• Dicembre 1, 2021

Un elenco di 106 studi Peer-Reviewed che affermano il potere dell’immunità naturale COVID (DA SALVARE!)

L’elenco più aggiornato e completo di 106 degli studi scientifici di più alta qualità, completi e robusti e rapporti di prova / dichiarazioni di posizione sull’immunità naturale

  • Ci sono oltre 106 studi che esaminano le prove dell’immunità acquisita dall’infezione da COVID rispetto all’immunità indotta dal vaccino COVID-19 a partire dal 15 ottobre 2021.
  • La scienza illustra che l’immunità naturale è più robusta.
  • Il potere dell’immunità naturale è rimasto in qualche modo non riconosciuto dal CDC durante questa pandemia.
  • Il CDC raccomanda ancora di vaccinare coloro che si sono ripresi dall’infezione naturale da COVID.

La scienza pubblicata che esamina il potere dell’immunità acquisita naturalmente al COVID e le sue varianti attraverso un’infezione da COVID continua a mostrare quanto sia forte l’immunità naturale. Ma c’è un grosso problema che ha afflitto l’umanità per molto tempo, ed è la politicizzazione della scienza.

L’epidemiologo Dr Paul Elias Alexander PhD è un ex assistente professore presso la McMaster University in medicina basata sull’evidenza e metodi di ricerca. È anche un ex consulente di sintesi delle prove della pandemia COVID per WHO-PAHO Washington, DC (2020) ed ex consulente senior per la politica covid pandemica in Salute e servizi umani (HHS) Washington, DC. Recentemente ha pubblicato un articolo per il Brownstone Institute sottolineando:

“I funzionari della sanità pubblica e l’establishment medico con l’aiuto dei media politicizzati stanno fuorviando il pubblico con affermazioni secondo cui i vaccini COVID-19 forniscono una protezione maggiore rispetto all’immunità naturale. La direttrice del CDC Rochelle Walensky, ad esempio, è stata ingannevole nella sua dichiarazione LANCET pubblicata nell’ottobre 2020 secondo cui “non ci sono prove di un’immunità protettiva duratura al SARS-CoV-2 a seguito di un’infezione naturale” e che “la conseguenza del calo dell’immunità presenterebbe un rischio per le popolazioni vulnerabili per un futuro indefinito”

.Il Brownstone Institute

Il Brownstone Institute aveva precedentemente documentato 30 studi sull’immunità naturale in relazione al Covid-19. Ora hanno fornito un grafico di follow-up che sostengono,“essere l’elenco più aggiornato e completo di 106 degli studi scientifici di più alta qualità, completi e robusti e rapporti di prova / dichiarazioni di posizione sull’immunità naturale“.

A differenza della protezione a breve termine offerta dai vaccini, la protezione generata dall’infezione ha dimostrato essere sia duratura che ampia. Se i governi non fossero stati così frettolosi nel far uscire i vaccini e avessero chiesto sei mesi di follow-up piuttosto che due, i vaccini Pfizer e AstraZeneca non sarebbero stati approvati a causa del grave calo di efficacia nel tempo.

Inoltre, i vaccini COVID non riducono la trasmissione come sottolineato da Alexander nel suo articolo.

Questa non è non è una “pandemia di non vaccinati” come sostengono i politici .

Per un periodo di tempo, i vaccini COVID forniscono protezione contro i sintomi gravi e la morte, ma questo avvantaggia l’individuo che sceglie di vaccinarsi.

Ciò non significa che si stia proteggendo un’altra persona vaccinandosi. I vaccini possono forse beneficiare anziani e persone con comorbilità multiple come obesità, diabete o malattie cardiache. La stragrande maggioranza delle persone che sono morte di o con COVID sono state persone con due o più comorbilità.

Perché la politica sanitaria del governo non ha riconosciuto il potere dell’immunità naturale?

Con COVID che ha un tasso di sopravvivenza del 99,97% per i bambini e un tasso di sopravvivenza simile per le persone sane di età inferiore ai 70 anni, perché le persone non possono avere il diritto di scegliere cosa introdurre nel proprio corpo?

Per alcuni, il rischio di subìre danni da vaccino  è superiore al rischio di danni, morte e ospedalizzazione da COVID.

Elenco di 106 studi sull’immunità naturale

1) Necessità della vaccinazione COVID-19 in individui precedentemente infetti,Shrestha, 2021“L’incidenza cumulativa di COVID-19 è stata esaminata tra 52.238 dipendenti in un sistema sanitario americano. L’incidenza cumulativa dell’infezione da SARS-CoV-2 è rimasta quasi zero tra i soggetti non vaccinati in precedenza infetti, i soggetti precedentemente infetti che sono stati vaccinati e i soggetti precedentemente non infetti che sono stati vaccinati, rispetto a un costante aumento dell’incidenza cumulativa tra i soggetti precedentemente non infetti che sono rimasti non vaccinati. Nessuno dei 1359 soggetti precedentemente infetti che sono rimasti non vaccinati ha avuto un’infezione da SARS-CoV-2 per tutta la durata dello studio. È improbabile che gli individui che hanno avuto l’infezione da SARS-CoV-2 traggano beneficio dalla vaccinazione COVID-19 …”
2) Immunità delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 nei casi di COVID-19 e SARS e controlli non infetti, Le Bert, 2020“Studiato le risposte delle cellule T contro le regioni strutturali (proteina nucleocapside (N)) e non strutturali (NSP7 e NSP13 di ORF1) di SARS-CoV-2 in individui convalescenti dalla malattia da coronavirus 2019 (COVID-19)(n = 36). In tutti questi individui, abbiamo trovato cellule T CD4 e CD8 che hanno riconosciuto più regioni della proteina N … ha dimostrato che i pazienti (n = 23) che si sono ripresi dalla SARS possiedono cellule T di memoria di lunga durata che sono reattive alla proteina N del SARS-CoV 17 anni dopo lo scoppio della SARS nel 2003; queste cellule T hanno mostrato una robusta cross-reattività alla proteina N di SARS-CoV-2″.
3) Confronto tra l’immunità naturale sars-CoV-2 e l’immunità indotta dal vaccino: reinfezioni contro infezioni rivoluzionarie,Gazit, 2021“Uno studio osservazionale retrospettivo che ha confrontato tre gruppi: (1) individui naïve a SARS-CoV-2 che hanno ricevuto un regime a due dosi del vaccino BioNTech / Pfizer mRNA BNT162b2, (2) individui precedentemente infetti che non sono stati vaccinati e (3) individui precedentemente infetti e vaccinati a dose singola hanno riscontrato un rischio 13 volte maggiore di infezioni Delta rivoluzionarie in persone vaccinate doppie e un rischio aumentato di 27 volte per l’infezione da rottura sintomatica nel doppio vac cinato rispetto all’immunità naturale delle persone recuperate… il rischio di ospedalizzazione era 8 volte superiore nei doppi vaccinati (para)… questa analisi ha dimostrato che l’immunità naturale offre una protezione più duratura e più forte contro le infezioni, le malattie sintomatiche e l’ospedalizzazione a causa della variante Delta di SARS-CoV-2, rispetto all’immunità indotta da vaccino a due dosi BNT162b2″.
4) Risposta immunitaria cellulare virus-specifica altamente funzionale nell’infezione asintomatica da SARS-CoV-2,Le Bert, 2021“Studiato le cellule T specifiche di SARS-CoV-2 in una coorte di pazienti COVID-19 asintomatici(n = 85) e sintomatici(n = 75) dopo sieroconversione … pertanto, gli individui asintomatici infetti da SARS-CoV-2 non sono caratterizzati da una debole immunità antivirale; al contrario, montano una risposta immunitaria cellulare altamente funzionale specifica del virus”.
5) Studio su larga scala del decadimento del titolo anticorpale a seguito del vaccino mRNA BNT162b2 o dell’infezione da SARS-CoV-2,Israele, 2021“Sono stati inclusi un totale di 2.653 individui completamente vaccinati con due dosi di vaccino durante il periodo di studio e 4.361 pazienti convalescenti. Titoli anticorpali SARS-CoV-2 IgG più elevati sono stati osservati in individui vaccinati (mediana 1581 AU/mL IQR [533,8-5644,6]) dopo la seconda vaccinazione, rispetto agli individui convalescenti (mediana 355,3 AU/mL IQR [141,2-998,7]; p<0,001). Nei soggetti vaccinati, i titoli anticorpali sono diminuiti fino al 40% ogni mese successivo mentre nei convalescenti sono diminuiti di meno del 5% al mese… questo studio dimostra che gli individui che hanno ricevuto il vaccino mRNA Pfizer-BioNTech hanno una cinetica diversa dei livelli di anticorpi rispetto ai pazienti che erano stati infettati dal virus SARS-CoV-2, con livelli iniziali più elevati ma una diminuzione esponenziale molto più rapida nel primo gruppo”.
6) Rischio di rein-infezione da SARS-CoV-2 in Austria,Pilz, 2021I ricercatori hanno registrato “40 re-infezioni provvisorie in 14. 840 sopravvissuti COVID-19 della prima ondata (0,27%) e 253 581 infezioni in 8, 885, 640 individui della restante popolazione generale (2,85%) che si traducono in un odds ratio (intervallo di confidenza del 95%) di 0,09 (da 0,07 a 0,13) … tasso di rein-infezione relativamente basso di SARS-CoV-2 in Austria. La protezione contro SARS-CoV-2 dopo l’infezione naturale è paragonabile alle più alte stime disponibili sull’efficacia del vaccino”. Inoltre, il ricovero in ospedale solo cinque persone su 14.840 (0,03%) e la morte in una su 14.840 (0,01%) (rein-infezione provvisoria).
7) Le cellule T specifiche sarS-CoV-2 indotte dal vaccino mRNA riconoscono le varianti B.1.1.7 e B.1.351 ma differiscono per longevità e proprietà di homing a seconda dello stato di infezione precedente,Neidleman, 2021“Le cellule T spike-specific dei vaccinati convalescenti differivano in modo sorprendente da quelle dei vaccinati naïve alle infezioni, con caratteristiche fenotipiche che suggeriscono una persistenza a lungo termine superiore e la capacità di raggiungere le vie respiratorie, incluso il rinofaringe. Questi risultati forniscono la rassicurazione che le cellule T indotte dal vaccino rispondono in modo robusto alle varianti B.1.1.7 e B.1.351, confermano che i convalescenti potrebbero non aver bisogno di una seconda dose di vaccino”.
8) Buone notizie: COVID-19 lieve induce una protezione anticorpale duratura,Bhandari, 2021“Mesi dopo essersi ripresi da casi lievi di COVID-19, le persone hanno ancora cellule immunitarie nel loro corpo che pompano anticorpi contro il virus che causa COVID-19, secondo uno studio condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis. Tali cellule potrebbero persistere per tutta la vita, sfornando anticorpi per tutto il tempo. I risultati, pubblicati il 24 maggio sulla rivista Nature, suggeriscono che i casi lievi di COVID-19 lasciano le persone infette con una protezione anticorpale duratura e che è probabile che ripetuti attacchi di malattia siano rari.
9) Robusti anticorpi neutralizzanti contro l’infezione da SARS-CoV-2 persistono per mesi,Wajnberg, 2021“I titoli anticorpali neutralizzanti contro la proteina spike SARS-CoV-2 sono persistiti per almeno 5 mesi dopo l’infezione. Sebbene sarà necessario un monitoraggio continuo di questa coorte per confermare la longevità e la potenza di questa risposta, questi risultati preliminari suggeriscono che la possibilità di reinfezione potrebbe essere inferiore a quella attualmente temuta”.
10) Evoluzione dell’immunità anticorpale a SARS-CoV-2, Gaebler, 2020“Allo stesso tempo, l’attività neutralizzante nel plasma diminuisce di cinque volte nei test di virus pseudo-tipo. Al contrario, il numero di cellule B di memoria specifiche di RBD è invariato. Le cellule B della memoria mostrano un turnover clonale dopo 6,2 mesi e gli anticorpi che esprimono hanno una maggiore ipermutazione somatica, una maggiore potenza e resistenza alle mutazioni RBD, indicativo della continua evoluzione della risposta umorale … concludiamo che la risposta delle cellule B di memoria a SARS-CoV-2 evolve tra 1,3 e 6,2 mesi dopo l’infezione in modo coerente con la persistenza dell’antigene”.
11) Persistenza di anticorpi neutralizzanti un anno dopo l’infezione da SARS-CoV-2 nell’uomo, Haveri, 2021“Valutato la persistenza degli anticorpi sierici a seguito dell’infezione da WT SARS-CoV-2 a 8 e 13 mesi dopo la diagnosi in 367 individui … ha scoperto che NAb contro il virus WT persisteva nell’89% e S-IgG nel 97% dei soggetti per almeno 13 mesi dopo l’infezione.
12) Quantificare il rischio di reinfezione da SARS-CoV-2 nel tempo,Murchu, 2021“Sono stati identificati undici ampi studi di coorte che hanno stimato il rischio di reinfezione da SARS-CoV-2 nel tempo, tra cui tre che hanno arruolato operatori sanitari e due che hanno arruolato residenti e personale di case di cura per anziani. In tutti gli studi, il numero totale di partecipanti positivi alla PCR o positivi agli anticorpi al basale è stato di 615.777 e la durata massima del follow-up è stata superiore a 10 mesi in tre studi. La reinfezione è stata un evento non comune (tasso assoluto 0%-1,1%), con nessuno studio che ha riportato un aumento del rischio di reinfezione nel tempo.
13) L’immunità naturale al covid è potente. I politici sembrano aver paura di dirlo,Makary, 2021Makary scrive “va bene avere un’ipotesi scientifica errata. Ma quando i nuovi dati dimostrano che è sbagliato, devi adattarti. Sfortunatamente, molti leader eletti e funzionari della sanità pubblica si sono aggrappati troppo a lungo all’ipotesi che l’immunità naturale offra una protezione inaffidabile contro il covid-19 – una tesi che viene rapidamente smentita dalla scienza. Più di 15 studi hanno dimostrato il potere dell’immunità acquisita avendo precedentemente il virus. Uno studio di 700.000 persone da Israele due settimane fa ha rilevato che coloro che avevano avuto infezioni precedenti avevano 27 volte meno probabilità di ottenere una seconda infezione sintomatica da covid rispetto a quelli che erano stati vaccinati. Ciò ha confermato uno studio della Cleveland Clinic di giugno sugli operatori sanitari (che sono spesso esposti al virus), in cui nessuno di coloro che in precedenza erano risultati positivi al coronavirus è stato reinfettato. Gli autori dello studio hanno concluso che “è improbabile che gli individui che hanno avuto l’infezione da SARS-CoV-2 traggano beneficio dalla vaccinazione covid-19”. E a maggio, uno studio della Washington University ha scoperto che anche una lieve infezione da covid ha portato a un’immunità di lunga durata.
14) SARS-CoV-2 suscita robuste risposte immunitarie adattative indipendentemente dalla gravità della malattia,Nielsen, 2021“203 pazienti infetti da SARS-CoV-2 guariti in Danimarca tra il 3 aprilerd e il 9 luglioesimo 2020, almeno 14 giorni dopo il recupero dei sintomi COVID-19 … riportare ampi profili sierologici all’interno della coorte, rilevando il legame anticorpale ad altri coronavirus umani… la proteina spike di superficie virale è stata identificata come bersaglio dominante sia per gli anticorpi neutralizzanti che per le risposte delle cellule T CD8. Nel complesso, la maggior parte dei pazienti ha avuto robuste risposte immunitarie adattative, indipendentemente dalla gravità della malattia”.+
15) La protezione della precedente infezione da SARS-CoV-2 è simile a quella della protezione del vaccino BNT162b2: un’esperienza nazionale di tre mesi da Israele,Goldberg, 2021“Analizzare un database aggiornato a livello individuale dell’intera popolazione di Israele per valutare l’efficacia della protezione sia della precedente infezione che della vaccinazione nel prevenire la successiva infezione da SARS-CoV-2, il ricovero in ospedale con COVID-19, la malattia grave e la morte a causa di COVID-19 … la vaccinazione è risultata altamente efficace con un’efficacia complessiva stimata per un’infezione documentata del 92,8% (IC:[92·6, 93·0]); ospedalizzazione 94·2% (CI:[93·6, 94·7]); malattia grave 94·4% (IC:[93·6, 95·0]); e morte 93·7% (CI:[92·5, 94·7]). Allo stesso modo, il livello complessivo stimato di protezione da una precedente infezione da SARS-CoV-2 per infezione documentata è del 94,8% (IC: [94·4, 95·1]); ospedalizzazione 94·1% (CI: [91·9, 95·7]); e malattia grave 96·4% (CI: [92·5, 98·3])… i risultati mettono in discussione la necessità di vaccinare individui precedentemente infetti”.
16) Incidenza dell’infezione da sindrome respiratoria acuta grave Da Coronavirus-2 tra dipendenti precedentemente infetti o vaccinati,Kojima, 2021“I dipendenti sono stati divisi in tre gruppi: (1) NAÏVE e NON VACCINATO A SARS-CoV-2, (2) precedente infezione da SARS-CoV-2 e (3) vaccinati. I giorni-persona sono stati misurati dalla data del primo test del dipendente e troncati alla fine del periodo di osservazione. L’infezione da SARS-CoV-2 è stata definita come due test PCR SARS-CoV-2 positivi in un periodo di 30 giorni … Registri dei dipendenti 4313, 254 e 739 per i gruppi 1, 2 e 3 … precedenti infezioni da SARS-CoV-2 e vaccinazione per SARS-CoV-2 erano associate a un ridotto rischio di infezione o reiniezione con SARS-CoV-2 in una forza lavoro sottoposta a screening di routine. Non c’era differenza nell’incidenza dell’infezione tra individui vaccinati e individui con precedente infezione”.
17) Having SARS-CoV-2 once confers much greater immunity than a vaccine—but vaccination remains vital, Wadman, 2021“Gli israeliani che avevano avuto un’infezione erano più protetti contro la variante del coronavirus Delta rispetto a quelli che avevano un vaccino COVID-19 già altamente efficace… , persone vaccinate per ottenere Delta, sviluppare sintomi da esso o essere ricoverate in ospedale con un grave COVID-19.”
18) One-year sustained cellular and humoral immunities of COVID-19 convalescents, Zhang, 2021“Una valutazione immunitaria sistematica antigene-specifica in 101 convalescenti COVID-19; Gli anticorpi IgG specifici per SARS-CoV-2 e anche il NAb possono persistere in oltre il 95% dei convalescenti COVID-19 da 6 mesi a 12 mesi dopo l’insorgenza della malattia. Almeno 19/71 (26%) dei convalescenti COVID-19 (doppio positivo in ELISA e MCLIA) avevano anticorpi IgM circolanti rilevabili contro SARS-CoV-2 a 12 m dall’insorgenza della malattia. In particolare, le percentuali di convalescenti con risposte positive dei linfociti T specifici per SARS-CoV-2 (almeno uno degli antigeni SARS-CoV-2 S1, S2, M e N) erano 71/76 (93%) e 67 /73 (92%) rispettivamente a 6m e 12m.” 
19) Functional SARS-CoV-2-Specific Immune Memory Persists after Mild COVID-19, Rodda, 2021“Gli individui guariti hanno sviluppato anticorpi immunoglobulinici (IgG) specifici per SARS-CoV-2, plasma neutralizzante e cellule B e T di memoria che sono persistite per almeno 3 mesi. I nostri dati rivelano inoltre che le cellule B di memoria IgG specifiche per SARS-CoV-2 sono aumentate nel tempo. Inoltre, i linfociti di memoria specifici per SARS-CoV-2 hanno mostrato caratteristiche associate a una potente funzione antivirale: le cellule T di memoria hanno secreto citochine e si sono espanse al re-incontro con l’antigene, mentre le cellule B di memoria hanno espresso recettori in grado di neutralizzare il virus quando espressi come anticorpi monoclonali. Pertanto, il lieve COVID-19 suscita linfociti della memoria che persistono e mostrano caratteristiche funzionali dell’immunità antivirale”.
20) Discrete Immune Response Signature to SARS-CoV-2 mRNA Vaccination Versus Infection, Ivanova, 2021“Eseguito il sequenziamento multimodale di una singola cellula sul sangue periferico di pazienti con COVID-19 acuto e volontari sani prima e dopo aver ricevuto il vaccino mRNA SARS-CoV-2 BNT162b2 per confrontare le risposte immunitarie suscitate dal virus e da questo vaccino … sia l’infezione che la vaccinazione ha indotto robuste risposte immunitarie innate e adattative, la nostra analisi ha rivelato differenze qualitative significative tra i due tipi di sfide immunitarie. Nei pazienti COVID-19, le risposte immunitarie sono state caratterizzate da una risposta all’interferone altamente aumentata che era in gran parte assente nei soggetti vaccinati. L’aumento della segnalazione dell’interferone ha probabilmente contribuito alla drammatica sovra regolazione osservata dei geni citotossici nelle cellule T periferiche e nei linfociti simil-innati nei pazienti ma non nei soggetti immunizzati. L’analisi dei repertori dei recettori delle cellule B e T ha rivelato che mentre la maggior parte delle cellule B e T clonali nei pazienti COVID-19 erano cellule effettrici, nei destinatari del vaccino le cellule espanse clonalmente erano principalmente cellule di memoria circolanti … abbiamo osservato la presenza di cellule T CD4 citotossiche in Pazienti COVID-19 che erano in gran parte assenti nei volontari sani dopo l’immunizzazione. Mentre l’iperattivazione delle risposte infiammatorie e delle cellule citotossiche può contribuire all’immunopatologia nelle malattie gravi, nelle malattie lievi e moderate, queste caratteristiche sono indicative di risposte immunitarie protettive e risoluzione dell’infezione”
21) SARS-CoV-2 infection induces long-lived bone marrow plasma cells in humans, Turner, 2021“Le plasmacellule del midollo osseo (BMPC) sono una fonte persistente ed essenziale di anticorpi protettivi… i titoli anticorpali sierici durevoli sono mantenuti da plasmacellule a vita lunga, plasmacellule antigene-specifiche non replicanti che vengono rilevate nel midollo osseo molto tempo dopo la clearance dell’antigene … I BMPC che legano l’S sono quiescenti, il che suggerisce che facciano parte di un compartimento stabile. Coerentemente, negli individui convalescenti sono state rilevate cellule B circolanti della memoria a riposo dirette contro SARS-CoV-2 S. Nel complesso, i nostri risultati indicano che una lieve infezione da SARS-CoV-2 induce negli esseri umani una solida memoria immunitaria umorale antigene-specifica e di lunga durata… della memoria immunitaria umorale: plasmacellule del midollo osseo a vita lunga (BMPC) e cellule B della memoria”
22) SARS-CoV-2 infection rates of antibody-positive compared with antibody-negative health-care workers in England: a large, multicentre, prospective cohort study (SIREN), Jane Hall, 2021“Lo studio SARS-CoV-2 Immunity and Reinfection Evaluation… 30 625 partecipanti sono stati arruolati nello studio… una precedente storia di infezione da SARS-CoV-2 era associata a un rischio di infezione inferiore dell’84%, con un effetto protettivo mediano osservato 7 mesi dopo infezione primaria. Questo periodo di tempo è l’effetto minimo probabile perché le sieroconversioni non sono state incluse. Questo studio mostra che la precedente infezione da SARS-CoV-2 induce un’efficace immunità a future infezioni nella maggior parte degli individui”.
23) Pandemic peak SARS-CoV-2 infection and seroconversion rates in London frontline health-care workers, Houlihan, 2020“200 operatori sanitari arruolati a contatto con il paziente tra il 26 marzo e l’8 aprile 2020 rappresentano un tasso di infezione del 13% (ovvero 14 su 112 operatori sanitari) entro 1 mese di follow-up in quelli senza evidenza di anticorpi o diffusione virale al momento dell’arruolamento. Al contrario, dei 33 operatori sanitari risultati positivi alla sierologia ma negativi alla RT-PCR al momento dell’arruolamento, 32 sono rimasti negativi alla RT-PCR durante il follow-up e uno è risultato positivo alla RT-PCR nei giorni 8 e 13 dopo l’arruolamento.”
24) Antibodies to SARS-CoV-2 are associated with protection against reinfection, Lumley, 2021“Fondamentale per capire se l’infezione con la sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) protegge dalla successiva reinfezione… 12219 operatori sanitari hanno partecipato… la precedente infezione da SARS-CoV-2 che ha generato risposte anticorpali ha offerto protezione dalla reinfezione per la maggior parte delle persone nei sei mesi dopo l’infezione.”
25) Longitudinal analysis shows durable and broad immune memory after SARS-CoV-2 infection with persisting antibody responses and memory B and T cells, Cohen, 2021“Valuta 254 pazienti COVID-19 longitudinalmente fino a 8 mesi e trova risposte immunitarie durevoli su un’ampia base. Gli anticorpi neutralizzanti e leganti il picco SARS-CoV-2 mostrano un decadimento bifasico con un’emivita estesa di > 200 giorni, suggerendo la generazione di plasmacellule più longeve… la maggior parte dei pazienti COVID-19 guariti acquisisce un’immunità ampia e duratura dopo l’infezione, le cellule B di memoria IgG+ spike aumentano e persistono dopo l’infezione, le cellule T CD4 e CD8 polifunzionali durevoli riconoscono regioni epitopi virali distinte.”
26) Single cell profiling of T and B cell repertoires following SARS-CoV-2 mRNA vaccine, Sureshchandra, 2021“Utilizzato il sequenziamento dell’RNA a singola cellula e i test funzionali per confrontare le risposte umorali e cellulari a due dosi di vaccino mRNA con le risposte osservate in individui convalescenti con malattia asintomatica… l’espansione indotta dall’infezione naturale di cloni di cellule T CD8 più grandi occupava cluster distinti, probabilmente a causa del riconoscimento di un insieme più ampio di epitopi virali presentati dal virus non presenti nel vaccino mRNA.”
27) SARS-CoV-2 antibody-positivity protects against reinfection for at least seven months with 95% efficacy, Abu-Raddad, 2021“Le persone positive agli anticorpi SARS-CoV-2 dal 16 aprile al 31 dicembre 2020 con un tampone PCR-positivo ≥14 giorni dopo il primo test anticorpale positivo sono state esaminate per prove di reinfezione, 43.044 persone positive agli anticorpi che sono state seguite per un mediana di 16,3 settimane… la reinfezione è rara nella popolazione giovane e internazionale del Qatar. L’infezione naturale sembra suscitare una forte protezione contro la reinfezione con un’efficacia ~95% per almeno sette mesi.”
28) Orthogonal SARS-CoV-2 Serological Assays Enable Surveillance of Low-Prevalence Communities and Reveal Durable Humoral Immunity, Ripperger, 2020“Condotto uno studio sierologico per definire i correlati dell’immunità contro SARS-CoV-2. Rispetto a quelli con casi di malattia da coronavirus lieve 2019 (COVID-19), gli individui con malattia grave hanno mostrato titoli e anticorpi neutralizzanti del virus elevati contro il nucleocapside (N) e il dominio di legame del recettore (RBD) della proteina spike… neutralizzante e spike- la produzione di anticorpi specifici persiste per almeno 5-7 mesi… gli anticorpi nucleocapside spesso diventano non rilevabili entro 5-7 mesi.”
29) Anti-spike antibody response to natural SARS-CoV-2 infection in the general population, Wei, 2021“Nella popolazione generale utilizzando i dati rappresentativi di 7.256 partecipanti al sondaggio sull’infezione da COVID-19 del Regno Unito che hanno avuto test PCR SARS-CoV-2 con tampone positivo dal 26-aprile-2020 al 14-giugno-2021… abbiamo stimato i livelli di anticorpi associati alla protezione contro la reinfezione probabilmente durano in media 1,5-2 anni, con livelli associati alla protezione da infezioni gravi presenti da diversi anni. Queste stime potrebbero informare la pianificazione delle strategie di richiamo della vaccinazione.”
30) Antibody Status and Incidence of SARS-CoV-2 Infection in Health Care Workers, Lumley, 2021“12.541 operatori sanitari hanno partecipato e hanno misurato le IgG anti-spike; 11.364 sono stati seguiti dopo risultati anticorpali negativi e 1265 dopo risultati positivi, inclusi 88 in cui si è verificata sieroconversione durante il follow-up … un totale di 223 operatori sanitari anti-spike-sieronegativi hanno avuto un test PCR positivo (1,09 per 10.000 giorni a rischio) , 100 durante lo screening mentre erano asintomatici e 123 mentre erano sintomatici, mentre 2 operatori sanitari anti-spike-sieropositivi avevano un test PCR positivo… la presenza di anticorpi IgG anti-spike o anti-nucleocapside era associata a un rischio sostanzialmente ridotto di SARS -Reinfezione da CoV-2 nei successivi 6 mesi.”
31) Researchers find long-lived immunity to 1918 pandemic virus, CIDRAP, 2008
and the actual 2008 NATURE journal publication by Yu
“Uno studio sul sangue di persone anziane sopravvissute alla pandemia influenzale del 1918 rivela che gli anticorpi contro il ceppo sono durati una vita e possono forse essere progettati per proteggere le generazioni future da ceppi simili… il gruppo ha raccolto campioni di sangue da 32 sopravvissuti alla pandemia di età compresa tra 91 e 101 anni. ..le persone reclutate per lo studio avevano dai 2 ai 12 anni nel 1918 e molti ricordavano familiari malati nelle loro famiglie, il che suggerisce che erano stati direttamente esposti al virus, riferiscono gli autori. Il gruppo ha scoperto che il 100% dei soggetti aveva un’attività siero-neutralizzante contro il virus del 1918 e il 94% mostrava una reattività sierologica all’emoagglutinina del 1918. I ricercatori hanno generato linee di cellule linfoblastiche B dalle cellule mononucleate del sangue periferico di otto soggetti. Le cellule trasformate del sangue di 7 degli 8 donatori hanno prodotto anticorpi secernenti che legano l’emoagglutinina del 1918”. Yu: “qui mostriamo che dei 32 individui testati nati nel 1915 o prima, ognuno ha mostrato siero-reattività con il virus del 1918, quasi 90 anni dopo la pandemia. Sette degli otto campioni di donatori testati avevano cellule B circolanti che secernevano anticorpi che legavano l’HA del 1918. Abbiamo isolato le cellule B dai soggetti e generato cinque anticorpi monoclonali che hanno mostrato una potente attività neutralizzante contro il virus del 1918 da tre donatori separati. Questi anticorpi hanno anche reagito in modo incrociato con l’HA geneticamente simile di un ceppo di influenza suina H1N1 del 1930.”
32) Live virus neutralisation testing in convalescent patients and subjects vaccinated against 19A, 20B, 20I/501Y.V1 and 20H/501Y.V2 isolates of SARS-CoV-2, Gonzalez, 2021“Non è stata osservata alcuna differenza significativa tra gli isolati 20B e 19A per gli operatori sanitari con COVID-19 lieve e pazienti critici. Tuttavia, è stata riscontrata una significativa diminuzione della capacità di neutralizzazione per 20I/501Y.V1 rispetto all’isolato di 19A per i pazienti critici e gli operatori sanitari 6 mesi dopo l’infezione. Per quanto riguarda 20H/501Y.V2, tutte le popolazioni hanno avuto una riduzione significativa dei titoli anticorpali neutralizzanti rispetto all’isolato 19A. È interessante notare che è stata osservata una differenza significativa nella capacità di neutralizzazione per gli operatori sanitari vaccinati tra le due varianti mentre non era significativa per i gruppi convalescenti… la ridotta risposta neutralizzante osservata verso il 20H/501Y.V2 rispetto al 19A e 20I/501Y.V1 isolati in soggetti completamente immunizzati con il vaccino BNT162b2 è un risultato sorprendente dello studio.”
33) Differential effects of the second SARS-CoV-2 mRNA vaccine dose on T cell immunity in naïve and COVID-19 recovered individuals, Camara, 2021“Immunità umorale e cellulare specifica per spike SARS-CoV-2 caratterizzata in individui naïve e precedentemente infetti durante la vaccinazione completa BNT162b2 … i risultati dimostrano che la seconda dose aumenta sia l’immunità umorale che cellulare negli individui naïve. Al contrario, la seconda dose di vaccino BNT162b2 si traduce in una riduzione dell’immunità cellulare negli individui guariti da COVID-19.”
34) Op-Ed: Quit Ignoring Natural COVID Immunity, Klausner, 2021“Gli epidemiologi stimano che oltre 160 milioni di persone in tutto il mondo si siano riprese dal COVID-19. Coloro che si sono ripresi hanno una frequenza sorprendentemente bassa di infezioni ripetute, malattie o decessi.”
35) Association of SARS-CoV-2 Seropositive Antibody Test With Risk of Future Infection, Harvey, 2021“Per valutare l’evidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 sulla base del test diagnostico di amplificazione dell’acido nucleico (NAAT) tra i pazienti con risultati del test positivi vs negativi per gli anticorpi in uno studio di coorte descrittivo osservazionale di laboratorio clinico e dati relativi alle affermazioni … la coorte includeva 3257478 pazienti unici con un test anticorpale indice… i pazienti con risultati positivi al test anticorpale avevano inizialmente maggiori probabilità di avere risultati NAAT positivi, coerenti con una prolungata eliminazione dell’RNA, ma nel tempo hanno avuto una probabilità notevolmente inferiore di avere risultati NAAT positivi, suggerendo che la sieropositività è associata alla protezione dall’infezione.”
36) SARS-CoV-2 seropositivity and subsequent infection risk in healthy young adults: a prospective cohort study, Letizia, 2021“Indagato il rischio di successiva infezione da SARS-CoV-2 tra i giovani adulti (studio marino CHARM) sieropositivi per una precedente infezione… hanno arruolato 3249 partecipanti, di cui 3168 (98%) hanno continuato nel periodo di quarantena di 2 settimane. 3076 (95%) partecipanti… Tra i 189 partecipanti sieropositivi, 19 (10%) hanno avuto almeno un test PCR positivo per SARS-CoV-2 durante il follow-up di 6 settimane (1,1 casi per persona-anno). Al contrario, 1079 (48%) dei 2247 partecipanti sieronegativi sono risultati positivi (6,2 casi per anno-persona). Il rapporto del tasso di incidenza era 0,18 (95% CI 0,11–0,28; p<0,0001)…i partecipanti sieropositivi infetti avevano cariche virali che erano circa 10 volte inferiori a quelle dei partecipanti sieronegativi infetti (ciclo del gene ORF1ab differenza di soglia 3,95 [IC 95% 1,23–6,67]; p=0,004).” 
37) Associations of Vaccination and of Prior Infection With Positive PCR Test Results for SARS-CoV-2 in Airline Passengers Arriving in Qatar, Bertollini, 2021“Di 9.180 individui senza registrazione di vaccinazione ma con precedente infezione almeno 90 giorni prima del test PCR (gruppo 3), 7694 potrebbero essere abbinati a individui senza registrazione di vaccinazione o precedente infezione (gruppo 2), tra cui PCR la positività è stata rispettivamente dell’1,01% (IC 95%, 0,80%-1,26%) e del 3,81% (IC 95%, 3,39%-4,26%). Il rischio relativo di positività alla PCR era 0,22 (95% IC, 0,17-0,28) per gli individui vaccinati e 0,26 (95% IC, 0,21-0,34) per gli individui con precedente infezione rispetto a nessuna registrazione di vaccinazione o precedente infezione.”
38) L’immunità naturale contro COVID-19 riduce significativamente il rischio di reinfezione: risultati di una coorte di partecipanti al sondaggio siero,Mishra, 2021“Seguito da un sottocampione dei nostri precedenti partecipanti al sondaggio siero per valutare se l’immunità naturale contro SARS-CoV-2 fosse associata a un ridotto rischio di rein-infezione (India) … dei 2238 partecipanti, 1170 erano sieropositivi e 1068 erano siero-negativi per gli anticorpi contro COVID-19. Il nostro sondaggio ha rilevato che solo 3 individui nel gruppo sieropositivo sono stati infettati da COVID-19 mentre 127 individui hanno riferito di aver contratto l’infezione del gruppo siero-negativo … dei 3 sieropositivi reinfetta da COVID-19, uno ha avuto il ricovero in ospedale, ma non ha richiesto il supporto di ossigeno o cure critiche … lo sviluppo di anticorpi a seguito di infezione naturale non solo protegge in larga misura dalla reiniezione da parte del virus, ma salvaguarda anche contro la progressione verso la grave malattia COVID-19”.
39) Immunità duratura trovata dopo il recupero da COVID-19, NIH, 2021“I ricercatori hanno trovato risposte immunitarie durature nella maggior parte delle persone studiate. Gli anticorpi contro la proteina spike di SARS-CoV-2, che il virus utilizza per entrare nelle cellule, sono stati trovati nel 98% dei partecipanti un mese dopo l’insorgenza dei sintomi. Come visto in studi precedenti, il numero di anticorpi variava ampiamente tra gli individui. Ma, promettentemente, i loro livelli sono rimasti abbastanza stabili nel tempo, diminuendo solo modestamente a 6-8 mesi dopo l’infezione … le cellule B virus-specifiche sono aumentate nel tempo. Le persone avevano più cellule B di memoria sei mesi dopo l’insorgenza dei sintomi rispetto a un mese dopo … anche i livelli di cellule T per il virus sono rimasti alti dopo l’infezione. Sei mesi dopo l’insorgenza dei sintomi, il 92% dei partecipanti aveva cellule T CD4 + che hanno riconosciuto il virus … Il 95% delle persone aveva almeno 3 componenti del sistema immunitario su 5 in grado di riconoscere SARS-CoV-2 fino a 8 mesi dopo l’infezione.
40) La risposta anticorpale naturale SARS-CoV-2 persiste per almeno 12 mesi in uno studio nazionale dalle Isole Faroe,Petersen, 2021“Il tasso sieropositivo negli individui convalescenti era superiore al 95% in tutti i punti temporali di campionamento per entrambi i test ed è rimasto stabile nel tempo; cioè, quasi tutti gli individui convalescenti hanno sviluppato anticorpi … i risultati mostrano che gli anticorpi SARS-CoV-2 persistono almeno 12 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi e forse anche più a lungo, indicando che gli individui convalescenti COVID-19 possono essere protetti dalla reinfezione”.
41) La memoria delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 è sostenuta nei pazienti convalescenti COVID-19 per 10 mesi con sviluppo di successo di cellule T di memoria simili a cellule staminali,Jung, 2021“Saggi ex vivo per valutare le risposte delle cellule T CD4 e CD8 specifiche di SARS-CoV-2 nei pazienti convalescenti COVID-19 fino a 317 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi (DPSO) e scoprire che le risposte delle cellule T della memoria sono mantenute durante il periodo di studio indipendentemente dalla gravità di COVID-19. In particolare, osserviamo una polifunzionalità sostenuta e una capacità di proliferazione delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2. Tra le cellule T CD4 e CD8 specifiche per SARS-CoV-2 rilevate da marcatori indotti dall’attivazione, la proporzione di memoria simile alle cellule staminali T (T++++SCM) le cellule sono aumentate, con un picco di circa 120 DPSO.”
42) La memoria immunitaria nei pazienti covid-19 lievi e nei donatori non esposti rivela risposte persistenti delle cellule T dopo l’infezione da SARS-CoV-2,Ansari, 2021“Analizzati 42 donatori sani non esposti e 28 soggetti covid-19 lievi fino a 5 mesi dal recupero per la memoria immunologica specifica di SARS-CoV-2. Utilizzando megapool peptidici previsti per HLA classe II, abbiamo identificato cellule T CD4 cross-reattive SARS-CoV-2 in circa il 66% degli individui non esposti. Inoltre, abbiamo trovato memoria immunitaria rilevabile nei pazienti covid-19 lievi diversi mesi dopo il recupero nei bracci cruciali dell’immunità adattativa protettiva; Cellule T CD4 e cellule B, con un contributo minimo da cellule T CD8. È interessante notare che la memoria immunitaria persistente nei pazienti COVID-19 è prevalentemente mirata verso la glicoproteina Spike del SARS-CoV-2. Questo studio fornisce la prova di una memoria immunitaria preesistente e persistente sia di alta grandezza nella popolazione indiana”. +++
43) Immunità naturale COVID-19,OMS, 2021“Le prove attuali indicano che la maggior parte degli individui sviluppa forti risposte immunitarie protettive a seguito di un’infezione naturale con SARSCoV-2. Entro 4 settimane dall’infezione, il 90-99% degli individui infettati dal virus SARS-CoV-2 sviluppa anticorpi neutralizzanti rilevabili. La forza e la durata delle risposte immunitarie a SARS-CoV-2 non sono completamente comprese e i dati attualmente disponibili suggeriscono che varia in base all’età e alla gravità dei sintomi. I dati scientifici disponibili suggeriscono che nella maggior parte delle persone le risposte immunitarie rimangono robuste e protettive contro la reinfezione per almeno 6-8 mesi dopo l’infezione (il follow-up più lungo con forti prove scientifiche è attualmente di circa 8 mesi).
44) Evoluzione degli anticorpi dopo la vaccinazione contro l’mRNA SARS-CoV-2,Cho, 2021“Concludiamo che gli anticorpi della memoria selezionati nel tempo dall’infezione naturale hanno maggiore potenza e ampiezza rispetto agli anticorpi suscitati dalla vaccinazione … potenziare gli individui vaccinati con vaccini a mRNA attualmente disponibili produrrebbe un aumento quantitativo dell’attività neutralizzante del plasma, ma non il vantaggio qualitativo rispetto alle varianti ottenute vaccinando individui convalescenti”.
45) Risposta immunitaria umorale a SARS-CoV-2 in Islanda, Gudbjartsson, 2020“Anticorpi misurati in campioni di siero da 30.576 persone in Islanda … delle 1797 persone che erano guarite dall’infezione da SARS-CoV-2, 1107 delle 1215 che erano state testate (91,1%) erano sieropositive… i risultati indicano che il rischio di morte per infezione era dello 0,3% e che gli anticorpi antivirali contro SARS-CoV-2 non sono diminuiti entro 4 mesi dalla diagnosi (para)”.
46) Memoria immunologica a SARS-CoV-2 valutata fino a 8 mesi dopo l’infezione,Dan, 2021“Analizzati più compartimenti della memoria immunitaria circolante a SARS-CoV-2 in 254 campioni da 188 casi di COVID-19, inclusi 43 campioni a ≥ 6 mesi dopo l’infezione … Le IgG alla proteina Spike sono rimaste relativamente stabili per oltre 6 mesi. Le cellule B di memoria spike-specifiche erano più abbondanti a 6 mesi rispetto a 1 mese dopo l’insorgenza dei sintomi.
47) La prevalenza dell’immunità adattativa a COVID-19 e la reinfezione dopo il recupero – una revisione sistematica completa e una meta-analisi di 12 011 447 individui, Chivese, 2021“Sono stati inclusi cinquantaquattro studi, provenienti da 18 paesi, con un totale di 12 011 447 individui, seguiti fino a 8 mesi dopo il recupero. A 6-8 mesi dopo il recupero, la prevalenza della memoria immunologica specifica rilevabile sars-CoV-2 è rimasta elevata; IgG – 90,4%… la prevalenza pooled di reinfezione è stata dello 0,2% (IC 95% 0,0 – 0,7, I2 = 98.8, 9 studi). Gli individui che si sono ripresi da COVID-19 hanno avuto una riduzione dell’81% delle probabilità di una reinfezione (OR 0,19, IC 95% 0,1 – 0,3, I2 = 90,5%, 5 studi).”
48) Tassi di reinfezione tra i pazienti che in precedenza sono risultati positivi al COVID-19: uno studio di coorte retrospettivo,Sheehan, 2021“Lo studio di coorte retrospettivo di un sistema sanitario multi-ospedaliero ha incluso 150.325 pazienti testati per l’infezione da COVID-19 … la precedente infezione nei pazienti con COVID-19 era altamente protettiva contro la reinfezione e la malattia sintomatica. Questa protezione è aumentata nel tempo, suggerendo che lo spargimento virale o la risposta immunitaria in corso possono persistere oltre i 90 giorni e potrebbero non rappresentare una vera reinfezione”.
49) Valutazione della reinfezione da SARS-CoV-2 1 anno dopo l’infezione primaria in una popolazione in Lombardia, Italia,Vitale, 2020“I risultati dello studio suggeriscono che le reinfezioni sono eventi rari e i pazienti che sono guariti da COVID-19 hanno un rischio inferiore di reinfezione. L’immunità naturale al SARS-CoV-2 sembra conferire un effetto protettivo per almeno un anno, che è simile alla protezione riportata nei recenti studi sui vaccini.
50) La precedente infezione da SARS-CoV-2 è associata alla protezione contro la reinfezione sintomatica,Hanrath, 2021“Non abbiamo osservato reinfezioni sintomatiche in una coorte di operatori sanitari … questa apparente immunità alla rein-infezione è stata mantenuta per almeno 6 mesi… i tassi di positività al test sono stati 0% (0/128 [IC 95%: 0-2,9]) in quelli con infezione precedente rispetto al 13,7% (290/2115 [IC 95%: 12,3-15,2]) in quelli senza (P<0,0001 χ2 test).”
51) Le cellule T indotte dal vaccino mRNA rispondono in modo identico alle varianti di preoccupazione SARS-CoV-2, ma differiscono per longevità e proprietà di homing a seconda dello stato di infezione precedente,Neidleman, 2021“Negli individui naïve alle infezioni, la seconda dose ha aumentato la quantità e alterato le proprietà fenotipiche delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2, mentre nei convalescenti la seconda dose non ha cambiato nessuna delle due. Le cellule T spike-specifiche dei vaccini convalescenti differivano in modo sorprendente da quelle dei vaccinati naïve alle infezioni, con caratteristiche fenotipiche che suggeriscono una persistenza a lungo termine superiore e la capacità di raggiungere le vie respiratorie, incluso il rinofaringe.
52) Obiettivi delle risposte delle cellule T al coronavirus SARS-CoV-2 negli esseri umani con malattia COVID-19 e individui non esposti, Grifoni, 2020“Utilizzando i “megapool” peptidici previsti per HLA di classe I e II, le cellule T CD8 e CD4 specifiche di SARS-CoV-2 circolanti sono state identificate rispettivamente nel ∼70% e nel 100% dei pazienti convalescenti COVID-19. Le risposte delle cellule T CD4 al picco, l’obiettivo principale della maggior parte degli sforzi vaccinali, erano robuste e correlate con l’entità dei titoli anti-SARS-CoV-2 IgG e IgA. Le proteine M, spike e N rappresentavano ciascuna l’11%-27% della risposta totale CD4, con risposte aggiuntive comunemente mirate a nsp3, nsp4, ORF3a e ORF8, tra gli altri. Per le cellule T CD8, spike e M sono stati riconosciuti, con almeno otto ORF SARS-CoV-2 presi di mira.+++++
53) Blog del direttore NIH: le cellule T immunitarie possono offrire una protezione duratura contro COVID-19,Collins, 2021“Gran parte dello studio sulla risposta immunitaria al SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus che causa COVID-19, si è concentrato sulla produzione di anticorpi. Ma, in realtà, le cellule immunitarie note come cellule T di memoria svolgono anche un ruolo importante nella capacità del nostro sistema immunitario di proteggerci da molte infezioni virali, tra cui , ora sembra – COVID-19. Un nuovo intrigante studio su queste cellule T di memoria suggerisce che potrebbero proteggere alcune persone appena infettate da SARS-CoV-2 ricordando gli incontri passati con altri coronavirus umani. Questo potrebbe potenzialmente spiegare perché alcune persone sembrano respingere il virus e potrebbero essere meno suscettibili di ammalarsi gravemente di COVID-19″.
54) Anticorpi ultrapotenti contro varianti SARS-CoV-2 diverse e altamente trasmissibili,Wang, 2021“Il nostro studio dimostra che i soggetti convalescenti precedentemente infettati dalla variante ancestrale SARS-CoV-2 producono anticorpi che neutralizzano i COV emergenti con elevata potenza … potente contro 23 varianti, comprese le varianti di preoccupazione.”
55) Perché i vaccini COVID-19 non dovrebbero essere richiesti per tutti gli americani, Makary, 2021“Richiedere il vaccino nelle persone che sono già immuni con immunità naturale non ha alcun supporto scientifico. Mentre vaccinare quelle persone può essere utile – ed è un’ipotesi ragionevole che la vaccinazione possa rafforzare la longevità della loro immunità – sostenere dogmaticamente che devono essere vaccinati non ha dati di esito clinico a sostegno. È un dato di fatto, abbiamo dati contrari: uno studio della Cleveland Clinic ha rilevato che vaccinare le persone con immunità naturale non ha aggiunto al loro livello di protezione”.
56) Differenziazione prolungata ma coordinata di cellule T CD8+ specifiche di SARS-CoV-2 di lunga durata durante la convalescenza COVID-19,Ma, 2021“Sottoposti a screening 21 donatori convalescenti ben caratterizzati e campionati longitudinalmente che si sono ripresi da COVID-19 lieve … a seguito di un tipico caso di COVID-19 lieve, le cellule T CD8+ specifiche di SARS-CoV-2 non solo persistono, ma si differenziano continuamente in modo coordinato fino alla convalescenza, in uno stato caratteristico della memoria longeva e auto-rinnovante”.
57) Diminuzione della memoria delle cellule T CD4 specifiche del virus del morbillo in soggetti vaccinati,Naniche, 2004“Caratterizzato i profili delle cellule T antigene-specifiche indotte dal vaccino contro il morbillo (MV) nel tempo dopo la vaccinazione. In uno studio trasversale su soggetti sani con una storia di vaccinazione MV, abbiamo scoperto che le cellule T CD4 e CD8 specifiche per MV potrebbero essere rilevate fino a 34 anni dopo la vaccinazione. I livelli di cellule T CD8 MV-specifiche e IgG MV-specifiche sono rimasti stabili, mentre il livello di cellule T CD4 MV-specifiche è diminuito significativamente nei soggetti che erano stati vaccinati >21 anni prima”.
58) Ricordo delle cose passate: memoria a cellule B a lungo termine dopo l’infezione e la vaccinazione,Palm, 2019“Il successo dei vaccini dipende dalla generazione e dal mantenimento della memoria immunologica. Il sistema immunitario può ricordare i patogeni precedentemente incontrati e la memoria delle cellule B e T è fondamentale nelle risposte secondarie alle infezioni. Studi sui topi hanno aiutato a capire come vengono generate diverse popolazioni di cellule B di memoria dopo l’esposizione all’antigene e come l’affinità per l’antigene sia determinante per il destino delle cellule B … in caso di ri-esposizione a un antigene la risposta di richiamo della memoria sarà più veloce, più forte e più specifica di una risposta ingenua. La memoria protettiva dipende in primo luogo dagli anticorpi circolanti secreti dalle LLPC. Quando questi non sono sufficienti per la neutralizzazione e l’eliminazione immediata dei patogeni, le cellule B della memoria vengono richiamate.
59)Le cellule B di memoria specifiche di SARS-CoV-2 di individui con diverse gravità della malattia riconoscono le varianti di preoccupazione SARS-CoV-2,Lyski, 2021“Ha esaminato l’entità, l’ampiezza e la durata degli anticorpi specifici di SARS-CoV-2 in due distinti compartimenti di cellule B: anticorpi derivati da plasmacellule longevi nel plasma e cellule B di memoria periferica insieme ai loro profili anticorpali associati suscitati dopo stimolazione in vitro. Abbiamo scoperto che la grandezza variava tra gli individui, ma era la più alta nei soggetti ospedalizzati. Varianti di preoccupazione (VoC) -RBD-anticorpi reattivi sono stati trovati nel plasma del 72% dei campioni in questa indagine, e voC-RBD-reattivo memoria B cellule sono state trovate in tutti tranne 1 soggetto in un singolo punto temporale. Questa scoperta, che gli MBC reattivi voC-RBD sono presenti nel sangue periferico di tutti i soggetti, compresi quelli che hanno avuto una malattia asintomatica o lieve, fornisce un motivo di ottimismo per quanto riguarda la capacità di vaccinazione, infezione precedente e / o entrambi, di limitare la gravità della malattia e la trasmissione di varianti di preoccupazione mentre continuano a sorgere e circolare. “
60) L’esposizione a SARS-CoV-2 genera memoria delle cellule T in assenza di un’infezione virale rilevabile,Wang, 2021“L’immunità delle cellule T è importante per il recupero da COVID-19 e fornisce un’immunità rafforzata per la reincezione. Tuttavia, si sa poco sull’immunità delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 in individui esposti al virus … segnalare la memoria delle cellule T CD4 e CD8 specifica del virus in pazienti COVID-19 guariti e contatti stretti … i contatti stretti sono in grado di ottenere l’immunità delle cellule T contro SARS-CoV-2 nonostante manchi un’infezione rilevabile”. ++
61) Le risposte delle cellule T CD8 + in individui convalescenti COVID-19 mirano a epitopi conservati da più varianti circolanti prominenti di SARS-CoV-2,Redd, 2021 e Lee,2021“Le risposte CD4 e CD8 generate dopo l’infezione naturale sono ugualmente robuste, mostrando attività contro più “epitopi” (piccoli segmenti) della proteina spike del virus. Ad esempio, le cellule CD8 rispondono a 52 epitopi e le cellule CD4 rispondono a 57 epitopi attraverso la proteina spike, in modo che alcune mutazioni nelle varianti non possano eliminare una risposta delle cellule T così robusta e ampia. solo 1 mutazione trovata nella variante Beta-spike si sovrapponeva a un epitopo precedentemente identificato (1/52), suggerendo che praticamente tutte le risposte delle cellule T anti-SARS-CoV-2 CD8+ dovrebbero riconoscere queste varianti appena descritte.
62) L’esposizione ai comuni coronavirus del raffreddore può insegnare al sistema immunitario a riconoscere SARS-CoV-2,La Jolla, Crotty e Sette, 2020“L’esposizione ai comuni coronavirus del raffreddore può insegnare al sistema immunitario a riconoscere SARS-CoV-2”
63)Epitopi selettivi e cross-reattivi delle cellule T SARS-CoV-2 nell’uomo non esposti,Mateus, 2020“Ho scoperto che la reattività preesistente contro SARS-CoV-2 proviene dalle cellule T di memoria e che le cellule T cross-reattive possono riconoscere specificamente un epitopo SARS-CoV-2 e l’epitopo omologo da un comune coronavirus del raffreddore. Questi risultati sottolineano l’importanza di determinare gli impatti della memoria immunitaria preesistente nella gravità della malattia COVID-19”.
64) Osservazione longitudinale delle risposte anticorpali per 14 mesi dopo l’infezione da SARS-CoV-2, Dehgani-Mobaraki,2021“Una migliore comprensione delle risposte anticorpali contro SARS-CoV-2 dopo l’infezione naturale potrebbe fornire preziose informazioni sulla futura attuazione delle politiche di vaccinazione. L’analisi longitudinale dei titoli anticorpali IgG è stata effettuata in 32 pazienti COVID-19 guariti con sede nella regione Umbria in Italia per 14 mesi dopo l’infezione lieve e moderatamente grave … I risultati dello studio sono coerenti con studi recenti che riportano la persistenza degli anticorpi che suggeriscono che l’immunità indotta da SARS-CoV-2 attraverso l’infezione naturale, potrebbe essere molto efficace contro la reiniezione (>90%) e potrebbe persistere per più di sei mesi. Il nostro studio ha seguito i pazienti fino a 14 mesi dimostrando la presenza di IgG anti-S-RBD nel 96,8% dei soggetti COVID-19 guariti”.
65) Risposte umorali e circolanti delle cellule T follicolari helper in pazienti guariti con COVID-19, Juno, 2020“Caratterizzato dall’immunità umorale e circolante delle cellule T follicolari helper (cTFH) contro il picco nei pazienti guariti con malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). Abbiamo scoperto che gli anticorpi S-specifici, le cellule B della memoria e il cTFH sono costantemente suscitati dopo l’infezione da SARS-CoV-2, demarkando una robusta immunità umorale e positivamente associati all’attività di neutralizzazione del plasma”.
66) Risposte anticorpali convergenti a SARS-CoV-2 in individui convalescenti,Robbiani, 2020“149 persone convalescenti COVID-19 … il sequenziamento degli anticorpi ha rivelato l’espansione di cloni di cellule B di memoria specifiche di RBD che esprimevano anticorpi strettamente correlati in diversi individui. Nonostante i bassi tic tici plasmatici, gli anticorpi contro tre epitopi distinti sul RBD hanno neutralizzato il virus con concentrazioni inibitorie semi-massime (IC50 valori) a partire da 2 ng ml−1.”
67) Generazione rapida di memoria a cellule B durevoli per le proteine spike e nucleocapsid SARS-CoV-2 in COVID-19 e convalescenza,Hartley, 2020“I pazienti COVID-19 generano rapidamente memoria delle cellule B sia per gli antigeni spike che nucleocapsidi a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2 … Le cellule IgG e Bmem specifiche per RBD e NCP sono state rilevate in tutti i 25 pazienti con una storia di COVID-19.
68) Aveva il COVID? Probabilmente farai anticorpi per tutta la vita, Callaway, 2021“Le persone che si riprendono da COVID-19 lieve hanno cellule del midollo osseo che possono sfornare anticorpi per decenni … lo studio fornisce la prova che l’immunità innescata dall’infezione da SARS-CoV-2 sarà straordinariamente duratura”.
69) La maggior parte degli adulti non infetti mostra una reattività anticorpale preesistente contro SARS-CoV-2,Majdoubi, 2021Nella grande Vancouver Canada, “utilizzando un test multiplex altamente sensibile e soglie positive / negative stabilite nei neonati in cui gli anticorpi materni sono diminuiti, abbiamo determinato che oltre il 90% degli adulti non infetti ha mostrato reattività anticorpale contro la proteina spike, il dominio di legame del recettore (RBD), il dominio N-terminale (NTD) o la proteina nucleocapside (N) di SARS-CoV-2”.
70) Cellule T reattive SARS-CoV-2 in donatori sani e pazienti con COVID-19, Braun, 2020“I risultati indicano che sono presenti cellule T cross-reattive della proteina spike, che probabilmente sono state generate durante precedenti incontri con coronavirus endemici”.
71) Ampiezza neutralizzante naturalmente migliorata contro SARS-CoV-2 un anno dopo l’infezione,Wang, 2021“Una coorte di 63 individui che sono guariti da COVID-19 valutati a 1,3, 6,2 e 12 mesi dopo l’infezione da SARS-CoV-2 … i dati suggeriscono che l’immunità negli individui convalescenti sarà molto duratura”.
72) Un anno dopo COVID-19 lieve: la maggior parte dei pazienti mantiene un’immunità specifica, ma uno su quattro soffre ancoradi sintomi a lungo termine, Classifica, 2021“Memoria immunologica di lunga durata contro SARS-CoV-2 dopo COVID-19 lieve.”
73) IDSA,2021“Le risposte immunitarie a SARS-CoV-2 a seguito di infezione naturale possono persistere per almeno 11 mesi … l’infezione naturale (come determinato da un precedente anticorpo positivo o dal risultato del test PCR) può conferire protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2.
74) Valutazione della protezione contro la reinfezione con SARS-CoV-2 tra 4 milioni di individui testati PCR in Danimarca nel 2020: uno studio osservazionale a livellodi popolazione, Holm Hansen, 2021Danimarca, “durante il primo picco (cioè prima di giugno 2020), sono state testate 533 381 persone, di cui 11 727 (2,20%) erano positive alla PCR e 525 339 erano eleggibili per il follow-up nella seconda ondata, di cui 11 068 (2,11%) erano risultate positive durante la prima ondata. Tra gli individui idonei alla PCR-positivi dalla prima ondata dell’epidemia, 72 (0,65% [IC 95% 0·51-0·82]) sono risultati nuovamente positivi durante la seconda ondata rispetto a 16 819 (3,27% [3,22-3·32]) di 514 271 che sono risultati negativi durante il primo picco (RR aggiustato 0,195 [IC 95% 0,155-0·246]).”
75) Immunità adattativa antigene-specifica a SARS-CoV-2 in COVID-19 acuto e associazioni con età e gravità della malattia, Moderbacher, 2020“Le risposte immunitarie adattive limitano la gravità della malattia COVID-19 … più bracci coordinati di controllo dell’immunità adattativa meglio delle risposte parziali… ha completato un esame combinato di tutti e tre i rami dell’immunità adattativa a livello di cellule T CD4 e CD8 specifiche di SARS-CoV-2 e risposte anticorpali neutralizzanti in soggetti acuti e convalescenti. Le cellule T CD4 e CD8 specifiche di SARS-CoV-2 erano ciascuna associata a una malattia più lieve. Le risposte immunitarie adattative coordinate specifiche per SARS-CoV-2 sono state associate a una malattia più lieve, suggerendo ruoli sia per le cellule T CD4 che CD8 nell’immunità protettiva in COVID-19. ++++++
76) Rilevamento dell’immunità umorale e cellulare specifica di SARS-CoV-2 in individui convalescenti COVID-19,Ni, 2020“Raccolto sangue da pazienti COVID-19 che sono recentemente diventati liberi da virus, e quindi sono stati dimessi, e ha rilevato l’immunità umorale e cellulare specifica di SARS-CoV-2 in otto pazienti appena dimessi. L’analisi di follow-up su un’altra coorte di sei pazienti 2 settimane dopo la dimissione ha anche rivelato alti titoli di anticorpi immunoglobuline G (IgG). In tutti i 14 pazienti testati, 13 hanno mostrato attività di neutralizzazione del siero in un test di ingresso dello pseudotipo. In particolare, c’era una forte correlazione tra i titoli degli anticorpi di neutralizzazione e il numero di cellule T specifiche del virus”.
77) La robusta immunità delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 viene mantenuta a 6 mesi dopo l’infezione primaria,Zuo, 2020“Ha analizzato l’entità e il fenotipo della risposta immunitaria cellulare SARS-CoV-2 in 100 donatori a sei mesi dall’infezione primaria e ha correlato questo al profilo del livello di anticorpi contro spike, nucleoproteine e RBD nei sei mesi precedenti. Le risposte immunitarie delle cellule T al SARS-CoV-2 erano presenti mediante analisi ELISPOT e/o ICS in tutti i donatori e sono caratterizzate da risposte predominanti delle cellule T CD4+ con forte espressione di citochine IL-2… le risposte funzionali delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 vengono mantenute a sei mesi dopo l’infezione”.
78) Impatto trascurabile delle varianti di SARS-CoV-2 sulla reattività delle cellule T CD4 e CD8 nei donatori e nei vaccinati esposti a COVID-19++, Tarke, 2021“Eseguita un’analisi completa delle risposte delle cellule T CD4 + e CD8 + specifiche di SARS-CoV-2 da soggetti convalescenti COVID-19 che riconoscono il ceppo ancestrale, rispetto alle linee varianti B.1.1.7, B.1.351, P.1 e CAL.20C, nonché ai destinatari dei vaccini Moderna (mRNA-1273) o Pfizer / BioNTech (BNT162b2) COVID-19 … le sequenze della stragrande maggioranza degli epitopi a cellule T SARS-CoV-2 non sono influenzate dalle mutazioni riscontrate nelle varianti analizzate. Nel complesso, i risultati dimostrano che le risposte delle cellule T CD4 + e CD8 + in soggetti convalescenti COVID-19 o vaccini mRNA COVID-19 non sono sostanzialmente influenzate dalle mutazioni”.
79) Una percentuale di reinfezione da 1 a 1000 SARS-CoV-2 nei membri di un grande fornitore di assistenza sanitaria in Israele: un rapporto preliminare,Perez, 2021Israele, “su 149.735 individui con un test PCR positivo documentato tra marzo 2020 e gennaio 2021, 154 hanno avuto due test PCR positivi ad almeno 100 giorni di distanza, riflettendo una proporzione di reinfezione di 1 per 1000”.
80) Persistenza e decadimento delle risposte anticorpali umane al dominio di legame del recettore della proteina spike SARS-CoV-2 nei pazienti COVID-19,Iyer, 2020“Le risposte plasmatiche e/o anticorpali sieriche misurate al dominio legante il recettore (RBD) della proteina spike (S) di SARS-CoV-2 in 343 pazienti nordamericani infetti da SARS-CoV-2 (di cui il 93% ha richiesto il ricovero in ospedale) fino a 122 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi e le hanno confrontate con le risposte in 1548 individui i cui campioni di sangue sono stati ottenuti prima della pandemia … Gli anticorpi IgG persistevano a livelli rilevabili nei pazienti oltre 90 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi e la sieroreversione è stata osservata solo in una piccola percentuale di individui. La concentrazione di questi anticorpi anti-RBD IgG era anche altamente correlata con i titoli di pseudovirus NAb, che hanno anche dimostrato un decadimento minimo. L’osservazione che le IgG e le risposte anticorpali neutralizzanti persistono è incoraggiante e suggerisce lo sviluppo di una robusta memoria immunitaria sistemica in individui con infezione grave”.
81) Un’analisi basata sulla popolazione della longevità della sieropositività degli anticorpi SARS-CoV-2 negli Stati Uniti,Alfego, 2021“Tracciare la durata della sieropositività degli anticorpi SARS-CoV-2 basata sulla popolazione negli Stati Uniti utilizzando i dati osservazionali di un registro nazionale di laboratorio clinico di pazienti testati mediante amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) e saggi sierologici … esemplari di 39.086 individui con positività confermata al COVID-19… sia i risultati degli anticorpi S che N SARS-CoV-2 offrono una visione incoraggiante di quanto a lungo gli esseri umani possono avere anticorpi protettivi contro COVID-19, con un livellamento della curva che mostra una sieropositività della popolazione che raggiunge il 90% entro tre settimane, indipendentemente dal fatto che il test rilevi N o S-anticorpi. Ancora più importante, questo livello di sieropositività è stato sostenuto con poco decadimento fino a dieci mesi dopo la PCR positiva iniziale”.
82) Quali sono i ruoli degli anticorpi rispetto a una risposta duratura e di alta qualità delle cellule T nell’immunità protettiva contro SARS-CoV-2? Hellerstein, 2020“I progressi nei marcatori di laboratorio per SARS-CoV2 sono stati fatti con l’identificazione di epitopi su cellule T CD4 e CD8 nel sangue convalescente. Questi sono molto meno dominati dalla proteina spike rispetto alle precedenti infezioni da coronavirus. Sebbene la maggior parte dei candidati vaccini si concentri sulla proteina spike come antigene, l’infezione naturale da SARS-CoV-2 induce un’ampia copertura epitopica, cross-reattiva con altri betacoronvirus.
83) Cellule T CD4 e CD8 a memoria ampia e forte indotte da SARS-CoV-2 in pazienti convalescenti COVID-19 nel Regno Unito++, Peng, 2020“Studio su 42 pazienti dopo il recupero da COVID-19, tra cui 28 casi lievi e 14 casi gravi, confrontando le loro risposte alle cellule T con quelle di 16 donatori di controllo … ha scoperto che l’ampiezza, l’entità e la frequenza delle risposte delle cellule T della memoria da COVID-19 erano significativamente più elevate nei casi gravi rispetto ai casi lievi di COVID-19 e questo effetto era più marcato in risposta alle proteine spike, membrana e ORF3a … le risposte totali e specifiche delle cellule T spike sono correlate con il titolo anticorpale anti-Spike, anti-Receptor Binding Domain (RBD) e anti-Nucleoproteina (NP)… inoltre ha mostrato un rapporto più elevato tra le
risposte delle cellule T CD8 e CD4 specifiche di SARS-CoV-2… i cluster di epitopi immunodominanti e i peptidi contenenti epitopi delle cellule T identificati in questo studio forniranno strumenti critici per studiare il ruolo delle cellule T virus-specifiche nel controllo e nella risoluzione delle infezioni da SARS-CoV-2″.++
84) Robusta immunità delle cellule T in individui convalescenti con COVID-19 asintomatico o lieve,Sekine, 2020“Le cellule T di memoria specifiche di SARS-CoV-2 si riveleranno probabilmente fondamentali per la protezione immunitaria a lungo termine contro COVID-19 … mappato il panorama funzionale e fenotipico delle risposte delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 in individui non esposti, familiari esposti e individui con COVID-19 acuto o convalescente … il set di dati collettivo mostra che SARS-CoV-2 suscita risposte alle cellule T della memoria ampiamente dirette e funzionalmente piene, suggerendo che l’esposizione naturale o l’infezione possono prevenire episodi ricorrenti di COVID-19 grave. “
85) La potente immunità delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 e i bassi livelli di anafillatossina sono correlati alla progressione lieve della malattia nei pazienti COVID-19,Lafron, 2021“Fornire un quadro completo delle risposte immunitarie cellulari e umorali dei pazienti COVID-19 e dimostrare che le robuste risposte polifunzionali delle cellule T CD8 concomitanti con bassi livelli di anafilossina sono correlate a infezioni lievi”.+
86) Gli epitopi delle cellule T SARS-CoV-2 definiscono il riconoscimento delle cellule T eterologo e indotto da COVID-19,Nelde, 2020“Il primo lavoro che identifica e caratterizza gli epitopi delle cellule T HLA di classe I e HLA-DR specifici per SARS-CoV-2 e cross-reattivi nei convalescenti SARS-CoV-2 (n = 180) e negli individui non esposti (n = 185) e conferma la loro rilevanza per l’immunità e il decorso della malattia COVID-19 … gli epitopi cross-reattivi delle cellule T SARS-CoV-2 hanno rivelato risposte preesistenti alle cellule T nell’81% degli individui non esposti e la convalida della somiglianza con i comuni coronavirus umani del raffreddore ha fornito una base funzionale per l’immunità eterologa postulata nell’infezione da SARS-CoV-2 … l’intensità delle risposte delle cellule T e il tasso di riconoscimento degli epitopi delle cellule T erano significativamente più alti nei donatori convalescenti rispetto agli individui non esposti, suggerendo che non solo l’espansione, ma anche la diffusione della diversità delle risposte delle cellule T SARS-CoV-2 si verificano in caso di infezione attiva”.
87) Karl Friston: fino all’80% nemmeno suscettibile al Covid-19, Sayers, 2020“Sono stati appena pubblicati i risultati di uno studio che sugge
risce che il 40%-60% delle persone che non sono state esposte al coronavirus hanno resistenza a livello di cellule T da altri coronavirus simili come il comune raffreddore … la vera porzione di persone che non sono nemmeno suscettibili al Covid-19 può arrivare fino all’80%”.
88) Le cellule T CD8 specifiche per un epitopo nucleocapside immunodominante SARS-CoV-2 reagiscono in modo incrociato con coronavirus stagionali selettivi+, Lineburg, 2021“Lo screening dei pool peptidici di SARS-CoV-2 ha rivelato che la proteina nucleocapside (N) ha indotto una risposta immunodominante in individui guariti da HLA-B7 COVID-19 che era rilevabile anche in donatori non esposti … la base della cross-reattività selettiva delle cellule T per un epitopo immunodominante SARS-CoV-2 e i suoi omologhi da coronavirus stagionali, suggerendo un’immunità protettiva di lunga durata”.+
89) La mappatura a livello di genoma SARS-CoV-2 del riconoscimento delle cellule T CD8 rivela una forte immunodominanza e una sostanziale attivazione delle cellule T CD8 nei pazienti COVID-19,Saini, 2020“I pazienti COVID-19 hanno mostrato forti risposte delle cellule T, con fino al 25% di tutti i linfociti CD8 specifici per epitopi immunodominanti derivati da SARS-CoV-2, derivati da ORF1 (open reading frame 1), ORF3 e nucleocapsid (N) proteina. Una forte firma dell’attivazione delle cellule T è stata osservata nei pazienti COVID-19, mentre non è stata osservata alcuna attivazione delle cellule T nei donatori sani “non esposti” e “ad alto rischio di esposizione”.+
90) Equivalenza della protezione dall’immunità naturale nelle persone guarite COVID-19 rispetto a quelle completamente vaccinate: una revisione sistematica e un’analisi in comune,Shenai, 2021“Revisione sistematica e analisi in pool degli studi clinici fino ad oggi, che (1) confrontano specificamente la protezione dell’immunità naturale nel COVID-recuperato rispetto all’efficacia della vaccinazione completa negli naïve COVID, e (2) l’ulteriore beneficio della vaccinazione nel COVID-recuperato, per la prevenzione della successiva infezione da SARS-CoV-2 … la revisione dimostra che l’immunità naturale negli individui guariti dalla COVID è, almeno, equivalente alla protezione offerta dalla vaccinazione completa delle popolazioni naïve alla COVID. C’è un beneficio relativo modesto e incrementale per la vaccinazione negli individui guariti da COVID; tuttavia, il beneficio netto è marginale su base assoluta”.
91) Efficacia di ChAdOx1nCoV-19 durante un’impennata senza precedenti delle infezioni da SARS CoV-2,Satwik, 2021“La terza scoperta chiave è che le precedenti infezioni da SARS-CoV-2 erano significativamente protettive contro tutti gli esiti studiati, con un’efficacia del 93% (dall’87 al 96%) osservata contro le infezioni sintomatiche, dell’89% (dal 57 al 97%) contro la malattia da moderata a grave e dell’85% (da -9 al 98%) contro l’ossigenoterapia supplementare. Tutti i decessi si sono verificati in individui precedentemente non infetti. Questa era una protezione superiore a quella offerta dal vaccino mono o doppio dosaggio”.
92) Cellule T specifiche sars-CoV-2 e anticorpi nella protezione COVID-19: uno studio prospettico,

Molodtsov, 2021
“Esplorare l’impatto delle cellule T e quantificare i livelli protettivi delle risposte immunitarie … 5.340 residenti di Mosca sono stati valutati per le risposte immunitarie anticorpali e cellulari a SARS-CoV-2 e monitorati per COVID-19 fino a 300 giorni. Le risposte anticorpali e cellulari erano strettamente interconnesse, la loro grandezza era inversamente correlata con la probabilità di infezione. Un livello massimo di protezione simile è stato raggiunto da individui positivi per entrambi i tipi di risposte e da individui con anticorpi da soli… Le cellule T in assenza di anticorpi hanno fornito un livello intermedio di protezione”.
93) Impatto trascurabile delle varianti di SARS-CoV-2 sulla reattività delle cellule T CD4 e CD8 nei donatori e nei vaccinati esposti a COVID-19++, Tarke, 2021
“Dimostrare che le sequenze della stragrande maggioranza degli epitopi delle cellule T SARS-CoV-2 non sono influenzate dalle mutazioni trovate nelle varianti analizzate. Nel complesso, i risultati dimostrano che le risposte delle cellule T CD4 + e CD8 + in soggetti covid-19 convalescenti o vaccini mRNA COVID-19 non sono sostanzialmente influenzate dalle mutazioni riscontrate nelle varianti SARS-CoV-2. “
94) Evoluzione degli anticorpi del dominio di legame del recettore anti-SARS-CoV-2 dopo la vaccinazione contro l’mRNA,Cho, 2021
“L’infezione da SARS-CoV-2 produce risposte alle cellule B che continuano ad evolversi per almeno un anno. Durante questo periodo, le cellule B della memoria esprimono anticorpi sempre più ampi e potenti che sono resistenti alle mutazioni trovate nelle varianti di preoccupazione.
95) Cinetica a sette mesi degli anticorpi SARS-CoV-2 e ruolo degli anticorpi preesistenti ai coronavirus umani, Ortega, 2021
“L’impatto degli anticorpi preesistenti sui coronavirus umani che causano il raffreddore comune (HCoV), è essenziale per comprendere l’immunità protettiva a COVID-19 e ideare strategie di sorveglianza efficaci … dopo il picco di risposta, i livelli di anticorpi anti-spike aumentano da ~ 150 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi in tutti gli individui (73% per IgG), in assenza di qualsiasi evidenza di ri-esposizione. Le IgG e le IgA a HCoV sono significativamente più elevate negli individui sieropositivi asintomatici rispetto a quelli sintomatici. Pertanto, gli anticorpi HCoV cross-reattivi preesistenti potrebbero avere un effetto protettivo contro l’infezione da SARS-CoV-2 e la malattia COVID-19”.
96) Gli epitopi immunodominanti delle cellule T dell’antigene spike SARS-CoV-2 rivelano una robusta immunità preesistente delle cellule T in individui non esposti,Mahajan, 2021“I risultati suggeriscono che le cellule T reattive SARS-CoV-2 sono probabilmente presenti in molti individui a causa della precedente esposizione a virus influenzali e CMV”.
97) Rilevamento dell’immunità umorale e cellulare specifica di SARS-CoV-2 in individui convalescenti COVID-19,Ni, 2020“Raccolto sangue da pazienti COVID-19 che sono recentemente diventati liberi da virus, e quindi sono stati dimessi, e ha rilevato l’immunità umorale e cellulare specifica di SARS-CoV-2 in otto pazienti appena dimessi … In tutti i 14 pazienti testati, 13 hanno mostrato attività di neutralizzazione del siero in un test di ingresso dello pseudotipo. In particolare, c’era una forte correlazione tra i titoli degli anticorpi di neutralizzazione e il numero di cellule T specifiche del virus”.
98) Neutralizzare le risposte anticorpali alla sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus 2 nella malattia da coronavirus 2019 Pazienti ricoverati e convalescenti,Wang, 2020
“Sono stati raccolti 117 campioni di sangue da 70 pazienti ricoverati e convalescenti COVID-19 … gli anticorpi neutralizzanti sono stati rilevati anche nella fase iniziale della malattia e una risposta significativa è stata dimostrata nei pazienti convalescenti”.
99) Non solo anticorpi: le cellule B e le cellule T mediano l’immunità al COVID-19, Cox, 2020
“I rapporti che gli anticorpi contro SARS-CoV-2 non sono mantenuti nel siero dopo il recupero dal virus hanno causato allarme … l’assenza di anticorpi specifici nel siero non significa necessariamente un’assenza di memoria immunitaria”.
100) Immunità delle cellule T al SARS-CoV-2 a seguito di infezione naturale e vaccinazioneDiPiazza, 2020“Sebbene la durabilità delle cellule T a SARS-CoV-2 rimanga da determinare, i dati attuali e l’esperienza passata dall’infezione umana con altri CoV dimostrano il potenziale di persistenza e la capacità di controllare la replicazione virale e la malattia dell’ospite e l’importanza nella protezione indotta dal vaccino”.
101) Immunità duratura delle cellule B SARS-CoV-2 dopo malattia lieve o grave,Ogega, 2021
“Diversi studi hanno dimostrato la perdita di anticorpi specifici per la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2-specifici) nel tempo dopo l’infezione, sollevando la preoccupazione che l’immunità umorale contro il virus non sia duratura. Se l’immunità diminuisce rapidamente, milioni di persone potrebbero essere a rischio di reinfezione dopo il recupero dalla malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). Tuttavia, le cellule B della memoria (MBC) potrebbero fornire un’immunità umorale duratura anche se i titoli anticorpali neutralizzanti il siero diminuiscono … i dati indicano che la maggior parte degli individui infetti da SARS-CoV-2 sviluppa rMBC specifici per S-RBD, commutati in classe, che assomigliano a cellule B derivate dal centro germinale indotte da un’efficace vaccinazione contro altri agenti patogeni, fornendo prove di un’immunità duratura mediata dalle cellule B contro SARS-CoV-2 dopo malattia lieve o grave. “
102) Le risposte delle cellule T della memoria mirate al coronavirus SARS persistono fino a 11 anni dopo l’infezione., Ng, 2016“Tutte le risposte delle cellule T di memoria rilevate prendono di mira le proteine strutturali SARS-Co-V … queste risposte sono risultate persistenti fino a 11 anni dopo l’infezione… la conoscenza della persistenza dell’immunità celollare specifica per la SARS che prende di mira le proteine strutturali virali in individui recuperati dalla SARS è importante”.
103) Immunità adattativa a SARS-CoV-2 e COVID-19, Sette, 2021“Il sistema immunitario adattativo è importante per il controllo della maggior parte delle infezioni virali. I tre componenti fondamentali del sistema immunitario adattativo sono le cellule B (la fonte di anticorpi), le cellule T CD4 + e le cellule T CD8 + … ha iniziato a emergere un quadro che rivela che le cellule T CD4 +, le cellule T CD8 + e gli anticorpi neutralizzanti contribuiscono tutti al controllo di SARS-CoV-2 sia nei casi non ospedalizzati che ospedalizzati di COVID-19. “
104) L’induzione precoce di cellule T funzionali SARS-CoV-2-specifiche associate a rapida clearance virale e malattia lieve nei pazienti COVID-19, Tan, 2021“Questi risultati forniscono supporto per il valore prognostico delle prime cellule T funzionali SARS-CoV-2-specifiche con importanti implicazioni nella progettazione del vaccino e nel monitoraggio immunitario”.
105) Risposte delle cellule T CD8 specifiche di SARS-CoV-2 in individui convalescenti COVID-19+, Kared, 2021“Un approccio tetramero peptidico-MHC multiplexato è stato utilizzato per lo screening di 408 epitopi candidati SARS-CoV-2 per il riconoscimento delle cellule T CD8 in un campione trasversale di 30 individui convalescenti della malattia da coronavirus 2019 … La modellizzazione ha dimostrato una risposta immunitaria coordinata e dinamica caratterizzata da una diminuzione dell’infiammazione, aumento del titolo anticorpale neutralizzante e differenziazione di una specifica risposta delle cellule T CD8. Nel complesso, le cellule T hanno mostrato una differenziazione distinta in cellule staminali e stati di memoria di transizione (sottoinsiemi), che possono essere la chiave per sviluppare una protezione duratura”.++
106) La produzione di cellule B IgG reattive alla proteina S e alla memoria dopo l’infezione da SARS-CoV-2 umana include un’ampia reattività alla subunità S2, Nguyen-Contant, 2021“Ancora più importante, dimostriamo che l’infezione genera SIA MBC IgG che IgG contro il nuovo dominio di legame del recettore e la subunità S2 conservata della proteina spike SARS-CoV-2. Pertanto, anche se i livelli di anticorpi diminuiscono, gli MBC di lunga durata rimangono per mediare la rapida produzione di anticorpi. I risultati del nostro studio suggeriscono anche che l’infezione da SARS-CoV-2 rafforza l’ampia protezione preesistente dal coronavirus attraverso l’anticorpo S2-reattivo e la formazione di MBC”.

Source

eVenti Avversi

Read Previous

Vaccini a RNA: rischio di miocardite e pericardite confermato ma non comune secondo uno studio francese

Read Next

Teramo. Muore per infarto, Demis Orsetti, 41 anni, pochi giorni dopo la seconda dose. Oggi l’autopsia