• Aprile 13, 2024

L’OMS utilizzerà sistemi di intercettazione per monitorare e individuare la “disinformazione”.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Del Dr. Peter F. Mayer

L’iniziativa di prevenzione delle pandemie dell’OMS, la Preparedness and Resilience for Emerging Threats (PRET), prevede di utilizzare “sistemi di sorveglianza di ascolto sociale” per monitorare le comunicazioni pubbliche alla ricerca di “disinformazione”. Questo perché un nuovo ecosistema dell’informazione ha dato origine a una nuova “minaccia sanitaria” associata a epidemie e pandemie, nota come infodemia. L’infodemia potrebbe avere un impatto diretto sulla salute e ostacolare l’attuazione di contromisure di sanità pubblica.

Il documento PRET descrive quindi la “disinformazione” come una “minaccia per la salute”.

Prima un breve estratto del testo:

“Sono stati sviluppati nuovi strumenti e approcci all’ascolto sociale, che utilizzano nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale per cogliere le preoccupazioni delle persone nei social media (come la piattaforma EARS sviluppata dall’OMS (34)). Una comunicazione del rischio efficace deve adattarsi al mondo digitale, pur mantenendo gli approcci e i principi che erano efficaci nel precedente ecosistema informativo (35). L’informazione scientifica è ampiamente disponibile e accessibile, ma non tutti sono in grado di coglierne il senso. È quindi importante garantire che le evidenze scientifiche siano sintetizzate, condivise e applicate dalle comunità, dai decisori e da altre parti interessate in modi accessibili, comprensibili e significativi per tutti, al fine di rafforzare le politiche e le decisioni basate sulle evidenze per proteggere le vite e promuovere la salute nelle emergenze sanitarie (36). Una serie di linee guida tecniche è stata e viene sviluppata con i partner per facilitare la gestione dell’infodemica a livello locale, regionale e globale, per affrontare più efficacemente questo settore in rapida evoluzione, compresa la minaccia della disinformazione e dell’informazione scorretta che si sta diffondendo sempre più rapidamente.”

Il documento PRET, nel frattempo, ha scatenato un’ondata di proteste da parte di un numero sempre maggiore di persone che si oppongono a organismi non eletti che cercano di sopprimere l’espressione e di scavalcare la sovranità del proprio Paese.

Ad esempio, i membri del Congresso degli Stati Uniti hanno avviato un’indagine sull’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dopo che sono emersi dettagli sull’inquietante piano orwelliano dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite per combattere la cosiddetta “disinformazione”.

Il PRET mira a “guidare i Paesi nella pianificazione della pandemia”, si legge nel documento. L’OMS sta lavorando per “incorporare i più recenti strumenti e approcci per l’apprendimento condiviso e l’azione collettiva sviluppati durante la pandemia COVID-19”.

Tuttavia, in nessun punto il documento PRET dell’OMS fornisce prove a sostegno delle affermazioni di “disinformazione” e “infodemia”. Eppure si continua a chiedere metodi invasivi per combattere il presunto problema.

Il documento raccomanda anche di testare queste tattiche durante “eventi respiratori acuti, compresa l’influenza stagionale”.

“Sviluppare e implementare strategie di comunicazione e di cambiamento del comportamento basate sull’evidenza infodemica e testarle durante gli eventi respiratori acuti, compresa l’influenza stagionale”, si legge.

“Ciò include l’implementazione di una gestione infodemica multisettoriale e un approccio coordinato con altre parti interessate, tra cui il mondo accademico, la società civile e le organizzazioni internazionali”.

Nel suo discorso di apertura dell’Assemblea mondiale della sanità, il dottor Tedros ha dichiarato: “Vi esorto ad adottare l’accordo sulle pandemie in modo tempestivo, come impegno di una generazione”.

La prossima pandemia non ci aspetterà. Dobbiamo essere pronti”. È vero. Sappiamo già quando arriverà, perché è stata simulata all’evento 2025 a Bruxelles alla fine di ottobre: hanno simulato “una pandemia fittizia nel prossimo futuro”. Questa volta, però, ci si troverebbe di fronte a un «tasso di mortalità superiore al Covid-19, che colpisce in modo sproporzionato bambini e giovani». L’epidemia immaginaria si svolge nel 2025 e dovrebbe essere una “sindrome respiratoria grave da enterovirus epidemico“. Esattamente tre anni dopo che più o meno le stesse persone hanno completato il minaccioso “Evento 201”, questa volta è stata simulata l’epidemia di un enterovirus. Approssimativamente la poliomielite rientrerebbe in questo genere.

Il documento preliminare dell’accordo, lo Zero Draft , è stato pubblicato per la prima volta a febbraio.

Questa settimana si sono svolte le delibere dell’Assemblea mondiale della sanità con la partecipazione dei ministri della Sanità Lauterbach, Rauch e Berset, che hanno espresso entusiasmo per la presa di potere di questa organizzazione ormai apertamente fascista.

Il documento PRET contiene 90 pagine di piani dettagliati per il governo mondiale dittatoriale dell’OMS: who_pret_web_28032023

Le reti di sorveglianza vengono costantemente aggiunte anche nell’UE. Sono in parte finanziate dallo Stato, in parte dai soliti oligarchi miliardari occidentali e dalle loro fondazioni e servono i loro interessi finanziari e di potere.

Hanno nomi innocui come “Rete di competenza contro l’odio in rete”, More in Common, The Protopia Lab, ecc. pp – e sono tutte collegate. In mezzo a tutto questo c’è la macchina di monitoraggio governativa chiamata Osservatorio tedesco-austriaco dei media digitali (GADMO), fondata nel novembre 2022, parte dell’Osservatorio europeo dei media digitali (EDMO), finanziato dall’UE, che esiste dal 2020, come riportato qui.

Il governo federale tedesco tedesco descrive GADMO come segue:

“Il GADMO è composto dalla Deutsche Presse-Agentur (dpa), dall’Agence France Press (AFP), dall’Austria Presse Agentur (APA) e dalla rete di ricerca indipendente Correctiv. La cooperazione per il fact-checking riceve il supporto scientifico dei ricercatori dell’Università tecnica di Dortmund, dell’Istituto austriaco di tecnologia e del Centro tecnologico di Atene. La Commissione europea sostiene GADMO. (…)

La cooperazione austro-tedesca GADMO entra così a far parte della rete europea European Digital Media Observatory (EDMO). Questo organismo di coordinamento indipendente, finanziato dall’UE, è stato istituito nel 2020 e ha lo scopo di unire le forze delle organizzazioni di fact-checking, della ricerca e di altri esperti nella lotta contro la disinformazione”.

Nel libro 1984 di George Orwell, questo tipo di istituzioni erano racchiuse nel termine “Ministero della Verità”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Data Show israeliano, zero giovani individui sani sono morti di COVID-19

Read Next

Uno studio giapponese mostra come il fungo Huaier combatta il cancro ed elimini le spike dal corpo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock