• Luglio 12, 2024

L’OMS diventa un cartello della droga

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Del Dott. Peter F. Mayer

Negli ultimi tre anni l’OMS ha dimostrato di essere il braccio destro dell’industria farmaceutica e degli oligarchi occidentali essendo ampiamente finanziata da sponsor privati e aziendali.

Anche nel suo possibile ruolo consultivo, ha causato danni immensi alla maggioranza delle persone, ma per i propri sponsor ha assicurato incredibili aumenti di ricchezza e potere. Con due trattati – il Trattato sulle Pandemie e gli emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale – ora le verranno addirittura conferiti poteri dittatoriali e potrà imporre norme vincolanti a tutti gli Stati membri.

A cura di David Bell, medico di sanità pubblica, consulente biotecnologico ed ex membro dello staff dell’OMS, e di Thi Thuy Van Dinh (LLM, PhD), che si è occupato di diritto internazionale presso l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine e l’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta sostenendo l’adozione di un trattato sulle pandemie (“CA+”) e di modifiche al Regolamento sanitario internazionale (RSI) esistente per ampliare i suoi poteri nelle emergenze sanitarie. Queste proposte ampliano anche la portata delle emergenze per includere i danni potenziali piuttosto che quelli reali. La bozza di trattato propone una definizione di “One Health” che include qualsiasi evento nella biosfera che possa influire sul benessere umano. Il potere decisionale sarà affidato a un’unica persona, il Direttore generale dell’OMS. L’OMS chiederà ai Paesi che sottoscrivono questi accordi di sopprimere e censurare le voci di coloro che mettono in discussione i dettami del Direttore generale.

Le due proposte mirano a costruire una burocrazia internazionale per le emergenze sanitarie con un budget annuale aggiuntivo stimato dalla Banca Mondiale pari a tre volte l’attuale budget dell’OMS. Questo programma è fortemente sostenuto dai principali sponsor individuali e aziendali dell’OMS, che beneficeranno direttamente delle misure proposte. Tuttavia, il programma sarà finanziato principalmente dai contribuenti.

Si tratta di un nuovo modello per l’OMS e per la salute pubblica. In origine, l’OMS doveva servire i Paesi, non dare loro lezioni. Le proposte mirano a ridurre il potere decisionale o la sovranità individuale e nazionale, sostituendolo con l’obbedienza alle raccomandazioni dell’OMS. Quando il Direttore generale dell’OMS ha recentemente affermato che ciò non fosse vero, non si riferiva alle proposte dell’OMS, ma a una campagna separata di alto profilo. Nel linguaggio dell’OMS, stava diffondendo disinformazione.

La sovranità individuale e i diritti umani erano un tempo centrali per la salute pubblica. Questi concetti sono solitamente esercitati attraverso rappresentanti eletti e mantenendo i diritti inalienabili di una persona nel prendere decisioni sul proprio corpo. Accordi antifascisti come il Codice di Norimberga si basano su questa concezione. Queste sono ragioni convincenti per opporsi alle proposte dell’OMS. Ma ci sono altri motivi convincenti per cui queste proposte sono ridicole e pericolose.

Lo sviluppo di un cartello della droga

L’OMS è ampiamente finanziata da sponsor privati e aziendali che decidono come spendere il loro denaro. Le aziende sono vincolate ai loro azionisti e sfruttano questo rapporto per aumentare i loro profitti, mentre i privati investono direttamente in aziende che beneficeranno delle proposte di emergenza sanitaria dell’OMS. Lo abbiamo visto durante la C19.

La mancanza di interesse da parte dei principali media, che traggono i maggiori introiti pubblicitari privati dalle stesse aziende, non deve essere presa come una ragione per ignorare la questione. Gli sponsor dell’OMS vogliono trarre profitto dal sottrarre ai governi rappresentativi il controllo di aspetti potenzialmente redditizi della salute, in modo che i loro prodotti possano essere utilizzati in modo più ampio e crescente.

Erosione della democrazia

È giusto e corretto che tutti i Paesi siano rappresentati nell’Assemblea Mondiale della Sanità. Tuttavia, gran parte della popolazione mondiale vive sotto governi autoritari e dittature militari. L’attuale Direttore generale dell’OMS è stato un ministro di un governo dittatoriale. Questo va bene per un’organizzazione che convoca riunioni e individua malattie. Ma è chiaramente inappropriato per un Paese democratico cedere l’autorità sui propri cittadini a un’organizzazione di questo tipo e a funzionari internazionali non responsabili, soggetti a conflitti di interesse, influenze e pregiudizi.

Le misure di salute pubblica dovrebbero dipendere esclusivamente dai valori e dalle priorità della popolazione, non da quelle dei dittatori stranieri o dei loro procuratori. Sarebbe sciocco lasciare il controllo a chi ha valori del tutto opposti.

Incompetenza evidente

Prima di affidare la propria salute ad altri, bisogna sapere se sono competenti. Sebbene l’OMS disponesse di linee guida per le pandemie basate sull’evidenza, con la C19 ha fallito in modo catastrofico. Ha sostenuto politiche che hanno esacerbato malattie come la malaria, la tubercolosi e la malnutrizione, e ha aumentato il debito e la povertà per garantire la salute della prossima generazione.

Queste politiche hanno incoraggiato il lavoro minorile e facilitato lo stupro di milioni di ragazze costrette a matrimoni infantili, mentre a centinaia di milioni di bambini è stata negata l’istruzione formale. Gli anziani malati non hanno potuto ricevere assistenza, mentre le persone sane sono state confinate nelle loro case. Hanno incoraggiato la più grande concentrazione di ricchezza della storia e il conseguente impoverimento di massa.

Negli ultimi due anni, l’OMS si è imbarcata in un progetto per va ccinare in massa il 70% della popolazione africana, nonostante il fatto che la metà della popolazione abbia meno di 20 anni e sia quindi a rischio minimo, e che lo stesso studio dell’OMS abbia dimostrato che la stragrande maggioranza di essa avesse già contratto il C19. Questo programma è il più costoso per anno che l’OMS abbia mai finanziato. Ora sta cercando di ottenere poteri che le consentano di ripetere spesso questo tipo di intervento.

Disprezzo per i diritti umani

I Paesi che adotteranno le modifiche proposte al RSI accetteranno le raccomandazioni dell’OMS come vincolanti. L’elenco contenuto comprende la chiusura delle frontiere e il rifiuto di viaggi individuali, l’isolamento di persone “sospette”, l’obbligo di esami medici e va ccinazioni, il controllo delle uscite e la richiesta di prove di test. Queste misure vengono imposte ai cittadini di un Paese quando un individuo di questa organizzazione sponsorizzata da grandi multinazionali e ricchi investitori decide autonomamente che una non meglio specificata “minaccia per la salute” rappresenta un rischio per altri Paesi.

Non ci sono criteri chiari per definire un “rischio” e non è necessario dimostrare alcun danno perché questa abrogazione draconiana dei diritti umani fondamentali possa essere applicata. Il Direttore generale dell’OMS non deve nemmeno consultare un pubblico più ampio e chiedere l’approvazione.

Sono in corso altre iniziative per garantire che le va ccinazioni richieste non debbano essere sottoposte ai consueti test di sicurezza. Non si pensa alle conseguenze devastanti per gli individui e per l’economia causate da misure simili durante la C19. L’OMS e i suoi partner sostengono invece che l’urgenza è aumentata e giustificano la loro fretta con focolai irrilevanti come il vaiolo delle scimmie. Si tratta di una salute orientata alla comunità e di diritti umani del secondo dopoguerra stravolti.

Un buco nero di finanziamenti che si autoalimenta

Il sistema proposto dall’OMS creerà una burocrazia sanitaria globale diversa da quella tradizionalmente sostenuta dall’OMS. L’organizzazione valuterà ogni due anni la preparazione di ciascun Paese a rispondere agli eventi rari e chiederà di prendere provvedimenti. La sorveglianza intensiva individuerà le nuove varianti del virus che si evolvono costantemente in natura. Invece di lasciare che queste varianti scompaiano inosservate, questa burocrazia le sequenzierà, darà loro un nome, deciderà che sono una minaccia e avvierà le misure distruttive per la società e l’economia che sta perfezionando dal 2020.

Sebbene negli ultimi 100 anni l’OMS abbia registrato solo una lieve “pandemia” per generazione, questo sistema rende inevitabile la dichiarazione di frequenti emergenze. Questo “successo” sarà un’importante giustificazione per mantenere i finanziamenti. La risposta comprenderà blocchi e chiusura delle frontiere, e poi test e va ccinazioni di massa “per sfuggire a questi blocchi e salvare l’economia”. I media venderanno le ultime notizie contando le infezioni e i posti letto disponibili negli ospedali, senza fornire un contesto; i ministeri della salute pubblicizzeranno gli operatori essenziali come eroi a livello internazionale, regionale e nazionale. La C19 ha introdotto questo modello.

In un Paese con una democrazia costituzionale funzionante, un sistema basato su incentivi così perversi non sarebbe consentito. Ma l’OMS non è sottoposta ad alcuna giurisdizione nazionale, né risponde direttamente ad alcuna popolazione. Non deve subire gli effetti negativi dei suoi dettami. Mette al primo posto le esigenze dei suoi finanziatori e cerca di imporle agli altri. Se deve attingere a questi fondi e pagare gli stipendi del suo personale, non ha scelta.

Una visione realistica della salute

L’OMS non è più l’organizzazione di 40 anni fa. Misurate in termini di carico di malattia (ciò che uccide le persone), i grandi killer dell’umanità, oltre all’età, sono le malattie non trasmissibili (cioè la maggior parte dei tumori, le malattie cardiache, gli ictus, il diabete e altre malattie metaboliche), le malattie infettive come la tubercolosi, l’HIV/AIDS, la malaria e le molte malattie causate dalla malnutrizione infantile. In confronto, le pandemie hanno avuto un impatto minimo sull’umanità nell’ultimo secolo. Nonostante questi fatti, l’OMS considera ancora il C-19 (età media di morte >75 anni) e persino il vaiolo delle scimmie (<100 morti nel mondo) come emergenze internazionali.

Le modalità di finanziamento dell’OMS, i suoi precedenti e la natura perversa della sua proposta di risposta alle pandemie dovrebbero essere sufficienti a rendere questi accordi proposti un anatema negli Stati democratici. Se attuato, l’OMS non dovrebbe essere autorizzata a ricevere fondi pubblici o a fornire consulenza sanitaria. La comunità internazionale può trarre beneficio dal coordinamento sanitario, ma sarebbe imprudente affidare questo compito a un’organizzazione che serve chiaramente altri interessi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Ricordate il caso Ventavia Group accusato di cattiva condotta nella sperimentazione Pfzer? Ebbene il giudice federale ha respinto la causa per presunta frode

Read Next

Nuovo lutto nel calcio italiano per m.alore i.mprovviso . Aveva solo 19 anni

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock