• Dicembre 9, 2022

Esclusivo: un giudice sta per pronunciarsi sul caso Pfizergate per ritenere Big Pharma responsabile della frode sui V. Covid

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di Kyle Becker

L’ultimo briciolo di speranza per ritenere Big Pharma responsabile per frode ora si basa su una causa contro il produttore di v. Pfizer. Secondo un aggiornamento fornito a Becker News, un giudice dovrebbe presto emettere la sentenza sul caso “Pfizergate“.

“Il giudice sta decidendo, mentre scrivo, se andare avanti o archiviare il caso”, ha dichiarato l’informatrice di Pfizer Brook Jackson a Becker News.

Dopo che il CDC questa settimana ha votato per aggiungere i v. Covid al programma di v. infantili, ai sensi del PREP Act, a Pfizer è stata effettivamente concessa l’immunità legale. Tuttavia, non vi sarà alcuna immunità legale se Pfizer ha commesso frodi.

A settembre, l’informatrice di Pfizer Brook Jackson si è fatta avanti con un rapporto esplosivo sul presunto malaffare della società, citando “dati falsificati” e studi clinici manipolati. A gennaio, ha intentato una causa contro Pfizer per aver commesso frodi contro il popolo americano, a febbraio, il giudice ha stabilito che la causa, guidata dall’avvocato Robert Barnes, poteva andare avanti. Ora è sul punto di andare potenzialmente a processo.

Brook Jackson è un ex revisore di studi clinici che è stata licenziata dopo aver sollevato delle preoccupazioni. Per prima cosa si è fatta avanti con informazioni privilegiate e prove documentate sulle operazioni di Pfizer in un’indagine BMJ condotta da Paul Thacker. Il rapporto solleva seri dubbi sul fatto che la FDA e Pfizer si siano impegnate in massicce frodi per giustificare gli obblighi v.

Un direttore regionale che era impiegato presso l’organizzazione di ricerca Ventavia Research Group ha riferito al BMJ che la società ha falsificato i dati, ha svelato i pazienti in cieco, ha impiegato vaccinatori non adeguatamente addestrati ed è stata lenta nel seguire gli eventi avversi segnalati nello studio registrativo di fase III di Pfizer“, ha riferito il BMJ.

Il personale che ha condotto i controlli di qualità è stato sopraffatto dal volume di problemi che stavano sorgendo. Dopo aver ripetutamente notificato a Ventavia questi problemi, il direttore regionale, Brook Jackson, ha inviato via email un reclamo alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Ventavia la licenziò più tardi lo stesso giorno. Jackson ha fornito al BMJ dozzine di documenti interni dell’azienda, foto, registrazioni audio ed e-mail.

Jackson ha riferito a The BMJ che, durante le due settimane in cui è stata impiegata presso Ventavia nel settembre 2020, ha ripetutamente informato i suoi superiori della cattiva gestione del laboratorio, dei problemi di sicurezza dei pazienti e dei problemi di integrità dei dati“, ha aggiunto il rapporto. “Jackson era un auditor di studi clinici qualificato che in precedenza ha ricoperto una posizione di direttore delle operazioni ed è arrivato a Ventavia con oltre 15 anni di esperienza nel coordinamento e nella gestione della ricerca clinica”.

Il governo degli Stati Uniti si è mosso per archiviare il caso, che cita il False Claims Act.

“Gli Stati Uniti rimangono una vera parte interessata in questa causa ai sensi del False Claims Act, anche se non sono intervenuti nel caso”, si legge nella mozione. “Il False Claims Act è lo statuto principale su cui si basa il governo federale per combattere le frodi contro il fisco pubblico e per recuperare i dollari dei contribuenti persi a causa di frodi o false dichiarazioni. Il Governo ha quindi un interesse sostanziale nello sviluppo della legge in questo settore e nella sua corretta applicazione in questo e in altri casi simili”. Sebbene la frode nei confronti della Food and Drug Administration o il mancato rispetto dei protocolli di sperimentazione clinica possano potenzialmente dare origine alla responsabilità del False Claims Act in un caso appropriato, nel caso in questione la denuncia non indica un nesso sufficiente tra le presunte violazioni della sperimentazione clinica e le presunte richieste di pagamento da parte del Governo per sostenere tale responsabilità”.

Come riferisce un analista legale, “l’argomentazione principale di Pfizer nella sua mozione di archiviazione, che il governo statunitense ha ora fatto propria nella sua dichiarazione di interesse del 4 ottobre, è che gli studi clinici e i dati clinici di tutti i siti, comprese le segnalazioni di eventi avversi gravi dall’inizio degli studi nell’estate del 2020, non erano “necessari” per le decisioni della FDA di concedere l’autorizzazione all’uso di emergenza (11 dicembre 2020) e l’approvazione (23 agosto 2021) al prodotto di Pfizer”.

Nell‘ultima sentenza del 14 ottobre, la mozione di Brook Jackson per rispondere alla dichiarazione di interesse è stata accolta e gli è stato dato tempo fino al 27 ottobre 2022 per rispondere. Robert Barnes, che rappresenta Jackson, ha discusso il caso Pfizergate con l’avvocato Viva Frei a febbraio.

La digital strategist Kate for Truth spiega perché Pfizer è terrorizzata dall’idea che il caso vada in giudizio.

Grazie all’ordine del giudice federale, tuttavia, c’è almeno una speranza di trasparenza e di responsabilità per Big Pharma e i burocrati della sanità pubblica che hanno perpetrato questa enorme frode ai danni del popolo americano. Potete sostenere il caso di Brook Jackson con una donazione per la sua difesa legale.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Malore improvviso mentre gioca a padel. Muore 32enne molto conosciuto in città

Read Next

Malore durante immersione: muore Gabriele Mambor, 49enne comandante dei Carabinieri

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock