• Maggio 19, 2022

Slovenia: gli automobilisti devono presentare il certificato COVID per fare rifornimento alle auto

La maggior parte dei fornitori di benzina, compresa la Petrol di Lubiana, che gestisce il maggior numero di distributori di benzina del Paese, sta applicando rigorosamente le nuove restrizioni, adottate sabato, attivando i distributori di carburante solo dopo che il conducente presenta un certificato che dimostri di essere guarito da COVID-19, di essere vaccinato o un test negativo.

I dipendenti delle stazioni di servizio hanno affermato che non ci sono stati ritardi il primo giorno di entrata in vigore delle nuove restrizioni, con un solo incidente segnalato a Brezice.

Gli autotrasportatori internazionali sono stati esentati dalle nuove restrizioni e possono ancora rifornire i loro veicoli senza restrizioni, devono solo indossare una mascherina facciale quando pagano il conto alla stazione di servizio.

A causa dell’aggravarsi della situazione epidemiologica è stata introdotta la norma sul Pass COVID-19 obbligatorio per alcuni servizi e attività economiche, che si applica sia ai fornitori di tali servizi che ai loro clienti.

Il governo di Janez Janza non esclude l’introduzione di ulteriori restrizioni se il tasso di vaccinazione non aumenterà rapidamente e il numero di nuove infezioni e ricoveri continuerà a crescere al ritmo attuale.

Negli ultimi due giorni sono stati segnalati quasi 2.800 nuovi contagi. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 1.364 nuovi casi, con un test positivo su cinque.

Sei pazienti sono morti di COVID-19 e il numero di pazienti che ricevono cure ospedaliere è aumentato a 347, di cui 75 in unità di terapia intensiva. Giovedì il governo dovrebbe discutere le nuove regole anti-epidemia.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Dati VAERS – Segnalazioni di danni gravi a carico dei bambini

Read Next

Augusta Turiaco, Professoressa messinese morta dopo AstraZeneca. Dopo nove mesi la perizia dei consulenti della Procura ancora non c’è. L’avvocato: “il consenso informato non informava sugli eventi avversi”