• Marzo 2, 2024

Le riviste scientifiche ritirano più di 300 articoli

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Più di 300 articoli di ricerca sono stati ritirati da riviste scientifiche a causa di standard etici compromessi e di dubbi sulla validità scientifica delle pubblicazioni.

Retraction Watch ha monitorato le ritrattazioni e i ritiri di articoli sul covd-19 come parte del suo database e mantiene un elenco riepilogativo  che viene aggiornato in base alle esigenze. “Per un contesto su questi dati, si veda vedere  QUESTO post e l’ultima sezione di questo articolo di  Nature“, ha dichiarato Retraction Watch.

L’elenco, che è in crescita dall’aprile 2020, non distingue tra ritiro e ritrattazione perché le riviste che hanno fatto questa distinzione “lo hanno fatto in genere per giustificare il fatto che non si dica nulla sul motivo per cui un articolo è stato ritrattato, e per far sì che a volte un articolo scompaia senza lasciare traccia”. Finora l’elenco contiene 330 articoli ritrattati e 19 espressioni di preoccupazione.

Secondo il ricercatore senior Gunnveig Grødeland dell’Istituto di Immunologia dell’Università di Oslo, durante la pandemia i ricercatori sono scesi a compromessi sugli standard etici e hanno cercato di far approvare un maggior numero di pubblicazioni o di prendere scorciatoie etiche.

Sebbene sia comprensibile che alcuni articoli siano stati aggiornati o modificati per essere pubblicati in una forma diversa, alcuni sono stati ritrattati perché i ricercatori non hanno ottenuto il consenso informato durante la ricerca.

Grødeland ha sottolineato che altri articoli sono stati ritirati dopo che i redattori si sono accorti che le strategie menzionate dai giornali davano l’impressione sbagliata di essere raccomandate come trattamento o prevenzione della covidosi-19. Ha detto che questi tipi di articoli hanno dovuto essere ritirati perché sostenevano cose che né gli autori degli articoli né le loro istituzioni potevano garantire.

Anche riviste prestigiose come The Lancet pubblicavano questi articoli. Uno degli studi di The Lancet ha fatto sì che sia l’Organizzazione Mondiale della Sanità sia i governi  nazionali a interrompere i test completi sull’efficacia dell’idrossicl.rochina contro il covd. L’ampio studio di Lancet, presumibilmente basato su frodi nella ricerca, affermava che il farmaco aumentava il rischio di aritmia cardiaca e di mortalità per i pazienti affetti da covidone.

La maggior parte degli articoli ritrattati, tuttavia, sono stati pubblicati in riviste più piccole e meno influenti. Ad esempio, uno studio del 2021 pubblicato sull’International Journal of Audiology. In questo studio, i ricercatori dell’Università di New York affermavano di aver identificato circa 60 studi che riportavano problemi audio-vestibolari in persone con covidosi accertata.  Lo studio ha affermato che il covid era associato a perdita dell’udito, acufene o ronzio nelle orecchie e vertigini. Ora i ricercatori fanno marcia indietro e ammettono che l’ipotesi era errata.

Due anni dopo lo studio originale – e dopo che il virus è stato accusato di una serie di problemi di salute, tra cui i disturbi uditivi – l’Università di Manchester ha pubblicato un nuovo studio che conclude che è improbabile che la perdita dell’udito sia causata dal cov.d.

Un articolo ritirato pubblicato su Science ha esaminato la diffusione della variante Omicron del covid in Sud Africa. È stato ritirato dopo che gli utenti dei social media hanno fatto notare che alcuni dei campioni utilizzati potevano essere falsi positivi.

Un altro articolo è stato ritirato dall’editore di ScienceDirect “sulla base del fatto che ci sono prove evidenti che i risultati sono inaffidabili”. L’articolo concludeva che la stragrande maggioranza dei decessi segnalati a causa del covide sono in realtà dovuti ad altre comorbidità. Tuttavia, i revisori esterni di ScienceDirect hanno rilevato che gli autori dell’articolo avevano interpretato in modo errato i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (“CDC”) per giungere alla “conclusione errata”.

secondo un rapporto dell’Istituto per l’Informazione Scientifica (“ISI”), all’inizio di questo mese, il volume di ricerca sul covide ha superato quello di altre epidemie virali del XXI secolo “di ordini di grandezza”.

L’analisi dell’ISI su circa 190.000 pubblicazioni accademiche del periodo 2000-22 ha tracciato l’evoluzione della ricerca in cinque pandemie. Ha rilevato che nel 2020 sono stati pubblicati quasi 28.000 articoli sul covide, che salgono a quasi 68.000 nel 2021 e nel 2022. In confronto, l’H1N1 – una delle altre pandemie considerate nell’analisi – ha causato il secondo più alto picco di pubblicazioni di ricerca, con un picco di circa 1.300 articoli nel 2011.

Le fonti di questo articolo includono:

Da The Exposé

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

L’UE e la Pfizer rinegoziano il controverso contratto sui vaccini

Read Next

L’OMS rilascia la bozza del trattato sulla pandemia con la “Conferenza delle Parti (COP)” per garantirne l’attuazione e la conformità

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO