efficacia dei lockdown è già scritta” , in un’intervista con Tucker Carlson.

“Abbastanza rapidamente abbiamo iniziato a ottenere i dati dal Nord Italia dove il contagio non era equamente distribuito nella popolazione, ma focalizzato sulle persone anziane e le persone con comorbilità”.

“Anche nei primi giorni di New York, abbiamo ottenuto dati che sono stati in gran parte ignorati. L’80% dei decessi si sono verificati in persone sopra i 65 anni, e la metà di loro, approssimativamente, erano in case di cura.

“Eppure abbiamo continuato ad adottare protocolli come se tutti fossero a pari rischio, e continuiamo a farlo oggi. Nelle scuole ad esempio dove i bambini sopportano il peso maggiore delle restrizioni in questo paese. Quindi penso che il pubblico sia affamato di onestà e umiltà di base da parte dei funzionari della sanità pubblica”.

“La stessa Johns Hopkins non ha nemmeno pubblicato un comunicato stampa su questo studio, e se si guarda alla copertura mediatica, è una delle scoperte più importanti al mondo oggi, eppure alcuni media non l’hanno nemmeno menzionata”, ha riferito Makary al conduttore di Fox News.

Uno studio condotto dagli economisti della Johns Hopkins ha rilevato che i lockdown - compresi gli ordini di rimanere a casa e le chiusure delle scuole - hanno ridotto solo i decessi COVID dello 0,2% complessivo.
Uno studio condotto dagli economisti della Johns Hopkins ha rilevato che i lockdown – compresi gli ordini di rimanere a casa e le chiusure delle scuole – hanno ridotto solo i decessi COVID dello 0,2% complessivo.

Makary sostiene che l’esiguo numero di vite salvate dai lockdown non si avvicina neppure a quelle perse per mancanza di assistenza sanitaria, come i pazienti che hanno rinunciato ai trattamenti contro il cancro.

Lo studio ha rilevato che i blocchi imposti in molte città degli Stati Uniti nella primavera del 2020 hanno portato a una riduzione dei decessi COVID di un risibile 0,2%.

“Ora confronta quel numero, che risulta essere di circa 1.800 individui, con il numero di decessi non COVID, quello che chiamiamo “eccesso di mortalità non COVID” negli Stati Uniti.

“Sono stati 124.000 decessi in eccesso nel primo anno. Quindi, in due anni, sono state circa un quarto di milione di persone a morire. Molti scienziati hanno ora iniziato a rimuovere questo numero”, ha dichiarato Makary.

Ha spiegato che da 60.000 a 70.000 di loro sono morti per abuso di sostanze, mentre altri sono morti per cure differite contro il cancro, autolesionismo e altri effetti collaterali dei lockdown.

Il chirurgo ha anche sottolineato il numero di bambini che sono rimasti indietro con l’istruzione a causa della scuola online.

“Ci sono centinaia di bambini nella sola Baltimora che non hanno mai effettuato l’accesso ai loro moduli di apprendimento virtuale, mai”, ha dichiarato.

Il Dr. Makary ha spiegato che da 60.000 a 70.000 di loro sono morti per abuso di sostanze, mentre altri sono morti per cure differite contro il cancro, autolesionismo e altri effetti collaterali dei lockdown.
Il Dr. Makary ha spiegato che da 60.000 a 70.000 di loro sono morti per abuso di sostanze, mentre altri sono morti per cure differite contro il cancro, autolesionismo e altri effetti collaterali dei lockdown.

Johns Hopkins University: i blocchi covid-19 del 2020 hanno funzionato “poco o nulla” per la mortalità.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Direttore d’ospedale ISRAELE ammette: “L’80% dei casi gravi di COVID sono completamente vaccinati”

Read Next

Comunicato del 4 febbraio: il Consiglio Superiore di Sanità olandese non consiglia la terza dose agli adolescenti. “C’è il rischio miocardite”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO