• Aprile 18, 2024

L’UE e la Pfizer rinegoziano il controverso contratto sui vaccini

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I paesi dell’Europa centrale e orientale hanno chiesto a gran voce di rivedere i termini dell’accordo.

La Commissione Europea e il gigante farmaceutico statunitense Pfizer hanno rinegoziato un enorme contratto per le dosi del vaccino COVID-19 che l’UE aveva stipulato durante il picco della pandemia.

La Commissione ha annunciato che le due parti hanno concordato che Pfizer distribuirà le consegne nel corso dei prossimi quattro anni, fino al 2027, e ridurrà il numero totale di dosi rispetto alle 450 milioni che dovevano essere consegnate quest’anno. Tuttavia, la Commissione non ha divulgato il nuovo totale nel suo annuncio. Quando POLITICO ha chiesto il numero di dosi rivisto, il portavoce della Commissione per la salute, Stefan de Keersmaecker, ha rimandato POLITICO alla risposta dei paesi membri dell’UE.

“Le strategie o i programmi vaccinali sono progettati e attuati dagli Stati membri”, ha detto de Keersmaecker.

In precedenza, la Commissione aveva ottenuto una serie di concessioni da Pfizer, ma queste avevano sempre evitato una riduzione delle dosi. I termini finanziari dell’accordo non sono pubblici, ma la Commissione ha affermato che il blocco manteneva la possibilità di acquistare il resto delle 450 milioni di dosi originali e che stava pagando un extra per questa opzione, qualcosa che i ministri avevano precedentemente criticato come una “penale di cancellazione“. In pratica, questo aumenta il prezzo per dose, anche se il prezzo complessivo sarebbe inferiore.

I negoziati si sono protratti per oltre un anno e sono stati caratterizzati da asprezze, almeno da parte di un gruppo di paesi dell’Europa centrale e orientale che si sono opposti duramente alle condizioni del contratto che avevano stipulato.

Il contratto in questione era stato firmato nel maggio 2021 ed era originariamente per 900 milioni di dosi del vaccino sviluppato congiuntamente con la tedesca BioNTech, con la possibilità di esercitare un’opzione per altre 900 milioni di dosi. Alla fine, il blocco ha contrattato un totale di 1,1 miliardi di dosi del vaccino a mRNA, del valore di €21,5 miliardi secondo i prezzi dei vaccini riportati dal Financial Times.

Erano previste 450 milioni di dosi da fornire nel 2023, ma le consegne sono state sospese durante i negoziati. Già nell’aprile dello scorso anno, la Polonia aveva annunciato di non accettare più consegne di vaccini, lamentando un eccesso di offerta.

Un totale di nove altri paesi della regione si sono uniti alla Polonia nel fare pressioni per una rinegoziazione, lamentando di essere costretti ad acquistare dosi di cui non avevano più bisogno, in un momento di difficoltà economica causata dallo shock energetico e mentre dovevano spendere soldi per prendersi cura dei rifugiati dell’invasione russa dell’Ucraina. Il gruppo di paesi che voleva rinegoziare il contratto ha anche tassi di vaccinazione più bassi rispetto ai loro omologhi dell’Europa occidentale.

In una mossa insolita, la Polonia è arrivata addirittura a inviare una lettera agli azionisti di Pfizer in cui ha esposto le sue ragioni per volere un accordo rinegoziato, cercando di mettere pressione sulla casa farmaceutica statunitense.

La disputa ha anche messo in evidenza il ruolo personale della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel garantire il contratto originale. Secondo il New York Times, il capo dell’esecutivo dell’UE ha negoziato eccezionalmente direttamente con il CEO di Pfizer, Albert Bourla, via messaggi di testo. Ma il contenuto dei messaggi è stato avvolto nel mistero, con la Commissione che rifiuta di confermare persino la loro esistenza.

Il pasticcio ha anche focalizzato l’attenzione sul ruolo personale della presidente della Commissione Ursula von der Leyen nell’ottenere il contratto originale | 
Sean Gallup/Getty Images

I negoziati a lungo termine sollevano la questione del perché sia stato stipulato un contratto così grande con consegne così lontane nel futuro, nel 2022 e nel 2023, quando le condizioni della pandemia sarebbero ovviamente cambiate, senza una clausola per negoziare la riduzione delle dosi.

Per saperne di più

Aggiornamento

Pfizer Accetta Di Tagliare Gli Ordini Di Vaccini COVID Con L’UE

Pfizer e l’UE hanno concordato di ridurre il numero di dosi da consegnare di un numero non reso noto e di posticipare la validità del contratto al 2026. Il motivo è il calo della domanda di vaccini e dosi di richiamo e che diversi paesi hanno distrutto i vaccini dopo la loro data di scadenza. Il contratto iniziale è datato maggio 2021 e prevedeva l’acquisizione di 900 milioni di dosi e un’opzione per altri 900 milioni di dosi fino alla fine del 2023. Si stima che siano state acquistate solo 450 milioni di dosi e l’UE non abbia esercitato l’opzione.

Valutazione: notizie negative per Pfizer. Gira voce che potrebbe essere stato concordato un taglio delle dosi in attesa di consegna del 30%, cioè di 150 milioni di dosi, il che porterebbe inizialmente il contratto a 750 milioni di dosi contro 900 milioni di dosi. Non ci sono dettagli sull’indennizzo che Pfizer riceverà per la riduzione del contratto.

Per Saperne di più

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Operazione Warp Speed? E’ una tecnologia brevettata più di 30 anni fa: le prove

Read Next

Le riviste scientifiche ritirano più di 300 articoli

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO