• Febbraio 4, 2023

Carlo La Vecchia (Statale di Milano): “troppi morti tra i vaccinati, ci vuole quarta dose cablata su omicron”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


 Nonostante le due dosi di vaccino il Covid s’è portato via a 66 anni Francesco Gugliotta, ex vicesindaco di Pozzallo. A Pescara è morta la sulmonese Adriana Giammarco, 64 anni, che di dosi ne aveva tre. Con tre dosi è morto anche il medico colonnello della Folgore Alberto Rossi. Stessa sorte per i più giovani, come Francesco Matta: un 38enne di Selargius, nel cagliaritano, vaccinato con ciclo completo ma deceduto per broncopolmonite. Ad accrescere la triste contabilità dei morti in Italia, nel weekend, sono stati anche i vaccinati con due dosi da più di 3/4 mesi; senza contare quelli senza Covid, uccisi dalla fragilità del sistema sanitario nazionale che da due anni rinvia visite, analisi e interventi, non solo quelli ipoteticamente “non urgenti”.

Abbiamo iniziato tardi a fare i richiami” ha detto qualche giorno fa l’epidemiologo dell’Università Statale di Milano, Carlo La Vecchia. “La corsa all’hub dell’ultimo mese – sull’onda delle crescenti limitazioni ai senza pass – ci ha messo una toppa, ma se il Paese non è tornato in lockdown lo si deve anche alla fortuna di essere incappati in un’ondata sollevata da una variante, la Omicron, estremamente più contagiosa ma clinicamente meno grave delle precedenti: in proporzione, infatti, la gran massa di persone contagiate anziché in ospedale è chiusa in isolamento a casa, spesso con sintomi lievi o solo per precauzione”.

 In Sicilia il booster fatica ancora a raggiungere tutti gli anziani. In valore assoluto e indipendente dall’età – afferma La Vecchia – aumentano le vittime tra i cittadini vaccinati con due dosi da più di 3 mesi, che non hanno ancora effettuato la terza dose.

La conclusione dello scienziato è dunque che “se uno è giovane, per morire di Covid deve non essere vaccinato; se invece si hanno più di 60 anni, può morire anche chi ha fatto due dosi. Quindi, bisogna sbrigarsi a fare il booster”. Questo però, avverte, «è un quadro pre-Omicron». I vaccini sono stati studiati e realizzati per Alfa e Delta: il minor funzionamento dei sieri contro Omicron, che è il presente del Coronavirus, è compensata per ora solo dalla minor pericolosità della mutazione. Se sarà necessario continuare la campagna, è chiaro che la quarta dose andrà somministrata con un vaccino diverso, “cablato” su Omicron e auspicabilmente migliorato sotto il profilo della trasmissione del contagio – oltre che sulla protezione dalla malattia – che è alla base del rinnovato allarme sanitario.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Katia Spataro, 15 anni, muore nel sonno a Palermo, disposta autopsia. Il parroco: non speculate sui vaccini

Read Next

Aveva artrosi venosa ma non lo sapeva e il vaccino J&J è “concausa minima” della sua morte. Richiesta archiviazione per il decesso dell’editore Alessandro Cocco, morto per trombosi dopo il vaccino

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock