• Giugno 25, 2022

Un’altra tennista, la ceca Voracova detenuta con Djokovic nei campi Covid australiani

La tennista ceca Renata Voracova è finita nella stessa struttura di detenzione di Novak Djokovic in vista degli Australian Open, ha riferito oggi il ministero degli Esteri ceco.

“Renata Voracova è nella stessa struttura di detenzione di Djokovic, insieme a molti altri tennisti,a Melbourne”, ha fatto sapere il ministero all’AFP in una e-mail.

Il ministero ha protestato contro la detenzione della tennista, ma Voracova, la numero 81 del mondo, ha accettato di lasciare l’Australia e non prendere parte all’Open “poiché le sue opzioni di allenamento sono limitate”.

Lo scettico sul vaccino Djokovic è entrato in Australia questa settimana con un’esenzione vaccinale.

Nonostante questo, com’è noto, il numero uno al mondo è stato messo in un hotel di detenzione per immigrati positivi al Covid a Melbourne e gli è stato revocato il visto in attesa di una sentenza del tribunale sul suo ulteriore soggiorno, prevista per lunedì.

Djokovic, 34 anni, era in gara per battere il record del 21 ° titolo del Grande Slam agli Australian Open, che inizia il 17 gennaio.

Anche la 38enne Voracova, specialista del doppio, è in possesso di un regolare certificato di esenzione vaccinale, in quanto si era recentemente ripresa dal Covid, ha scritto il quotidiano ceco Sport.

Voracova ha già giocato all’evento WTA di Melbourne insieme alla polacca Katarzyna Piter questa settimana.

Sport ha scritto che da allora la sua esenzione è stata “rivalutata” dall’Australian.

Il ministero ha comunicato che il consolato generale ceco a Sydney si sta occupando della situazione.

“Per quanto ne sappiamo, è in regola con le certificazioni e ha il diritto di giocare”, ha riferito il ministero.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

La previsione del Dr Geert Vanden Bossche si è avverata. In Israele, fortemente potenziato da Pfizer, boom assoluto di casi Covid-19

Read Next

Facebook mette al bando il partito politico polacco per “dannosa disinformazione” su COVID-19