• Dicembre 10, 2022

I produttori delle NANOPARTICELLE LIPIDICHE dei vaccini a mRNA confermano: erano sperimentali e non destinate all’uomo

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


  Dr. med Bruno Panzner

Le nanoparticelle lipidiche (LNP) nel vaccino sono responsabili di gravi effetti collaterali del vaccino e di molti decessi? Come vedere il ruolo dell’mRNA? C’è una sottostima sistematica di questi effetti collaterali e decessi da vaccino.

Lo sviluppo di un farmaco è un processo complesso. Il farmaco deve essere efficace contro una certa malattia, dovrebbe alleviarla o addirittura curarla. A tale scopo, vengono sviluppati principi attivi e le loro modalità d’azione sono determinate in ampi test di laboratorio. Nella fase successiva verranno studiate le proprietà farmacologiche e tossicologiche al fine di poterne stimare la sicurezza. Se il principio attivo può essere classificato come sicuro in una determinata area terapeutica, viene deciso quale forma e dosaggio sono necessari, compressa, capsula, spray o vaccino.

Per la produzione di una forma farmaceutica sono necessari anche gli eccipienti, solitamente noti. Di solito sono descritti in una farmacopea (il libro dei farmaci). In caso negativo, devono essere presentati studi farmacologici e tossicologici che dimostrino l’innocuità e la sicurezza della sostanza. Ciò è richiesto dalle linee guida europee per lo sviluppo di un medicinale. “Linee guida sulla valutazione del rischio formalizzata per l’accertamento della buona pratica di fabbricazione appropriata per gli eccipienti dei medicinali per uso umano.”

Nel caso della produzione di vaccini mRNA, invece, c’è stata un’eccezione a questa regola perché il principio attivo, l’mRNA, è instabile. L’eccezione afferma:

§ 1.2. Queste linee guida non riguardano le sostanze aggiunte per stabilizzare le sostanze attive che non possono esistere da sole. (Questa guida non si applica alle sostanze aggiunte per stabilizzare le sostanze attive che non possono esistere da sole.)

Le nanoparticelle lipidiche (LNP) utilizzate nella produzione di vaccini mRNA sono nuove nello sviluppo di vaccini e ci sono pochi dati sulla sicurezza per questa classe di sostanze. Tuttavia, sono necessari per stabilizzare l’mRNA e per trasportarlo nel suo sito di azione. Gli LNP utilizzati, AL-0159 e Al-0315, sono ammine terziarie disponibili da vari produttori in tutto il mondo. Durante la mia ricerca sui dati di sicurezza, ho ricevuto da tutti i produttori la dichiarazione che la produzione avviene secondo le condizioni GMP, ma che le sostanze non sono destinate all’uso sull’uomoSono destinate esclusivamente a scopi sperimentali.

Questo è ciò che dicono i produttori dei componenti del vaccino

Un produttore, Echelon Biosciences Inc., ha risposto solo dopo che ho minacciato test tossicologici in Germania. Il “Vice President of Production” di questo produttore americano ha cercato di spiegarmi che entrambe le sostanze erano disponibili solo per la RICERCA SPERIMENTALE. Come gli altri produttori, era molto importante per lui informarmi che nessun produttore di vaccini come BioNTec Pfizer veniva rifornito.

Da dove viene questa paura che ho sentito nelle risposte di tutti i produttori che ho contattato? 

Se queste sostanze fossero innocue, le persone preferirebbero vantarsi di fornirle alle farmaceutiche de vaccini. Tuttavia, i produttori sembrano essere consapevoli del fatto che queste sostanze non siano così innocue come si crede. Sembrano anche temere di essere ritenuti corresponsabili, sapendo che i loro prodotti vengono utilizzati in massa per uso umano.

Indicazioni della pericolosità di questi LNP 

Somministrati per via intradermica, intramuscolare e nasale e dei tessuti esaminati dopo 24 ore. Dopo l’applicazione intramuscolare e intradermica, si sono verificate significative reazioni infiammatorie nel tessuto circostante. Dopo l’applicazione intranasale, si sono verificati significativi cambiamenti infiammatori nel tessuto polmonare e gli animali sono morti“.

Avvisi di pericolo

Un documento in Circolazione (2) fornisce chiare indicazioni sui potenziali pericoli. 566 pazienti sono stati seguiti per un periodo di 8 anni (iniziato ben prima della pandemia, vedi appendice). Dopo la vaccinazione con mRNA, nella maggior parte di questi pazienti è stato registrato un aumento dei biomarcatori proteici che indicano processi infiammatori. Gli autori concludono che la vaccinazione con mRNA provoca infiammazione dell’endotelio, aumenta notevolmente l’infiltrazione di cellule T nel miocardio e può spiegare un aumento del rischio di trombosi, sviluppo di cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo la vaccinazione.

Sulla base di questi pochi risultati di studio, i vaccini mRNA devono essere messi in discussione in modo critico fino a quando non verrà dimostrato il contrario. Sempre più pazienti stanno segnalando danni da vaccino. Purtroppo non vengono presi sul serio, proprio come i medici che osano denunciare gli effetti collaterali delle vaccinazioni.

Risultati dei patologi

Anche i risultati dei test del Prof. Arne Burkhard, Pathology Reutlingen (3), indicano gravi danni da vaccinazione. L’esperto patologo ha trovato alterazioni infiammatorie in un’ampia varietà di tessuti e organi come il cuore (miocardite), i polmoni, il cervello, il fegato e nei vasi di persone decedute in una connessione temporale con la vaccinazione. 

Il Prof. Schirmacher, patologo, Heidelberg University Hospital (4.5) sottolinea inoltre che le vaccinazioni con vaccini mRNA di Moderna e Biontec possono portare a un’infiammazione del muscolo cardiaco con esito fatale. Lui, così come il Prof. Burkhard, continua dicendo che molti decessi per vaccinazione non vengono rilevati perché la maggior parte dei pazienti muore a casa e di solito non c’è colpa di terzi. Occorre quindi effettuare più autopsie per poter valutare meglio i rischi.

Il vaccino a mRNA somministrato per via intramuscolare non rimarrà esclusivamente nel sito di iniezione. Naturalmente, si diffonderà in tutto il corpo attraverso il flusso sanguigno. Anche la tecnologia di vaccinazione gioca un ruolo qui. Secondo l’OMS, l’aspirazione prima della vaccinazione dovrebbe essere stata eliminata dal 2015. Questa indicazione è stata adottata acriticamente e comunicata come corretta. Con questa tecnica di vaccinazione, tuttavia, il rischio di distribuzione attraverso il flusso sanguigno è da presumere che sia significativamente più alto rispetto alla solita tecnica di aspirazione. Pertanto, si dice che gli LNP di Corminaty abbiano un’emivita di 20 – 30 giorni. Questo è sufficiente per innescare o intensificare le reazioni infiammatorie in vari punti del corpo, anche dopo molto tempo. Il potenziale di rischio del principio attivo effettivo, l’mRNA stesso, non è stato ancora preso in considerazione. 

Dopo un’analisi interna dei dati , la cassa malati aziendale (BKK ProVita) presume che l’Istituto Paul Ehrlich (PEI) stia registrando significativamente casi sospetti di effetti collaterali della vaccinazione. Andreas Schoefbeck, il consiglio di amministrazione di questa compagnia di assicurazione sanitaria, conclude che, estrapolato alla popolazione in Germania, probabilmente 2,5 – 3 milioni di persone fossero in trattamento medico a causa degli effetti collaterali della vaccinazione dopo la vaccinazione Covid (6). Questa è la prima volta che vengono pubblicati i dati di una compagnia di assicurazione sanitaria, il che indica che un numero significativamente maggiore di pazienti è colpito dagli effetti collaterali della vaccinazione di quanto sia ufficialmente ammesso. Per inciso, con questa lettera sono state informate anche l’associazione: GKV, l’Associazione medica tedesca, l’Associazione dei medici legali dell’assicurazione sanitaria, la Commissione permanente per le vaccinazioni (STIKO) e l’organizzazione BKK. In risposta a ciò, Andreas Schöfbeck è stato licenziato senza preavviso dal consiglio di sorveglianza.

Scienziati sulla sottostima degli effetti collaterali del vaccino

Altri scienziati stanno lentamente iniziando a osare affrontare apertamente questo problema della sottostima. Harald Matthes, direttore medico dell’ospedale comunitario di Havelhöhe e professore di ruolo presso l’Istituto di medicina sociale, epidemiologia ed economia sanitaria presso la Charité di Berlino, riferisce che il Paul Ehrlich Institute (PEI) ha sottostimato significativamente gli effetti collaterali delle vaccinazioni. Sulla base del suo studio su 10.000 pazienti, presume che il PEI sottoriporti almeno il 70% dei casi (7).

Probabilmente vedremo un quadro simile nel numero di decessi in relazione a una vaccinazione Covid. Anche in questo caso, si deve presumere che il numero dei decessi sia notevolmente sottostimato. Se le persone muoiono improvvisamente in relazione alla vaccinazione o anche diversi mesi dopo la vaccinazione, molto spesso ciò non viene correlato alla vaccinazione e quindi non viene segnalato. Questi defunti non vengono sottoposti all’autopsia, poiché di solito si presume sia una morte naturale in ambiente domestico. L’insufficienza cardiovascolare acuta è di solito indicata sul certificato di morte come causa di morte. Posso confermarlo dai miei molti anni di lavoro medico.

Morti temporalmente legate alla vaccinazione

Il Prof. Schirmacher, così come il Prof. Burkhard, chiedono quindi che, oltre ai morti per Covid, vengano esaminati anche i cadaveri delle persone che muoiono in relazione a una vaccinazione. Avvertono di un numero elevato di decessi a causa dei vaccini, non segnalati.

Ciò è contestato dal PEI e anche dalla STIKO, con riferimento all’obbligo per i medici di denuncia ai sensi della legge sulla protezione dalle infezioni. Si presume che tutti i casi vengano segnalati, ma la realtà è molto diversa.

Gli scienziati che cercano di portare alla luce questi serissimi dati, sono derisi ed etichettati come teorici della cospirazione. Le persone scettiche sulla vaccinazione perché non tutte le loro domande hanno ricevuto risposta, vengono etichettate come oppositori della vaccinazione. La pandemia è stata definita “la pandemia dei non vaccinati” (v. Hirschhausen, Medien Clown) o la “tirannia dei non vaccinati” (Montgommery, World Medical President, qualunque cosa significhi). Si tratta di divagazioni populiste senza senso da parte di contemporanei che non sanno di cosa stanno parlando. Ma entrambi sono professori onorari, quindi non si abilitano nel normale processo di abilitazione, come il signor Lauterbach. Per così dire, un professore in disgrazia, ma non uno scienziato! E ben rappresentato dai media.

Dobbiamo fare del nostro meglio per garantire che gli scienziati che lavorano sui rischi di un vaccino ancora inesplorato siano presi sul serio. In nessun caso dovrebbero ricevere minacce del taglio di fondi per la ricerca. Un patrocinio della scienza non deve essere accettato. Chiunque lo accetti e appoggi il sistema solo per assicurarsi i fondi per la ricerca, è colpevole della sofferenza e della morte di molte persone. I politici devono dire addio ai loro pseudo-scienziati scelti con cura e ai clown dei media e lasciare che anche i critici dicano la loro. La scienza vive del discorso e non della dittatura.

Letteratura

1) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34841223/ The mRNA-LNP platform’s lipid nanoparticle component used in preclinical vaccine studies is highly inflammatory)

2) Circulation: „Abstract 10712: Mrna COVID Vaccines Dramatically Increase Endothelial Inflammatory Markers and ACS Risk as Measured by the PULS Cardiac Test: a Warning“

3) https://pathologie-konferenz.de/

4) https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/126061/Heidelberger-Pathologe-pocht-auf-mehr- Obduktionen-von-Geimpften

5) https://www.rnz.de/politik/hintergrund_artikel,-corona-werden-viele-impftote-gar-nicht- erkannt-plus-podcast-_arid,846085.html

6) https://bkk-provita.de/wp-content/uploads/2022/02/Paul-Ehrlich-Institut-Presseinformation-Impfnebenwirkungen-nach-Corona-Impfung-1.pdf


Il dottor Bruno Panzner è un chimico qualificato e dottore in medicina, ha lavorato in clinica, scienza e ricerca. Oltre al lavoro pratico, Panzner ha fornito consulenza scientifica a uno dei principali produttori di vaccini per 20 anni (sviluppo, produzione, approvazione e sicurezza dei farmaci).

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Morte improvvisa per la 27enne nuotatrice Maria Sofia Paparo. Arresto cardiaco fatale

Read Next

BARI: “Eritema multiforme orale dopo vaccinazione Pfizer-BioNTech COVID-19”. Quattro casi – STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock