• Aprile 18, 2024

Il vicepresidente del Parlamento: “ultimi studi inequivocabili, fare subito autopsie a chi muore dopo il (parola censurata)”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


In un’intervista pubblicata stamattina da “Welt“, martedì 13 dicembre, e ripresa da numerosi siti di informazione tedeschi, il vicepresidente del Bundestag e vicepresidente del partito liberal-democratico FDP, Wolfgang Kubicki ha chiesto immediate autopsie per chi muore dopo il vaccino.

“Penso che sia essenziale che ogni morte inspiegabile che si verifichi entro 14 giorni da una vaccinazione sia automaticamente registrata come caso sospetto presso il Paul Ehrlich Institute. Ovviamente non è ancora così”, ha detto a WELT.

Kubicki ha fatto riferimento a uno studio pubblicato di recente da Peter Schirmacher, capo patologo presso l’ospedale universitario di Heidelberg (leggi il nostro articolo di venerdì 9 dicembre “Cosa rivela il nuovo report”). Schirmacher e il suo team hanno scoperto che, nel 30%-40% delle persone esaminate che sono morte poco dopo la vaccinazione, il vaccino era con ogni probabilità la causa della morte.

“Stiamo parlando di un numero rilevante che rende necessario affrontare questo problema in modo sistematico”, ha affermato Kubicki. Secondo il politico FDP, le autorità sanitarie dovrebbero “regolarmente” eseguire autopsie su tutte le persone morte entro due settimane dalla vaccinazione: “Ciò ha senso anche perché l’approvazione condizionata di questi vaccini è avvenuta sotto un’enorme pressione temporale”.

Tino Sorge (partito cristiano-democratico – CDU), portavoce della politica sanitaria del suo partito nel Bundestag, ha dichiarato a WELT: “Due anni dopo le prime vaccinazioni covid, è giunto il momento per un approccio più aperto agli effetti collaterali della vaccinazione e ai danni della vaccinazione. Lo studio (di Peter Schirmacher) è preoccupante, anche perché mostra quanto poco sappiamo sui rischi dei vaccini anche dopo due anni”.

Secondo il politico della CDU, la ricerca e la raccolta dei dati devono ora essere portate avanti a pieno ritmo: “mancano ancora dati affidabili e significativi. I risultati sono della massima importanza per la valutazione del rapporto rischio-beneficio. A tal fine, il Paul Ehrlich Institute dovrebbe essere rafforzato, i dati finalmente meglio utilizzati e le procedure di segnalazione notevolmente semplificate”.
Il patologo Schirmacher ha chiesto che vengano condotte ulteriori ricerche sul tema del danno da vaccino. “Ci sono importanti domande senza risposta che dovrebbero essere chiarite attraverso la registrazione completa di tutti gli effetti indesiderati o come parte di ulteriori ricerche nel senso del miglioramento della vaccinazione, dell’indicazione della vaccinazione e della protezione dei cittadini”, afferma Schirmacher: “Ci sono fattori genetici o alcune precedenti malattie – ad esempio malattie autoimmuni – che predispongono a gravi conseguenze della vaccinazione? Le conseguenze della vaccinazione dipendono dal vaccino, ma quali caratteristiche e componenti del vaccino lo determinano? Alcuni tipi di applicazioni hanno un ruolo?”
Ad esempio, ci sono ipotesi che un errore accidentale nella iniezione possa anche svolgere un ruolo in gravi effetti collaterali della vaccinazione, come la miocardite. Indagini come quelle dell’Università di Heidelberg sono solo “l’inizio”, afferma Schirmacher. L’attuale raccomandazione sulla vaccinazione è “troppo ampia”, ha ribadito Schirmacher.

Nei giorni scorsi, Wolfgang Kubicki ha accusato il Ministro della Sanità Karl Lauterbach di non avere il controllo del suo dipartimento e di essere ormai inviso anche ai propri compagni di partito. “Non mi aspetto che Lauterbach rimanga incarica come Ministro della Sanità per l’intera legislatura”, aveva detto lunedì 5 dicembre.

Secondo Kubicki, “La stessa SPD (il partito socialdemocratico di maggioranza) non ne può più di Lauterbach”. Il vice leader dell’FDP ha parlato di “frustrazione” fra i collaboratori del ministro: “Lauterbach si sta impantanando” ha detto Kubicki “non è in grado di gestire il ministero”.

Anche il Ministro della Sanità bavarese Klaus Holetschek (del partito CSU) ha criticato aspramente Lauterbach, invitandolo ad abbandonare la tendenza a prediligere l’imposizione di divieti nella gestione della pandemia e in particolare nel dibattito sull’obbligo di indossare le mascherine nei trasporti a lunga distanza.

Il Ministro Lauterbach, che sin dall’inizio si è spesso per una pressante campagna nazionale, qualche mese fa aveva ammesso, a differenza di altri suoi colleghi europei, le possibili morti da vaccino covid e aveva pubblicamente affermato di aver tolto dal commercio il vaccino AstraZeneca in quanto collegato a casi di trombosi.

In un video pubblicato sui social lo scorso 16 giugno, il Ministro Karl Lauterbach aveva detto:

“In casi molto rari, dopo la vaccinazione possono verificarsi anche effetti collaterali rilevanti”.
Possono verificarsi effetti collaterali dopo la vaccinazione Corona?
“Tutto sommato, questi effetti collaterali sono molto rari, soprattutto quelli gravi. Inoltre, non esistono vaccini che siano stati studiati così bene in termini di effetti collaterali come i vaccini Covid”.

Qual è il rischio di morire a causa della vaccinazione?
“Il rischio di morire a causa della vaccinazione è molto basso. Ci sono dunque effetti collaterali molto gravi. A volte possono verificarsi, ad esempio, trombosi cerebrali, che possono essere fatali, ma è molto raro. Addirittura, meno di una persona su 25.000 sviluppa le complicazioni. E in una piccola percentuale, la complicazione è fatale. Le probabilità di morire di Covid sono molto, molto, molto più alte”.

Che cos’è la sindrome post-vaccinale?
“La sindrome post-vaccinale è quella sindrome per cui, dopo la vaccinazione, le persone non riescono a concentrarsi come prima, o per cui si verificano effetti collaterali. Una specie di [sindrome] post-Covid. Tuttavia, è più rara, molto più rara e anche meno grave. La questione va presa sul serio, si sta indagando, non si può nascondere la cosa sotto il tappeto. Ma non è paragonabile alla gravità della sindrome post-Covid”.

Cosa devo fare se riscontro effetti collaterali o sindrome post-vaccinale dopo la vaccinazione?
“Se si ritiene di avere questi sintomi, è bene rivolgersi al proprio medico di famiglia. Il medico riferirà poi i sintomi all’Istituto Paul Ehrlich, in modo da poter avere una visione d’insieme. E oltre a questo, il trattamento viene discusso con il medico”.

Cosa fa la politica per monitorare gli effetti collaterali e mettere in guardia, se necessario?
“Se ci sono effetti collaterali, come ad esempio nel caso di Astrazeneca, quando abbiamo riscontrato una trombosi cerebrale dei seni venosi, abbiamo fatto informazione al riguardo. Ne abbiamo parlato con i medici. Abbiamo quindi modificato il processo di vaccinazione in modo che questa [marca] non fosse più utilizzata per i soggetti particolarmente a rischio. E ora non utilizziamo più questo vaccino. Stiamo già reagendo. Se riscontriamo un problema con la vaccinazione, questo viene risolto e la vaccinazione viene adattata. I vaccini che non vanno bene non vengono più utilizzati”.

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Viene a mancare noto pneumologo. Lutto nella comunità scientifica

Read Next

L’annuncio due ore fa. Moderna festeggia in borsa. Verso un nuovo (parola censurata) a mRNA con nove dosi

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock