• Maggio 19, 2022

RIEPILOGO ESCLUSIVO: tutti gli eventi avversi dei vaccini Covid-19

di Sharyl Attkisson

Di seguito sono riportati i riassunti di alcuni eventi avversi che sono emersi o sono stati rilevati dai funzionari medici.

Demielinizzazione acuta del SNC e sclerosi multipla

Un nuovo studio sul Journal of Neurology esamina i possibili legami tra i vaccini Pfizer e Moderna e la demielinizzazione acuta del sistema nervoso centrale (SNC), compresa la sclerosi multipla (SM).

Le malattie demielinizzanti danneggiano la copertura protettiva che circonda le fibre nervose nel cervello, nei nervi ottici e nel midollo spinale, causando problemi neurologici. Nello studio, quattro pazienti avevano il vaccino Pfizer e tre avevano il vaccino Moderna. Entro 21 giorni dalla prima o dalla seconda dose, i pazienti hanno sviluppato demielinizzazione attiva del SNC del nervo ottico, del cervello e / o del midollo spinale che porta a “perdita visiva, dismetria, instabilità dell’andatura, parestesie, disturbi dello sfintere e debolezza degli arti”.

L’età variava dai 24 ai 64 anni. A quattro pazienti è stata infine diagnosticata una esacerbazione della loro SM stabile.

A due sono stati diagnosticati nuovi casi di SM.

A uno è stata diagnosticata una neuromielite ottica.

Potenziamento anticorpo-dipendente (ADE)

Aggiornato (leggi di più qui). Secondo gli studi:

  • Antibody Dependent Enhancement (ADE) può rendere le persone vaccinate più suscettibili a gravi infezioni da virus
  • “ADE può essere una preoccupazione” per coloro che sono stati vaccinati per Covid-19
  • Con ADE, dopo che le persone vengono vaccinate per un virus iniziale, l’infezione da una variante o ceppo successivo del virus può comportare “un aumento della replicazione virale e una malattia più grave, portando a gravi rischi per la sicurezza”
  • L’ADE può anche “verificarsi quando gli anticorpi neutralizzanti (che legano il virus e gli impediscono di causare infezioni) sono presenti a livelli abbastanza bassi da non proteggere dalle infezioni. Invece, possono formare complessi immunitari con particelle virali, che a loro volta portano a malattie peggiori”
  • Questa preoccupazione è stata inizialmente descritta da alcuni scienziati che sono stati successivamente banditi dalle piattaforme mediatiche perchè accusati di diffondere disinformazione.

Appendicite

Aggiornato il 9 settembre 2021: il vaccino mRNA Covid-19 di Pfizer è risultato associato ad un aumentato rischio di appendicite, secondo uno studio caso-controllo del mondo reale da Israele.

Paralisi paralisi di Bell

Aggiornato il 17 agosto: un’analisi a Hong Kong mostra che il rischio di paralisi di Bell è più alto con coronavac (Sinovac Biotech) vaccino, è una paralisi facciale, contrazioni muscolari o debolezza. Può includere cambiamenti nel gusto e dolore intorno all’orecchio, maggiore sensibilità al suono noto come iperacusia. Un’analisi degli eventi avversi dei rapporti statunitensi mostra 4.154 paralisi di Bell dopo la vaccinazione Covid-19.

Coaguli di sangue e disturbi del sangue

Aggiornato il 20 gennaio 2022: la FDA ha aggiunto un avvertimento sulla trombocitopenia immunitaria, ITP, al vaccino di Johnson & Johnson.

Aggiornato il 17 dicembre 2021: CDC avverte del rischio di coaguli di sangue, trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS),con vaccino Johnson & Johnson e raccomanda alle persone di assumere Moderna o Pfizer.

Aggiornato il 6 ottobre 2021: la Slovenia ha temporaneamente interrotto il vaccino Johnson & Johnson dopo una morte per ictus in una donna di 20 anni.

Alla fine di giugno, il primo caso di una malattia della coagulazione di sangue chiamata “trombosi con trombocitopenia” dopo un vaccino a doppia dose a RNA è stato riportato negli Annali di Medicina Interna. Il caso è stato quello di un uomo di 65 anni che ha sviluppato sintomi dieci giorni dopo la sua seconda dose del vaccino Moderna. Poiché la malattia del coagulo di sangue non era stata precedentemente avvertita per i vaccini Moderna e Pfizer, i medici hanno trattato il paziente con eparina, proprio il farmaco che non dovrebbe essere usato nei pazienti post-vaccino affetti dal disturbo perché potrebbe effettivamente peggiorare la condizione.

Il vaccino Johnson and Johnson Covid-19 è stato temporaneamente rimosso dal mercato negli Stati Uniti il 16 aprile 2021 mentre i funzionari sanitari hanno studiato le segnalazioni di lesioni da coaguli di sangue. Tra loro c’era un’adolescente di 18 anni di nome Emma Burkey,che si è ammalata circa una settimana dopo il vaccino Johnson and Johnson Covid-19 e ha finito per sottoporsi a tre interventi chirurgici al cervello legati a coaguli di sangue e convulsioni.

Il vaccino Johnson and Johnson è stato autorizzato a tornare sul mercato il 27 aprile 2021 con nuovi avvertimenti sul disturbo.

I funzionari sanitari svedesi hanno stabilito che le persone di età inferiore ai 65 anni non dovrebbero ottenere il vaccino Johnson and Johnson a causa di segnalazioni di coaguli di sangue.

Un editoriale pubblicato sul Journal of American Medical Association ha raccomandato alle donne di età inferiore ai 50 anni di evitare il vaccino Johnson and Johnson Covid-19 a causa delle preoccupazioni sui coaguli di sangue. La raccomandazione ha discusso 12 casi clinici di una malattia del sangue nota come trombosi del seno venoso cerebrale (CVST) con trombocitopenia dopo il vaccino Johnson and Johnson.

Il vaccino AstraZeneca Covid-19 è stato collegato a un pericoloso disturbo che coinvolge coaguli di sangue con piastrine basse nel sangue. Il 7 aprile 2021, l’Agenzia europea per i medicinali afferma di aver creato l’associazione dopo aver analizzato 62 casi di trombosi del seno venoso cerebrale e 24 casi di trombosi venosa splancnica segnalati nel database sulla sicurezza dei farmaci dell’UE(EudraVigilance)al 22 marzo 2021; 18 dei quali sono stati fatali.

Un medico altrimenti sano del sud della Florida, Gregory Michael, è morto per un’emorragia cerebrale 16 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Covid-19 di Pfizer. Le autorità hanno concluso che è morto per una malattia del sangue chiamata “trombocitopenia immunitaria” (ITP) che può impedire la coagulazione del sangue e causare emorragie interne. Sua moglie ha riferito che un esame del sangue ha mostrato che il livello delle sue piastrine fosse a “zero”. Ha detto che prima del vaccino , il dottor Michael non aveva “assolutamente problemi medici” e nessuna condizione di base. Tuttavia, le autorità in seguito hanno classificato la sua morte come “naturale”.

In Spagna, il vacccino AstraZeneca è stato limitato nelle persone di età inferiore ai 60 anni a causa di segnalazioni di coaguli di sangue nei più giovani.

Bulgaria, Islanda e Norvegia hanno interrotto AstraZeneca per un certo periodo a causa di problemi di sangue o impatto su fragili. L’Islanda, e forse altri, lo hanno ripristinato nelle persone di età superiore ai 70 anni e, forse, in alcune di età superiore ai 60 anni.

Austria, Italia e Romania hanno vietato alcuni “lotti” di AstraZeneca.

La Danimarca ha smesso di usare del tutto il vaccino AstraZeneca Covid-19 e il vaccino Johnson and Johnson dopo le indagini sui coaguli di sangue, affermando che “i benefici dell’uso del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson non superano il rischio di causare il possibile effetto avverso in coloro che ricevono il vaccino”.

Il governo italiano ha recentemente limitato il vaccino AstraZeneca Covid-19 agli adulti di età superiore ai 60 anni dopo che un adolescente che ha ricevuto il vaccino è morto per una rara forma di coagulazione del sangue. La diciottenne Camilla Canepa è morta dopo essere stata vaccinata il 25 maggio 2021.

Diversi altri paesi europei hanno anche smesso di somministrare il vaccino AstraZeneca Covid-19 a persone al di sotto di una certa età, di solito compresa tra 50 e 65 anni.

Aggiornato il 9 settembre 2021: uno studio del 10 agosto in JAMA Cardiology ha esortato alla cautela nel somministrare il vaccino Covid-19 a determinati pazienti ad alto rischio a causa del legame vaccinale con una grave malattia del sangue: trombocitopenia con trombosi. “Una delle manifestazioni devastanti di questa sindrome, definita trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino (VITT),è la trombosi del seno venoso cerebrale (CVST)”, affermano gli autori dello studio. Il collegamento coinvolge i vaccini AstraZeneca / Oxford e Johnson & Johnson, secondo lo studio. Il vaccino AstraZeneca non è attualmente somministrato negli Stati Uniti.

Leggi lo studio qui.

Leggi di un caso di VITT in una madre altrimenti sana che è morta dopo la vaccinazione.

Aggiornato il 3 ottobre 2021: l’Agenzia europea per i medicinali ha raccomandato che la coagulazione del sangue nelle vene profonde e la trombocitopenia immunitaria (ITP), un disturbo emorragico causato dal corpo che attacca erroneamente le piastrine, siano aggiunte come reazioni avverse al vaccino Johnson and Johnson. Il disturbo ITP è anche legato ai vaccini AstraZeneca Covid-19.

Sindrome da perdita capillare (malattia di Clarkson)

Aggiornato il 13 novembre 2021: l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha annunciato una revisione del vaccino Moderna e un possibile collegamento con la sindrome da perdita capillare, “una malattia rara che coinvolge ripetute perdite di grandi quantità di plasma dai vasi sanguigni nelle cavità corporee e nei muscoli vicini. La condizione, nota come malattia di Clarkson, può provocare un forte calo della pressione sanguigna che può portare a insufficienza d’organo o addirittura alla morte.

All’inizio dell’anno, l’EMA ha richiesto l’aggiunta della sindrome da perdita capillare all’etichetta di avvertimento del vaccino Covid-19 di AstraZeneca.

Fragili, anziani

I funzionari sanitari in Norvegia hanno lanciato l’allarme dopo che 23 pazienti sono morti poco dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer Covid-19. Consigliano ai medici di usare cautela nel somministrare il vaccino nei “pazienti anziani molto fragili”.

Dopo aver indagato su 13 dei decessi, le autorità norvegesi hanno concluso che gli effetti collaterali comuni dei cosiddetti vaccini “a RNA” possono essere troppo per una persona anziana fragile da gestire e possono contribuire alla loro morte.

“C’è la possibilità che queste reazioni avverse comuni, che non sono pericolose nei pazienti più in forma e più giovani e non sono insolite con i vaccini, possano aggravare la malattia di base negli anziani”, ha dichiarato Steinar Madsen, direttore medico dell’Agenzia norvegese per i medicinali.

Il CDC ha riferito che sta monitorando l’impatto dei vaccini su pazienti già fragili come i malati cronici nelle case di cura.

Diversi gruppi di pazienti anziani nelle case di cura statunitensi muoiono dopo il vaccino Pfizer o Moderna Covid-19. In un gruppo, un certo numero di pazienti deceduti è risultato positivo al Covid-19 dopo la vaccinazione.

Disturbo neurologico funzionale (FND)

I ricercatori nel Regno Unito stanno studiando due ulteriori casi di disturbo neurologico funzionale (FND) in donne di 30 anni dopo aver ricevuto i vaccini Covid-19.

FND è un disturbo neurologico che coinvolge il malfunzionamento del sistema nervoso e il modo in cui il cervello e il corpo trasmettono segnali. I sintomi possono includere debolezza degli arti, paralisi, tremore, spasmi, problemi di deambulazione, problemi di linguaggio, formicolio, perdita della vista, convulsioni, affaticamento, ansia, dolore cronico, sintomi di memoria e blackout.

Un’analisi degli eventi avversi del vaccino Covid-19 ha mostrato centinaia di migliaia di segnalazioni di tali sintomi.

A gennaio, i video che mostrano pazienti vaccinati che soffrono di tali sintomi sono stati trattati da media come Wired , ossia come se fossero notizie false e disinformazione “pericolosa”.

In effetti, i video hanno attirato l’attenzione degli scienziati che hanno indagato e concluso che fossero avvertimenti precoci di ciò che accade ad alcuni che ricevono vaccini Covid-19.

I casi più recenti sono descritti nella rivista NeuroPsychiatry e includono:

  • Una donna di 38 anni che ha ricevuto la sua prima dose di vaccino Pfizer e ha rapidamente sviluppato debolezza intorno all’orecchio, alla bocca, al braccio sinistro e alla gamba. Il giorno dopo è andata al pronto soccorso e le è stata diagnosticata la paralisi di Bell o un attacco ischemico transitorio. I problemi continuarono mesi dopo, compresi i problemi di memoria, e le fu diagnosticata la FND.
  • Una donna di 36 anni che ha ricevuto la sua seconda dose di Moderna e ha rapidamente notato debolezza nella mano destra e nella gamba destra zoppicante. Il giorno dopo ha riportato grave pesantezza alle gambe, affaticamento, difficoltà di movimento. Dopo la terapia fisica la sua debolezza del lato destro è migliorata, ma si è svegliata settimane dopo con debolezza del lato sinistro, oppressione e pesantezza al collo, difficoltà con la vita quotidiana, rapido affaticamento muscolare, trascinamento del piede destro e tremore. Le è stata diagnosticata la FND.

Malattia di Graves malattia autoimmune

Studi in Messico e Turchia collegano il disturbo autoimmune della tiroide Malattia di Graves alla vaccinazione Covid-19 in numerose operatrici sanitarie, tra cui due che stavano allattando al seno. Pfizer-BioNTech è stato il vaccino somministrato in Messico. Un vaccino cinese è stato somministrato in Turchia. Leggi di più al link qui sotto.

https://sharylattkisson.com/2021/07/two-studies-covid-19-vaccines-trigger-graves-disease-in-some-female-health-care-workers/

Sindrome di Guillain-Barre paralisi autoimmune; altre paralisi

Aggiornamento 20 gennaio 2022: i consulenti europei hanno raccomandato di aggiungere avvertenze sulla mielite trasversa, un grave disturbo neurologico di infiammazione spinale che può paralizzare, ai vaccini Covid-19 di Johnson & Johnson e AstraZeneca.

Aggiornamento 15 dicembre 2021: un’analisi CDC degli eventi avversi segnalati al sistema Vaccine Safety Datalink conferma un aumento del rischio di paralisi di Guillain-Barre dopo la vaccinazione Covid-19 di Johnson and Johnson.

Aggiornamento ottobre 2021: uno studio trova un legame tra il vaccino Covid-19 di Johnson e Johnson e la paralisi di Guillain-Barre.

Aggiornamento 22 luglio 2021: L’Unione europea ha aggiunto la sindrome di Guillain-Barré, un disturbo da paralisi autoimmune, come possibile effetto collaterale del vaccino Covid-19 di Johnson and Johnson. 

Aggiornamento 12 luglio 2021: la FDA ha aggiunto avvertimenti sulla paralisi autoimmune di Guillain-Barre, in cui il sistema immunitario attacca i nervi del corpo, dopo il vaccino Johnson and Johnson. Secondo i rapporti, i casi sono stati segnalati principalmente circa due settimane dopo la vaccinazione, principalmente negli uomini e “qualsiasi età pari o superiore a 50 anni”.

