• Febbraio 9, 2023

Pfizer e Moderna avviano uno studio sulla Miocardite post V. Covid: in corso la ricerca sui “possibili” rischi a lungo termine

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Sia Pfizer che Moderna stanno avviando studi clinici per tenere traccia dei problemi di salute, se presenti, negli anni successivi alla diagnosi di problemi cardiaci associati al vaccino negli adolescenti e nei giovani adulti.

Nell’ottobre 2021, Da’Vion Miller è stato trovato privo di sensi nel bagno della sua casa a Detroit una settimana dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino Covid della Pfizer.Sapeva che qualcosa non andava: a 22 anni aveva iniziato a provare dolore al petto due giorni dopo la vaccinazione, seguito da affaticamento, mancanza di respiro e vertigini.

Miller è stato portato d’urgenza all’Henry Ford West Bloomfield Hospital, dove gli è stata diagnosticata una miocardite , un’infiammazione del muscolo cardiaco, e una pericardite, un’infiammazione del rivestimento esterno del cuore. Il suo medico gli ha consigliato di non ricevere una seconda dose né dei vaccini Pfizer né di Moderna.

Miller fa parte di un piccolissimo ( LoL N.d.R.) gruppo di persone negli Stati Uniti che ha avuto la miocardite in seguito alla vaccinazione con i vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna Covid basati sulla tecnologia mRNA.

La miocardite è una condizione che è stata a lungo collegata a una serie di infezioni virali, tra cui influenza, coxsackievirus e Covid. È stato anche osservato come un effetto collaterale raro ma preoccupante dei vaccini mRNA Covid.

Ci sono rischi a lungo termine di miocardite?

Delle centinaia di milioni di dosi di vaccino Covid somministrate negli Stati Uniti dalla fine del 2020, ci sono state circa 1.000 segnalazioni di miocardite o pericardite correlata al vaccino nei ragazzi di età inferiore ai 18 anni, principalmente giovani maschi, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

La maggior parte di coloro che hanno sviluppato la condizione si sono completamente ripresi, anche se la ricerca finora ha esaminato solo la loro salute dopo qualche mese. Alcuni medici si chiedono se possa causare danni permanenti al cuore.

Ora è in corso la prima ricerca negli Stati Uniti, che tiene traccia degli effetti negativi sulla salute, se presenti, che potrebbero apparire negli anni successivi a una diagnosi di problemi cardiaci associati al vaccino.

Moderna ha già avviato due prove, l’ultima a settembre. Pfizer ha confermato che almeno una delle sue prove, che includerà fino a 500 adolescenti e giovani adulti di età inferiore ai 21 anni, dovrebbe iniziare nei prossimi due mesi.

La Food and Drug Administration ha richiesto che i produttori di farmaci conducano diversi studi per valutare i potenziali impatti a lungo termine della miocardite, come parte della sua approvazione dei vaccini mRNA Covid negli Stati Uniti I primi risultati della ricerca potrebbero essere pubblicati già il prossimo anno, alcune fonti hanno riferito a NBC News.

Alcuni degli studi seguiranno coloro che hanno sviluppato la condizione per un massimo di cinque anni, secondo le lettere di approvazione della FDA . Gli studi monitoreranno la miocardite e la miocardite subclinica, che non causa sintomi.

La FDA ha rifiutato di commentare gli studi di Pfizer e Moderna perché sono in corso, ma un funzionario dell’agenzia ha affermato che la possibilità che si verifichi una miocardite dopo la vaccinazione è “molto bassa”(…)

I primi risultati potrebbero essere pubblicati l’anno prossimo.

Gli scienziati non hanno ancora una spiegazione chiara del motivo per cui i vaccini causano la condizione, secondo il dottor Paul Burton, direttore medico di Moderna. Ci si aspetta che la proteina spike del virus, una volta prodotta nella cellula dopo la vaccinazione, possa generare una reazione nel corpo che può causare infiammazione al cuore.

“Non lo capiamo ancora e non esiste un buon meccanismo per spiegarlo”, ha detto.

Nelle ultime settimane, diverse nuove versioni della variante omicron , tra cui BQ.1 e BQ.1.1, hanno iniziato a circolare ampiamente negli Stati Uniti, aumentando il rischio di reinfezione, in particolare per coloro che non hanno ancora ricevuto una dose di richiamo.ove varianti emergenti che vediamo nel paesaggio sono molto, molto contagiose e hanno davvero un rischio elevato”, ha detto Burton. “Il rapporto tra i benefici della vaccinazione supera i rischi della vaccinazione. E questo è assolutamente vero per la miocardite”.

Klein, di Kaiser Permanente, è d’accordo, affermando che il rischio complessivo di miocardite associata al vaccino è “molto basso”.

Un anno dopo, Miller presenta ancora sintomi, incluso dolore al petto. Sebbene sia confortante sapere che la sua situazione è rara, ha detto, è entrato e uscito dall’ospedale sin dalla sua diagnosi, cosa che ha detto è stata difficile per lui. 

“E’ stata un’esperienza spaventosa”, ha detto.

Leggi l’articolo completo su NBC News

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Malattia immunitaria improvvisa. Muore il campione a 38 anni

Read Next

Un altro decesso improvviso in gara ieri domenica 13 novembre. E’ la terza corsa con bilancio drammatico

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock