• Novembre 26, 2022

Oggi 1 marzo, le prime 10.000 pagine dei documenti di Pfizer saranno rivelate. Ecco il Link per scaricarle

Come abbiamo ampiamente documentato in questi mesi,

la FDA aveva chiesto a un giudice federale di far aspettare il pubblico fino all’anno 2076 per divulgare tutti i dati e le informazioni su cui si è basata per autorizzare il vaccino COVID-19 di Pfizer.

La FDA ha ripetutamente promesso “piena trasparenza” per quanto riguarda i vaccini Covid-19, sottolineando anche “l’impegno della FDA alla trasparenza” quando ha autorizzato il vaccino COVID-19 di Pfizer.

Sulla base di questa promessa, ad agosto e immediatamente dopo l’approvazione del vaccino, più di 30 accademici, professori e scienziati delle più prestigiose università americane, hanno richiesto i dati e le informazioni presentate alla FDA da Pfizer per concedere in licenza il suo vaccino COVID-19.

La risposta della FDA? Il silenzio.

Successivamente un gruppo di medici e professionisti della sanità pubblica facenti parte di  Public Health and Medical Professionals for Transparency (PHMPT), hanno presentato una una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) nell’agosto 2021.

PHMPT, un gruppo di oltre 30 professionisti della medicina e della salute pubblica e scienziati di istituzioni come Harvard, Yale e UCLA, nel settembre 2021 ha intentato una causa contro la FDA dopo che l’agenzia ha negato la sua richiesta FOIA originale.

In tale richiesta, PHMPT ha chiesto alla FDA di rilasciare “tutti i dati e le informazioni per il vaccino Pfizer“, compresi i dati di sicurezza ed efficacia, i rapporti sulle reazioni avverse e un elenco di ingredienti attivi e inattivi.

Nel suo ordine del 6 gennaio, Pittmann ha respinto la richiesta della FDA e ha invece richiesto all’agenzia di rilasciare 12.000 pagine di documenti entro il 31 gennaio e altre 55.000 pagine al mese in seguito.

Il primo lotto di documenti prodotti nel novembre 2021, che ammontava a sole 500 pagine, ha rivelato che ci sono stati più di 1.200 decessi correlati al vaccino nei primi 90 giorni successivi al rilascio del vaccino COVID Pfizer-BioNTech.

Un giudice federale a inizio di febbraio, ha respinto un’offerta della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, con il supporto di Pfizer, per ritardare il rilascio ordinato dal tribunale di quasi 400.000 pagine di documenti relativi all’approvazione del vaccino Covid di Pfizer.

Il giudice federale Mark Pittman della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale del Texas, in un ordine emesso il 2 febbraio, ha affermato che la FDA deve rilasciare versioni redatte dei documenti in questione secondo il seguente programma di divulgazione:

  • 10.000 pagine a testa, in scadenza entro il 1° marzo e il 1° aprile 2022.
  • 80.000 pagine a testa, da produrre entro il 2 maggio, il 1 giugno e il 1° luglio 2022.
  • 70.000 pagine da produrre entro il 1° agosto 2022.
  • 55.000 pagine al mese, entro il primo giorno lavorativo di ogni mese successivo, fino al completamento del rilascio dei documenti.

Ci siamo! Oggi 1 marzo, dovremmo avere la prima tranche di 10.000 pagine di documentazione Pfizer.

Per accedere a questi file potete collegarvi sul sito di Public Health and Medical Professionals for Transparency (PHMPT) : Public Health and Medical Professionals for Transparency – Public Health and Medical Professionals for Transparency (phmpt.org)

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Pfizer finanzia i fact-checkers di Facebook. Emerge un altro conflitto di interessi, Big Pharma paga Big Tech per censurare i critici

Read Next

Cosa sappiamo del vaccino Novavax? Troppe domande e nessuna risposta