Numerosi casi clinici di paralisi della sindrome di Guillain-Barre dopo il vaccino Covid-19 hanno spinto gli scienziati ad avvertire che “tutti i medici” dovrebbero essere “vigili nel riconoscere la sindrome di Guillain-Barré nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca … “le nostre osservazioni suggeriscono che questa variante clinicamente distinta [sindrome di Guillain-Barré] è più grave del solito e può richiedere la ventilazione meccanica”. 

Nel Regno Unito, gli scienziati hanno segnalato “debolezza bifacciale e normale sensazione facciale in quattro uomini tra 11 e 22 giorni dopo le loro prime dosi del vaccino Astra-Zeneca”. Un caso è stato riportato anche in un paziente che ha ricevuto il vaccino Pfizer. In India, ci sono segnalazioni di sette casi gravi di sindrome di Guillain-Barré da 10 a 14 giorni dopo la prima dose del vaccino di AstraZeneca. Sei erano donne, tutte avevano paralisi facciale, “tutte progredivano verso la quadriplegia e sei richiedevano supporto respiratorio. L’età dei pazienti variava dai 43 ai 70 anni. Quattro hanno sviluppato altre neuropatie craniche, tra cui la paralisi abducente e il coinvolgimento del nervo sensoriale trigemino.

La sindrome di Guillain-Barre è stata riportata dopo altre vaccinazioni. Si ritiene che la causa sia un danno al sistema immunitario. Il disturbo può essere estremamente grave e può portare alla paralisi totale con dipendenza dalla respirazione artificiale. Anche coloro che si riprendono possono avere gravi sprechi muscolari e potrebbero dover insegnare lentamente al corpo a reimparare la maggior parte di ogni compito normale, come camminare. Un caso su 20 è fatale.

Problemi cardiaci

Aggiornato il 24 dicembre 2021: uno studio danese ha rilevato che le persone hanno “aumentato significativamente il rischio” o l’infiammazione cardiaca dopo la vaccinazione Moderna e Pfizer Covid-19 “principalmente guidata da un aumento del rischio tra gli individui di età compresa tra 12 e 39 anni”.

Aggiornato il 14 dicembre 2021: uno studio britannico ha rilevato persone ad aumentato rischio di infiammazione cardiaca da AstraZeneca, Pfizer e Moderna.

Aggiornato il 21 novembre 2021: un’analisi presentata all’American Heart Association e pubblicata sulla rivista Cardiology avverte di un aumento “drammatico” del rischio cardiaco per la maggior parte delle persone che hanno ricevuto il vaccino a mRNA Covid-19.

Aggiornato il 14 novembre 2021: il ministro della salute di Taiwan ha annunciato la sospensione temporanea della seconda dose di vaccino Covid-19 per i bambini a causa delle preoccupazioni per l’infiammazione cardiaca della miocardite. Pfizer è il vaccino somministrato a Taiwan.

Aggiornato il 10 novembre 2021: un comitato consultivo tedesco afferma che il vaccino Moderna non dovrebbe essere usato in persone sotto i 30 anni o donne in gravidanza perché causa più casi di infiammazione cardiaca rispetto a Pfizer. Il tasso di infiammazione cardiaca di Moderna nei giovani uomini era quasi il triplo di quello riportato dopo Pfizer. Alcune autorità sanitarie hanno segnalato problemi cardiaci con entrambi i vaccini.

Aggiornato il 10 ottobre 2021: l’Islanda si unisce a Finlandia, Svezia e Danimarca nella pausa di Moderna a causa di un aumento dei problemi cardiaci come miocardite e pericardite. Mentre alcuni dei paesi stanno permettendo Moderna nelle persone di età superiore ai 30 anni, l’Islanda non ne consente affatto l’uso, al momento.

Aggiornato il 7 ottobre 2021: la Finlandia si unisce a Svezia e Danimarca nel mettere in pausa l’uso di Moderna negli uomini di età pari o inferiore a 30 anni a causa di problemi cardiaci dopo che uno studio nordico ha rilevato che gli uomini di età inferiore ai 30 anni avevano un rischio maggiore di sviluppare miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco.

Aggiornato il 6 ottobre 2021: Svezia e Danimarca hanno interrotto l’uso di Moderna nelle persone di età inferiore ai 30 anni a causa dell’aumento del rischio di lesioni cardiache come la miocardite. La Slovenia ha temporaneamente fermato Johnson & Johnson.

Aggiornato il 9 settembre 2021: il vaccino mRNA Covid-19 di Pfizer è risultato associato a un triplice aumento del rischio di miocardite, secondo uno studio caso-controllo del mondo reale da Israele. “La vaccinazione aveva una forte associazione con un aumentato rischio di miocardite e un aumento dei rischi di linfoadenopatia [gonfiore o infiammazione dei linfonodi], appendicite e infezione da herpes zoster”.

La Food and Drug Administration ha aggiunto un nuovo avvertimento ai vaccini Covid-19 di Pfizer e Moderna sul rischio di infiammazione cardiaca.

A partire da giugno 2021, il CDC ha affermato che più di 1.200 casi di infiammazione cardiaca (miocardite o pericardite) nei giovani erano stati segnalati dopo la vaccinazione Pfizer e Moderna Covid-19.

  • Più della metà erano dopo la seconda dose.
  • La maggior parte delle lesioni sono nei maschi di età inferiore ai 30 anni.

Aggiornato il 4 agosto: un nuovo studio indipendente sulle cartelle cliniche ha rilevato che l’incidenza di miocardite e pericardite è più di cinque volte più comune di quanto riportato dal CDC.

Il Ministero della Salute israeliano ha annunciato che sta monitorando l’infiammazione cardiaca dopo il vaccino di Pfizer a causa di segnalazioni di problemi.

La miocardite e altre complicanze cardiovascolari dei vaccini COVID-19 a base di mRNA [Pfizer-BioNTech, Moderna] in un certo numero di pazienti sono descritte in un articolo scientifico:

  • Due pazienti con miocardite clinicamente sospetta
  • Un paziente con cardiomiopatia da stress
  • Due pazienti con pericardite

Secondo la ricerca:

  • I due pazienti con miocardite clinicamente sospetta erano altrimenti giovani uomini sani che presentavano pressione toracica substernale acuta e / o dispnea dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino e sono stati trovati ad avere aumenti diffusi della ST sull’elettrocardiogramma (ECG), biomarcatori cardiaci elevati e marcatori infiammatori e funzione ventricolare sinistra (LV) leggermente ridotta sull’ecocardiografia. Entrambi i pazienti hanno soddisfatto i criteri di Lake Louise modificati per la miocardite acuta mediante risonanza magnetica cardiaca.
  • Un caso di cardiomiopatia da stress si è verificato in una donna di 60 anni con malattia coronarica nota (CAD) e funzione LV precedentemente normale, che ha presentato nuovi sintomi di sforzo, cambiamenti ECG e acinesi apicale dopo la seconda dose del vaccino.
  • I due pazienti con pericardite che hanno presentato dolore toracico, marcatori infiammatori elevati e versamenti pericardici dopo aver ricevuto il vaccino.

Aggiornato il 9 settembre 2021: uno studio del 10 agosto in JAMA Cardiology conferma il rischio di miocardite (infiammazione cardiaca) del vaccino Pfizer precedentemente identificato nei ragazzi giovani.

Leggi lo studio qui.

Aggiornato il 12 settembre 2021: uno studio sui vaccini Pfizer e Moderna rileva che i ragazzi adolescenti hanno sei volte più probabilità di soffrire di problemi cardiaci da vaccinazione Covid-19 che da Covid. (Tuttavia, in entrambi i casi, il rischio è considerato lieve.)

Riattivazione e morte da epatite C

Aggiornamento 3 ottobre 2021: scienziati nei Paesi Bassi riferiscono che una donna anziana ha sofferto di “riattivazione dell’infezione da epatite C dopo la vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 a base di mRNA. Questa riattivazione si è manifestata con ittero, perdita di coscienza, coma epatico e morte” suggerendo “la necessità di una considerazione critica degli individui con precedente infezione da HCV e considerati per la vaccinazione COVID-19”.

Secondo gli scienziati, “È noto per altri vaccini che possono causare la riattivazione del virus, specialmente nei pazienti immunodepressi e nei pazienti sottoposti a trattamento del cancro, ad esempio come descritto per il vaccino a subunità dell’herpes zoster”.

Infezione da Herpes Zoster

Aggiornato il 9 settembre 2021: il vaccino mRNA Covid-19 di Pfizer è risultato associato ad un aumentato rischio di infezione da herpes zoster, secondo uno studio caso-controllo del mondo reale da Israele.

Aggiornato il 3 ottobre 2021: un’analisi originale degli eventi avversi che ho condotto del Vaccine Adverse Event Reporting (VAERS) federale ha mostrato 6.339 segnalazioni relative all’herpes.

Linfadenopatia

Aggiornato il 9 settembre 2021: il vaccino mRNA Pfizer COVID-19 è risultato associato ad un aumentato rischio di linfoadenopatia, gonfiore o infiammazione dei linfonodi secondo uno studio caso-controllo del mondo reale da Israele.

Problemi di produzione

L’11 giugno, il regolatore dei farmaci dell’Unione europea ha annunciato che non utilizzerà lotti del vaccino Johnson & Johnson COVID-19 prodotti in uno stabilimento di Baltimora, nel Maryland, nel periodo in cui sono stati segnalati problemi di produzione di contaminazione incrociata presso la struttura.

Fonti anonime hanno affermato che fino a 60 milioni di dosi del vaccino Johnson and Johnson dovevano essere buttate. Ma la FDA ha rilasciato un comunicato stampa affermando che due lotti dello stabilimento di Baltimora fossero sicuri da utilizzare. La FDA ha detto che “diversi altri lotti non sono adatti all’uso, ma ulteriori lotti sono ancora in fase di revisione”.

Cambiamenti del ciclo mestruale

Aggiornato il 13 gennaio 2022: uno studio rileva che la vaccinazione influisce e ritarda i cicli mestruali delle donne.

Aggiornato il 19 settembre 2021: tutte le marche di vaccini Covid-19 sono associate a cambiamenti nei cicli mestruali delle donne, secondo uno studio britannico.

I meccanismi biologicamente plausibili che collegano la stimolazione immunitaria con i cambiamenti mestruali includono influenze immunologiche sugli ormoni che guidano il ciclo mestruale o effetti mediati dalle cellule immunitarie nel rivestimento dell’utero, che sono coinvolte nell’accumulo ciclico e nella rottura di questo tessuto. La ricerca che esplora una possibile associazione tra vaccini covid-19 e cambiamenti mestruali può aiutare a capire il meccanismo.

Cambiamenti mestruali dopo la vaccinazione covid-19

Donne incinte

Diversi stati brasiliani hanno sospeso l’uso del vaccino Covid-19 di AstraZeneca per le donne incinte nel maggio 2021 dopo che una donna incinta è morta dopo essere stata vaccinata. Le decisioni seguono la raccomandazione dell’Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria del paese, che ha raccomandato la “sospensione immediata” del vaccino AstraZeneca Covid-19 per le donne in gravidanza dopo i risultati del monitoraggio degli eventi avversi del vaccino nel paese.

Il CDC afferma che con dati limitati sull’impatto del vaccino Covid-19 nelle donne in gravidanza e sui loro bambini non ancora nati, la decisione se vaccinare durante la gravidanza è una decisione individuale da prendere tra una donna e il suo medico.

Aggiornato il 23 ottobre 2021: uno studio sul vaccino AstraZeneca, rileva un tasso di natalità pretermine del 30% per le donne in gravidanza rispetto allo 0% nel gruppo di controllo.

Vaccinati (colonna di sinistra) vs. Controllo (colonna di destra)

Precedentemente infettato

Il CDC ha falsamente affermato che gli studi hanno dimostrato che i vaccini Covid-19 siano efficaci per coloro che avevano già Covid-19. In realtà, gli studi hanno dimostrato il contrario.

Immunità calante, infezioni rivoluzionarie

Leggi: “Pandemia dei vaccinati”

Aggiornamento 13 gennaio 2022: i regolatori dell’Unione europea hanno avvertito che “frequenti richiami Covid-19 potrebbero influire negativamente sul sistema immunitario e potrebbero non essere fattibili”. L’agenzia ha detto che “ripetere le dosi di richiamo ogni quattro mesi potrebbe alla fine indebolire il sistema immunitario e stancare le persone”. La preoccupazione sorge quando più dati rivelano che i vaccini Covid-19 non forniscono una protezione efficace contro l’infezione e la diffusione del Covid oltre un breve periodo di tempo.

Aggiornamento del 7 novembre 2021: uno studio statunitense rileva dopo 6 mesi. L’efficacia del vaccino Moderna scende al 60%. Pfizer scende al 49%. J&J scende al 13%. Lo scorso anno, il Dr. Hahn della FDA ha dichiarato che la FDA non avrebbe autorizzato vaccini che non fossero efficaci almeno al 50%.

Aggiornamento 30 ottobre 2021: uno studio del Regno Unito rileva che “il tasso di attacco secondario domestico per l’infezione delta, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, era del 26%” e “la carica virale di picco non differiva dallo stato di vaccinazione”.

Aggiornamento 29 ottobre 2021: a differenza dell’immunità naturale, i dati israeliani confermano che la protezione del vaccino Pfizer è svanita in pochi mesi in tutte le fasce d’età.

Aggiornamento 13 ottobre 2021: i dati del Regno Unito rilevano che i vaccini sono “altamente efficaci”, ma l’efficacia diminuisce dopo appena 3-4 mesi.

Aggiornamento 8 ottobre 2021: uno studio sugli operatori sanitari in Vietnam ha rilevato che le persone vaccinate infette da Delta Covid-19 portano “cariche virali insolitamente elevate” nelle narici che sono “251 volte superiori” alla norma. Lo studio ha affermato che durante un periodo in cui i pazienti vaccinati sono infetti ma non lo sanno ancora, potrebbero essere responsabili di una maggiore diffusione ad altri vaccinati o non vaccinati. I soggetti erano stati completamente vaccinati con il vaccino di AstraZeneca.

Israele ha annunciato che circa la metà degli adulti infetti da Covid-19 durante la sua epidemia nel periodo di giugno 2021 sono stati completamente vaccinati. Gli individui completamente vaccinati avevano ricevuto Pfizer.

Secondo Epoch Times, nel giugno 2021 quasi 4.000 persone completamente vaccinate in Massachusetts sono risultate positive al Covid-19. Il 30 aprile, “il CDC ha riferito che circa 10.626 casi di svolta sono stati segnalati in 46 stati e territori”. Casi rivoluzionari sono quelli in cui le persone completamente vaccinate finiscono di nuovo infettate da Covid-19.

Gli scienziati speravano che i vaccini Covid-19 sarebbero stati efficaci nelle varianti di Covid-19, che sono mutazioni che si verificano naturalmente con i virus e sono sempre state attese con Covid-19. Tuttavia, l’efficacia del vaccino contro le varianti può essere limitata. CDC e produttori di vaccini stanno studiando il panorama medico per saperne di più.

Altri stati, come il Maine, stanno notando decessi per Covid-19 che si verificano in persone completamente vaccinate.

Aggiornamento 24 agosto 2021: con prove di immunità in grave calo a cinque-sei mesi, il CDC sta ora raccomandando un terzo “richiamo”. In Israele, altamente vaccinato, riconoscendo che la vaccinazione probabilmente non conferisce protezione oltre pochi mesi, il paese ha reinventato i suoi passaporti vaccinali. Si applicheranno solo alle persone che hanno avuto tre dosi e saranno validi solo per un periodo di tempo di sei mesi.

