• Giugno 26, 2022

Epatite immuno-mediata con il vaccino Moderna, non più una coincidenza ma confermata. STUDIO

“Abbiamo letto con interesse i recenti casi che suggeriscono la possibilità di epatite immuno-mediata indotta da vaccino con vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna mRNA-1273 per il virus SARS-CoV-2. Tuttavia, con l’aumento della coorte di individui vaccinati contro COVID-19, i casi precedentemente segnalati non potevano escludere uno sviluppo casuale di epatite autoimmune, che ha un’incidenza di 3/100.000 abitanti all’anno. Il nostro caso dimostra prove conclusive di epatite immuno-mediata indotta dal vaccino con una rapida insorgenza di danno epatico dopo la prima dose di Moderna, che alla riesposizione ha portato a epatite autoimmune acuta grave“.

Descrizione del caso

Un uomo caucasico di 47 anni, in precedenza completamente bene, ha ricevuto la sua 1a dose di vaccino Moderna il 26 aprile 2021. Ha notato malessere e ittero 3 giorni dopo […]  La revisione della biopsia epatica ha mostrato epatite acuta attiva: aree diffuse di necrosi ponte, epatite di interfaccia marcata, infiammazione linfoplasmatica inclusi eosinofili, epatociti in palloncino, cellule giganti multinucleate ed emperipolesi . C’era una fibrosi minima, stadio Ishak 1. Il modello di lesione in istologia era coerente con l’epatite acuta, con caratteristiche di epatite autoimmune o possibile danno epatico indotto da farmaci (DILI), innescando un’epatite autoimmune.

[…]

Questo caso illustra l’epatite immuno-mediata secondaria al vaccino Moderna, che in caso di riesposizione involontaria ha portato a un peggioramento del danno epatico con funzione sintetica squilibrata. Questo si è verificato in un uomo senza altri problemi medici. L’insorgenza dell’ittero associato al vaccino a mRNA è stata insolitamente rapida. Ciò è stato illustrato anche negli altri casi in cui i sintomi si sono sviluppati nell’arco di una mediana di 7 giorni (range 4-35). La latenza è di solito più lunga in altre cause di DILI, ma può variare a seconda della modalità di lesione. La via del vaccino a mRNA innesca citochine pro-infiammatorie tra cui interferone e cross-reattività è stata illustrata tra gli anticorpi contro la proteina spike e gli auto-antigeni.

Sette casi di sospetta epatite immuno-mediata sono stati riportati con vaccini a mRNA SARS-2-COV (3 con Pfizer e 4 con Moderna). L’istologia epatica è stata valutata in ogni caso e i risultati sono stati simili ai nostri, indicando epatite acuta con epatite di interfaccia, infiltrato linfoplasmacitico e assenza di fibrosi. Gli eosinofili come parte dell’infiltrato, che può essere notato in DILI erano presenti in 3 casi. Tutti e 7 i pazienti hanno risposto bene agli steroidi (n = 5 prednisolone, n = 1 budesonide e n = 1 metilprednisolone). In 3 casi c’erano caratteristiche che suggerivano epatite autoimmune casuale: una signora di 35 anni nel suo terzo trimestre di gravidanza con DNA positivo a doppio filamento, una signora di 80 anni con una storia di condizioni autoimmuni e una signora di 41 anni con pannello di auto-anticorpi fortemente positivo dopo entrambe le dosi di vaccinazione. Negli altri 4 casi, un aumento delle IgG, con almeno 1 anticorpo positivo, è stato notato in 3 casi.

Questo caso ha confermato l’epatite immuno-mediata secondaria al vaccino Moderna, che in caso di riesposizione involontaria ha portato a epatite acuta grave. Il trattamento con terapia con corticosteroidi sembra essere favorevole.

[…]Segnaliamo questo caso per incoraggiare la vigilanza sulle reazioni indotte da farmaci e per sensibilizzare i centri di vaccinazione a incorporarlo nei loro controlli di routine prima di somministrare seconde dosi. Il follow-up a lungo termine di individui identificati sarà essenziale per determinare la prognosi di questa lesione epatica immuno-mediata“.

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: Immune-mediated hepatitis with the Moderna vaccine, no longer a coincidence but confirmed – Journal of Hepatology (journal-of-hepatology.eu)

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Un precedente trattamento con farmaci antitumorali probabilmente rende inefficace il vaccino COVID-19, rileva lo studio

Read Next

Cinque importanti ordinanze di venerdì 25 febbraio a favore dei non vaccinati sospesi dal lavoro. IL TESTO INTEGRALE DEI PROVVEDIMENTI