• Maggio 26, 2024

Stavolta sono gli stessi scienziati dell’Istituto Superiore di Sanità a lanciare l’allarme sulla sicurezza. Articolo bomba appena pubblicato

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Citando il prezioso Professore Paolo Bellavite: “Ormai la VERITÀ sui prodotti genici inoculati agli ignari cittadini è come un fiume in piena”, riportiamo i punti salienti dell’articolo intitolato “Safety of COVID-19 Vaccines in Patients with Autoimmune Diseases, in Patients with Cardiac Issues, and in the Healthy Population” ( Sicurezza dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, nei pazienti con problemi cardiaci e nella popolazione sana) appena pubblicato sul numero speciale 10th Anniversary of Pathogens—Advances in Vaccines and Antimicrobial Therapy) di Pathogens.

Gli autori sono ricercatori presso il Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Farmaci dell’ Istituto Superiore di Sanità.

Intanto si legge nell’astratto:

“Qui, miriamo a fornire una panoramica del profilo di sicurezza e degli effettivi effetti avversi noti di questi prodotti in relazione al loro meccanismo d’azione. Discutiamo l’uso e la sicurezza di questi prodotti nelle persone a rischio, in particolare quelle con malattie autoimmuni o con miocardite precedentemente segnalata, ma anche nella popolazione generale. Discutiamo la reale necessità di somministrare questi prodotti con effetti a lungo termine poco chiari alle persone a rischio con condizioni autoimmuni, così come alle persone sane, al momento delle varianti di omicron. Questo, considerando l’esistenza di interventi terapeutici, attualmente valutati molto più chiaramente rispetto al passato, e la natura relativamente meno aggressiva delle nuove varianti virali”.

Questa è la premessa…Godetevi la conclusione:

“…Diversi studi hanno documentato un rapido calo dell’efficacia di queste sostanze, calo che è più evidente dopo la diffusione delle diverse varianti Omicron. Poiché molti studi indicano che le attuali varianti del virus sono meno letali e che esistono terapie efficaci per il trattamento della malattia COVID-19, potrebbe essere il momento giusto per rivedere il rapporto rischio/beneficio di questi interventi farmacologici. Un ulteriore fattore, che mancava all’epoca dei primi studi di efficacia, è che un gran numero di persone acquisisce naturalmente l’immunità anche attraverso le infezioni, comprese quelle pauci-sintomatiche. Pertanto, attualmente, può essere possibile e utile riflettere sugli eventi avversi documentati di questi vaccini basati sui geni. Un piccolo studio, dopo aver analizzato i dati dell’Agenzia per la Sicurezza Sanitaria del Regno Unito, ha rivelato che il tasso di mortalità nelle persone non vaccinate (per cause diverse dal COVID-19) era inferiore a quello osservato nelle persone che avevano ricevuto almeno una dose di vaccino COVID-19 [198]. Un recente documento dell'”Office for National statistics” del Regno Unito (https://www.ons.gov.uk/peoplepopulationandcommunity/birthsdeathsandmariages/deaths/datasets/deathsbyvaccinationstatusengland) (consultato il 10 ottobre 2022) riporta i dati di mortalità per il COVID-19 e per tutte le cause escluso il COVID-19 al momento della campagna vaccinale COVID-19. Un’analisi statistica accurata e trasparente di tali dati, che dovrebbe tenere conto di tutte le variabili in gioco, può chiarire i reali effetti dei vaccini genetici[…]

Le somministrazioni ripetute (fino a quattro o cinque e oltre) non erano incluse negli studi clinici seminali dei produttori di vaccini, quindi l’intensità e la frequenza degli eventi avversi possono ora cambiare di fronte a un’infezione che ha una mortalità attuale paragonabile o addirittura inferiore a quella dell’influenza [199]. Non sono disponibili grandi studi sull’uomo relativi ai prodotti mRNA aggiornati, che codificano per due tipi di proteine Spike allo stesso tempo, per quanto riguarda la protezione dalla malattia. In un recente rapporto, l’immunogenicità del vaccino bivalente è stata studiata dopo 28 giorni, ma la valutazione della sicurezza si è fermata al settimo giorno [200].

[…]Un articolo in preprint ha analizzato, fianco a fianco, le reazioni avverse al vaccino vecchio e a quello bivalente tra 76 operatori sanitari e ha riscontrato un maggior numero di reazioni e una maggiore incapacità lavorativa a causa del vaccino bivalente [201]. Sono necessari altri studi più precisi per il vaccino bivalente e quello precedente.
A questo proposito, un recente studio retrospettivo, condotto in una provincia italiana, afferma che non è stato possibile osservare un aumento del rischio di eventi avversi gravi potenzialmente causati dai vaccini nella popolazione di riferimento. Lo studio afferma di aver effettuato osservazioni per 18 mesi. Tuttavia, dalle tabelle presentate, sembra che le persone vaccinate una volta, e soprattutto quelle vaccinate due volte, ma non quelle vaccinate tre volte, abbiano un rischio maggiore di morte per cause non correlate al vaccino 19 e abbiano il doppio o il triplo delle probabilità di avere un infarto o un ictus, rispetto alle persone non vaccinate[…] Come affermato anche dagli autori, nei prossimi anni saranno necessarie ulteriori ricerche per valutare la sicurezza a lungo termine dei vaccini COVID-19 [202].

Sono necessari altri studi. Si potrebbe valutare il rischio di interferenza (anche attraverso i meccanismi sopra descritti di antagonismo del TCR e di imprinting immunitario), che dipende dal particolare background genetico di ciascun individuo. Il sistema immunitario è a rischio quando ha a che fare con più varianti epitopiche contemporaneamente, e questo rischio comporta esiti che, al momento, non è possibile prevedere; tra questi esiti, l’ADE può essere considerata uno dei possibili effetti. “L’anergia dei linfociti T coinvolti nell’immunità antivirale potrebbe derivare dalla continua stimolazione del sistema immunitario.

Sebbene ciò non sia provato, un recente lavoro pubblicato su Science Immunology mostra come ripetuti aumenti di vaccini basati su mRNA, ma non su DNA, inducano una classe di anticorpi (IgG4), che sono antinfiammatori e dotati di scarse funzioni effettrici (ad esempio, minore citotossicità anticorpo-dipendente, ADCC) [203]. Le IgG4 si sviluppano solitamente contro gli allergeni per proteggere l’organismo da risposte immunitarie eccessive. Tuttavia, se questo meccanismo smorza la risposta immunitaria al virus nei riceventi del vaccino a mRNA, invece di indurre una risposta protettiva, è necessario valutare questo processo. Per il momento, sappiamo che gli anticorpi IgG4 anti-Spike sono stati associati a una progressione più grave della COVID-19 e a una prognosi sfavorevole in studi precedenti [204,205].

Altri vaccini convenzionali, studiati dagli autori in un altro lavoro [164], non hanno mostrato l’induzione di questa classe IgG4, anche dopo inoculazioni ripetute […] un recente lavoro ha dimostrato l’induzione della tolleranza sia cellulare che umorale dopo la somministrazione ripetuta di booster di vaccino in un modello murino[…] Il risultato è stato una drastica riduzione delle cellule T in seguito alla somministrazione ripetuta del vaccino. Il risultato è stato una drastica riduzione degli anticorpi neutralizzanti anti-SARS-CoV-2 e un’alterata attivazione delle cellule T CD4 e CD8; le cellule T hanno acquisito un fenotipo che promuove la tolleranza immunitaria adattativa. Ciò significa anche che la perdita di efficacia della risposta immunitaria potrebbe essere indipendente dal tipo di vaccino e potrebbe riguardare l’effetto negativo di stimolazioni ripetute verso un singolo determinante antigenico per restringere e focalizzare la risposta immunitaria [206].

Le persone a rischio non sono solo i pazienti anziani. Oltre al cancro, che può colpire sia pazienti giovani che anziani, anche le malattie immunomediate e autoimmuni come il diabete, la sclerosi multipla, la psoriasi e altre possono svilupparsi nei giovani. Anche i pazienti pediatrici e i giovani con queste condizioni croniche possono essere a rischio di sviluppo di miocardite, poiché i casi di miocardite non sono rari nei giovani, come riportato sopra. Nella presente revisione, abbiamo riportato frequenze di casi di miocardite fino a 1:300 (indagine attiva) o 1:1000 (indagine passiva) in pazienti giovani e adolescenti. In caso di esami strumentali, queste analisi hanno rivelato frequenze più elevate.

In un recente lavoro, giovani pazienti con miocardite indotta da vaccino sono stati seguiti per diversi mesi; non tutti i pazienti hanno avuto sintomi risolti, anche se la maggior parte di essi ha risposto al trattamento. Gli autori hanno dimostrato la persistenza di reperti anomali alla risonanza magnetica cardiaca [207] e l‘innalzamento di altri parametri che possono essere associati a esiti sfavorevoli. La miocardite è una forma di infiammazione cardiaca che può portare a futuri problemi di salute aggiuntivi in pazienti giovani a rischio con possibilità di vita già compromesse.

La comunità scientifica deve essere consapevole e discutere se l’uso degli attuali vaccini genetici COVID-19, giustificato all’epoca delle precedenti varianti mortali del coronavirus, debba essere ancora incoraggiato all’epoca delle varianti Omicron.

Un altro recente lavoro ha collegato la formazione di coaguli di sangue alla vaccinazione con vaccini genetici in persone di età pari o superiore a 65 anni [208]. Pertanto, in questa fase, il rapporto rischio/beneficio potrebbe essere rivalutato anche per le persone anziane.

Lo sviluppo di vaccini più tradizionali basati su antigeni molto meno variabili e non dotati di effetti tossici intrinseci è altamente auspicabile per proteggere gli anziani e le persone a rischio, comprese quelle con autoimmunità [209,210]. Questi vaccini dovrebbero essere in grado di indurre le IgA oltre alle IgG per bloccare la trasmissione. Un lavoro del 2021 ha dimostrato che le IgA possono essere aumentate dai vaccini a base di mRNA di COVID-19, ma solo in persone con una precedente infezione da SARS-CoV-2 e malattia da COVID-19 [211].


Niente da aggiungere.

LINK ALL’ARTICOLO COMPLETO:

Pathogens | Free Full-Text | Safety of COVID-19 Vaccines in Patients with Autoimmune Diseases, in Patients with Cardiac Issues, and in the Healthy Population (mdpi.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Si spegne un altro studente diciottenne in Italia. Nessuno riporta la notizia. C’è solo un tweet

Read Next

Si accascia a casa dei nonni nel pomeriggio Raffaele, 30 anni. A pochi chilometri si s.pegne Michelina, giovane mamma

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO