• Aprile 21, 2024

Agente di polizia 37enne ha ictus e paralisi ad agosto dopo Pfizer. Nei mesi successivi continui attacchi e ricoveri. Dopo cinque mesi Chantal Uren ha altri ictus ma il programma di indennizzo australiano non li riconosce

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Chantal Uren, agente di polizia 37enne di Perth (Australia), ha raccontato su Facebook lo scorso 17 ottobre il suo calvario:

“Questa è la mia storia…

Mi chiamo Chantal, sono un ufficiale di polizia di 37 anni dell’Australia occidentale e ho avuto una reazione grave dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer.

Per le persone che mi hanno minacciato con accuse di diffamazione e azioni disciplinari per aver raccontato la mia storia, sono delusa. Sono delusa dal fatto che la vostra priorità sia quella di mettermi a tacere per il vostro ego vostro tornaconto, piuttosto che chiedere se sto bene e offrirmi aiuto! In nessun momento mi avete chiesto se sto bene o che vi importava per un secondo della mia salute o del mio benessere. Avete deciso che mettermi più sotto stress, quando quello stress può causare ulteriori rischi alla mia vita, questa è stata la vostra priorità. Mi fa dubitare dell’umanità e di come una persona possa avere una tale mancanza di empatia nei confronti di un’altra.

Se la diffamazione e l’azione disciplinare sono ciò che ritienete giusto, non ho paura. Non ho fatto niente di male, ho fatto quello che volevate e guardate cos’è successo. Nessuno ha il diritto di togliere le esperienze di qualcun altro o dire loro come dovrebbero sentirsi. Per favore, credetemi quando dico che non c’è niente che si possa farmi che possa essere paragonato a quello che sto vivendo attualmente. Trattare qualcuno in questo modo non va mai bene e se le persone possono trarre qualche lezione da questo, per favore difendete voi stessi. Stabilite degli standard su come dovreste essere trattate e non tacete mai se qualcuno vi tratta male, indipendentemente dal suo rapporto con voi.

A tutte le persone che mi hanno detto che la mia esperienza non è reale e che questo non potrebbe mai essere vero. Prima di dire a qualcuno che è un bugiardo o di esprimere la tua opinione, chiedetevi due cose. In primo luogo. Ho tutte le informazioni per esprimere la mia opinione e sfidare l’esperienza di un altro e, in secondo luogo, sono qualificato per esprimere questa opinione.

Ad agosto, il mio datore di lavoro ha annunciato che chiunque non fosse stato vaccinato contro il COVID sarebbe stato trattato in modo diverso e avrebbe indossato sempre le mascherine sul posto di lavoro; sarebbe stato mandato via dagli uffici  e spostato dalle proprie mansioni per le quali abbiamo lavorato duramente. (Questo è stato confermato da un addetto alle relazioni con l’esterno). Questo annuncio non è un segreto per la comunità, in quanto è stato pubblicato sulla prima pagina del quotidiano dell’Australia occidentale.

Prima di questo annuncio, avevo deciso che non avrei ricevuto il vaccino. Ho diritto alla mia scelta. Tieni presente che non sono un anti-vax, come qualcuno potrebbe dire, ma prendo decisioni basate sulla disponibilità di informazioni sufficienti che credevo e ancora credo di non avere. Le mie ragioni per non ricevere il vaccino non dovrebbero essere affari di nessun altro, ma ai fini di questo post le rendo pubbliche. Per me, ci sono studi insufficienti su problemi di salute a lungo termine e il vaccino non ha soddisfatto i normali controlli di sicurezza, il che mi mette a disagio. Non avevo mai fatto un vaccino antinfluenzale in vita mia e non avevo più l’influenza dal 2009. Credo nella buona alimentazione e uso sempre la nutrizione per curare i disturbi, ove possibile. Ho anche partecipato alla creazione di un’azienda basata su questi valori e ha molto successo. Avevo anche avuto una reazione per un’allergia sconosciuta e volevo aspettare di parlare con un immunologo prima di prendere una decisione definitiva. Tuttavia, questo appuntamento era due mesi oltre i termini richiesti per il lavoro. Mi sentivo come se non avessi davvero scelta. Ero preoccupata che sarei stato spostata dalla mia posizione che è vista come un ruolo privilegiato.

La mattina del mio appuntamento, avevo davvero paura di fare il vaccino perché sapevo che non era giusto per me. Ho parlato con il dottore delle mie preoccupazioni e lei era disposta a scrivermi una lettera per ritardarlo, ma mi ha chiesto cosa avrebbe significato per il mio lavoro. Non lo sapevo e la cosa mi preoccupava. Quel giorno aveva parlato con molte persone che svolgevano il mio stesso lavoro e ha detto che molti di loro si sentivano minacciati e messi nella condizione di fare una scelta che non volevano e, mentre erano in sala d’attesa, i miei colleghi mi hanno detto la stessa cosa. La dottoressa mi ha detto che era preoccupata di somministrare il vaccino a persone che non lo facevano liberamente per loro scelta. Purtroppo, ho scherzato con la dottoressa dicendo “Sarò quella che il vaccino uccide”. Purtroppo, avrebbe potuto.

Dopo 10 minuti dal vaccino Pfizer, ho avuto vertigini e nausea e nel giro di 15 minuti ho avuto l’orticaria dappertutto. Il medico e l’ufficiale dell’ambulanza hanno tenuto sotto controllo l’eruzione cutanea, ma appena sono tornata a casa ho avuto la febbre, i brividi e mi sono sentito molto male. Per le successive 3 settimane e mezzo ho sofferto di eruzioni cutanee ogni giorno, febbre fino a 39,7, dolori muscolari, sintomi simil-influenzali, nausea, vomito, diarrea, pressione alta e una tosse così forte che sembrava che i miei vasi sanguigni stessero per esplodere in faccia. Alcuni giorni ho pianto perché pensavo che sarei morta. Ero così malata. Quando pensavo che stavo iniziando a migliorare, avevo ancora una stanchezza estrema ed ero costantemente stordita. Sono tornata al lavoro ma ho passato molto tempo sdraiata sul pavimento del mio ufficio e lottando per superare la giornata.
Un martedì sera, ho notato che i miei occhi erano strani. Avevano una sensazione pesante e sentivano di aver bisogno di strofinarsi tutto il tempo. La mattina dopo mi sono svegliata per andare al lavoro e un occhio non si apriva e l’altro non si chiudeva. Quello che non si chiudeva non batteva nemmeno le palpebre. Pensavo di avere allergie, quindi ho preso un antistaminico e ho guidato per un’ora per andare al lavoro. Alle 9:00, ho sentito il mio labbro superiore diventare un po’ strano e la mia collega di lavoro mi ha detto che la mia faccia si stava abbassando di lato e che mi stava portando al pronto soccorso. Sarò per sempre grata per avermi soccorso subito, mi ha salvato la vita.

Entro un minuto dal mio arrivo al pronto soccorso, tutti si stavano precipitando intorno a me e ho iniziato a farmi prendere dal panico. Un attimo dopo mi collegano alle macchine e uno specialista in ictus e molti altri medici e infermieri erano intorno a me. Sono stato ricoverata in ospedale.

La mattina dopo, mi sono alzata e ho fatto una doccia, ma alla fine ho avuto un ictus. Ero sotto la doccia da sola e il mio corpo ha iniziato a ondeggiare in modo incontrollabile e dal lato destro del mio corpo ho avuto una strana sensazione. Non potevo più stare in piedi ed ero a terra spaventata. Il mio lato destro è diventato molto pesante e mi sono sentita insensibile con una strana sensazione di spilli e aghi. In questa fase il lato sinistro della mia faccia era completamente paralizzato e avevo un’estrema debolezza muscolare nel braccio e nella gamba sinistra.

Sono stato portata per ulteriori test che hanno mostrato che l’arteria principale del mio cervello aveva una rottura e avevo subito un mini ictus (TIA). Quel giorno fui trasferita al reparto di ictus di un altro ospedale e da quel momento in poi fui monitorata ogni ora.

Non posso dirti quanto sia stato spaventoso essere in un reparto di ictus con tutti i pazienti anziani che pensavano a cosa diavolo ci facevo qui. Sono stata testata per ogni malattia e carenza di nutrienti che potrebbe causare un ictus e il medico ha detto che ero perfettamente sana e che non avevo alcuna causa possibile per quello che mi era successo.

Mentre ero in ospedale, sono stato monitorata ogni ora. È stato pazzesco. Non dormivo, e avevo costantemente paura che potesse succedere di nuovo. Non riuscivo a mangiare o bere come si deve e ho gocciolato tutto su un lato della mia faccia. È stato umiliante. Questo è stato un problema minore per i medici, ma per una ragazza di 37 anni è stato un grosso problema. Mi è stato detto che c’era una probabilità del 25% che non guarisse e se lo avesse fatto, ci sarebbero voluti mesi. Questo di per sé era molto angosciante.

Ho pianto più volte al giorno. Era mentalmente difficile superare ogni momento. All’inizio non mi è stato permesso di muovermi, ma le infermiere mi hanno permesso di avere il privilegio del bagno perché andare in bagno con un vassoio era troppo sconvolgente per me. Se mi muovevo troppo o troppo velocemente potevo avere un altro ictus.

Non ho potuto ricevere alcun trattamento poiché i medici lo hanno ritenuto troppo pericoloso, quindi l’unica cosa che io e i medici potevamo fare era aspettare e sperare che la mia arteria guarisse da sola. Ci vorrà molto tempo e nel frattempo le mie normali attività sono sospese.

Quando sono stato dimessa dall’ospedale, ero davvero felice perché non potevo sopportare di essere rinchiusa in ospedale. Non fraintendetemi, le mie infermiere e i miei dottori sono stati fantastici e non posso dire nulla di sbagliato sui loro sforzi e sulla loro assistenza premurosa. Tuttavia, era così spaventoso essere a casa senza le cure costanti. Non potevo essere lasciata sola e il rischio di avere un altro ictus era ed è ancora molto alto. Ero in costante paura e anche se la mia fiducia sta aumentando, mi preoccupo ancora ogni secondo. Sono più lontana dalle cure immediate e il rischio di danni permanenti al cervello è molto reale. Ora soffro anche di sangue dal naso costante e articolazioni doloranti.
Ho avuto la prenotazione per un appuntamento presso la clinica per la sicurezza dei vaccini. Purtroppo, c’erano una ventina di altre donne della mia stessa età sedute ad aspettare. Non ho davvero capito di cosa si trattasse  fino a quando non sono stata portata in una stanza privata con un medico che ha cercato di dirmi che il vaccino non aveva nulla a che fare con quello che mi era successo ma poi non poteva dirmi che non era possibile un legame. Si sedette sulla sua sedia affermando che valeva la pena rischiare di avere un altro ictus per ottenere la seconda dose di Pfizer. Come può un dottore sedersi lì e dire a qualcuno quelle cose. Era disposto a rischiare la mia vita per raggiungere quello che credo fosse il suo obiettivo di vaccinare quante più persone possibile. Non gli importava della mia sicurezza e dopo aver rifiutato il vaccino mi ha persino chiesto se volevo che mi richiamasse entro tre mesi per vedere se avessi cambiato idea. Non c’era rispetto per la mia decisione.

Il lato mentale di questo è molto duro e ha richiesto molta forza. Sono una persona molto attiva e impegnata e passare da questo all’essere sola ad alta voce per camminare per casa è molto angosciante. Devo essere molto consapevole della mia salute mentale e non posso ringraziare abbastanza il mio partner e i miei amici per aver lasciato tutto per aiutarmi e supportarmi. Sono molta fortunata.

Nessun vaccino o procedura medica è sicura per tutti. Questa non è la mia opinione, questo è un dato di fatto e il vaccino COVID non fa eccezione. Nessuno ha il diritto di dire a qualcun altro che deve mettere qualcosa nel proprio corpo perché non conosce i rischi per quella persona. Sta causando una triste divisione nella nostra società e non rende felice nessuno. Se scegli di fare il vaccino, allora va bene e se non lo fai, va bene lo stesso. Per favore, siate gentili gli uni con gli altri e trattatevi equamente e allo stesso modo, ce lo meritiamo tutti”


Dopo 5 mesi Chantal ha ancora continui ictus.

Scrive su Facebook giovedì 9 dicembre:

“Ieri ho subito un altro attacco. Continuano ad arrivare!!!! ?Come molti altri, mi sono iscritta al programma di indennizzo del governo federale per le reazioni avverse. I criteri che dovevi soddisfare quando ti candidavi erano i seguenti:
1. Hai avuto una reazione avversa a un vaccino COVID approvato dal TGA (Therapic Goods Administration – Agenzia del Farmaco australiana) e
2. Di conseguenza hai trascorso almeno 1 notte in ospedale
Originariamente era stato stabilito che bisognava aver perso sul piano economico un minimo di $ 5000, poi il primo ministro lo ha abbassato a $ 1000, il che è stata una vittoria per tutti in questo caso.
Per me. Ho ricevuto il vaccino Pfizer e ho trascorso 21 notti in ospedale in totale stato di inabilità, quindi al momento della domanda ero idonea.
POI ANCORA ANCORA, MUOVONO I PALI DELLA PORTA (RESTRINGONO LE POSSIBILITA’ DI OTTENERE L’INDENNIZZO)
Ci sono voluti più di due mesi per sentire da loro anche solo per ottenere il modulo di domanda inviato solo per sapere che nessuna delle patologie di cui ho sofferto soddisfa i criteri poiché per il vaccino Pfizer coprono solo l’anafilassi, la miocardite e la pericardite!
Quindi qui dopo tutto quello che ho sofferto. Non ho diritto a 1 centesimo dal governo”

Chantal Uren ha condiviso la tabella delle patologie derivanti da ogni vaccino che possono rientrare nel programma di indennizzo del Governo Australiano

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Ernesto Junior Ramirez, 16 anni, morto 5 giorni dopo Pfizer. Le dimensioni del cuore erano raddoppiate. La testimonianza drammatica del padre

Read Next

Sito web del ministero della salute brasiliano colpito da hacker, dati sulle vaccinazioni SPARITI

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO