• Novembre 27, 2022

Bambini africani costretti a mangiare vermi e termiti come parte di un esperimento sostenuto dal governo britannico

I bambini poveri africani sono oggetto di un esperimento per determinare se il consumo regolare di insetti sia in grado di migliorare la loro alimentazione, senza considerare i potenziali effetti “infiammatori” degli insetti.

Il progetto finanziato dal Regno Unito per la ricerca e l’innovazione (UKRI) sta costingendo quotidianamente per un anno i bambini poveri delle scuole elementari ad alimentarsi con vermi mopane e farina di termiti soldato. Lo studio esaminerà gli effetti della supplementazione di insetti sull’altezza, sul peso e sullo stato dei micronutrienti dei bambini, nonché sulla loro funzione cognitiva, determinata dal loro rendimento scolastico.

Vermi mopane ( larve di Gonimbrasia belina, una specie di falena imperatore originaria delle parti più calde dell’Africa meridionale)

Questo progetto rileva che gli alimenti per insetti sono “culturalmente accettabili” nella regione africana, dal momento che le polveri di termiti soldato e vermi mopane sono state tradizionalmente utilizzate da alcune comunità rurali dello Zimbabwe per evitare la malnutrizione durante la siccità e i raccolti scarsi.

La natura sperimentale dello studio è sottolineata dall’affermazione della descrizione del progetto secondo cui “manca il legame meccanicistico tra consumo di insetti e salute”, nonostante l’ affermazione che gli insetti commestibili siano “una preziosa fonte di nutrienti tra cui aminoacidi essenziali, contenuto di minerali e grassi essenziali acidi”.

La descrizione del progetto non menziona alcun potenziale effetto negativo sulla salute del consumo regolare di insetti, sui quali ha già messo in guardia il Dr. Joseph Mercola

Mercola ha sottolineato che gli insetti contengono chitina, che, secondo gli studi, è un “composto altamente infiammatorio e che induce allergie”.

Sui potenziali effetti negativi del consumo di insetti, abbiamo parlato qui:

Le grandi aziende alimentari stanno già aggiungendo grilli e altri INSETTI in barrette, biscotti e snack. Ma siamo certi che non rappresentino un pericolo per la salute? STUDI                

Ad esempio, gli scienziati dell’Università della California di San Francisco hanno scoperto che la chitina “attiva una risposta infiammatoria allergica nei polmoni dei topi” e stanno studiando se alcune persone siano “più inclini all’asma perché meno in grado di controllare la propria esposizione all’inalazione chitina”.

La loro ricerca solleva una questione: il governo del Regno Unito e tutti coloro che sono coinvolti nell’esperimento dello Zimbabwe sono consapevoli del fatto che gli scienziati stanno studiando “l’ipotesi” “che la chitina causi infiammazione e allergia“?

Altri problemi di sicurezza relativi al consumo di insetti sono sollevati da uno  studio pubblicato nel 2019, che ha rilevato parassiti nell’81% degli allevamenti di insetti esaminati. Nel 30 per cento di questi casi (91), i parassiti “erano potenzialmente patogeni per l’uomo”. Lo studio ha definito gli insetti commestibili “un serbatoio sottovalutato di parassiti umani e animali“.

Mentre l’esperimento finanziato dal Regno Unito mira a combattere la malnutrizione, le mosse per demonizzare l’agricoltura tradizionale e normalizzare il consumo di grilli e altri insetti a livello globale sono aumentate negli ultimi anni, in nome di abitudini di consumo più “sostenibili”.

Un recente video di Business Insider ha pubblicizzato i grilli come contenenti “più proteine ​​​​del manzo, senza alcun danno ambientale”.

Lauren Keegan, ex CEO e consulente di Entomo Farms, ha spiegato a Business Insider che il motivo dietro l’allevamento di grilli sta nella ricerca da parte di “molti produttori e imprenditori” di “fonti proteiche più sicure e sostenibili da aggiungere ai propri prodotti”.

La dott.ssa Sarah Beynon, fondatrice della Bug Farm nel Pembrokeshire, ha dichiarato a The Guardian all’inizio di settembre: “Stiamo inoltre incoraggiando attivamente le persone nel mondo sviluppato a includere gli insetti nella propria dieta”.

Nel 2021, il World Economic Forum (WEF) dell’autore di Great Reset Klaus Schwab ha affermato che “dobbiamo dare agli insetti il ​​ruolo che meritano nei nostri sistemi alimentari”.

Il fondatore di Microsoft Bill Gatesconsiderato il più grande proprietario privato di terreni agricoli negli Stati Uniti , nel 2019 ha investito $ 100.000 in una start-up di allevamento di insetti, secondo il WEF, che ha affermato che gli insetti hanno “lo scopo di nutrire il mondo. “

Source

eVenti Avversi

Read Previous

Resta nel sito di iniezione dicevano… Spike rilevata nel cervello e nel cuore in un uomo deceduto dopo (*).  Case report sottoposto a peer-review e pubblicato sulla rivista “Vaccines”

Read Next

23.000 decessi di bambini in tutta Europa tra cui più di 1.600 morti in eccesso. Nessuna domanda?