• Febbraio 4, 2023

Terapie per prevenire la progressione di COVID-19, tra cui idrossiclorochina, azitromicina, zinco e vitamina D3 con o senza vitamina C per via endovenosa: uno studio internazionale, multicentrico, randomizzato

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Nuovo studio peer-reviewed sull’efficacia delle terapie precoci per curare il Covid-19 ( Protocollo Zelenko).


Sfondo

COVID-19 è una pandemia globale. Il trattamento con idrossiclorochina (HCQ), zinco e azitromicina (AZM), noto anche come protocollo Zelenko, e il trattamento con vitamina C (IVC) per via endovenosa (IV) hanno mostrato risultati incoraggianti in un gran numero di studi in tutto il mondo. Inoltre, i livelli di vitamina D sono un indicatore importante della gravità dei sintomi nei pazienti con COVID-19.

Obiettivi

Il nostro studio multicentrico, randomizzato e open-label, mirava a valutare l’efficacia di HCQ, AZM e zinco con o senza IVC in pazienti ospedalizzati con COVID-19 nel ridurre la gravità e la durata dei sintomi e prevenire la morte.

Metodi

I pazienti ospedalizzati con COVID-19 in sette ospedali partecipanti in Turchia sono stati sottoposti a screening per l’idoneità e assegnati in modo casuale a ricevere HCQ, AZM e zinco (gruppo 1) o HCQ, AZM, zinco più trattamento con vitamina C IV (gruppo 2) per 14 giorni. I pazienti hanno anche ricevuto livelli non terapeutici di vitamina D3.

Lo studio è registrato nel registro degli studi clinici australiani e neozelandesi ACTRN12620000557932 ed è stato approvato dall’Australian Therapeutic Goods Administration (TGA).

Risultati

Un totale di 237 pazienti ospedalizzati con COVID-19 di età compresa tra 22 e 99 anni (media: 63,3 ± 15,7 anni) sono stati arruolati nello studio. Quasi tutti i pazienti erano carenti di vitamina D (97%), il 55% erano gravemente carenti di vitamina D (<25 nmol/ L) e il 42% erano carenti di vitamina D (<50 nmol / L); Il 3% aveva livelli insufficienti di vitamina D (<75 nmol / L) e nessuno aveva livelli ottimali di vitamina D.

Dei pazienti, il 73% presentava comorbidità, tra cui diabete (35%), malattie cardiache (36%) e malattie polmonari (34%).

Tutti i pazienti tranne uno (99,6%; n = 236/237) trattati con HCQ, AZM e zinco con o senza vitamina C IV ad alte dosi (IVC) sono stati completamente recuperati. La terapia IVC aggiuntiva ha contribuito in modo significativo a un recupero più rapido (15 giorni contro 45 giorni fino alla dimissione; p = 0,0069).

Gli effetti collaterali come diarrea, nausea e vomito, riportati dal 15% al 27% dei pazienti, sono stati da lievi a moderati e transitori. Non sono stati osservati effetti collaterali cardiaci.

Bassi livelli di vitamina D erano significativamente correlati con una maggiore probabilità di ammissione all’unità di terapia intensiva (ICU) e una degenza ospedaliera più lunga.

Purtroppo, una paziente di 70 anni con malattie cardiache e polmonari è morta dopo 17 giorni in terapia intensiva e 22 giorni in ospedale. Il suo livello di vitamina D era di 6 nmol / L al momento dell’ammissione (cioè gravemente carente).

Conclusioni

Il nostro studio suggerisce che il protocollo di trattamento di HCQ, AZM e zinco con o senza vitamina C è sicuro ed efficace nel trattamento di COVID-19, con alte dosi di vitamina C IV che porta a un recupero significativamente più rapido.

È importante sottolineare che il nostro studio conferma che la carenza di vitamina D è un fattore ad alto rischio di grave malattia COVID-19 e ospedalizzazione, con il 97% della coorte di pazienti del nostro studio carente di vitamina D, il 55% di questi gravemente carente di vitamina D e nessuno aveva livelli ottimali.

Sono necessari studi futuri per valutare il trattamento con una combinazione di vitamina D3 ad alte dosi oltre a HCQ, AZM e zinco e vitamina C endovenosa ad alte dosi.

Link allo studio completo: Cureus | Therapies to Prevent Progression of COVID-19, Including Hydroxychloroquine, Azithromycin, Zinc, and Vitamin D3 With or Without Intravenous Vitamin C: An International, Multicenter, Randomized Trial

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Nuovo studio dall’Ontario: la terza dose ha un'”efficacia vaccinale” di solo il 37% per Omicron. Nel 2020, la FDA ha dichiarato che non avrebbe accettato un’efficacia del vaccino inferiore al 50%

Read Next

Quarta dose di vaccino Covid: “Non possiamo vaccinare il pianeta ogni sei mesi” afferma il capo di JCVI

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock