• Febbraio 4, 2023

Sistemi immunitari danneggiati: ” Il più grande disastro di salute pubblica nella storia del mondo”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Fin dall’inizio della COVID-19 ci è stato detto che la via d’uscita fosse la vaccinazione. “Non vi ammalerete di COVID se farete queste vaccinazioni”, ma quando è diventato evidente che anche i vaccinati si stavano infettando, la questione è cambiata e ci è stato chiesto: “Quanto tempo è passato dall’ultimo richiamo?”.

Dopo scuse e rocambolesche arrampicate sugli specchi, i dati sono stati resi noti e ora è chiaro: “Le vaccinazioni hanno peggiorato la situazione”, ha dichiarato il dottor Charles Hoffe.

Il dottor Charles Hoffe è un medico di Lytton, BC, Canada, e lavora come medico di famiglia rurale e di pronto soccorso da oltre 30 anni. Dopo aver assistito a gravi lesioni da vaccino COVID-19 nel suo studio, è diventato rapidamente un critico esplicito delle iniezioni sperimentali.

E, a quanto pare, un critico per una buona ragione, dato che i risultati dello studio della Cleveland Clinic hanno messo in discussione l’intera premessa della vaccinazione, ovvero la riduzione delle probabilità di contrarre la COVID-19.

Sull’asse Y è riportata l’incidenza cumulativa di COVID-19 e sull’asse X il numero di giorni dalla data di inizio dello studio. La linea nera corrisponde a 0 dosi (non vaccinato), la linea rossa a una dose, la linea verde a due dosi (completamente vaccinato), la linea blu a tre dosi e la linea giallo-arancione a più di tre dosi.

Il Dr. Hoffe spiega: “Lo studio della Cleveland ha dimostrato chiaramente che più vaccini si fanno, più è probabile contrarre la COVID. Gli individui con maggiori probabilità di contrarre la COVID sono quelli che hanno fatto il vaccino bivalente. Quindi, in altre parole, è l’esatto contrario di quello che ci dicono le autorità mediche. Non vi tiene al sicuro. Non mette al sicuro nessun altro. Avete maggiori probabilità di contrarre e diffondere la COVID se avete fatto l’ultimo richiamo”.

Gli autori dello studio hanno osservato: “L’associazione di un aumento del rischio di COVID-19 con un numero maggiore di dosi di vaccino precedenti nel nostro studio era inaspettata”.

Come si spiega l’aumento del rischio di contrarre la COVID-19 a ogni iniezione successiva? Il dottor Hoffe afferma: “Il motivo per cui è più probabile contrarre la COVID è il danno arrecato al sistema immunitario”.

“Danneggiando il sistema immunitario, [le iniezioni di C19] aumentano le possibilità di contrarre l’influenza e tutto il resto, ed è per questo che in tutto il Nord America i pronto soccorso sono oberati di persone ammalate, purtroppo, quest’inverno”.

“Questa è la curva pandemica più aggiornata per il Canada”, ha spiegato il dottor Hoffe. “Il giallo rappresenta le persone in ospedale con COVID. Il rosa in basso rappresenta le persone in terapia intensiva con COVID”.

“Come potete vedere, ho segnato su questo grafico il punto in cui è iniziato il lancio del vaccino, ovvero a metà dicembre 2020. Esattamente un anno dopo, il Canada aveva vaccinato l’80% dell’intera popolazione. Ricorderete che ci era stato detto che ci voleva circa il 70% di vaccinati per raggiungere l’immunità di gregge”, riflette il dottor Hoffe. “Ebbene, potete vedere cosa è successo dal numero di persone ricoverate in ospedale dopo che l’80% della popolazione è stato completamente vaccinato”.

Il dottor Hoffe continua: “Il picco più alto corrisponde alla prima ondata Omicron. E si può notare che il Canada non ha quasi più ondate COVID. A giudicare dal numero di persone ricoverate negli ospedali con la COVID, ora abbiamo letteralmente una situazione di COVID endemica, con un numero di persone in ospedale molto più alto rispetto a prima che ci fossero i vaccini per la COVID. Questo dimostra chiaramente come le vaccinazioni abbiano peggiorato la situazione”.

Il Dr. Hoffe osserva che in Canada, a differenza degli Stati Uniti, la diffusione del vaccino rimane elevata. “Poiché alle persone viene ancora detto che vaccinandosi possono proteggere gli altri, anche se non si blocca la trasmissione, il che è illogico dal punto di vista medico, in Canada si continuano a somministrare tra i 50.000 e i 60.000 richiami al giorno. Credo che negli Stati Uniti siano solo la metà, ma gli Stati Uniti hanno dieci volte la popolazione del Canada. Quindi la gente continua a sottoporsi a questi vaccini e ci sono più persone negli ospedali con il COVID che prima dei vaccini. È una situazione tragica, queste iniezioni hanno chiaramente peggiorato le cose”.

“Sì, è una pandemia di vaccinati”, ha commentato il neuroscienziato Chris Shaw, dottore di ricerca.

I dati australiani confermano gli altri due grafici

“Si tratta di due grafici molto interessanti”, ha spiegato il dottor Hoffe. “Quello a sinistra mostra i ricoveri ospedalieri con COVID, in base al numero di vaccinazioni effettuate. La barra all’estrema sinistra rappresenta i non vaccinati e ogni barra [successiva] corrisponde a uno, due, tre o quattro vaccini. Il grafico a destra mostra il numero di persone ricoverate in terapia intensiva”.

Il Dr. Hoffe continua: “E quindi si può notare che c’è una correlazione diretta: più vaccini si sono fatti, più è probabile che si finisca in ospedale o in terapia intensiva [con la COVID]. Si può notare che i non vaccinati in Australia – nessuno dei non vaccinati è in terapia intensiva. La maggior parte delle persone in terapia intensiva sono quelle che hanno fatto quattro vaccinazioni”.

Il dottor Hoffe conclude con questa dichiarazione: “Questa è la prova più evidente che le iniezioni hanno tragicamente peggiorato le cose. Quindi, il fatto che continuino a dire alla gente che i vaccini stanno proteggendo le persone, è molto preoccupante. Questo è il più grande disastro di salute pubblica nella storia del mondo”.

Si tratta di un’affermazione forte, ma è difficile non concordare dal momento che le iniezioni non solo stanno causando una lunga lista di effetti collaterali letali e debilitanti – ma stanno dimostrando di essere apertamente controproducenti per il loro stesso scopo. Il programma mRNA è un disastro a tutti i livelli, il che fa riflettere sul motivo per cui le autorità sanitarie non abbiano ancora ritirato queste iniezioni dal mercato e, peggio ancora, continuino a farle praticare ai bambini.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Altri cinque giovani di cui due minori venuti a mancare in Italia nelle ultime ore

Read Next

Il nuovo regolamento dell’UE consente di aggiungere grilli al cibo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock