• Aprile 20, 2024

Studio sulle TERAPIE PRECOCI del Comitato Terapia Domiciliare pubblicato sulla rivista American Journal of Biomedical Science and Research. Grimaldi: ” Adesso cosa direte ai parenti dele vittime”?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


 I medici del Comitato Cura Domiciliare Covid19 hanno pubblicato, sulla rivista American Journal of Biomedical Science and Research, i risultati di un nuovo studio Retrospettivo Osservazionale effettuato analizzando i dati di 966 pazienti non vaccinati (selezionati appositamente per valutare l’impatto della cura in assenza di supporto vaccinale), trattati da alcuni medici del gruppo tra febbraio e dicembre 2021.

 I risultati di questo studio, condotto dai dottori Serafino Fazio, Sergio Grimaldi e Andrea Mangiagalli, medici del Consiglio Scientifico del Comitato, confermano che un intervento terapeutico precoce a domicilio in pazienti con COVD-19 (entro 72 ore dall’inizio dei sintomi), con i farmaci anti-infiammatori non steroidei usati (ibuprofene, aspirina, nimesulide, indometacina, ketoprofene), determina una significativa riduzione del numero di ospedalizzazioni e della durata dei sintomi rispetto a un trattamento tardivo (oltre le 72 ore).

Alla luce dei risultati della recente letteratura, l’indometacina, supportata anche da uno studio randomizzato e controllato verso paracetamolo, risulta il farmaco più efficace con il nimesulide.


 “Rivolgo un particolare ringraziamento a tutti i medici del comitato, ai professionisti sanitari, ai ricercatori, agli archivisti, agli analisti, agli statistici, ai moderatori, agli informatici, nonché a tutti i volontari del gruppo, sperando di poter pubblicare presto un ulteriore nuovo studio più ampio“, scrive il presidente Avv. Erich Grimaldi.

E’ dunque finalmente confermata l’efficacia di un intervento terapeutico precoce a domicilio in pazienti con il Covid-19 (entro 72 ore dall’inizio dei sintomi), con i farmaci anti-infiammatori non steroidei, come l’ibuprofene, che determina una significativa riduzione del numero di ospedalizzazioni e della durata dei sintomi rispetto a un trattamento tardivo (oltre le 72 ore).

L’analisi di Serafino Fazio, Sergio Grimaldi e Andrea Mangiagalli, medici del Consiglio Scientifico del Comitato, è di tipo retrospettivo osservazionale e ha preso in esame i dati di 966 pazienti non vaccinati (selezionati appositamente per valutare l’impatto della cura in assenza di supporto vaccinale), trattati con ibuprofene, aspirina, nimesulide, indometacina, ketoprofene da alcuni medici del gruppo tra febbraio e dicembre 2021. Stesse conferme giungono anche analizzando i dati di un congruo (339) sottogruppo di pazienti più anziani (over 50) con età media di 60 anni. Tra i farmaci anti infiammatori utilizzati, indometacina e nimesulide hanno determinato zero ospedalizzazioni, a seguito di somministrazione entro le 72 ore dall’inizio dei sintomi.
    Sono stati documentati i decessi di 6 pazienti (tutti over 50 con almeno una comorbidita’), 1 nel gruppo che aveva iniziato la terapia entro le 72 ore (over 80 con patologie pregresse) e 5 nel gruppo che aveva iniziato la terapia più tardivamente. Alla luce dei risultati della recente letteratura, l’indometacina, supportata anche da uno studio randomizzato e controllato verso paracetamolo, risulta il farmaco elettivo.

“Questa ulteriore pubblicazione, su un numero consistente di pazienti, conferma la necessità di intervenire in fase precoce, come ribadito da oltre due anni dai nostri medici, e avvalorato da uno studio randomizzato indiano”, ha detto l’avv. Erich Grimaldi, presidente del Comitato, “i nostri volontari medici, ricercatori, statistici e analisti, stanno continuando la raccolta dati per poter elaborare uno studio ancora più ampio“.
   

Il Comitato Cura Domiciliare attende da due anni uno studio randomizzato sui FANS, già approvato da AIFA, con però il paracetamolo consigliato nelle linee guida ministeriali quale farmaco per il gruppo di controllo “per dimostrarne la definitiva inefficacia, se non forse pericolosità“, ha precisato Grimaldi, che ha aggiunto: “il ministero della Salute deve comprendere che la battaglia contro il virus non si potrà mai vincere con un’unica arma, soprattutto se non efficace sulle continue varianti”. “La realtà delle cose e la trasparenza informativa non sono assolutamente state compagne di viaggio in questi anni di Covid”, ha detto la portavoce del Comitato Valentina Rigano, “gli studi, le persone, hanno dato ampiamente prova di come sia fondamentale un approccio precoce e con determinati farmaci. La verità viene sempre a galla, e sta già accadendo“.

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: COVID-19 Early Treatment with Non-Steroidal Anti-Inflammatory Drugs Reduces Hospitalizations and Symptom Duration (biomedgrid.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Ancora sulla vitamina D: “Efficacia e sicurezza dell’integrazione di vitamina D per prevenire COVID-19 negli operatori sanitari in prima linea”. Nuovo STUDIO

Read Next

Malore fatale: muore Angelo Iaia, fondatore del gruppo Slow Food

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO