• Dicembre 2, 2022

Impurità nei preparati di mRNA responsabili della miocardite?

L’infiammazione del muscolo cardiaco è una conseguenza molto grave e purtroppo anche frequente dei preparati di mRNA sia di BioNTech/Pfizer che di Moderna. Colpiti sono soprattutto adolescenti maschi, spesso anche molto sportivi. I decessi per questo motivo sono sempre più segnalati sotto la voce “improvvisi e inaspettati”. Una delle cause è che le dosi ripetute rendono il sistema immunitario tollerante al virus, quindi non lo combatte immediatamente in nuove infezioni, ma solo quando entra nel sangue. E poi può portare a reazioni autoimmuni, che sono dirette anche contro il muscolo cardiaco. Ma ci sono anche altre possibili cause.

Autore Dr. Franziska Tischler

Una nuova pubblicazione di un gruppo di ricerca francese avanza un’ipotesi molto interessante su come la miocardite potrebbe svilupparsi dopo la vaccinazione contro l’mRNA COVID-19.

Le impurità nel vaccino sono responsabili?

Miocardite dopo vaccinazioni a mRNA

Le segnalazioni di infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite) dopo le vaccinazioni COVID-19 con vaccini a mRNA a base genetica stanno aumentando in modo spaventoso. Queste miocarditi colpiscono principalmente i giovani, per lo più giovani uomini, ma in misura minore anche le giovani donne. Negli anziani, d’altra parte, la pericardite ha maggiori probabilità di essere descritta come un effetto collaterale.

Nel luglio 2021 sono state pubblicate le cosiddette “Red Hand Letters” riguardanti la miocardite e la pericardite dopo la vaccinazione contro l’mRNA COVID-19. Tali Rote-Hand-Briefs informano sui rischi e sui problemi di sicurezza recentemente identificati e significativi relativi ai farmaci. Inoltre, ora ci sono molte pubblicazioni scientifiche sulla miocardite dopo la vaccinazione con mRNA.

Pericolosità della miocardite

La miocardite è una malattia che può guarire senza danni permanenti, ma può anche portare a insufficienza cardiaca o morte cardiaca improvvisa. La cosa particolarmente insidiosa della miocardite è che anche dopo periodi di mesi o addirittura anni privi di sintomi poco appariscenti, possono improvvisamente verificarsi aritmie cardiache potenzialmente letali o insufficienza cardiaca progressiva.

Ipotesi precedenti sulla causa della miocardite da vaccino

Il motivo per cui i casi di miocardite possono verificarsi dopo la vaccinazione con vaccini a mRNA non è stato ancora determinato. Finora, è stato sospettato, tra le altre cose, che la vaccinazione porti a un’espressione della proteina spike sulla superficie delle cellule del muscolo cardiaco, che potrebbe innescare una reazione immunitaria con conseguente morte cellulare organo-specifica.

Un’altra possibile causa potrebbe essere che la proteina spike potrebbe interagire con il recettore toll-like 4, innescando così risposte infiammatorie cardiache e un effetto tossico sulle cellule del muscolo cardiaco. Altre ipotesi si basano sull’effetto potenzialmente immunotossico dell’mRNA. Sebbene questo sia ridotto da modifiche ai nucleosidi, potrebbe comunque essere presente senza sosta nelle persone con una corrispondente disposizione genetica e portare a un’espressione di citochine e all’attivazione di cascate pro-infiammatorie.

Inoltre, anche il mimetismo molecolare tra la proteina spike e alcuni antigeni endogeni potrebbe svolgere un ruolo.

Nuova ipotesi: il ruolo delle impurità dell’RNA a doppio filamento nel vaccino

L’RNA a doppio filamento (dsRNA) – gli autori del nuovo rapporto di pubblicazione – è una delle principali impurità prodotte durante la produzione del vaccino.

Come principio attivo, i nuovi vaccini a mRNA contengono il cosiddetto RNA a singolo filamento, che viene prodotto dalla sintesi in vitro (IVT = trascrizione in vitro). Dopo la sintesi dell’mRNA, vengono prese ulteriori misure nella produzione di vaccini per isolare l’mRNA e separare le impurità. Queste impurità possono essere costituite da enzimi, trifosfati nucleosidici residui, modelli di DNA e mRNA difettosi come frammenti di RNA e RNA a doppio filamento formati durante l’IVT.

La presenza di piccole quantità di questi dsRNA è stata segnalata dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) nelle sue relazioni di valutazione sui preparati vaccinali di Pfizer/BioNTech e Moderna, Comirnaty e Spikevax rispettivamente.

Effetti tossici indesiderati di dsRNA – trigger di miocardite?

Per dirla semplicemente, il dsRNA è riconosciuto come “ostile” dal sistema immunitario innato attraverso alcuni recettori nella maggior parte delle cellule, il che porta, tra le altre cose, all’attivazione dell’espressione di citochine pro-infiammatorie.

Gli autori del nuovo rapporto scrivono anche che il dsRNA è noto per essere una forte causa di reazioni immuno-infiammatorie. Ciò porta al rilascio di TNF-α e IFN-γ, i principali driver dell’assalto alle citochine e della morte cellulare, poiché si verifica anche nelle forme gravi di COVID-19.

C’è il sospetto che l’assorbimento di dsRNA in alcune cellule del sistema immunitario, le “cellule dendritiche”, possa innescare reazioni immunitarie indesiderate e reazioni infiammatorie.

Il ruolo pro-infiammatorio del dsRNA può rappresentare un rischio reale di miocardite, anche a basse concentrazioni nei vaccini mRNA COVID-19.

La proporzione di impurità nei vaccini è discutibile?

L’EMA scrive nel Rapporto di Valutazione, per quanto riguarda le impurità presenti in Comirnaty, il vaccino di BioNTech/Pfizer, con dsRNA, le impurità sarebbero “basse, accettabili e coerenti“. Per quanto riguarda Spikevax, si nota che il dsRNA è “costantemente basso”.

Si pone la questione di come questo debba essere valutato. Secondo gli scienziati, anche bassi livelli di dsRNA possono portare a effetti indesiderati e immunotossici, come descrive un’altra pubblicazione sui vaccini a mRNA.

Gli autori scrivono:

“I contaminanti durante l’IVT possono influenzare in modo massiccio la sicurezza dei vaccini a mRNA una volta introdotti nelle cellule umane. Anche le quantità residue di molecole ibride dsRNA e DNA-RNA possono innescare la risposta del sistema immunitario innato perché possono essere riconosciute dai recettori di riconoscimento del modello delle cellule immunitarie”.

Uno scandalo di dati all’EMA con documenti trapelati offre interessanti spunti sulla questione della purezza del vaccino: il British Medical Journal (BMJ), come altri giornalisti e accademici, ha ricevuto documenti classificati trapelati nel dicembre 2020 riguardanti l’analisi dell’EMA del vaccino Pfizer / BioNTech. Il BMJ, nel suo rapporto su questi documenti, descrive che l’agenzia aveva grandi preoccupazioni a causa di quantità inaspettatamente piccole di mRNA intatto in lotti del vaccino sviluppato per la produzione commerciale. Apparentemente, gli scienziati dell’EMA erano preoccupati per le “specie di mRNA accorciate e modificate” che erano presenti nel prodotto finito in quel momento. Il BMJ ha chiesto ai produttori di vaccini Moderna, Pfizer / BioNtech e Curevac, così come varie autorità di regolamentazione, tra cui fda ed EMA, quale percentuale di integrità dell’RNA considererebbero accettabile. Le risposte sono state piuttosto evasive. Il rapporto molto interessante può essere letto nel British Medical Journal.

La purificazione è il “punto critico” nella produzione di vaccini?

La sintesi in vitro di mRNA e l’upscaling per la produzione commerciale sono una tecnica matura?

Il gruppo di ricerca francese lo vede in modo abbastanza ambivalente. Mentre la sintesi dell’mRNA è in realtà semplice e quindi attraente in termini di approccio, rimangono difficoltà tecniche, come il problema delle impurità, in particolare delle impurità dsRNA.

Continuano: “I metodi attualmente utilizzati per purificare i preparati vaccinali a mRNA IVT variano nelle prestazioni tecniche e nel migliore dei casi consentono la rimozione del 90% del dsRNA quando viene utilizzato il metodo HPLC, come riferiscono gli sviluppatori di vaccini a mRNA. Secondo le pubblicazioni e gli sviluppatori di vaccini, la presenza di brevi segmenti di dsRNA a basso livello insieme a mRNA purificato non può essere completamente esclusa.

Una revisione della produzione di mRNA dal 2021 afferma inoltre che la produzione di mRNA su una scala più ampia e nelle attuali condizioni di buone pratiche di fabbricazione (cGMP) è una sfida. “Sebbene la risposta IVT dell’mRNA sia più sicura e più veloce della maggior parte delle altre produzioni di vaccini consolidate, si basa sull’uso di materiali costosi e limitati. L’ulteriore elaborazione dei vaccini è ancora scarsamente stabilita e dipende da metodi che mancano di scalabilità ed efficienza dei costi”.

Risultato

Le impurità dei vaccini a mRNA potrebbero svolgere un ruolo cruciale nell’innescare la miocardite? L’articolo qui discusso avanza un’ipotesi che sembra abbastanza plausibile. La questione associata delle potenziali impurità nei vaccini rimane quindi della massima importanza.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Public Health Scotland smetterà di pubblicare dati sui decessi per covid e sui ricoveri per stato di vaccinazione – per PAURA di darli in pasto agli attivisti no-vax.

Read Next

BA.2 Sottovariante Omicron non più grave della variante Omicron originale – STUDIO. ( E adesso vediamo cosa s’inventano)