• Dicembre 10, 2022

Rischio di miocardite dopo la vaccinazione a mRNA superiore al rischio di infezione da COVID- nuovo studio

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un nuovo studio pubblicato il 25 dicembre mostra che l’incidenza della miocardite tra i maschi vaccinati con meno di 40 anni vaccinati con mRNA è maggiore di quella indotta dal Covid stesso.

Guy Hatchard PhD è stato precedentemente senior manager presso Genetic ID, ha esperienza nell’interpretazione dei dati.

Uno studio in prestampa del 25 dicembre 2021 che analizza i dati di 42.000.000 di casi nel Regno Unito, rileva che il rischio di sviluppare miocardite tra i giovani maschi dopo la vaccinazione a mRNA è maggiore del rischio di sviluppare miocardite dopo l’infezione da Covid. Il rischio di miocardite è ulteriormente elevato a seguito di una dose di richiamo Pfizer. Questa scoperta è contraria alla narrativa che viene presentata dai media e dal Ministero della Salute. Mostra che l’attuale politica di vaccinazione per gli individui fino a 40 anni è imperfetta dal punto di vista della sicurezza.

Il rispettato ricercatore statunitense sul cancro Vinay Prasad, che di solito presenta una posizione pro-vaccinazione, blogga:

“Questi risultati dissipano chiaramente la disinformazione online: Sì, mi dispiace dirlo, ma i vaccini possono dare rischi di miocardite CHE SUPERANO i rischi di miocardite da infezione. Per favore, smettiamola di dire il contrario”.

Egli commenta inoltre:

Forse è per questo che Marion Gruber e Phil Krause, direttore e vicedirettore dei prodotti vaccinali presso la FDA, si sono dimessi: non volevano far parte della politica di vaccinazione imperfetta degli Stati Uniti che non riesce a minimizzare i danni.

Vinay Prasad afferma inoltre che i dati mostrano che è altamente probabile che la fascia di età 16-24 anni abbia un rischio ancora più elevato.

Questo preprint è supportato da Health Data Research UK ed è stato pubblicato in risposta a discussioni scientifiche derivanti da un altro studio pubblicato il 14 dicembre sul prestigioso Nature Medicine.

Il preprint chiarisce e quantifica le conclusioni raggiunte in questo documento che sono critiche nei confronti delle politiche di vaccinazione.

È molto importante a questo punto che i media prendano nota dell’evoluzione della scienza sulla sicurezza del vaccino a mRNA. È impossibile mantenere questa narrazione pubblica con un certo grado di onestà. Spetta ora ai media farsi avanti e presentare una prospettiva scientifica critica, piuttosto che la posizione acritica che hanno assunto finora. La salute dei nostri giovani è in discussione.

Link allo studio: Risks of myocarditis, pericarditis, and cardiac arrhythmias associated with COVID-19 vaccination or SARS-CoV-2 infection (nature.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Studio: la meditazione della gentilezza amorevole rallenta l’invecchiamento biologico e protegge i filamenti di DNA

Read Next

Anche Nature lo ammette. Questo vaccino ha “effetto neutralizzante basso” contro Omicron. Ricciardi: “Necessaria quarta dose”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.