• Novembre 29, 2022

Tutto sulle nuove pillole COVID e sul perchè dovresti pensarci bene prima di assumerle

Analisi del Dr. Joseph Mercola

Finora, tutti i farmaci sviluppati contro COVID-19 sono stati disastrosi in un modo o nell’altro. Remdesivir, ad esempio, che fino ad oggi è il farmaco COVID primario approvato per l’uso negli ospedali statunitensi,1 provoca regolarmente gravi danni agli organi2,3,4,5 e, spesso, la morte.

Nonostante il suo orribile track record, il governo degli Stati Uniti paga effettivamente agli ospedali un aumento del 20% per attenersi al protocollo remdesivir, oltre a un bonus aggiuntivo.6,7,8 Inoltre gli ospedali devono usare remdesivir se vogliono una protezione da responsabilità.

Incentivi come questi hanno trasformato gli ospedali statunitensi in vere e proprie trappole mortali, poiché non sono consentiti farmaci più efficaci e molto più sicuri e gli ospedali sono essenzialmente costretti a seguire le raccomandazioni dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Come riportato dal giornalista scientifico di Forbes JV Chamary nel gennaio 2021, in un articolo intitolato “La strana storia di Remdesivir, un farmaco COVID che non funziona“:9

“Remdesivir è un farmaco sperimentale sviluppato dalla società biotech Gilead Sciences (con il marchio Veklury) in collaborazione con i Centri statunitensi per il controllo delle malattie e l’Istituto di ricerca medica dell’esercito di malattie infettive …

Il farmaco si è dimostrato inefficace contro il virus Ebola … eppure è stato ancora successivamente riproposto per il coronavirus SARS-CoV-2. I media hanno riferito prematuramente che i pazienti stessero rispondendo al trattamento.

Ma i dati pubblicati10 in seguito hanno dimostrato che «il remdesivir non era associato a benefici clinici statisticamente significativi [e] la riduzione numerica del tempo per il miglioramento clinico in quelli trattati in precedenza richiede conferma in studi più ampi» (…)

La cosa strana del remdesivir è che non è stato tenuto agli stessi standard di altri farmaci candidati. Normalmente, un farmaco è approvato per l’uso da un organismo di regolamentazione come la Food and Drug Administration degli Stati Uniti solo se soddisfa i due criteri di sicurezza ed efficacia.

Tuttavia, nell’ottobre 2020, il remdesivir ha ottenuto l’approvazione dalla FDA sulla base di dati promettenti provenienti da studi relativamente piccoli con circa 1.000 partecipanti. Un’analisi su larga scala11 dal consorzio di prova Solidarnosc dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiarito la confusione.

Sulla base dei risultati provvisori dello studio di oltre 5.000 partecipanti, lo studio internazionale ha concluso che remdesivir “ha avuto poco o nessun effetto sui pazienti ospedalizzati con COVID-19, come indicato dalla mortalità complessiva, dall’inizio della ventilazione e dalla durata della degenza ospedaliera”. Come conseguenza dell’essere per lo più inefficace, l’OMS raccomanda di non usare remdesivir nei pazienti COVID-19″.

Sorprendentemente, gli Stati Uniti approvano Remdesivir per i bambini

Curiosamente, mentre Big Tech – aiutata e favorita dal governo degli Stati Uniti – ha trascorso gli ultimi due anni a censurare e vietare qualsiasi informazione che fosse in contrasto con le opinioni dell’OMS, il governo degli Stati Uniti ha completamente ignorato la raccomandazione dell’OMS contro il remdesivir.

Infatti, alla fine di aprile 2022, la FDA ha approvato il remdesivir come primo e unico trattamento COVID-19 per i bambini sotto i 12 anni, compresi i bambini di 28 giorni,12 il che va oltre l’orwelliano e il folle considerando che è inefficace e ha gravi effetti collaterali.

Quel che è peggio, il farmaco è anche approvato per l’uso ambulatoriale nei bambini,per la prima volta. In un post del blog del 30 aprile 2022,13 La dottoressa Meryl Nass ha espresso le sue preoccupazioni sull’approvazione da parte della FDA del remdesivir per uso ambulatoriale nei bambini, affermando:

“Remdesivir ha ricevuto una prima EUA (1 maggio 2020) e poi una licenza molto precoce (22 ottobre 2020) nonostante una scarsità di prove che fosse effettivamente utile in ambito ospedaliero. Una varietà di problemi può insorgere dal suo uso, tra cui infiammazione del fegato e insufficienza renale14 …

L’OMS ha controraccomandato il farmaco il 20 novembre 2020. Pochi se non nessun altro paese lo ha usato per COVID a parte gli Stati Uniti. Una grande sperimentazione europea15 negli adulti non ha trovato alcun beneficio. I ricercatori hanno ritenuto che 3 decessi fossero dovuti a remdesivir (0,7% dei soggetti che lo hanno ricevuto). Tuttavia, il 22 aprile 2022 l’OMS ha raccomandato il farmaco per un nuovo uso: la terapia ambulatoriale precoce in pazienti ad alto rischio di uno scarso esito COVID.

Remdesivir – Una scelta spericolata per i bambini

Nass continua a raccontare come i centri di trattamento per gli anticorpi monoclonali siano stati trasformati in centri di trattamento ambulatoriale con remdesivir, ma non abbiamo ancora molti dati sulla sua efficacia nel trattamento precoce. E continua:16

“La FDA ha appena concesso in licenza Remdesivir per bambini di un mese. Sia i bambini ospedalizzati che i pazienti ambulatoriali possono riceverlo. Il farmaco potrebbe funzionare in pazienti ambulatoriali, ma la stragrande maggioranza dei bambini ha un rischio molto basso di morire di COVID.

Se 7 morti ogni 1.000 derivano dal farmaco, come pensavano gli investigatori europei nello studio sugli adulti sopra citato, è possibile che danneggerà o ucciderà più bambini di quanti ne possa salvare

La FDA non avrebbe dovuto aspettare più a lungo per vedere gli esiti del trattamento ambulatoriale precoce per le età più avanzate? O ha già studiato un gruppo molto più ampio di bambini e non ne siamo a conoscenza? Molto poco è stato pubblicato su bambini e remdesivir

Quando guardiamo il comunicato stampa17 rilasciato da Gilead, apprendiamo che l’approvazione si basava su una sperimentazione su 53 bambini, 3 dei quali sono morti (il 6% di questi bambini è morto); Il 72% ha avuto un evento avverso e il 21% ha avuto un evento avverso grave.

Nel complesso, remdesivir sembra essere una scelta di trattamento eccezionalmente rischiosa per i bambini piccoli. Certamente, ci sono protocolli di trattamento precoce più sicuri che sono molto efficaci.

Anche altri due farmaci COVID, Paxlovid e Molnupiravir, hanno seri problemi di sicurezza.

Riacutizzazione del COVID post-Paxlovid

Come riportato da Bloomberg,18 I pazienti COVID trattati con un ciclo di cinque giorni di Paxlovid a volte sperimentano una grave ricaduta quando il farmaco viene interrotto.19 I ricercatori del governo degli Stati Uniti stanno ora pianificando di studiare il tasso e la misura in cui il farmaco sta causando la riacutizzazione dell’infezione da SARS-CoV-2 e se un regime più lungo potrebbe impedirlo.

Bloomberg descrive la ricaduta post-Paxlovid di David Ho, un virologo presso l’Aaron Diamond AIDS Research Center della Columbia University:20

“Ho ha contratto il COVID il 6 aprile … Il suo medico ha prescritto Paxlovid e, pochi giorni dopo averlo assunto, i suoi sintomi si sono dissipati e i test sono diventati negativi. Ma 10 giorni dopo essersi ammalato per la prima volta, i sintomi sono tornati e i suoi test sono diventati positivi per altri due giorni.

Ho ha detto di aver sequenziato il proprio virus e ha scoperto che entrambe le infezioni provenivano dallo stesso ceppo, confermando che il virus non era mutato e non era diventato resistente a Paxlovid. Anche un secondo membro della famiglia che si è ammalato nello stesso periodo ha avuto una ricaduta post-Paxlovid nei sintomi e nel virus, dice Ho.

“Mi ha sorpreso”, ha detto. “Fino a quel momento non avevo sentito parlare di casi del genere altrove”. Mentre le ragioni dellle ricadute non sono ancora chiare, Ho teorizza che possano verificarsi quando una piccola percentuale di cellule infette da virus rimane vitale e riprende a pompare la progenie virale una volta che il trattamento si interrompe.

Il direttore clinico della divisione di malattie infettive presso il Brigham and Women’s Hospital, il dottor Paul Sax, ha dichiarato a Bloomberg:21

“I medici che lo prescriveranno dovrebbero essere consapevoli che questo fenomeno si verifica, e se le persone hanno sintomi che peggiorano dopo Paxlovid, probabilmente è ancora COVID. Il grosso problema è che quando questo farmaco è stato rilasciato, queste informazioni non erano incluse [sull’etichetta]”.

Pfizer difende Paxlovid

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha dichiarato che sta “valutando le segnalazioni di riacutizzazione della carica virale dopo aver completato il trattamento con Paxlovid e condividerà le raccomandazioni se è il caso”. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie non hanno ancora commentato i risultati.

Pfizer, nel frattempo, insiste sul fatto che l’aumento della carica virale post-trattamento “è improbabile che sia correlato a Paxlovid” perché la riacutizzazione virale è stata trovata in “un numero esiguo” di partecipanti in entrambi i gruppi di trattamento e placebo nello studio in fase finale di Pfizer.22

Clifford Lane, vice direttore per la ricerca clinica presso il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), ha detto a Bloomberg23 che alcune persone potrebbero semplicemente “aver bisogno di un dosaggio più lungo del farmaco di Pfizer rispetto ai cinque giorni standard”.

“Ci sono due cose che sopprimono il virus: il farmaco e la risposta immunitaria dell’ospite”, ha dichiarato. “Se si interrompe il farmaco prima che la risposta immunitaria dell’ospite abbia avuto la possibilità di intervenire, potresti vedere il virus tornare”.

Molnupiravir sovraccarica la mutazione virale

Anche Molnupiravir (venduto con il marchio Lagevrio) ha seri problemi di sicurezza. Questo farmaco è stato sviluppato da Merck e Ridgeback Therapeutics e approvato per l’uso di emergenza dalla FDA il 23 dicembre 2021, per i pazienti ad alto rischio con sintomi COVID da lievi a moderati.

Tuttavia, non solo potrebbe contribuire al cancro e ai difetti alla nascita, ma potrebbe anche potenziare la velocità con cui il virus muta all’interno del paziente, con conseguenti varianti più nuove e più resistenti.24 Come riportato nel novembre 2021 dal collaboratore di Forbes ed ex professore presso la Harvard Medical School, William Haseltine, Ph.D.:25

“… Credo che la FDA debba procedere con molta attenzione con molnupiravir, l’antivirale attualmente in approvazione. I miei dubbi si fondano su due preoccupazioni fondamentali.

Il primo è la potenziale mutagenicità del farmaco e la possibilità che il suo uso possa portare a difetti alla nascita o tumori cancerosi. Il secondo è un pericolo molto più grande e potenzialmente molto più mortale: il potenziale del farmaco di sovralimentare le mutazioni SARS-CoV-2 e scatenare una variante più virulenta nel mondo …

La mia preoccupazione con molnupiravir è a causa del meccanismo26 con cui funziona questo particolare farmaco. Molnupiravir funziona come antivirale ingannando il virus nell’uso del farmaco per la replicazione, quindi inserisce errori nel codice genetico del virus una volta che la replicazione è in corso. Quando si verificano abbastanza errori di copia, il virus viene essenzialmente ucciso, incapace di replicarsi ulteriormente …

Ma la mia più grande preoccupazione con questo farmaco è … La capacità di molnupiravir di introdurre mutazioni nel virus stesso che sono abbastanza significative da cambiare il modo in cui il virus funziona, ma non così potenti da impedirgli di replicarsi e diventare la prossima variante dominante”.

Haseltine cita esperimenti prepandemici che mostrano mers-CoV e il virus dell’epatite del topo (MHV) entrambi hanno sviluppato resistenza contro il farmaco, grazie alle mutazioni che si sono verificate. Mentre l’idea centrale alla base del farmaco è che gli errori genetici alla fine uccidano il virus, questi esperimenti hanno dimostrato che i virus erano in realtà in grado di sopravvivere e replicarsi a titoli elevati nonostante avessero un gran numero di mutazioni in tutto il loro genoma.

Il farmaco ha rallentato la replicazione, ma come notato da Haseltine, “al di fuori del laboratorio, poiché il farmaco viene somministrato a milioni di persone con infezioni attive, questo svantaggio potrebbe scomparire rapidamente in quanto probabilmente forniremmo un ambiente di selezione privilegiato per migliorare la forma fisica del virus”. Questo rischio può essere particolarmente elevato se non si riescono ad assumere tutte le dosi prescritte (in genere 800 milligrammi due volte al giorno per cinque giorni).

Gli esperti mettono in dubbio l’utilità di Molnupiravir

Più recentemente, in un articolo del 10 gennaio 2022, Newsweek ha citato le preoccupazioni del professor Michael Lin della Stanford University:27

“‘Sono molto preoccupato per le potenziali conseguenze ora che molnupiravir è stato approvato … Sarebbe solo una questione di tempo, forse un tempo molto breve, prima che si verifichi un fortunato insieme di mutazioni per creare una variante più trasmissibile o immunoevasiva …

Il farmaco semplicemente accelera quel processo naturale. La speranza è che in un numero sufficiente di giorni tutte le copie virali avranno così tante mutazioni che nessuna delle copie possa funzionare”. Ma Lin ha detto di essere preoccupato che nel mondo reale ci sia la possibilità che un virus mutato possa saltare da un paziente che assume molnupiravir a un altro individuo, citando l’efficacia relativamente modesta del farmaco.

“Per i casi di ospedalizzazione, questo farmaco impedisce che ciò accada solo il 30% delle volte. Ciò significa che il 70% delle volte il virus non viene eliminato abbastanza rapidamente da poter fare la differenza. E sappiamo che i pazienti COVID che vanno negli ospedali sono altamente contagiosi”.

Lin ha affermato che i rischi potrebbero essere aumentati quando un paziente non rispetta esattamente il programma di dosaggio del farmaco … “In una qualsiasi di queste situazioni i virus avranno raccolto alcune mutazioni, ma non abbastanza da uccidere tutte le copie del virus”, ha detto. “I sopravvissuti sono ora mutati, forse hanno preso l’immunoevasione e possono continuare a infettare gli altri” …

Secondo Lin, la “sola efficacia molto bassa” avrebbe dovuto squalificare il farmaco dall’approvazione “Anche se il farmaco fosse stato ottimo, non avremmo dovuto correre un tale rischio, ma questo farmaco è peggiore di qualsiasi altro farmaco che ha cercato l’approvazione per COVID-19. Non ne vale assolutamente la pena”.

Haseltine ha inoltre dichiarato a Newsweek28 che, “Di tutti i farmaci antivirali che abbia mai visto, questo è di gran lunga il più potenzialmente pericoloso” e “Più persone lo prendono, più pericoloso ci sarà”.

Anche se la probabilità è molto bassa, 1 su 10.000 o 100.000, che questo farmaco induca un mutante di fuga che i vaccini che abbiamo non coprono, sarebbe catastrofico per il mondo intero“. ~ James Hildreth, presidente del Meharry Medical College

Uno dei membri del panel della FDA che ha effettivamente votato contro l’approvazione di molnupiravir, James Hildreth, presidente del Meharry Medical College nel Tennessee, voleva che Merck facesse un lavoro migliore nel quantificare il rischio di mutazioni prima dell’approvazione. Durante la riunione del panel, ha osservato che:29

“Anche se la probabilità è molto bassa, 1 su 10.000 o 100.000, che questo farmaco possa indurre un mutante di fuga che i vaccini che abbiamo non coprono, sarebbe catastrofico per il mondo intero”.

Il governo si è venduto a Big Pharma

L’uso diffuso di un farmaco che mette il turbo alla mutazione di un virus già in rapida evoluzione probabilmente non è la strategia più saggia. Allo stesso modo, l’uso di farmaci che causano alti tassi di insufficienza d’organo, come il remdesivir, e farmaci che causano la riacutizzazione del virus come Paxlovid, non sembrano essere nel migliore interesse della salute pubblica.

Il fatto che le autorità sanitarie statunitensi si siano concentrate su questi farmaci escludendo tutti gli altri, compresi i farmaci più vecchi con alti tassi di efficacia e profili di sicurezza superiori, invia un messaggio molto inquietante.

Sono fondamentalmente diventati estensioni dell’industria farmaceutica e hanno abbandonato il loro scopo originale, che è quello di proteggere la salute pubblica – garantendo la sicurezza e l’efficacia dei farmaci, nel caso della FDA,30 e conducendo analisi scientifiche critiche e dei dati nel caso del CDC.31

Invece, sembrano fare tutto il possibile per proteggere i profitti di Big Pharma, anche se questo può costare vite. Remdesivir, ad esempio, è un farmaco estremamente costoso, che costa tra $ 2.340 e $ 3.120.32

L’Ivermectina, nel frattempo – che è stata molto efficace contro COVID e ha dimostrato di sovraperformare almeno altri 10 farmaci, tra cui Paxlovid33 — ha costi compresi tra $ 4834 e $9435 per 20 pillole a seconda della posizione. Si dice che il costo medio sia di circa $ 58 per trattamento.36

Paxlovid costa $ 529 per ciclo di trattamento di cinque giorni,37 e Molnupiravir circa $ 700.38 Anche se non abbastanza costoso come remdesivir, entrambi sono ancora quasi 10 volte più costosi dell’ ivermectina, che è più efficace. Paxlovid da solo è costato ai contribuenti statunitensi 5,29 miliardi di dollari. Provate a immaginare i miliardi che avremmo potuto risparmiare se avessimo avuto una leadership più sana.

Poiché non ci si può fidare della FDA e del CDC, è imperativo assumersi la responsabilità della propria salute. Fate le vostre ricerche e seguite la vostra coscienza e convinzioni. Ricordate, quando si tratta di COVID-19, il trattamento precoce è fondamentale e protocolli efficaci sono prontamente disponibili, ma non dalla FDA, dal CDC e nemmeno dalla maggior parte degli ospedali.

– Fonti e riferimenti:

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il nuovo presidente della Costarica elimina la vaccinazione obbligatoria e le mascherine 2 ore dopo aver assunto la presidenza. C’è chi può…

Read Next

Malore improvviso sul palco per la nota attrice Lella Costa, spettacolo interrotto