• Maggio 17, 2022

Un nuovo studio dalla Germania conferma “Maggiore è il tasso di vaccinazione, maggiore è l’eccesso di mortalità”

La fisica Dr. Ute Bergner, che in precedenza apparteneva al gruppo parlamentare FDP nel parlamento statale della Turingia, da allora è passata al partito “Cittadini per la Turingia”, ha tenuto un discorso il 17.11. di fronte al parlamento statale della Turingia, in cui ha presentato un’analisi commissionata da lei.

Aveva incaricato due statistici di indagare se esiste una connessione tra il tasso di vaccinazione e l’eccesso di mortalità nei 16 stati federali.

Ecco il discorso in due parti:

Riepilogo dei risultati

Il Prof. Dr. Rolf Steyer e il Dr. Gregor Kappler hanno analizzato il periodo dalla settimana 36 alla settimana 40.

I risultati sono allarmanti. Il riassunto dell’analisi afferma:

L’eccesso di mortalità può essere osservato in tutti i 16 paesi. Il numero di decessi per Covid riportati dalla RKI nel periodo in esame rappresenta costantemente solo una parte relativamente piccola dell’eccesso di mortalità e, soprattutto, non può spiegare i fatti critici:

Maggiore è il tasso di vaccinazione, maggiore è l’eccesso di mortalità.

La spiegazione più diretta è:
La vaccinazione completa aumenta la probabilità di morte.

Naturalmente, sono possibili spiegazioni più indirette:
・ Maggiore è la percentuale di anziani, maggiore è il tasso di vaccinazione e l’eccesso di mortalità. Pertanto, anche i tassi di vaccinazione e l’eccesso di mortalità sono correlati. (Tuttavia, questa spiegazione non è molto plausibile, poiché la percentuale di anziani dovrebbe essere cambiata in modo significativo tra il 2016-2020 da un lato e il 2021 dall’altro.)

・ Tassi di vaccinazione più elevati si ottengono attraverso l’aumento dello stress e dell’ansia nel paese interessato e questi ultimi portano ad un aumento del numero di morti.

Ulteriori spiegazioni non sono affatto escluse. Alcuni di queste possono anche essere supportate da cifre e dovrebbero essere ulteriormente indagate. Siamo molto grati per suggerimenti di questo tipo”. 

La valutazione statistica risulta nella seguente immagine: l’asse y mostra l’eccesso di mortalità in percentuale. Ad esempio, il 110,0 rappresenta una mortalità in eccesso del 10%. 100,0 non significa eccesso di mortalità e segna la media dal 2016 al 2020. L’asse x mostra il tasso di vaccinazione dello stato federale in percentuale.

Relazione tra eccesso di mortalità e tasso di vaccinazione negli stati federali settimana 36 – settimana 40 (Fonte: Prof. Dr. Rolf Steyer e Dr. Gregor Kappler)

Anche la Turingia (4%) e la Sassonia (2%), i due paesi con
i tassi di vaccinazione più bassi, hanno la mortalità in eccesso più bassa. Il leader è il Meclemburgo-Pomerania occidentale con un tasso di vaccinazione del 66% e un tasso di mortalità in eccesso del 16%. Gli stati federali più grandi sono tutti nell’intervallo di una mortalità in eccesso del 10% con tassi di vaccinazione dal 66 al 71%.

I risultati richiedono “chiarimenti urgenti”

Per gli statistici tra di voi: il coefficiente di correlazione è +0,31. Agli occhi dei due scienziati, questo è “sorprendentemente alto“.

Soprattutto perché il segno non è giusto. In realtà, ci aspettavamo una relazione diversa: più vaccinazioni, minore è la mortalità. Dopotutto, l’intenzione della “vaccinazione” è quella di proteggere le persone.

Ora, però, la correlazione è positiva: “L’eccesso di mortalità cresce con l’aumentare dei tassi di vaccinazione“. Questo ha bisogno di chiarimenti urgenti, chiedono i due statistici. Inoltre, in vista delle “imminenti misure politiche per contenere il virus […] questa cifra è preoccupante e deve essere spiegata se si vogliono adottare ulteriori misure politiche con l’obiettivo di aumentare il tasso di vaccinazione”.

L’analisi è stata consegnata al parlamento statale della Turingia per la revisione.

Alla fine del suo discorso, Ute Bergner ha sottolineato: “Il valore di una persona non dipende dal suo stato di vaccinazione”. È spaventoso che nel frattempo si sia resa necessaria un’espressione di cose così evidenti.

Dopo questi risultati, si attende una risposta da parte dei politici. L’esperienza dimostra che la speranza di ricevere risposte logiche dalla politica riguardo a tale situazione e alle domande che ne derivano è probabilmente vana.

Eccesso di mortalità tra i 15 e i 44 anni

A questo punto, vogliamo dare un’occhiata all’attuale eccesso di mortalità tra i 15 ei 44 anni in Germania. Il grafico seguente mostra il corso della mortalità negli ultimi anni. Nel cerchio rosso, vediamo l’anno 2021, che mostra quasi costantemente un eccesso di mortalità tra i 15 ei 44 anni. Normalmente, il grafico oscilla molto di più tra la mortalità inferiore e quella in eccesso. Non è così quest’anno (ellisse rossa a destra).

Eccesso di mortalità tra i 15 e i 44 anni in Germania dal 2016 (Fonte: euromomo.eu)
Il confronto
diretto con i due anni precedenti: Eccesso di mortalità tra i 15 e i
44 anni in Germania dal 2019 al 2021 (Fonte: euromomo.eu)

Mentre l’anno scorso abbiamo già avuto un eccesso di mortalità di 3.000 morti, quest’anno il tasso di mortalità in eccesso è già di quasi 5.000 morti.

Una panoramica degli effetti collaterali del vaccino fornita tramite il database Eudravigilance (a partire dal 12.11.2021) può essere trovata qui.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

FIAT impone l’obbligo vaccinale ai dipendenti negli USA. Esonero vaccinale per motivi medici o religiosi

Read Next

Studente 19enne muore improvvisamente a Berlino in gita scolastica. Prima di partire aveva ricevuto il vaccino covid. Disposta autopsia