Aggiornamento 10 settembre 2021: un’analisi dei dati in Israele, che ha uno dei più alti livelli di vaccinazione Covid-19 al mondo, ha mostrato che quasi il 60% di quelli ricoverati in ospedale per Covid erano completamente vaccinati. “Questo è un segnale di avvertimento molto chiaro per il resto del mondo”, ha dichiarato Ran Balicer, CIO di Clalit Health Services, la più grande organizzazione israeliana sanitaria. “Se può accadere qui, probabilmente può accadere ovunque”. Il vaccino Pfizer viene somministrato in Israele.

Aggiornamento 4 ottobre 2021: uno studio condotto da scienziati universitari e NIH negli Stati Uniti rileva che gli anticorpi del vaccino Pfizer scompaiono dopo circa 7 mesi in molti pazienti.

Riepilogo per paese

Austria: Vietati alcuni “lotti” di AstraZeneca.

Brasile: Diversi stati brasiliani hanno sospeso l’uso del vaccino Covid-19 di AstraZeneca per le donne incinte nel maggio 2021 dopo che una donna incinta è morta dopo essere stata vaccinata. Le decisioni seguono la raccomandazione dell’Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria del paese, che ha raccomandato la “sospensione immediata” del vaccino AstraZeneca Covid-19 per le donne in gravidanza dopo i risultati del monitoraggio degli eventi avversi del vaccino nel paese.

Aggiornato il 23 ottobre 2021: uno studio sul vaccino AstraZeneca rileva un tasso di natalità pretermine del 30% per le donne in gravidanza rispetto allo 0% nel gruppo di controllo. (Lo studio è stato condotto su donne in Brasile, Regno Unito e S. Africa)

Bulgaria: Bulgaria, Islanda e Norvegia hanno interrotto i vaccini di AstraZeneca per un certo periodo a causa di problemi di sangue o impatto sulla fragilità. L’Islanda, e forse altri, lo hanno ripristinato nelle persone di età superiore ai 70 anni e, forse, in alcune di età superiore ai 60 anni.

Danimarca: aggiornato il 24 dicembre 2021: uno studio danese ha rilevato che le persone hanno “aumentato significativamente il rischio” o l’infiammazione cardiaca dopo la vaccinazione Moderna e Pfizer Covid-19 “principalmente guidata da un aumento del rischio tra gli individui di età compresa tra 12 e 39 anni”.

Ho smesso di usare il vaccino AstraZeneca Covid-19 e il vaccino Johnson and Johnson del tutto dopo le indagini sui coaguli di sangue.

Aggiornato il 6 ottobre 2021: Svezia e Danimarca hanno interrotto l’uso di Moderna nelle persone di età inferiore ai 30 anni a causa dell’aumento del rischio di lesioni cardiache come la miocardite.

Unione europea: aggiornamento del 20 gennaio 2022: i consulenti europei hanno raccomandato di aggiungere avvertenze sulla mielite trasversa, un grave disturbo neurologico da infiammazione spinale che può paralizzare, ai vaccini Covid-19 di Johnson & Johnson e AstraZeneca.

Aggiornato il 13 novembre 2021: l’Agenzia europea per i medicinali ha annunciato una revisione del vaccino Moderna e un possibile collegamento con la sindrome da perdita capillare, “una malattia rara che coinvolge ripetute perdite di grandi quantità di plasma dai vasi sanguigni nelle cavità corporee e nei muscoli vicini. La condizione, nota come malattia di Clarkson, può provocare un forte calo della pressione sanguigna che può portare a insufficienza d’organo o addirittura alla morte.

All’inizio dell’anno, l’EMA ha richiesto l’aggiunta della sindrome da perdita capillare all’etichetta di avvertimento del vaccino Covid-19 di AstraZeneca .

3 ottobre 2021: l’Agenzia europea per i medicinali ha raccomandato che la coagulazione del sangue nelle vene profonde e la trombocitopenia immunitaria (ITP), un disturbo emorragico causato dal corpo che attacca erroneamente le piastrine, siano aggiunte come reazioni avverse al vaccino Johnson and Johnson. Il disturbo ITP è anche legato ai vaccini AstraZeneca Covid-19, che non sono attualmente utilizzati negli Stati Uniti.

22 luglio 2021: l’Unione europea ha aggiunto la sindrome di Guillain-Barré, una malattia da paralisi autoimmune, come possibile effetto collaterale del vaccino Covid-19 di Johnson and Johnson.

Il vaccino AstraZeneca Covid-19 è stato collegato a un pericoloso disturbo che coinvolge coaguli di sangue con piastrine basse nel sangue. Il 7 aprile 2021, l’Agenzia europea per i medicinali afferma di aver fatto l’associazione dopo aver analizzato 62 casi di trombosi del seno venoso cerebrale e 24 casi di trombosi venosa splancnica segnalati nel database sulla sicurezza dei farmaci dell’UE (EudraVigilance) al 22 marzo 2021, 18 dei quali erano fatali.

L’11 giugno, il regolatore dei farmaci dell’Unione europea ha annunciato che non utilizzerà lotti del vaccino Johnson & Johnson COVID-19 prodotti in uno stabilimento di Baltimora,nel Maryland, nel periodo in cui sono stati segnalati problemi di produzione di contaminazione incrociata presso la struttura.

Diversi paesi europei hanno smesso di somministrare il vaccino AstraZeneca COVID-19 a persone al di sotto di una certa età, di solito dai 50 ai 65 anni.

Numerosi casi clinici di paralisi della sindrome di Guillain-Barre dopo il vaccino Covid-19 hanno spinto gli scienziati ad avvertire che “tutti i medici” dovrebbero essere “vigili nel riconoscere la sindrome di Guillain-Barré nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca … le nostre osservazioni suggeriscono che questa variante clinicamente distinta [sindrome di Guillain-Barré] è più grave del solito e può richiedere la ventilazione meccanica”. Nel Regno Unito,gli scienziati hanno segnalato “debolezza bifacciale e normale sensazione facciale in quattro uomini tra 11 e 22 giorni dopo le loro prime dosi del vaccino Astra-Zeneca”. Un caso è stato riportato anche in un paziente che ha ricevuto il vaccino Pfizer. In India, ci sono segnalazioni di sette casi gravi di sindrome di Guillain-Barré da 10 a 14 giorni dopo la prima dose del vaccino di AstraZeneca. Sei erano donne, tutte avevano paralisi facciale, “tutte progredivano verso la quadriplegia e sei richiedevano supporto respiratorio. L’età dei pazienti variava dai 43 ai 70 anni. Quattro hanno sviluppato altre neuropatie craniche, tra cui la paralisi abducente e il coinvolgimento del nervo sensoriale trigemino.

La sindrome di Guillain-Barre è stata riportata dopo altre vaccinazioni. Si ritiene che la causa sia un danno al sistema immunitario. Il disturbo può essere estremamente grave e può portare alla paralisi totale con dipendenza dalla respirazione artificiale. Anche coloro che si riprendono possono avere gravi sprechi muscolari e potrebbero dover insegnare lentamente al corpo a reimparare la maggior parte di ogni compito normale, come camminare. Un caso su 20 è fatale.

Finlandia: Aggiornato il 7 ottobre 2021: la Finlandia si unisce a Svezia e Danimarca nel mettere in pausa l’uso di Moderna negli uomini di età pari o inferiore a 30 anni a causa di problemi cardiaci dopo che uno studio nordico ha rilevato che gli uomini di età inferiore ai 30 anni avevano un rischio maggiore di sviluppare miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco.

Hong-Kong:Aggiornato il 17 agosto: Un’analisi a Hong Kong mostra che il rischio di paralisi di Bell è più alto con CoronaVac (Sinovac Biotech) ossia  paralisi facciale, con contrazioni muscolari o debolezza. Può includere cambiamenti nel gusto e dolore intorno all’orecchio, maggiore sensibilità al suono noto come iperacusia. Un’analisi degli eventi avversi dei rapporti statunitensi mostra 4.154 paralisi di Bell dopo la vaccinazione Covid-19.

Islanda: Ha interrotto i vaccini AstraZeneca a causa di problemi di sangue a marzo, quindi lo ha ripristinato per le persone di età superiore ai 70 anni e forse alcune di età superiore ai 60 anni.

Aggiornato il 10 ottobre 2021: l’Islanda si unisce a Finlandia, Svezia e Danimarca nella pausa di Moderna a causa di un aumento dei problemi cardiaci come miocardite e pericardite. Mentre alcuni dei paesi stanno permettendo Moderna nelle persone di età superiore ai 30 anni, l’Islanda non ne consente affatto l’uso, al momento.

India: Numerosi casi clinici di paralisi della sindrome di Guillain-Barre dopo il vaccino Covid-19 hanno spinto gli scienziati ad avvertire che “tutti i medici” dovrebbero essere “vigili nel riconoscere la sindrome di Guillain-Barré nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca … le nostre osservazioni suggeriscono che questa variante clinicamente distinta [sindrome di Guillain-Barré] è più grave del solito e può richiedere la ventilazione meccanica”. Nel Regno Unito, gli scienziati hanno segnalato “debolezza bifacciale e normale sensazione facciale in quattro uomini tra 11 e 22 giorni dopo le loro prime dosi del vaccino Astra-Zeneca”. Un caso è stato riportato anche in un paziente che ha ricevuto il vaccino Pfizer. In India, ci sono segnalazioni di sette casi gravi di sindrome di Guillain-Barré da 10 a 14 giorni dopo la prima dose del vaccino di AstraZeneca. Sei erano donne, tutte avevano paralisi facciale, “tutte progredivano verso la quadriplegia e sei richiedevano supporto respiratorio. L’età dei pazienti variava dai 43 ai 70 anni. Quattro hanno sviluppato altre neuropatie craniche, tra cui la paralisi abducente e il coinvolgimento del nervo sensoriale trigemino.

La sindrome di Guillain-Barre è stata riportata dopo altre vaccinazioni. Si ritiene che la causa sia un danno al sistema immunitario. Il disturbo può essere estremamente grave e può portare alla paralisi totale con dipendenza dalla respirazione artificiale. Anche coloro che si riprendono possono avere gravi sprechi muscolari e potrebbero dover insegnare lentamente al corpo a reimparare la maggior parte di ogni compito normale, come camminare. Un caso su 20 è fatale.

Israele: Il Ministero della Salute israeliano ha annunciato che sta monitorando l’infiammazione cardiaca dopo il vaccino di Pfizer a causa di segnalazioni di problemi.

Ha annunciato che circa la metà degli adulti infetti da Covid-19 durante la sua epidemia nel periodo di tempo di giugno 2021 sono stati completamente vaccinati. Gli individui completamente vaccinati avevano ottenuto i vaccini Pfizer.

Aggiornamento 24 agosto 2021: In Israele altamente vaccinato, il riconoscimento che la vaccinazione probabilmente non conferisce protezione oltre pochi mesi, il paese ha reinventato i suoi passaporti vaccinali. Si applicheranno solo alle persone che hanno avuto tre dosi e saranno validi solo per un periodo di tempo di sei mesi.

Aggiornato il 9 settembre 2021: il vaccino mRNA Covid-19 di Pfizer è risultato associato a un rischio triplicato di miocardite, secondo uno studio caso-controllo reale di Israele. “La vaccinazione aveva una forte associazione con un aumentato rischio di miocardite e un aumento dei rischi di linfoadenopatia [gonfiore o infiammazione dei linfonodi], appendicite e infezione da herpes zoster”.

Italia: Vaccino AstraZeneca Covid-19 limitato agli adulti di età superiore ai 60 anni dopo che un’adolescente che ha ricevuto il vaccino è morta per una rara forma di coagulazione del sangue. La diciottenne Camilla Canepa è morta dopo essere stata vaccinata il 25 maggio 2021.

Vietati alcuni “lotti” di AstraZeneca.

Messico: Studi in Messico e Turchia collegano il disturbo autoimmune della tiroide Malattia di Graves alla vaccinazione Covid-19 in numerose operatrici sanitarie, tra cui due che allattavano al seno. Pfizer-BioNTech è stato il vaccino somministrato in Messico. Un vaccino cinese è stato somministrato in Turchia. Leggi di più al link qui.

Norvegia: Fermi i vaccini AstraZeneca. Uso avvertito del vaccino in “pazienti anziani molto fragili” dopo quasi due dozzine di morti.

“C’è la possibilità che queste reazioni avverse comuni, che non sono pericolose nei pazienti più in forma e più giovani e non sono insolite con i vaccini, possano aggravare la malattia di base negli anziani”, ha dichiarato Steinar Madsen, direttore medico dell’Agenzia norvegese per i medicinali.

Romania: Vietati alcuni “lotti” di AstraZeneca.

Slovenia: Aggiornato il 6 ottobre 2021: la Slovenia ha temporaneamente interrotto Johnson & Johnson dopo la morte per ictus di una donna di 20 anni.

Sudafrica: Aggiornato il 23 ottobre 2021: uno studio sul vaccino AstraZeneca rileva un tasso di natalità pretermine del 30% per le donne in gravidanza rispetto allo 0% nel gruppo di controllo. (Studio condotto su donne in S. Africa, Regno Unito e Brasile.)

Spagna: Il vaccino AstraZeneca è stato limitato nelle persone di età inferiore ai 60 anni a causa di segnalazioni di coaguli di sangue nelle persone più giovani.

Svezia:i funzionari sanitari hanno stabilito che le persone di età inferiore ai 65 anni non dovrebbero ricevere il vaccino Johnson and Johnson a causa di segnalazioni di coaguli di sangue.

Aggiornato il 6 ottobre 2021: Svezia e Danimarca hanno interrotto l’uso di Moderna nelle persone di età inferiore ai 30 anni a causa dell’aumento del rischio di lesioni cardiache come la miocardite.

Taiwan: Aggiornato il 14 novembre 2021: il ministro della salute di Taiwan ha annunciato la sospensione temporanea della seconda dose di vaccino Covid-19 per i bambini a causa delle preoccupazioni per l’infiammazione cardiaca della miocardite. Pfizer è il vaccino somministrato a Taiwan.

Turchia: Studi in Messico e Turchia collegano il disturbo autoimmune della tiroide Malattia di Graves alla vaccinazione Covid-19 in numerose operatrici sanitarie, tra cui due che stavano allattando al seno. Pfizer-BioNTech è stato il vaccino somministrato in Messico. Un vaccino cinese è stato somministrato in Turchia. Leggi di più al link qui.

Regno Unito:aggiornato il 14 dicembre 2021: uno studio britannico ha rilevato che le persone ad aumentato rischio di infiammazione cardiaca da AstraZeneca, Pfizer e Moderna.

Aggiornamento 30 ottobre 2021: uno studio del Regno Unito rileva che “il tasso di attacco secondario domestico per l’infezione delta, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, era del 26%” e “la carica virale di picco non differiva dallo stato di vaccinazione”.

Aggiornamento 13 ottobre 2021: i dati del Regno Unito rilevano che i vaccini sono “altamente efficaci”, ma l’efficacia diminuisce dopo appena 3-4 mesi.

Aggiornamento 23 ottobre 2021: uno studio sul vaccino AstraZeneca rileva un tasso di natalità pretermine del 30% per le donne in gravidanza rispetto allo 0% nel gruppo di controllo (tra le donne in Africa meridionale, Brasile e Regno Unito)

Letture e studi aggiuntivi

Uno studio rileva che la vaccinazione influisce e ritarda i periodi delle donne.

Un’analisi del CDC rileva un aumento del rischio di paralisi di Guillain Barre dopo la vaccinazione Covid, dicembre 2021

Un’analisi presentata all’American Heart Association e pubblicata sulla rivista Cardiology avverte di un aumento “drammatico” del rischio cardiaco per la maggior parte delle persone che hanno ricevuto il vaccino a RNA Covid-19.

Uno studio statunitense rileva un drastico calo dell’immunità per tutti e 3 i vaccini dopo 6 mesi: protezione del vaccino SARS-CoV-2 e decessi tra i veterani statunitensi nel corso del 2021

Uno studio britannico non rileva alcuna differenza nella carica virale di picco tra vaccinati e non vaccinati, 28 ottobre 2021: https://www.thelancet.com/action/showPdf?pii=S1473-3099%2821%2900648-4

I dati israeliani confermano che l’immunità vacinale di Pfizer svanisce dopo pochi mesi in tutte le fasce d’età, 27 ottobre 2021: immunità calante dopo il vaccino BNT162b2 in Israele

Durata delle risposte immunitarie al vaccino mRNA BNT162b2, 30 settembre 2021: https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2021.09.30.462488v1.article-info

Ulteriori casi di studio di miocardite nelle persone dopo i vaccini Pfizer e Moderna Covid-19, 18 agosto 2021. Disponibile da: https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMc2109975

Trasmissione della variante Delta SARS-CoV-2 tra gli operatori sanitari vaccinati, Vietnam, 10 agosto 2021. Disponibile da: https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=3897733

Zuckerman DM. Autorizzazioni all’uso di emergenza (EUA) contro l’approvazione della FDA: implicazioni per COVID-19 e salute pubblica. Am J Sanità pubblica [Internet]. 2021 Giugno;111(6):1065–9. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.2105/AJPH.2021.306273

Food and Drug Administration. Sviluppo e concessione di licenze di vaccini per prevenire COVID-19: guida per l’industria [Internet]. 2020 [citato 6 ottobre 2020]. Disponibile da: https://www.fda.gov/media/139638/download 

Food and Drug Administration. Documento informativo della FDA. Janssen Ad26.COV2.S Vaccino per la prevenzione di COVID-19 [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.fda.gov/media/146217/download 

CDC. Rischio di infezione da COVID-19, ospedalizzazione e morte per fascia di età [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/covid- data/investigations-discovery/hospitalization-death-by-age.html 

CDC. Scenari di pianificazione della pandemia COVID-19 [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile
da:https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/planning-scenarios.html

CDC. Carico di malattia stimato di COVID-19 [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile
da:https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/cases-updates/burden.html

Dan JM, Mateus J, Kato Y, Hastie KM, Yu ED, Faliti CE, et al. Memoria immunologica a SARS-CoV-2 valutata fino a 8 mesi dopo l’infezione. Scienza [Internet]. 2021 Febbraio 5;371(6529). Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1126/science.abf4063 

Turner JS, Kim W, Kalaidina E, Goss CW, Rauseo AM, Schmitz AJ, et al. L’infezione da SARS-CoV-2 induce plasmacellule del midollo osseo longeve negli esseri umani. Natura [Internet]. 24 maggio 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1038/s41586-021-03647-4

Breton G, Mendoza P, Hagglof T, Oliveira TY, Schaefer-Babajew D, Gaebler C, et al. Immunità cellulare persistente all’infezione da SARS-CoV-2. bioRxiv [Internet]. 9 dicembre 2020; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1101/2020.12.08.416636 

Hall VJ, Foulkes S, Charlett A, Atti A, Monk EJM, Simmons R, et al. Tassi di infezione da SARS-CoV-2 di anticorpi positivi rispetto agli operatori sanitari negativi agli anticorpi in Inghilterra: un ampio, multicentrico, studio prospettico di coorte (SIREN). Lancet [Internet]. 17 aprile 2021;397(10283):1459–69. Disponibile dal: http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(21)00675-9

Krammer F, Srivastava K, Simon V, il team PARIS. Robuste risposte anticorpali spike e aumento della reattogenicità in individui sieropositivi dopo una singola dose di vaccino mRNA SARS-CoV-2 [Internet]. bioRxiv. medRxiv; 2021. Disponibile da: http://medrxiv.org/lookup/doi/10.1101/2021.01.29.21250653

Samanovic MI, Cornelius AR, Wilson JP, Karmacharya T, Gray-Gaillard SL, Allen JR, et al. Scarse risposte antigene-specifiche alla seconda dose di vaccino mRNA BNT162b2 in individui con esperienza di SARS-CoV-2. medRxiv [Internet]. 9 febbraio 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1101/2021.02.07.21251311

Camara C, Lozano-Ojalvo D, Lopez-Granados E, Paz-Artal E, Pion M, Correa-Rocha R, et al. Effetti differenziali della seconda dose di vaccino mRNA SARS-CoV-2 sull’immunità delle cellule T in individui naïve e guariti da COVID-19 [Internet]. bioRxiv. 2021 [citato 28 maggio 2021]. S. 22.03.2021.436441. Disponibile da: https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2021.03.22.436441v1

Levi R, Azzolini E, Pozzi C, Ubaldi L, Lagioia M, Mantovani A, et al. Una nota cautelativa sulla vaccinazione di richiamo nei soggetti ex-COVID-19 [Internet]. bioRxiv. medRxiv; 2021. Disponibile da: http://medrxiv.org/lookup/doi/10.1101/2021.02.01.21250923 

Ogata AF, Cheng C-A, Desjardins M, Senussi Y, Sherman AC, Powell M, et al. Antigene circolante del vaccino SARS-CoV-2 rilevato nel plasma dei destinatari del vaccino mRNA-1273. Clin Infect Dis [Internet]. 20 maggio 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1093/cid/ciab465 

Kuba K, Imai Y, Rao S, Gao H, Guo F, Guan B, et al. Un ruolo cruciale dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) nel danno polmonare indotto dal coronavirus SARS. Nat Med [Internet]. 2005 Agosto;11(8):875–9. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1038/nm1267 

Patra T, Meyer K, Geerling L, Isbell TS, Hoft DF, Brien J, et al. La proteina spike SARS-CoV-2 promuove la trans-segnalazione IL-6 mediante l’attivazione della segnalazione del recettore dell’angiotensina II nelle cellule epiteliali. PLoS Pathog [Internet]. 2020 Dicembre;16(12):e1009128. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1371/journal.ppat.1009128

Zhang S, Liu Y, Wang X, Yang L, Li H, Wang Y, et al. SARS-CoV-2 lega l’ACE2 piastrinico per migliorare la trombosi in COVID-19. J Hematol Oncol [Internet]. 2020 Settembre 4;13(1):120. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1186/s13045-020-00954-7

Suresh SJ, Suzuki YJ. Proteina Spike SARS-CoV-2 e cellule vascolari polmonari. Giornale di respirazione [Internet]. 31 dicembre 2020 [citato il 25 maggio 2021];1(1):40–8. Disponibile da: https://www.mdpi.com/2673-527X/1/1/4 

Angeli F, Spanevello A, Reboldi G, Visca D, Verdecchia P. Vaccini SARS-CoV-2: luci e ombre. Eur J Intern Med [Internet]. 30 aprile 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.ejim.2021.04.019 

Han M, Pandey D. ZMPSTE24 regola l’espressione potenziata dalla proteina Spike SARS-CoV-2 dell’inibitore dell’attivatore del plasminogeno endoteliale-1. Am J Respir Cell Mol Biol [Internet]. 18 maggio 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1165/rcmb.2020-0544OC 

Rhea EM, Logsdon AF, Hansen KM, Williams LM, Reed MJ, Baumann KK, et al. La proteina S1 di SARS-CoV-2 attraversa la barriera emato-encefalica nei topi. Nat Neurosci [Internet]. 2021 Marzo;24(3):368–78. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1038/s41593-020-00771-8 

Idrees D, Kumar V. Interazioni della proteina spike SARS-CoV-2 con proteine amiloidogeniche: potenziali indizi sulla neurodegenerazione. Biochem Biophys Res Commun [Internet]. 21 maggio 2021;554:94–8. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.bbrc.2021.03.100

Lei Y, Zhang J, Schiavon CR, He M, Chen L, Shen H, et al. SARS-CoV-2 Spike Protein compromette la funzione endoteliale attraverso la downregulation di ACE 2. Circ Res [Internet]. 30 aprile 2021;128(9):1323–6. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1161/CIRCRESAHA.121.318902

Zhang L, Richards A, Barrasa MI, Hughes SH, Young RA, Jaenisch R. L’RNA SARS-CoV-2 trascritto inversamente può integrarsi nel genoma delle cellule umane in coltura e può essere espresso nei tessuti derivati dal paziente. Proc Natl Acad Sci U S A [Internet]. 2021 Maggio 25;118(21). Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1073/pnas.2105968118 

Suzuki YJ, Nikolaienko SI, Dibrova VA, Dibrova YV, Vasylyk VM, Novikov MY, et al. SARS-CoV-2 spike protein-mediated cell signaling in lung vascular cells. Vascul Pharmacol [Internet]. 2021 Aprile;137:106823. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.vph.2020.106823

Suzuki YJ, Gychka SG. SARS-CoV-2 Spike Protein Elicits Cell Signaling in Human Host Cells: Implications for Possible Consequences of COVID-19 Vaccines. Vaccini (Basilea) [Internet]. 2021 Gennaio 11;9(1). Disponibile da: http://dx.doi.org/10.3390/vaccines9010036 

Ogata AF, Maley AM, Wu C, Gilboa T, Norman M, Lazarovits R, et al. Profilazione seriale ultrasensibile di antigeni e anticorpi SARS-CoV-2 nel plasma per comprendere la progressione della malattia nei pazienti COVID-19 con malattia grave. Clin Chem [Internet]. 8 settembre 2020; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1093/clinchem/hvaa213 

Kloc M, Uosef A, Kubiak JZ, Ghobrial RM. Exaptation of Retroviral Syncytin for Development of Syncytialized Placenta, Its Limited Homology to the SARS-CoV-2 Spike Protein and Arguments against Disturbing Narrative in the Context of COVID-19 Vaccination. Biologia [Internet]. 2021 Mar 19;10(3). Disponibile da: http://dx.doi.org/10.3390/biology10030238

Khan I, Hatiboglu MA. Covid-19 può indurre la tumorogenesi del glioma attraverso il legame dei recettori cellulari? Med Hypotheses [Internet]. 2020 Novembre;144:110009. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.mehy.2020.110009 

Singh N, Bharara Singh A. La subunità S2 di SARS-nCoV-2 interagisce con la proteina oncosoppressore p53 e BRCA: uno studio in silico. Transl Oncol [Internet]. 2020 Ottobre;13(10):100814. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.tranon.2020.100814 

Madla CM, Gavins FKH, Merchant H, Orlu M, Murdan S, Basit AW. Parliamo di sesso: differenze nella terapia farmacologica nei maschi e nelle femmine. Adv Drug Deliv Rev [Internet]. 17 maggio 2021; Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1016/j.addr.2021.05.014

Agenzia europea per i medicinali. Rapporto di valutazione. Comirnaty (vaccino mRNA COVID-19 (nucleoside- modificato)), EMA/707383/2020 Corr.1 [Internet]. 2021 Feb [citato 2021 Apr 13]. Disponibile da: https://www.ema.europa.eu/en/documents/assessment-report/comirnaty-epar-public- assessment-report_en.pdf#page=45

Agenzia europea per i medicinali. Rapporto di valutazione. Vaccino COVID-19 Moderna (vaccino mRNA COVID-19 (nucleoside-modificato)), EMA/15689/2021 Corr.1 [Internet]. 2021 Mar [citato 2021 Apr 13]. Disponibile da: https://www.ema.europa.eu/en/documents/assessment-report/covid-19-vaccine- moderna-epar-public-assessment-report_en.pdf#page=47 

Agenzia europea per i medicinali. Rapporto di valutazione. Vaccino COVID-19 Janssen, EMA/158424/2021 [Internet]. 2021 Mar [citato 2021 Apr 13]. Disponibile da: https://www.ema.europa.eu/en/documents/assessment-report/covid-19-vaccine-janssen-epar- public-assessment-report_en.pdf#page=50 

Pfizer. Vaccino SARS-CoV- 2 mRNA (BNT162, PF-07302048) 2.6.4 Yakubutsu dōtai shiken no gaiyō bun [riassunto degli studi di farmacocinetica] [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.pmda.go.jp/drugs/2021/P20210212001/672212000_30300AMX00231_I100_1.pdf#pa ge=16

CDC. Eventi avversi selezionati segnalati dopo la vaccinazione COVID-19 [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/vaccines/safety/adverse- eventi.html

Doshi P. Risposta della FDA al BMJ sulle segnalazioni di morte dopo la vaccinazione covid-19 [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.bmj.com/content/372/bmj.n149/rr-25 

Wyller TB, Kittang BR, Ranhoff AH, Harg P, Myrstad M. Decessi in case di cura dopo la vaccinazione COVID-19. Tidsskr Nor Laegeforen [Internet]. 2021 Maggio 20;141. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.4045/tidsskr.21.0383 

Torjesen I. Covid-19: il vaccino Pfizer-BioNTech è “probabilmente” responsabile della morte di alcuni pazienti anziani, secondo i risultati della revisione norvegese. BMJ [Internet]. 27 maggio 2021 [citato 28 maggio 2021];373. Disponibile da: https://www.bmj.com/content/373/bmj.n1372

Food and Drug Administration. Aggiornamento Coronavirus (COVID-19): FDA rilascia politiche per guidare gli sviluppatori di prodotti medici che affrontano le varianti di virus [Internet]. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/coronavirus-covid-19- update-fda-issues-policies-guide-medical-product-developers-addressing-virus 

Owens C. I richiami vaccinali potrebbero essere necessari già a settembre [Internet]. Axios. 2021 [citato 28 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.axios.com/coronavirus-vaccines-boosters-pfizer- moderna-e8d6bed6-8238-4e52-9959-ca4c6a6e0d5a.html 

Polack FP, Thomas SJ, Kitchin N, Absalon J, Gurtman A, Lockhart S, et al. Sicurezza ed efficacia del vaccino BNT162b2 mRNA Covid-19. N Engl J Med [Internet]. 31 dicembre 2020;383(27):2603–15. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1056/NEJMoa2034577 

Baden LR, El Sahly HM, Essink B, Kotloff K, Frey S, Novak R, et al. Efficacia e sicurezza del vaccino mRNA-1273 SARS-CoV-2. N Engl J Med [Internet]. 2021 Febbraio 4;384(5):403–16. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1056/NEJMoa2035389 

Thacker PD. Covid-19: Quanto erano indipendenti i comitati consultivi sui vaccini statunitensi e britannici? BMJ [Internet]. 2021 Maggio 26;373:n1283. Disponibile da: http://dx.doi.org/10.1136/bmj.n1283 

Moderna. SARS-CoV- 2 mRNA Vaccine (Moderna) 2.6.4 Yakubutsu dōtai shiken no gaiyō bun [riassunto degli studi di farmacocinetica] [Internet]. 2021 [citato 29 maggio 2021]. Disponibile da: https://www.pmda.go.jp/drugs/2021/P20210519003/400256000_30300AMX00266_I100_1.pdf#pa ge=7

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il cardiologo pediatrico afferma che gli obblighi vaccinali possono uccidere i bambini, portare a “morte cardiaca improvvisa”

Read Next

Le cose importanti da sapere sul Covid-19 oggi, 23 gennaio 2022.