• Febbraio 9, 2023

Shanghai strappa i bambini positivi al coronavirus alle famiglie. L’orrore della brutale politica ZERO-Covid. FOTO-VIDEO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I funzionari sanitari di Shanghai stanno applicando una politica di separazione di neonati e bambini piccoli dai loro genitori se risultano positivi al Covid-19, tra la crescente frustrazione per le brutali politiche zero-Covid della città.

Circa 25 milioni di persone a Shanghai, la più grande città e centro finanziario della Cina, sono bloccate mentre le autorità cercano di spegnere l’epidemia di virus più grave del paese dalla fine della prima ondata pandemica all’inizio del 2020.

Sotto i controlli inflessibili del virus in Cina, chiunque sia trovato positivo – anche se è asintomatico o ha una lieve infezione – deve essere isolato dalle persone non infette.

Ciò include i bambini che risultano positivi ma i cui familiari non lo sono, hanno confermato lunedì i funzionari sanitari, difendendo una politica che ha diffuso ansia e indignazione in tutta la città.

“Se il bambino ha meno di sette anni, riceverà cure in un centro di salute pubblica”, ha detto wu Qianyu, un funzionario della Commissione sanitaria municipale di Shanghai.

“Per i bambini più grandi o gli adolescenti… li stiamo isolando principalmente in luoghi centralizzati (campi di quarantena)”.

Genitori e tutori nel frattempo si sono rivolti ai social media per esprimere la loro rabbia nei confronti di questa politica.

Diversi bambini ammucchiati in una culla con barre di metallo vengono trasportati attraverso il Centro clinico di salute pubblica di Shanghai mentre sono separati dalle loro famiglie dopo aver contratto il Covid
I funzionari sanitari di Shanghai hanno difeso una politica di separazione di neonati e bambini dai loro genitori se risultano positivi al Covid-19, tra la crescente frustrazione per le brutali politiche zero-Covid della città

“I genitori devono soddisfare “condizioni” per accompagnare i loro figli? È assurdo… dovrebbe essere il loro diritto più elementare“, ha scritto un commentatore anonimo sulla piattaforma di social media Weibo.

I bambini infetti da Covid vengono separati dai loro genitori a Shanghai in mezzo a una nuova epidemia del virus

I video non verificati di neonati e bambini piccoli nei reparti gestiti dallo stato sono stati ampiamente condivisi.

Sotto i controlli inflessibili del virus in Cina, chiunque sia trovato positivo - anche se è asintomatico o ha una lieve infezione - deve essere isolato dalle persone non infette. Ciò include i bambini che risultano positivi al test ma i cui familiari non lo fanno, hanno confermato lunedì i funzionari sanitari, difendendo una politica che ha diffuso ansia e indignazione in tutta la città.

Ma il funzionario di Shanghai Wu ha riferito che questa politica è parte integrante del “lavoro di prevenzione e controllo” del virus.

“Abbiamo chiarito che i bambini i cui genitori sono positivi … possono vivere nello stesso posto dei bambini”, ha aggiunto.

Esther Zhao, residente a Shanghai, ha portato sua figlia, di due anni, in ospedale con la febbre il 26 marzo ed entrambe sono risultate positive al Covid tre giorni dopo.

I medici hanno tentato di portare via la bambina di Zhao in un centro di quarantena da sola e hanno minacciato Zhao quando non si è conformata.

Dopo che sua figlia è stata portata al Centro clinico di salute pubblica di Shanghai, Zhao ha ricevuto solo una breve informazione dai medici su sua figlia, nonostante le suppliche di lei e di suo marito.

Zhao ha dichiarato a Reuters durante il fine settimana: “Non ci sono state foto … Sono così ansiosa, non ho idea di quale situazione si trovi mia figlia.

“Il medico ha detto che le regole di Shanghai sono che i bambini devono essere inviati a punti designati, gli adulti ai centri di quarantena e non è permesso accompagnare i bambini”.

La frustrazione sta aumentando a Shanghai, che lunedì ha registrato 9.000 nuovi casi di virus ed è l’epicentro dell’epidemia cinese.

Le autorità inizialmente hanno promesso di non bloccare l’intera città, prendendo di mira invece i cluster di virus con blocchi localizzati.

Dopo settimane di numero crescente di casi, i funzionari della città la scorsa settimana hanno comunicato l’ammissione del fallimento delle loro tattiche.

Hanno introdotto un blocco in due fasi, inizialmente della durata di quattro giorni ciascuno per testare in massa entrambi i lati della città.

I residenti sono bloccati in casa, non possono uscire all’aperto o portare a spasso i cani, inoltre hanno accesso limitato al cibo fresco.

La strategia zero-Covid della Cina è sotto estrema pressione mentre il virus si diffonde in tutto il paese, con un altro focolaio nel nord-est.

Fino a marzo, la Cina aveva mantenuto con successo il carico di casi giornaliero a due o tre cifre, con duri blocchi localizzati, test di massa e restrizioni di viaggio.

Lunedì il carico di casi a livello nazionale ha superato i 13.000 per un due giorni, poiché il conteggio giornaliero delle infezioni ha raggiunto tassi mai visti da metà febbraio 2020.

I diplomatici occidentali oggi hanno espresso la loro preoccupazione per la politica di separazione dei bambini dai genitori, mentre chiedono rassicurazioni che i loro ambasciatori e diplomatici non siano soggetti a controlli così rigorosi.

Diplomatici di oltre 30 paesi hanno scritto al ministero degli Esteri cinese esortando le autorità a mettere fine a questa politica brutale.

“Chiediamo che in nessun caso genitori e figli siano separati”, si legge in una lettera scritta dal consolato francese a Shanghai che è stata indirizzata all’ufficio per gli affari esteri di Shanghai il 31 marzo.

In una lettera separata al ministero degli Esteri cinese datata lo stesso giorno, l’ambasciata britannica a Pechino ha dichiarato di essere preoccupata per “i recenti casi in cui le autorità locali hanno cercato di separare i minori risultati positivi al COVID-19 dai loro genitori” e ha chiesto rassicurazioni che ciò non sarebbe accaduto al personale diplomatico.

Il consolato francese e l’ambasciata britannica si sono fatti portavoce di altri paesi, compresi gli stati dell’Unione europea e altri tra cui Norvegia, Svizzera, Australia e Nuova Zelanda.

I casi asintomatici o lievi dovrebbero essere inviati a “un ambiente di isolamento specializzato con personale in grado di comunicare in inglese”, si legge nella lettera del consolato francese, una copia della quale è stata verificata da Reuters.

Attualmente, i casi asintomatici vengono inviati a centri di quarantena centralizzati, alcuni dei quali sono stati descritti come insalubri e sovraffollati.

L’ambasciata britannica ha riferito che ci sono preoccupazioni per le condizioni e la mancanza di privacy nelle strutture ospedaliere mobili recentemente dispiegate, aggiungendo che l’isolamento in alloggi diplomatici è una “soluzione preferibile e coerente con i nostri privilegi della Convenzione di Vienna”, nella lettera vista da Reuters e verificata da due fonti.

“Il consolato generale britannico a Shanghai ha sollevato le sue preoccupazioni su vari aspetti delle attuali politiche COVID in relazione a tutti i cittadini britannici in Cina, con le autorità cinesi competenti”, ha riferito un portavoce del consolato.

Il consolato francese ha rifiutato di commentare la lettera. Anche il consolato generale australiano a Shanghai, che è stato citato nelle lettere, ha rifiutato di commentare, ma ha affermato di essersi impegnato con le autorità locali sulle restrizioni COVID-19.

Gli Stati Uniti non sono apparsi come firmatari in nessuna delle due lettere.

Il ministero degli Esteri cinese non ha risposto a una richiesta di commento.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La 24enne star di TikTok Joyce Culla muore a causa di un aneurisma cerebrale. Era vaccinata e potenziata

Read Next

Un appuntato dei carabinieri stroncato da malore a 39 anni e una ragazzina 12 enne salvata dalle compagne di classe

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock