• Maggio 19, 2022

Terapie per prevenire la progressione di COVID-19, tra cui idrossiclorochina, azitromicina, zinco e vitamina D3 con o senza vitamina C per via endovenosa: uno studio internazionale, multicentrico, randomizzato

Nuovo studio peer-reviewed sull’efficacia delle terapie precoci per curare il Covid-19 ( Protocollo Zelenko).


Sfondo

COVID-19 è una pandemia globale. Il trattamento con idrossiclorochina (HCQ), zinco e azitromicina (AZM), noto anche come protocollo Zelenko, e il trattamento con vitamina C (IVC) per via endovenosa (IV) hanno mostrato risultati incoraggianti in un gran numero di studi in tutto il mondo. Inoltre, i livelli di vitamina D sono un indicatore importante della gravità dei sintomi nei pazienti con COVID-19.

Obiettivi

Il nostro studio multicentrico, randomizzato e open-label, mirava a valutare l’efficacia di HCQ, AZM e zinco con o senza IVC in pazienti ospedalizzati con COVID-19 nel ridurre la gravità e la durata dei sintomi e prevenire la morte.

Metodi

I pazienti ospedalizzati con COVID-19 in sette ospedali partecipanti in Turchia sono stati sottoposti a screening per l’idoneità e assegnati in modo casuale a ricevere HCQ, AZM e zinco (gruppo 1) o HCQ, AZM, zinco più trattamento con vitamina C IV (gruppo 2) per 14 giorni. I pazienti hanno anche ricevuto livelli non terapeutici di vitamina D3.

Lo studio è registrato nel registro degli studi clinici australiani e neozelandesi ACTRN12620000557932 ed è stato approvato dall’Australian Therapeutic Goods Administration (TGA).

Risultati

Un totale di 237 pazienti ospedalizzati con COVID-19 di età compresa tra 22 e 99 anni (media: 63,3 ± 15,7 anni) sono stati arruolati nello studio. Quasi tutti i pazienti erano carenti di vitamina D (97%), il 55% erano gravemente carenti di vitamina D (<25 nmol/ L) e il 42% erano carenti di vitamina D (<50 nmol / L); Il 3% aveva livelli insufficienti di vitamina D (<75 nmol / L) e nessuno aveva livelli ottimali di vitamina D.

Dei pazienti, il 73% presentava comorbidità, tra cui diabete (35%), malattie cardiache (36%) e malattie polmonari (34%).

Tutti i pazienti tranne uno (99,6%; n = 236/237) trattati con HCQ, AZM e zinco con o senza vitamina C IV ad alte dosi (IVC) sono stati completamente recuperati. La terapia IVC aggiuntiva ha contribuito in modo significativo a un recupero più rapido (15 giorni contro 45 giorni fino alla dimissione; p = 0,0069).

Gli effetti collaterali come diarrea, nausea e vomito, riportati dal 15% al 27% dei pazienti, sono stati da lievi a moderati e transitori. Non sono stati osservati effetti collaterali cardiaci.

Bassi livelli di vitamina D erano significativamente correlati con una maggiore probabilità di ammissione all’unità di terapia intensiva (ICU) e una degenza ospedaliera più lunga.

Purtroppo, una paziente di 70 anni con malattie cardiache e polmonari è morta dopo 17 giorni in terapia intensiva e 22 giorni in ospedale. Il suo livello di vitamina D era di 6 nmol / L al momento dell’ammissione (cioè gravemente carente).

Conclusioni

Il nostro studio suggerisce che il protocollo di trattamento di HCQ, AZM e zinco con o senza vitamina C è sicuro ed efficace nel trattamento di COVID-19, con alte dosi di vitamina C IV che porta a un recupero significativamente più rapido.

È importante sottolineare che il nostro studio conferma che la carenza di vitamina D è un fattore ad alto rischio di grave malattia COVID-19 e ospedalizzazione, con il 97% della coorte di pazienti del nostro studio carente di vitamina D, il 55% di questi gravemente carente di vitamina D e nessuno aveva livelli ottimali.

Sono necessari studi futuri per valutare il trattamento con una combinazione di vitamina D3 ad alte dosi oltre a HCQ, AZM e zinco e vitamina C endovenosa ad alte dosi.

Link allo studio completo: Cureus | Therapies to Prevent Progression of COVID-19, Including Hydroxychloroquine, Azithromycin, Zinc, and Vitamin D3 With or Without Intravenous Vitamin C: An International, Multicenter, Randomized Trial

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Nuovo studio dall’Ontario: la terza dose ha un'”efficacia vaccinale” di solo il 37% per Omicron. Nel 2020, la FDA ha dichiarato che non avrebbe accettato un’efficacia del vaccino inferiore al 50%

Read Next

Quarta dose di vaccino Covid: “Non possiamo vaccinare il pianeta ogni sei mesi” afferma il capo di JCVI