• Agosto 16, 2022

Lo studio del CDC esamina come i campi estivi di Ramah hanno evitato le epidemie di COVID. Solo nove infezioni su 7.000 …e i vaccini non c’entrano

I Centers for Disease Control hanno pubblicato uno studio condotto dal Comitato Medico della rete di Camp Ramah, evidenziando le misure di sicurezza di grande successo dei campi ebraici per evitare la diffusione di COVID-19 la scorsa estate.

Tra giugno e agosto, nove campeggiatori di Ramah sono risultati positivi al virus, su un totale di oltre 7.000 bambini e adolescenti in nove dei 10 campi del sistema affiliato al movimento conservatore.

Tre dei nove casi si sono verificati in membri del personale vaccinati e sei in campeggiatori non vaccinati di età compresa tra 8 e 14 anni. I tre casi dei membri dello staff sono stati identificati prima dell’arrivo dei campeggiatori”, si legge nel sommario dello studio.

I vaccini COVID-19 attualmente non sono offerti ai bambini sotto i 12 anni.

Per gli autori dello studio di Ramah, molti dei quali medici autorizzati, i risultati dello studio “evidenziano importanti principi guida per i protocolli di prevenzione del COVID-19 a scuola e per i giovani“.

Gli autori sottolineano che una combinazione di test prima di frequentare il campo, test ripetuti durante il campo, frequenti lavaggi delle mani e creazione di “baccelli” o gruppi isolati di campeggiatori, ha portato a un’estate di successo.

I campeggiatori suddivisi in gruppi, hanno potuto interagire liberamente senza mascherine o altre restrizioni.

Dopo cicli di test, più gruppi si sono uniti nel tempo.

Tre campi hanno raggiunto l'”espansione di gruppo” a livello di campo.

Dopo essere stato completamente chiuso come la maggior parte degli altri campi notturni ebrei e non ebrei durante l’apice della pandemia nel 2020, Ramah è ricominciato quest’estate. Il rabbino Mitchell Cohen, direttore nazionale della National Ramah Commission, ha descritto il processo – che includeva la rotazione di gruppi di campeggiatori nelle sessioni di preghiera e l’installazione di divisori di plastica nelle sale da pranzo – all’Agenzia Telegrafica Ebraica ad aprile, definendolo “assolutamente estenuante ma incredibilmente divertente.”

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il documento trapelato dal Dipartimento della Difesa rivela prove di un diffuso fallimento vaccinale

Read Next

Stato degli Stati Uniti con il più alto tasso di vaccinazione colpito dall’impennata del virus

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.