• Febbraio 21, 2024

Ricercatori neozelandesi chiedono lo stop dei vaccini Covid nei bambini e nelle donne incinte

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Citando “gravi errori” in uno studio del CDC pubblicato nell’aprile 2021 sul New England Journal of Medicine, due ricercatori neozelandesi chiedono un arresto immediato della vaccinazione a mRNA COVID per bambini e donne incinte.

Lo studio del CDC aveva già apportato una correzione nell’ottobre 2021, quando gli autori avevano ammesso di non essere in grado di calcolare una stima effettiva del rischio in gravidanza adducendo: “al momento in questo report, il follow-up fino a 20 settimane non è ancora disponibile per 905 delle 1224 partecipanti“.

Tuttavia, i ricercatori neozelandesi, Simon Thornley, Ph.D., e Aleisha Brock, Ph.D., sostengono che l’utilizzo di dati isolati solo da gravidanze nel terzo trimestre sia inappropriato da applicare a un intero periodo gestazionale.

Nell’analisi allo studio del CDC hanno rilevato che “l’incidenza di aborti spontanei nel primo trimestre è in realtà dell’82% e fino al 91% nelle donne che sono state vaccinate prima delle 20 settimane di gestazione”, affermano Thornley e Brock.

Thornley e Brock elencano anche molti altri punti che rendono lo studio del CDC imperfetto, come il fatto che ci sono stati episodi di sindrome pre-eclampsia-simile nelle donne vaccinate e che si è verificato circa due volte il rischio di perdita pre-impianto in uno studio sugli animali.

Le conclusioni radicali sulla sicurezza … non sono convincenti, dati i limiti dello studio. Suggeriamol’arresto immediato dell’utilizzo del vaccino a mRNA in gravidanza e in allattamento al seno, unitamente al ritiro del vaccino a mRNA per i bambini e per tutti gli individui in età fertile “, concludono Thornley e Brock.

Quando il duo ha inviato una nota agli autori dello studio, un portavoce del CDC ha risposto, affermando che il CDC è consapevole dei rischi di aborto spontaneo più elevati, ma che i tassi di aborto spontaneo in gravidanza sono comunque dal 10% al 25%,inoltre “prove crescenti sulla sicurezza e l’efficacia della vaccinazione COVID-19 durante la gravidanza dimostrano che i benefici di ricevere un vaccino COVID-19 superano qualsiasi rischio noto o potenziale“.

IL dottor Thornley ha replicato : “mettiamo in guardia sull’uso del vaccino, data la sostanziale incertezza che esiste”.

Fonti:

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Gli scienziati di Oxford trovano il gene che raddoppia il rischio di morire di Covid-19

Read Next

Mio figlio deve essere vaccinato contro il Covid-19? Piccola guida pratica.11 domande e risposte

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO