• Febbraio 25, 2024

Contaminazione e frode

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I ricercatori hanno scoperto una frode scientifica negli studi clinici per il vaccno C19 a base di mR/NA di Pfzer, legata alla scoperta di una contaminazione del DNA.

Vi invitiamo a guardare questo episodio di With the Wind con il dottor Paul Thomas, con ospite Josh Guetzkow, professore associato di sociologia e criminologia all’Università Ebraica di Gerusalemme.

Thomas intervista Guetzkow, che spiega di una recente ricerca che ha scoperto che il processo di produzione del vaccno C19 di Pf.zer è stato scambiato durante la sperimentazione clinica, in modo che la maggior parte delle persone coinvolte nella sperimentazione ha ricevuto la versione prodotta con il “Processo 1”, mentre il vaccno che è stato distribuito per la vaccnazione di massa globale è stato prodotto con il “Processo 2”. Guetzkow lo descrive come una tattica di “adescamento e scambio”.

Il processo di produzione alterato, fatto per poter produrre in massa l’mR–NA per la campagna di vaccnazione globale di massa, alla fine ha portato alla contaminazione dei vaccni con il DNA che codifica la proteina spi-ke della SA–RS-Co/V-2, il che aumenta le preoccupazioni sulla possibilità teorica di integrazione delle istruzioni genetiche del vaccno nel DNA umano.

Guetzkow discute i potenziali rischi per la salute derivanti da ciò che equivale a una frode scientifica agevolata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Perseguitato per aver messo in cattiva luce il CDC

Nel primo segmento, il dottor Thomas descrive la lotta che ha affrontato prima per cercare di mantenere la sua licenza e continuare la sua pratica pediatrica a Portland di fronte alla persecuzione da parte dell’Oregon Medical Board, e poi per dover rinunciare alla sua licenza a causa dell’insormontabile ostacolo posto dalla sua battaglia legale con il governo statale.

Potete leggere la sua storia nel libro The War on Informed Consent (La guerra al consenso informato), che contiene una prefazione di Robert F. Kennedy, Jr. Per riassumere brevemente: il dottor Thomas è stato messo sotto tiro dal consiglio di amministrazione dopo aver pubblicato il suo libro The Vaccne-Friendly Plan, che sostiene un approccio individualizzato per determinare i rischi e i benefici delle vaccnazioni, in contrapposizione all’approccio unico della politica vaccnale pubblica che è “standard di cura” negli ambulatori pediatrici di tutto il Paese.

Mentre l’obiettivo dello Stato era quello di raggiungere alti tassi di vaccnazione, l’obiettivo contrastante di Thomas era quello di ottenere buoni risultati di salute per i suoi pazienti pediatrici.

Il consiglio ha chiesto a Thomas di produrre prove con revisione paritaria a sostegno del suo approccio alternativo, cosa che ha fatto in collaborazione con il dottor James Lyons-Weiler dell’Institute for Pure and Applied Knowledge (IPAK).

Il 22 novembre 2020 i due hanno pubblicato uno studio che indicava che i pazienti NON vaccnati di Thomas erano i bambini più sani del suo studio. Pochi giorni dopo aver prodotto le prove richieste dal consiglio, quest’ultimo ha tenuto una riunione “d’emergenza” per sospendere la sua licenza con la motivazione che il suo approccio alternativo rappresentasse una minaccia per la salute pubblica.

L’ironia è che il CDC non ha mai sostenuto il suo stesso approccio producendo uno studio che confrontasse i risultati sulla salute tra i bambini vaccnati secondo il suo programma di routine per l’infanzia e i bambini che erano rimasti completamente non vaccnati.

Lo studio di Thomas e Lyons-Weiler è stato poi ritrattato dalla rivista che lo ha pubblicato, per ragioni ovviamente politiche e non scientifiche. In breve, la ritrattazione si basava assurdamente su una lettera di reclamo scritta anonimamente ai redattori. L’autore anonimo ipotizzava assurdamente che i risultati non fossero dovuti al fatto che i bambini non vaccnati siano davvero più sani, ma che i genitori dei bambini non vaccnati non si preoccupano abbastanza della salute dei loro figli da portarli dal medico, e quindi sarebbero malati quanto i bambini vaccnati, ma non vengono diagnosticati.

In realtà, lo studio comprendeva già un’analisi per verificare l’ipotesi che la minore incidenza di diagnosi per varie condizioni di salute tra i bambini non vaccnati fosse dovuta a differenze nell’utilizzo dell’assistenza sanitaria tra i genitori che vaccnano i figli e quelli che non lo fanno. Thomas e Lyons-Weiler hanno dimostrato che, mentre i bambini vaccnati hanno avuto più visite per la febbre, come ci si aspettava dato che la febbre è un noto evento avverso causato dai vaccni, non sono stati più presenti alle visite di routine per i bambini.

Sebbene a Thomas sia stato proibito dalla commissione di partecipare a ulteriori ricerche utilizzando i dati clinici del suo studio, il dottor Lyons-Weiler e il dottor Russell Blaylock hanno pubblicato un follow-up che ha condotto diverse analisi aggiuntive, dimostrando che i pazienti non vaccnati di Thomas si presentavano alle visite di routine per i bambini sani tanto quanto i pazienti vaccnati, se non di più.

Per ulteriori informazioni sulla vergognosa ritrattazione dello studio originale da parte degli editori della rivista e sui risultati delle analisi successive, leggete: “Breakthrough Study Shows Unvaccnated Children Are Healthier”.

L'”esca e lo scambio” di Pfzer

Nell’intervista, Josh Guetzkow discute di una recente ricerca che dimostra che il processo di produzione del vaccno C19 di Pfzer risulta contaminato da DNA che codifica la proteina sp_ike del SA/RS__Co/V2 e da un cosiddetto promotore SV40, che è un elemento genetico di un virus delle scimmie chiamato “simian virus 40”.

La scoperta di Kevin McKernan della contaminazione del DNA

Durante l’intervista, Guetzkow fa riferimento alla ricerca del ricercatore  Kevin McKernan, CSO e fondatore di Medicinal Genomics, che ha scoperto la contaminazione del DNA in modo piuttosto accidentale. McKernan riassume le sue principali scoperte in questa intervista di 14 minuti a Rebel News:

Le fallacie dei “fact checkers”

McKernan discute la possibilità che m–RN__A o DNA contaminati da mR–N.A dei vaccni C19 si integrino nel DNA umano.

Sebbene gli autoproclamati “verificatori di fatti” dei media abbiano insistito fin dall’inizio sul fatto che tale integrazione genomica sia scientificamente impossibile, le argomentazioni utilizzate a sostegno di tale conclusione sono fallaci dal punto di vista logico.

L’argomento principale utilizzato dal CDC è che, poiché l’m_R_NA del vaccno non entra nel nucleo della cellula, non può essere integrato nel DNA dell’ospite. Si tratta di una fallacia non consequenziale, poiché ignora il fatto che l’m_RN_A può essere trascritto in senso inverso in DNA, che quindi è potenzialmente in grado di entrare nel nucleo della cellula ed essere incorporato nel DNA umano.

Occasionalmente, un “fact checker” riconoscerebbe questa possibilità, ma in quei rari casi, il rischio viene liquidato in modo frettoloso con l’argomentazione che l’m_R__NA del vaccno non codifica l’enzima trascrittasi inversa, che sarebbe necessario per la trascrizione inversa. Anche questa è una fallacia non sequitur, poiché ignora il fatto che l’organismo produce la propria trascrittasi inversa.

La natura fallace di entrambe le argomentazioni è stata evidenziata da uno studio pubblicato nel febbraio 2022 che che dimostra la trascrizione inversa dell’mR/NA  del vaccno C.19 in DNA in cellule tumorali umane in vitro.

La risposta dei “fact checker” a questo studio è stata quella di correggere coloro che sostenevano falsamente che questo studio andasse oltre e dimostrava che il DNA entrasse nel nucleo e venisse incorporato nel DNA umano, rifiutandosi di riconoscere come lo studio avesse dimostrato la natura fallace delle argomentazioni che gli stessi “fact checker” avevano usato per sostenere che l’integrazione genomica fosse scientificamente impossibile.

Per ulteriori informazioni su come i “fact checker” abbiano ingannato su questo punto e su come l’integrazione dell’m::RN_A del vaccno nel DNA dell’ospite sia teoricamente possibile, si veda il dettagliato caso di studio sulla propaganda mediatica”I vaccni mR__NA C19 possono alterare il tuo DNA? Ecco cosa hanno sbagliato il CDC e i ‘Fact-Checkers'”.

La trascrizione inversa non è neppure necessaria

Nell’intervista a Rebel News, McKernan fa riferimento anche a ricerche che dimostrano che l’RNA del vrus SA–RS/Co__V-2 stesso può essere trascritto inversamente e integrato nel genoma delle cellule infettate dal vrus, il che aggiunge ulteriore peso alla possibilità che lo stesso avvenga con l’mR__NA del vaccno.

Ma McKernan sostiene anche che la trascrizione inversa non è nemmeno necessaria per l’integrazione genomica, dato che i vaccni sono contaminati da un’elevata quantità di DNA che codifica la proteina spi/ke della SA//RS::Co/V2.

Spiegando cosa intende quando definisce “elevata” la quantità di contaminazione, afferma che l’Autorità Medica Europea (EMA) ha stabilito uno standard di DNA a doppio filamento ammissibile di “1 molecola di DNA ogni 3.030 molecole di RNA”. La FDA ha linee guida meno rigide e la quantità di DNA che McKernan e il suo team hanno trovato “finora è superiore a questi numeri, il che implica che la produzione non è tenuta a rispettare gli standard tradizionali e che i rischi di integrazione sono più elevati”.

In uno studio di preprint pubblicato su OSF Preprints il 10 aprile 2023, McKernan e i coautori affermano:

C’è stato un acceso dibattito sulla capacità di SA//RsCo//V2 di integrarsi nel genoma umano (Zhang et al. 2021). Questo lavoro ha ispirato domande sulla capacità dei vaccni a m/R/NA di integrarsi nel genoma. Tale evento richiederebbe la trascrizione inversa dell’m/R//NA in DNA guidata da LINE-1, come descritto da Alden et al. (Alden et al. 2022). La contaminazione con dsDNA della sequenza che codifica la proteina spke non richiederebbe LINE-1 per la trascrizione inversa e la presenza di un segnale di localizzazione nucleare SV40 nel vettore vaccinale di Pfzer aumenterebbe ulteriormente le probabilità di integrazione. Questo lavoro non presenta prove di integrazione del genoma, ma sottolinea che l’attività di LINE-1 non è necessaria dati i livelli di dsDNA in questi vaccni. Occorre inoltre verificare la localizzazione nucleare di questi vettori.

Il “promotore” è definito dal National Human Genome Research Institute come “una regione di DNA a monte di un gene in cui si legano proteine rilevanti (come l’RNA polimerasi e i fattori di trascrizione) per avviare la trascrizione di quel gene. La trascrizione risultante produce una molecola di RNA (come un mR//NA)”.

In pratica, il promotore SV40 è stato utilizzato nel processo di produzione del vaccno per produrre l’m//R//NA del vaccno che è stato progettato per istruire le cellule umane a produrre la proteina spke del SA//RSC//oV2. Questo processo ha comportato anche la replicazione del promotore SV40. Questo processo prevedeva anche la replicazione dell’m/R//NA utilizzando batteri E. coli.

McKernan sostiene che la presenza del promotore SV40  può aumentare la capacità del DNA contaminante di essere trasportato nel nucleo e incorporato nel genoma dell’ospite.

Tra gli articoli rilevanti che McKernan ha pubblicato su Substack, una piattaforma a cui si sono affollate molte persone che hanno subito la censura altrove, ci sono i seguenti:

Il sequenziamento profondo dei vaccni bivalenti Mderna e Pfzer identifica la contaminazione dei vettori di espressione progettati per l’amplificazione plasmidica nei batteri.

I vaccni bivalenti Pfzer e Mderna contengono il 20-35% di vettori di espressione e sono competenti per la trasformazione in E.coli.

Contaminazione da DNA in 8 fiale di vaccni monovalenti a mR//NA di Pfzer

Permeabilità nucleare durante la divisione cellulare

Un utile riassunto  delle scoperte di McKernan è fornito dai dottori Michael Palmer e Jonathan Gilthorpe in un documento pubblicato dal gruppo  Doctors for COVID Ethics.. Come concludono Palmer e Gilthorpe:

La presenza di DNA plasmidico contaminante nei vaccni a base di mR//NA di Pfzer e Mderna comporta gravi rischi per la salute, oltre a quelli già noti e compresi. Tra questi rischi spiccano l’espressione prolungata della proteina spi-ke, che può portare a un’infiammazione autoimmune altrettanto prolungata e più distruttiva, e l’induzione di malattie maligne dopo l’integrazione cromosomica del DNA plasmidico. Inoltre, l’entità della contaminazione dimostra in modo inequivocabile che i produttori non hanno imparato o implementato correttamente i processi produttivi previsti. Ognuno di questi problemi, da solo, sarebbe una ragione sufficiente per chiedere l’immediato ritiro di questi vaccni.

Quantificazione della quantità di contaminazione da DNA nel vaccno C19 a mR//NA della Pfzer
McKernan si è unito al dottor Sucharit Bhakdi in un’intervista pubblicata il 20 maggio sul canale “GreerJournal” su Rumble, un’alternativa non censurabile a YouTube. Nell’intervista, McKernan ha spiegato che i ricercatori hanno già dimostrato come lo stesso RNA della SA//RS-/cv-2 possa essere trascritto inversamente nel DNA, entrare nel nucleo della cellula ed essere integrato nel DNA umano. McKernan ha inoltre sottolineato come sia stato dimostrato che l’mR//NA del vaccno può essere trascritto in senso inverso nel DNA.

Riferendosi alle sue scoperte sulla contaminazione del DNA nei vaccni, McKernan ha continuato:

In questo caso, la probabilità è ancora più alta perché non dobbiamo passare attraverso una fase di trascrizione inversa per arrivare al DNA. Abbiamo già il DNA impacchettato in un liposoma che viene consegnato a una cellula che può potenzialmente arrivare al nucleo o, se è durante la divisione cellulare, non c’è il nucleo e il potenziale di integrazione è potenzialmente molto più alto.

Discutendo di come la quantità di contaminazione sia superiore ai limiti normativi anche secondo il metodo di misurazione più conservativo, ovvero la PCR quantitativa, McKernan ha fatto un paragone con le quantità di RNA della SA//RSC//oV2 che risulterebbero in un test PCR “positivo” per la C19.

Per fornire un contesto necessario a comprendere il suo paragone, i test di reazione a catena della polimerasi quantitativa a trascrizione inversa (RT-qPCR) funzionano trascrivendo l’RNA virale in DNA e amplificando poi ciclicamente il materiale genetico a un livello rilevabile. Il numero di cicli necessari per raggiungere la soglia di positività è chiamato valore soglia di ciclo (Ct), che è una misura proxy della “carica virale”. Un numero inferiore di cicli indica una maggiore quantità di RNA virale nel campione, mentre un numero maggiore di cicli indica una minore quantità di RNA virale.

Durante la pan.demia C19, i test PCR venivano eseguiti a valori di Ct tali da restituire abitualmente risultati “positivi” per persone che non avevano un’infezione attiva e non potevano essere contagiose.

Il fatto che i test PCR eseguiti ad alti valori di Ct restituissero falsi positivi era, ovviamente, ben compreso fin dall’inizio all’interno della comunità scientifica, ma è stato solo alla fine di agosto 2020 – a sei mesi dall’inizio della pandemia – che il New York Times si è finalmente deciso a spiegare al pubblico perché un test PCR positivo non significava necessariamente avere la C19.

Infatti, il Times riconosceva che, poiché i test venivano eseguiti con valori di Ct così elevati, “fino al 90% delle persone risultate positive” aveva fornito campioni che molto probabilmente rappresentavano RNA non vitale e non virus infettivo.

Come si spiega che gli autori scientifici del “giornale dei record” americano abbiano tenuto nascosta questa verità al pubblico per così tanto tempo? Forse il Times ha ritenuto che fosse finalmente lecito impartire questa saggezza alla popolazione dopo che il dottor Anthony Fauci, il famigerato direttore dell’Istituto Nazionale per le Allergie e le Malattie Infettive (NIAID) nell’ambito degli Istituti Nazionali di Sanità (NIH), che all’epoca era anche Consigliere Medico Capo del Presidente e membro di spicco della Task Force sul Coron/vrus della Casa Bianca, ha riconosciuto in modo analogo il problema dei falsi po-sitivi dei test PCR.

In un’intervista poco pubblicizzata pubblicata nel luglio 2020, Fauci ha menzionato come un modo per determinare se un test PCR positivo rappresenti un vi-rus infettivo o un RNA non vitale sia quello di utilizzare una coltura cellulare per la replicazione del vir-us vitale. Se si ottiene una soglia di ciclo di 35 o più con un test PCR, ha ammesso Fauci, “le probabilità che sia competente per la replicazione sono minuscole”. Con valori Ct così elevati, ha detto, “non è quasi mai possibile coltivare” il vi-rus.

I finti “verificatori” dei media hanno comunque mantenuto l’affermazione assolutamente falsa che una persona con una PCR positiva equivalga a un “caso C19”. (Per definizione, una persona che non ha un’infezione da SA–RSCo–V2 non può avere la C19; e anche se qualcuno ha un’infezione, non significa che svilupperà la malattia clinica. Si parla di “infezione asintomatica”).

Uno studio del Dr. Sin Han Lee, pubblicato nell’ottobre 2022, ha stimato un tasso di scoperta falsa del 42% per i test PC.R della C19. Osservando che durante gli studi clinici per i vaccni a base di mR//NA, l’esito misurato era uno o più sintomi di C19 più un test PC-R positivo, il Dr. Lee ha tratto il logico corollario che i dati degli studi su cui la FDA ha basato la sua decisione di rilasciare l’autorizzazione all’uso di emergenza non fossero scientificamente validi.

Tornando al paragone di McKernan, ha affermato che, per mettere in prospettiva il livello di contaminazione, se si ottiene un test PC.R del C19, si viene definiti positivi con un valore di Ct inferiore a 40. Per la misurazione della contaminazione da DNA nel vaccno, il suo team ha ottenuto valori di Ct inferiori a 20:

Si tratta di una contaminazione milioni di volte superiore a quella che si avrebbe quando si viene definiti “positivi” al v-rus. Ora, il vir-s che viene prelevato con il ta.mpone si trova al di fuori della membrana mucosa del naso. Stiamo parlando di un contaminante che viene iniettato, aggirando le difese della mucosa a concentrazioni milioni di volte superiori.

“Lotti scottanti” del vaccno C19 di Pf-zer

In una lettera all’editore di The BMJ, Guetzkow e il professore del MIT Retsef Levi hanno richiamato l’attenzione su come un emendamento dell’ottobre 2020 al protocollo di sperimentazione clinica per il vaccno C19 di Pfzer indicasse che “quasi tutte le dosi di vaccno utilizzate nella sperimentazione provenivano da ‘lotti clinici’ prodotti utilizzando quello che viene definito ‘Processo 1′”.

Tuttavia, è stato sviluppato un nuovo metodo, chiamato “Processo 2”, “al fine di aumentare la produzione per la distribuzione su larga scala di ‘forniture di emergenza’ dopo l’autorizzazione”. Ogni lotto di iniezioni prodotte con il “Processo 2” sarebbe stato somministrato a circa 250 partecipanti alla sperimentazione. Per quanto ne sappiano gli autori della lettera, “non esiste alcun rapporto pubblicamente disponibile su questo confronto tra dosi del ‘Processo 1’ e dosi del ‘Processo 2′”.

Hanno inoltre citato uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation nel marzo 2023 che “ha riscontrato una significativa variabilità nel tasso di e-venti a-vversi gravi (SAE) tra 52 diversi lotti di Com/rnaty [il nome commerciale della versione approvata dalla FDA del vaccino Pf.zer] commercializzati in Danimarca”. Questo risultato “sottolinea l’importanza di comprendere meglio il potenziale impatto della variabilità nel processo di produzione dei vaccni a m/R//NA C19 sull’efficacia e sulla sicurezza”.

Nell’intervista a With the Wind, Thomas e Guetzkow discutono di questo studio e mostrano la seguente rappresentazione grafica dei tassi variabili di e-venti av-versi per lotto, indicando l’esistenza di “lotti scottanti”:

In un thread su Twitter, citato anche durante l’intervista, Guetzkow ha riassunto alcuni punti chiave di queste recenti rivelazioni:

Come sottolinea Guetzkow, “nel complesso, le evidenze dei documenti di sperimentazione e le ricerche esistenti sottolineano la necessità di comprendere meglio il potenziale impatto della variabilità nel processo di produzione dei vaccni a m//R//NA C/19 sull’efficacia e sulla sicurezza”.

Nella sua discussione con il Dr. Thomas, Guetzkow ha anche spiegato che il “Processo 1” prevede l’uso della tecnologia della reazione a catena della polimerasi (PCR) per amplificare l’m//R/N//A per la produzione del vaccno, mentre il “Processo 2” prevede la replicazione dell’m//R/NA utilizzando batteri E. coli.

Secondo Guetzkow, è stato quest’ultimo processo di produzione a essere utilizzato per i vaccni che alla fine sono stati distribuiti al pubblico nelle campagne globali di vaccnazione di massa, perché serviva un modo per produrre in massa l’m//R/N//A per la campagna “di emergenza”.

Concessioni da parte di un difensore del vaccno C19

Ma quali sono i punti di accordo e cosa dicono i detrattori di McKernan per difendere l’uso di questi vaccni? Fare questo tipo di analisi aiuta a capire quali punti chiave sono contestati e quali invece possono essere considerati incontrovertibili.

In questo caso, si è rivelato un esercizio estremamente utile. Ho trovato subito un paio di articoli che rispondono alle scoperte di McKernan, scritti dal dottor David Gorski, che pubblica le sue famigerate stroncature contro i “no_v.ax” con lo pseudonimo di “Orac” sul suo sito web Respectful Insolence.

Menzogne, pagliacciate e denigrazioni, ohimè!

La prima delle tentate confutazioni di Gorski è intitolata “Tossine e [sic] DNA di scimmia e SV.40, oh mio dio! Vaccni C19 contro un meme zombie”, pubblicato il 31 maggio 2023.

In esso, Gorski sostiene che “l’affermazione di McKernan secondo cui la contaminazione dei vaccni CO19 con il promotore SV.40 porterà a un’ondata di cancro” sia sbagliata perché l’SV40 trovato nei vaccni C19 con mR//NA “non è un virus SV.40 intero”. McKernan “deve sapere”, scrive Gorski, “che un promotore SV.40 è una cosa molto diversa dal virus SV.40”.

Per contestualizzare, i vaccni contro il poliovirus somministrati tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 sono stati tristemente scoperti essere contaminati con il v.rus 40 della scimmia (SV/40), un vrus che, come riconosce Gorski, “può causare il cancro in vari modelli animali”.

Gorski sostiene che l’SV/40 non causi il cancro negli esseri umani “per quanto ne sappiamo”. Ma ciò significa che non sappiamo ancora con certezza se lo provochi o meno. Come ha osservato una revisione del 2003 dell’Istituto di Medicina (IOM), le prove sono “inadeguate per concludere se il vaccno antipolio contaminato abbia o meno causato il cancro”.

Il problema fondamentale dell’intera argomentazione di Gorski su questo punto è che non sta affrontando ciò che McKernan ha effettivamente sostenuto, ma sta invece argomentando contro affermazioni di sua invenzione che attribuisce falsamente a McKernan.

McKernan non ha né affermato né sottinteso che l’intero v.rus SV–40 sia presente nei vaccni. Nell’intervista di Rebel News sopra riportata, McKernan afferma esplicitamente che non sta parlando dell’intero vrus.

Infatti, lo stesso Gorski cita successivamente un paragrafo di McKernan in cui dice: “Non è l’intero vrus”. Quindi, l’uso dell’argomento da parte di Gorski in questo caso suggerisce una volontà di mentire patologicamente che ricorda la caratteristica degli psicopatici di mentire in faccia a una persona anche se sanno che ciò che stanno dicendo è falso.

A ulteriore dimostrazione dell’uso ingannevole che Gorski fa dell’argomentazione a scopo di offuscamento, McKernan non ha nemmeno affermato che i vaccni “porteranno a un’ondata di cancro” a causa della presenza del promotore S/V/4/0. È istruttivo notare che Gorski non cita né fornisce alcun riferimento al fatto che McKernan abbia mai fatto questa affermazione.

Ecco un esempio di ciò che McKernan ha detto, tratto dallo stesso podcast citato da Gorski in modo autocontraddittorio:

Ogni volta che vediamo una contaminazione da DNA, ad esempio da plasmidi, che finisce in un prodotto iniettabile, la prima cosa a cui si pensa è se è presente l’endotossina di E. coli, perché crea anafilassi per chi viene iniettato. . . .

Almeno per quanto riguarda la Pf.zer, è presente il cosiddetto promotore S.V..40. Si tratta di un pezzo di v.rus oncogeno. Non è l’intero vrus. Tuttavia, questo piccolo pezzo è noto per guidare l’espressione genica molto aggressiva. La preoccupazione che le persone, anche presso l’FDA, hanno notato in passato quando si inietta il DNA a doppio filamento è che questi elementi possano poi integrarsi nel genoma. Se non si fa attenzione a come si producono queste cose e si hanno quantità eccessive di questo DNA, il rischio di integrazione nel genoma aumenta…

Se si mette un promotore S.V.4.0 davanti a un oncogene, si otterrà un’elevata espressione di un gene che può provocare il cancro; sarà un evento molto raro, ma non è necessario che molte di queste cellule siano colpite da qualcosa di simile perché si diffonda…

Avere il promotore all’interno di alcuni di questi vettori non è necessario. Sembra una svista superflua che avrebbero potuto eliminare, eppure è ancora lì perché l’hanno fatta uscire così in fretta che non hanno avuto il tempo di sbarazzarsi delle parti superflue del plasmide. Quindi, quel pezzo di DNA è qualcosa a cui dobbiamo prestare attenzione.

Gorski, utilizzando la sua coppia di argomenti di comodo per evitare di affrontare nel merito le legittime preoccupazioni di McKernan, afferma essenzialmente che non c’è nulla da vedere qui.

Mettendo da parte l’offuscamento di Gorski, possiamo vedere che egli ammette la presenza del promotore S.V.4.0 nei vaccni.

Gorski ammette anche che “è effettivamente vero che l’S-V-4-0 può ‘guidare l’espressione di geni molto aggressivi'”, ed è “il motivo per cui viene usato nei plasmidi e nei vettori virali geneticamente modificati per guidare l’espressione dei geni introdotti in questi costrutti!”.

Poi Gorski chiede: “E allora?”.

Umoristicamente, data la natura sprezzante della sua domanda retorica, Gorski ammette poi che il promotore S–V-40 potrebbe effettivamente causare il cancro se si “integrasse proprio davanti al gene giusto (per esempio, un oncogene, o un gene che può, quando viene prodotto in quantità eccessiva, indurre il cancro)”.

Così, mentre da un lato respinge le preoccupazioni di McKernan, dall’altro Gorski riconosce tacitamente che McKernan ha ragione.

Si noti anche come McKernan abbia esplicitamente affermato che si tratta di un pezzo e non dell’intero vrus S/V/4/0 e come abbia caratterizzato questa possibilità teorica come probabile “evento molto raro” – al contrario di aver affermato che il risultato sarà certamente “un’ondata di cancro”.

Nonostante abbia esplicitamente riconosciuto che questo sia teoricamente possibile, Gorski accusa McKernan di “fare lo spauracchio dicendo che questo sia ‘possibile'”.

Quindi, secondo il ragionamento perverso di Gorski, non si dovrebbe dire al pubblico la verità che è effettivamente teoricamente possibil, ovvero che il promotore S-V4/0 nel vaccno C19 a base di mR//NA della Pzer possa causare il cancro, perché così facendo le persone potrebbero avere più paura di accettare la vaccnazione sperimentale.

Mettendo da parte il suo offuscamento, possiamo comunque notare che Gorski ammette che i vaccni sono contaminati da DNA plasmidico, e ammette persino che “la presenza di DNA a doppio filamento solleva un’altra grande preoccupazione, ovvero la possibilità di integrazione genomica”.

Come se contraddicesse quanto detto da McKernan, più avanti nel suo post, Gorski cita un articolo della Observer Research Foundation (ORF) che concorda essenzialmente con McKernan sul fatto che, pur essendo un risultato di “bassa probabilità”, è possibile che la contaminazione del DNA nel vaccno possa “integrarsi nel genoma umano e influenzare una persona (renderla forse incline al cancro o provocare mutazioni)”.

La controversia sul Si.mian vrus 40 (S/V/4/0)

Dimenticando apparentemente tutte le concessioni fatte in quell’articolo del 31 maggio, il 6 giugno Gorski pubblicò un altro articolo che pretendeva di sfatare le affermazioni di McKernan, intitolato “Return of the revenge of ‘vaccnes permanently alter your DNA’”.

Questo articolo era in risposta a un articolo di Substack pubblicato da McKernan il 4 giugno 2023, intitolato “Nuclear permeability during cell division” (permeabilità nucleare durante la divisione cellulare), in cui McKernan condivideva l’intervista in cui era apparso insieme al Dr. Sucharit Bhakdi.

Gorski ha esordito facendo riferimento alla presunta “falsa affermazione” di McKernan secondo cui “le sequenze di promotori S-V4-0 presenti nel DNA plasmidico che contamina i vaccni C19 a base di mr/NA di Pfzer e Mderna mettessero in qualche modo le persone a rischio di cancro”.

Gorski ha quindi finto che il suo precedente post sul blog avesse in qualche modo dimostrato che ciò fosse biologicamente impossibile, invece di ammettere che si tratta effettivamente di una possibilità teorica.

Allo stesso tempo, ha ancora una volta affermato falsamente che sappiamo che il virus SV–40 che contaminava il vaccno antipolio non aumentava il rischio di cancro per le persone, mentre la verità è che questa rimane un’area di controversia nella letteratura scientifica.

Una revisione del 2003 del Journal of Virology, ad esempio, ha spiegato che le preoccupazioni relative a questa contaminazione nei vaccni antipolio sono state inizialmente respinte dalla comunità scientifica; “gradualmente, tuttavia, il caso che SV//40 infetti gli esseri umani e contribuisca al cancro è diventato più convincente, supportato da prove sia sperimentali che circostanziali…”.

Un articolo pubblicato su Clinical Microbiology Reviews nel luglio 2004 descriveva in modo simile le “prove crescenti”, riconosciute dallo IOM e da “altri due gruppi scientifici indipendenti”, che “l’esposizione all’SV4//0 potrebbe portare al cancro nell’uomo”. Poiché l’S//V40 è stato sempre più “riconosciuto come un potente agente oncogeno, è importante valutare i dati sempre più numerosi che implicano il vrus in alcune neoplasie umane”.

Nel 2006, un articolo pubblicato sul Journal of Clinical Oncology ha descritto la questione se l’S//V40 possa causare il cancro nell’uomo come “uno degli argomenti più controversi nella ricerca sul cancro degli ultimi 50 anni”.

Più recentemente, nel 2019, una revisione pubblicata su Frontiers in Oncology ha discusso la controversia in corso e ha concluso che “Il ruolo dell’SV//40 nei tumori umani, se esiste, rimane da dimostrare”. (Il che è ben diverso dall’affermazione di Gorski secondo cui è stato confutato).

Nessuna prova della trascrizione inversa dell’m_R_N_A del vaccno nel DNA?

Poi, Gorski scrive quanto segue:

Tutto ciò non ha impedito agli antiv-ax di citare studi che si sostiene dimostrino che l’m/R//NA del vaccno possa in qualche modo trascriversi in senso inverso e poi integrare la sua sequenza genica per la proteina spi-ke C19 nel DNA del nucleo della cellula, ma che, se esaminati da persone esperte di biologia molecolare, si dimostrano abbastanza banalmente non essere una buona prova di nulla del genere. In sostanza, non c’è alcuna prova che l’m//RN//A del vaccno entri nel nucleo o venga trascritto inversamente nel DNA, tanto meno che “alteri permanentemente” il vostro DNA”.

L’espediente propagandistico di Gorski è una fallacia di composizione. È vero che alcuni all’interno del movimento per la libertà della salute hanno falsamente affermato che lo studio del febbraio 2022, pubblicato su Current Issues in Molecular Biology, ha dimostrato che l’m//RN//A del vaccno che è stato trascritto inversamente in DNA è entrato anche nel nucleo della cellula ed è stato incorporato nel DNA della cellula ospite.

Lo studio non si spingeva a tanto. Ma ciò che Gorski sta facendo è correggere giustamente questa disinformazione, ignorando deliberatamente le osservazioni fattualmente accurate di coloro che non commettono lo stesso errore. Di conseguenza, Gorski inganna i suoi lettori facendo credere che “non ci sono prove” che l’mR//NA del vaccno possa essere “trascritto in senso inverso in DNA”, anche se è perfettamente consapevole che questo è esattamente ciò che lo studio ha dimostrato.

Nel tentativo di confutare le preoccupazioni di McKernan, più in profondità nel suo articolo, Gorski afferma che “l’mR//NA del vaccno non ha la capacità di trascriversi in modo inverso nel DNA”, il che è vero ma anche irrilevante, come già osservato, dal momento che l’organismo produce i propri enzimi di trascrittasi inversa (e quindi non è necessario che l’enzima sia codificato nell’mR//NA del vaccno perché si verifichi la trascrizione inversa nel DNA, come dimostrato in vitro – come Gorski, ancora una volta, sa perfettamente).

Distribuzione degli LNP del vaccno nell’organismo

Gorski continua a parlare dell’apparente “paura di McKernan per la ‘contaminazione’ del DNA plasmidico dei vaccni a mR//NA”, mettendo “contaminazione” tra virgolette come se la presenza di questo DNA plasmidico nel vaccno non fosse una vera contaminazione. Gorski è quindi evidentemente ignaro di come la spiegazione alternativa, cioè che i produttori lo abbiano inserito deliberatamente, sia ancora più spaventosa.

Nel suo articolo su Substack, McKernan ha fatto notare come il dottor Bhakdi abbia sottolineato durante il colloquio che, durante la divisione cellulare, il nucleo si smonta, “esponendo il genoma nucleare al citoplasma”, e che “la trascrizione è ancora attiva durante questa finestra temporale”.

La risposta di Gorski è che i vaccni vengono iniettati nel muscolo e le cellule muscolari non si dividono. Anticipando l’obiezione, scrive che “gli antiva/ccinisti amano puntare su studi di biodistribuzione che dimostrano che gli LNP vadano altrove”.

Si riferisce alle nanoparticelle lipidiche (LNP) che racchiudono l’mR//NA per proteggerlo dalla degradazione, in modo che abbia la possibilità di entrare nelle cellule e utilizzare i meccanismi cellulari per generare la proteina sp-ke. Egli afferma che “per determinare questi risultati sono state somministrate ai ratti dosi enormi di LNP”.

Ma allora? Come spiega Gorski in un precedente articolo collegato a questo, “gli studi di biodistribuzione utilizzano spesso dosi molto più elevate di quelle umane, per poter rilevare la distribuzione in organi a basso assorbimento, come, a quanto pare, sono le ovaie“.

Il fatto che gli studi di biodistribuzione abbiano dimostrato che gli LNP del vaccno raggiungono i tessuti e gli organi di tutto il corpo piuttosto che rimanere nel sito di iniezione è rilevante. Gorski si lamenta della distribuzione degli LNP alle ovaie sostenendo che possiamo aspettarci che la quantità sia “bassa”, ma questo non fa altro che eludere la legittima preoccupazione che il vaccno raggiunga le ovaie e altri organi.

La “teoria del complotto” del dottor Fauci e del New York Times

Per quanto riguarda il confronto di McKernan tra la quantità di contaminazione del DNA misurata dalla PC-R e i valori Ct utilizzati per i test PC-R C19, Gorski replica in modo ridicolo:

Questo fa pensare a una vecchia teoria della cospirazione sui test PCR usati per diagnosticare la C19 e sul CT (soglia di ciclo) usato come “positivo”. . . . In passato, la teoria della cospirazione sosteneva che l’impostazione del CT a 40 cicli fosse troppo alta e quindi producesse molti falsi positivi, rendendo la maggior parte dei test PC.R “positivi” falsi positivi. Non lo erano.

Riconosce poi che “sì, i falsi positivi erano un problema”, ma sostiene che “non fosse così grave come sostenevano i teorici della cospirazione C19”.

Non fornisce alcun esempio di quanto grande fosse il problema secondo i “teorici della cospirazione”, ma evidentemente dovremmo credere che il New York Times e il dottor Anthony Fauci siano teorici della cospirazione.

Fauci, dopo tutto, ha ammesso che qualsiasi risultato di un test con un valore Ct superiore a 35 aveva una possibilità “minuscola” di rappresentare il vrus infettivo, ed è stato il New York Times, ricordiamo, la cui indagine ha determinato che i test PC.R venivano eseguiti con valori Ct così alti che “fino al 90% delle persone risultate positive” non avevano effettivamente la C19.

Quindi, Kevin McKernan ha ragione!

Verso la fine della sua diatriba, Gorski ammette di nuovo: “Sì, è possibile che i frammenti di DNA che entrano nelle cellule possano integrarsi nel genoma, ma la probabilità è molto bassa…”.

Che è esattamente ciò che ha detto McKernan.

Infine, Gorski riconosce che McKernan ha effettivamente rilevato una “contaminazione da DNA plasmidico” nei vaccni, questa volta senza le virgolette intorno a “contaminazione”. Ma al contrario descrive la quantità di DNA contaminante come “bassa”, nonostante le concentrazioni superino i rispettivi limiti dell’EMA e della FDA (che, ricordiamo, Gorski ha definito “arbitrari”).

Gorski conclude che McKernan “non ha dimostrato che questo DNA possa entrare nel nucleo, tanto meno integrarsi nel genoma e ‘alterare permanentemente il vostro DNA'”.

Il che è vero. Ma nemmeno McKernan ha affermato il contrario. Pur attribuendo questa citazione all’articolo di McKernan su Substack del 4 giugno, in realtà queste parole non compaiono nell’articolo di McKernan. Ancora una volta, vediamo che Gorski è semplicemente un bugiardo.

Vaccno o terapia genica?

Come ultimo punto, per quanto riguarda la questione se i contaminanti di mR//NA o DNA plasmidico dei vaccni possano integrarsi nel DNA umano, vale la pena sottolineare che questi prodotti farmaceutici sperimentali a base di m/RN/A sono stati sviluppati sulla base di decenni di ricerca nel campo della terapia genica.

Infatti, quando i “fact checker” hanno sostenuto che la tecnologia dell’m/R/N/A utilizzata in questi vaccni non è nuova, ma “è in fase di sviluppo da quasi due decenni“, si riferivano a questa ricerca sulla terapia genica.

Nel 2015, la rivista Nature ha pubblicato un profilo della “poco nota società di biotecnologie M.derna Therapeutics”, che avrebbe collaborato con l’NIH e il NIAID di Fauci per sviluppare uno dei due V. m/R/N/A C19 utilizzati, lanciati in massa negli Stati Uniti nel dicembre 2020 con l’autorizzazione all’uso di emergenza, uno status normativo per i farmaci sperimentali.

L’articolo di Nature riportava come M.derna avesse ottenuto con successo oltre 1 miliardo di dollari di finanziamenti da parte degli investitori, “rendendola l’azienda privata sostenuta da venture più quotata nello sviluppo di farmaci oggi”. L’attività di M.derna, secondo Nature, era la “terapia genica”.

In un articolo pubblicato lo stesso anno sulla rivista Molecular Therapy si osservava che l’m/R/N/A stava “emergendo come una nuova classe di farmaci che ha il potenziale per svolgere un ruolo nella terapia genica che un tempo era stato immaginato per il DNA”. Il titolo istruttivo del commento era “m/R/N/A: Fulfilling the Promise of Gene Therapy”.

Una lettera all’editore pubblicata su Genes & Immunity nel giugno 2021 descriveva i vaccni a base di m/R/N/A come “una svolta nel campo della terapia genica” e “una grande opportunità per la FDA e l’EMA di rivedere la pipeline di sviluppo dei farmaci per renderla più flessibile e meno dispendiosa in termini di tempo”.

In altre parole, la situazione di “emergenza” creata dalla pand.mia C19 ha rappresentato per l’industria farmaceutica l’opportunità di lanciare questa tecnologia sperimentale di terapia genica senza doverla sottoporre ad anni di studi per garantirne la sicurezza e l’efficacia.

La stessa M.derna, in un deposito della Security and Exchanges Commission (SEC) del giugno 2020, ha dichiarato che “attualmente l’m/R/N/A è considerato un prodotto di terapia genica dalla FDA“. Ribadendo che i suoi prodotti a base di m/RN//A in fase di sviluppo erano “classificati come terapie geniche dalla FDA e dall’EMA”, M-derna aveva inoltre reso nota la sua preoccupazione finanziaria per il fatto che “l’associazione dei nostri farmaci in fase di sperimentazione con le terapie geniche potrebbe comportare un aumento degli oneri normativi, compromettere la reputazione dei nostri farmaci in fase di sperimentazione o avere un impatto negativo sulla nostra piattaforma o sulla nostra attività“.

In altre parole, c’era il rischio che la classificazione normativa e la percezione pubblica dei prodotti a base di m/R/N/A di Mderna come “terapie geniche” ritardassero la concessione di licenze e soffocassero la domanda di mercato, minacciando così i risultati finanziari dell’azienda.

Mderna e Pfzer non possono certo essere rimaste deluse nel vedere come i “fact checker” dei media si siano affrettati a proclamare che gli scienziati sapevano con assoluta certezza che è biologicamente impossibile che l’m/R/N/A dei vaccni C19 possa alterare il DNA umano.

Queste aziende farmaceutiche non possono certo essere rimaste turbate nel vedere il coro di proclami secondo cui sia “falso” affermare che questi prodotti a base di m/R/N/A sono una tecnologia di “terapia genica”, rassicurando in modo autocontraddittorio, durante la corsa al mercato nell’ambito dell'”Operazione Warp Speed”, che la tecnologia alla base di questi prodotti non era nuova – un’allusione agli anni di ricerca precedenti sull’applicazione della tecnologia a base di m/R/N/A per la terapia genica.

LINK ALL’ARTICOLO:

Scientific Fraud in Pfizer’s mRNA COVID-19 Vaccine Trial (jeremyrhammond.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Vi ricordate del vaiolo delle scimmie? Ebbene, ecco servito un altro fallimento. JYNNEOS non riesce a fermare la malattia – STUDIO

Read Next

Nuovo anticorpo monoclonale per i neonati (sani) contro l’RSV. Cosa sappiamo?

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO